Sabato, 23 Dicembre 2017 13:01

Natale quanto mi costi? Le spese affrontate dai Comuni delle Serre per luminarie e feste di fine anno

Scritto da Salvatore Albanese
Letto 3589 volte

Luminarie, feste ed eventi. Si avvicina il Natale e anche nelle Serre si respira aria di festa. Ma a che prezzo? Siamo andati a vedere quanto hanno speso le amministrazioni comunali del comprensorio montano del Vibonese per creare l’atmosfera amena che contraddistingue gli ultimi giorni dell’anno.

Nei bilanci comunali la voce dedicata al Natale e alle altre feste è a dire il vero, in quasi la totalità dei casi, sempre più esigua. Questo a causa degli ingenti tagli ai trasferimenti da parte del governo e delle Regioni che hanno inciso non poco, negli ultimi anni, sulla salute finanziaria di tutti i Comuni italiani. Con i bilanci chiusi quasi sempre sul filo del rasoio ecco dunque che molti enti hanno dovuto stringere la cinghia e chiedere la collaborazione delle associazioni e dei commercianti per creare i cartelloni degli eventi fino all’Epifania.

Ristrettezze che pare non abbiano però riguardato il Comune di Serra San Bruno, il più grande per numero di abitanti di tutto l’entroterra vibonese, dove rispetto a dodici mesi fa l’importo destinato all’installazione delle luminarie è stato incrementato. Per onorare a dovere il Natale 2016 furono infatti installate luci e decorazioni per un importo di 9.882 euro, ma la quota per le festività dell’anno in corso è salita a poco meno di 13.000 euro impiegati proprio per finanziare il noleggio di luminarie e addobbi piazzati su ben 4 chilometri di strade cittadine. L’atmosfera del Natale è palpabile infatti lungo tutto corso Umberto I, su via Giacomo Matteotti, in via Alcide De Gasperi, viale della Pace e viale Marconi. Si tratta delle principali arterie della viabilità locale ed è chiaro dunque che l’intento dell’amministrazione guidata dal primo cittadino Luigi Tassone sia stato quello di puntare forte sulle decorazioni urbane per lanciare l’immagine “natalizia” della cittadina della Certosa ed attrarre di conseguenza un quantitativo consistente di visitatori. «Promuovere ed organizzare iniziative atte alla promozione e valorizzazione del commercio, creare importanti momenti di aggregazione per la cittadinanza e per lo sviluppo commerciale», erano infatti gli obiettivi alla base del provvedimento con il quale si era, già all’inizio del novembre scorso, individuato il capitolo di bilancio dal quale attingere per la copertura della spesa. Ma il Natale di Serra San Bruno non è solo fatto di addobbi e luminarie, sono molte infatti le iniziative che già da diversi giorni stanno caratterizzando un programma ricco di eventi e manifestazioni con finalità ricreativa e di promozione turistica che nelle edizioni degli anni precedenti hanno riscosso grande successo: tra tutti l’organizzazione del “Mercatino di Natale” (tenuto quest’anno in piazza Tucci) e del “Presepe vivente” (che si snoda invece per le vie del centro storico di Terravecchia fino a raggiungere la grotta della Natività allestita nella suggestiva cornice del quartiere San Gerolamo). Si tratta di due iniziative promosse dalla locale sezione della Pro Loco che si aggiungono ad altri eventi già realizzati in tutto il corso del 2017 e che il Comune ha inteso sostenere con un contributo di 2.000 euro. Dall’ente sostegno finanziario, in questi giorni, è arrivato anche per altre due associazioni molto attive sul territorio che porranno in essere iniziative nel periodo di Natale, come l’associazione culturale “Amici della Musica” che si occuperà dell’organizzazione del “Concerto di Natale” e che ha già realizzato altre iniziative nel corso degli ultimi dodici mesi sostenute dall’ente di piazza Tucci con un contributo di 3.000 euro. Analogo sostegno economico quello incassato dall’associazione Radio Serra 98, storica emittente radiofonica locale, anche questa molto attiva in più occasioni dell’anno, e che ha preso parte con una postazione mobile alla giornata di apertura del “Mercatino di Natale” dello scorso 8 dicembre. Ma l’amministrazione guidata dal sindaco Luigi Tassone ha inteso sostenere anche, con la concessione del patrocinio gratuito e la disponibilità di strutture e servizi comunali, le due distinte manifestazioni di danza sportiva promosse dall’Asd Sogno Latino e dalla New Gymnasium Dance & Fitness e l’accoglienza della “Luce di Betlemme” curata invece dal gruppo scout Agesci Serra San Bruno 1.

È di 6.000 euro invece la somma che il Comune di San Nicola da Crissa esborserà a favore di «fornitori diversi» per la realizzazione di «alcune manifestazioni del periodo natalizio, quali presentazioni ed eventi di carattere culturale, folkloristico e a sostegno di campagne di solidarietà sociale» che comporteranno «l’acquisto di beni e servizi diversi, come servizi pubblicitari e audio, palco, allaccio elettrico, generi alimentari per buffet». Interventi più contenuti, almeno dal punto di vista finanziario, per quel che riguarda invece la celebrazione del Natale a Nardodipace, dove il servizio di «noleggio, montaggio, messa in opera e manutenzione delle luminarie artistiche natalizie» sarà finanziato con una spesa di 3.200 euro iva inclusa. Il Comune di Brognaturo ha speso 3.000 euro sempre per il noleggio di luminarie e addobbi natalizi da installare nelle strade della cittadina, ai quali si sommano ulteriori 1.000 euro per il «pranzo natalizio con distribuzione di doni per i bambini della scuola primaria e dell’infanzia». A Vallelonga il Comune ha invece «aderito alla richiesta della Pro Loco riferita al patrocinio e alla concessione di una congrua somma quale quota di parte per sopperire alle spese relative alle manifestazioni da svolgere durante le festività natalizie 2017» con complessivi 1.400 euro. Sarà un grande Natale a Fabrizia dove l’amministrazione guidata dal primo cittadino Francesco Fazio ha impegnato per le feste una cifra complessiva vicina ai 6.000 euro. Nel dettaglio emergono due distinti impegni di spesa per 900 euro e per 610 euro rispetto a due diverse contrattazioni con altrettante aziende che si occuperanno del «noleggio delle luminarie per addobbare e decorare le vie cittadine in una maggiore quantità rispetto a quanto previsto da contratto con la ditta che gestisce la pubblica illuminazione». Tra le spese anche 250 euro per lo «Spettacolo itinerante tradizionale con il suono delle antiche melodie della “Zampogna annunciatrice”» ai quali si sommano ulteriori 4.000 euro destinati ad una pluralità di eventi come lo «spettacolo “I Pianeti”, con esibizione led, scenette simpatiche e relativa spiegazione, giochi, palloncini, balli, karaoke, manifesti e volantini pubblicitari»; un «servizio di intrattenimento e di animazione con audio e musica, ecc.» prestato dall’associazione "Sei di Fabrizia se"; la fornitura di «200 pandori da omaggiare ai bambini dell’istituto comprensivo locale» acquistati dall'azienda Cash & Carry; il “Pranzo con gli anziani”; il “Cinema per Bambini” e la festa per “l’Arrivo della Befana”.

A Spadola, invece, il primo cittadino Cosimo Damiano Piromalli per le manifestazioni natalizie che «oltre agli addobbi con luminarie installate tra le vie e pizze del paese riguarderanno anche l’allestimento di un albero di Natale nella piazza principale e di mercatini ed altre attività dedicate ai bambini» ha emesso un atto di indirizzo per una spesa complessiva che non dovrà superare i 3.000 euro. A Mongiana in questi giorni è stata emessa una determina con impegno di spesa per manifestazioni culturali realizzate nel 2017, nella quali immaginiamo rientrino anche le iniziative del Natale e per le feste di fine anno, ma in cui non sono dettagliatamente specificati i destinatari dei fondi per una somma complessiva di 6.979,05 euro. L’impegno di spesa affrontato sempre dal Comune guidato dal primo cittadino Bruno Iorfida per l’installazione delle luminarie lungo le vie principali del paese ammonta invece a complessivi 1.098 euro. A Vazzano è divenuto ormai un appuntamento classico quello del «"Pranzo con gli anziani" che abbiano compiuto il sessantesimo anno di età, al fine di creare con gli stessi momenti di intrattenimento in uno spirito di gioia e di serenità», organizzato annualmente proprio in prossimità del Natale. Le spese dell’iniziativa saranno coperte, sotto la voce “manifestazioni culturali”, con un impegno di 759 euro. A questa si aggiungono ulteriori 500 euro destinati all’associazione “Coro Polifonico Dominicus” per «un concerto polifonico da effettuarsi durante le festività natalizie». Il Comune di Gerocarne ha invece impiegato 2.800 euro per «addobbare le vie e piazze del territorio con luminarie». Ad Arena, sempre per la «fornitura del servizio di noleggio, installazione, manutenzione e smontaggio illuminazione artistica per il borgo cittadino per festività fine anno» sono stati impegnati 6.000 euro.

A Pizzoni per le feste natalizie in Piazza dei Caduti è stato allestito il tradizionale Mercatino di Natale ma, così come per i Comuni di Acquaro, Dasà, Dinami, Simbario, Soriano e Sorianello, non sembra siano state ancora definite le determine di impegno di spesa per eventuali interventi finanziari da destinare alla celebrazione delle manifestazioni di fine anno.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno