Sabato, 10 Marzo 2018 15:37

Stoccaggio abusivo e reflui nel torrente, sequestrata a Serra un’area di 2mila metri quadrati

Scritto da Redazione
Letto 3170 volte
  • Nella superficie posta sotto sequestro sorge la centrale a biomasse di proprietà della società “La Foresta”. Denunciato l’amministratore unico

Gli investigatori della sezione Ambiente e Territorio della Polizia giudiziaria della Procura di Vibo e i carabinieri forestali di Serra San Bruno hanno sequestrato un’area di 2mila metri quadrati, dove sorge la centrale a biomasse di proprietà della società “La Foresta”.

Secondo quanto riportato dall’Ansa, l'amministratore unico della società è stato segnalato per stoccaggio abusivo col superamento dei limiti del quantitativo previsto dalla legge e apertura di scarichi industriali senza autorizzazioni.

Nel corso di un sopralluogo, gli investigatori hanno trovato seicento tonnellate di scarti nello spiazzo dello stabilimento ed accertato che i reflui finivano nel torrente "Notaro" a sua volta affluente dell'Ancinale che attraversa la città di Serra e passa per il Parco delle Serre.

          PRENOTA E RISPARMIA CON GULLI' BUS                         

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno