Lunedì, 11 Marzo 2013 14:45

Black Money, i Mancuso e la politica: la versione di Bruni

Scritto da Redazione
Letto 1984 volte
mini Ottavio-Bruni-150x150Dopo il terremoto provocato dall'operazione che nei giorni scorsi ha portato all'arresto di 24 presunti affiliati e fiancheggiatori del clan Mancuso di Limbadi, il consigliere regionale Udc Ottavio Gaetano Bruni offre la sua versione sui presunti contatti con la 'ndrina più potente del Vibonese emersi da alcune intercettazioni telefoniche effettuate dai carabinieri del Ros di Catanzaro. Bruni conferma ovviamente i suoi rapporti con Aurelio Maccarone, ma smentisce qualsiasi contatto con i Mancuso. "Con riferimento alle vicende relative all’inchiesta denominata 'Black Money' – spiega – che mi attribuisce determinati rapporti 'amicali', suscitando in me grande stupore, ritengo siano indispensabili alcune chiare precisazioni a tutela non solo della mia onorabilità, come uomo e come politico-amministratore in tanti lunghi anni di onestà, umile, trasparente, limpida attività, ma anche e soprattutto per rassicurare, ancora oggi, molti, tantissimi amici cari che mi sono stati sempre e mi sono ancora vicini con affetto e solidarietà.
Ferma restando, comunque, come sempre, la massima fiducia e stima nelle forze inquirenti e nella magistratura, non posso non precisare che: non ho mai conosciuto nè direttamente nè per interposte persone ambienti e /o personaggi che hanno avuto problemi con la giustizia e che comunque gravitano in ambienti delinquenziali; non ho mai avuto con gli stessi contatti diretti o indiretti; non ho mai avuto alcun tipo di rapporto, quindi, nè personale, nè attraverso terzi, nè attraverso strumenti tecnologici quali telefoni fissi, cellulari, ecc. Confermo, certamente, – aggiunge l'ex presidente della Provincia – di conoscere Aurelio Maccarone per essere stato, con me Presidente, Consigliere provinciale per circa sette anni e per essersi candidato al Consiglio Provinciale in una lista a me vicina nelle elezioni del 2008 nelle quali io non ero candidato. Ribadisco che questo rapporto mi ha convinto di trovarmi di fronte ad una persona leale ed un consigliere onesto e laborioso".
Insomma un "giovane imprenditore turistico serio, onesto e capace", anche se presumibilmente legato, stando a quanto emerge dall'inchiesta, proprio al boss Pantaleone Mancuso. Aggiunge ancora Bruni, fornendo anche particolari inediti che fanno capire quale sia il sottobosco in cui si muovono, con una certa naturalezza, i "big" della politica locale, e quali siano le loro priorità: "Abbiamo fatto tante campagne elettorali limpide e trasparenti con alterne fortune; ed in questo contesto si inseriscono tanti messaggi telefonici come quello intercettato a marzo 2010 a seguito della mia elezione a Consigliere regionale. Era avvenuto infatti che, la sera dello scrutinio, alla notizia che non ero stato eletto, in Provincia, almeno da ciò che mi era stato riferito, alcuni pseudo amici tra cui l’ex Presidente (Francesco De Nisi, ndr) festeggiavano alla grande. Il giorno dopo, invece, a seguito di conteggi definitivi che sancivano la mia elezione ho chiamato il Maccarone per comunicargli la buona notizia invitandolo, come reazione ai festeggiamenti della sera precedente, a comunicarlo a 'quello', riferito al suo Presidente, il quale aveva lottato con tutte le sue forze per non farmi eleggere. Qualsiasi altra interpretazione a questa telefonata è semplicemente fuorviante. Le mie campagne elettorali sono state improntate sempre alla massima trasparenza e sobrietà e condotte sempre con l’aiuto e la vicinanza di tante, tantissime persone umili, oneste e limpide, alle quali non cesserò mai di essere grato, rifiutandomi sempre di ricorrere ad eventuali 'aiuti esterni'. Cosi – conclude il consigliere regionale Udc – è stato anche nelle elezioni regionali del 2010, nelle quali, mi chiedo, dopo circa dieci anni di Presidenza della Provincia, senza tener conto di tanti altri incarichi importanti quali Presidente del Consorzio industriale, Sottosegretario della Giunta Loiero e capo di Gabinetto di Loiero stesso, era cosi difficile prendere 70 voti a Limbadi su 1139 voti validi e 135 a S. Calogero su 1767 voti validi?". 

Articoli correlati (da tag)

  • Provincia di Vibo, inizia l’era Solano: «Cominceremo a lavorare su manutenzione e viabilità» Provincia di Vibo, inizia l’era Solano: «Cominceremo a lavorare su manutenzione e viabilità»

    «Spero che questo percorso appena avviato possa dare quei contributi utili alla risoluzione delle tante problematiche che, purtroppo, attanagliano la nostra provincia».

    Lo ha detto il neo presidente della Provincia di Vibo Valentia, Salvatore Solano, a margine del primo Consiglio svoltosi stamattina, al termine del quale si è proceduto anche alla nomina del vicepresidente. Scelta, questa, ricaduta sul consigliere Giuseppe Policaro della lista “Rinascita vibonese”.

    «È necessario – ha aggiunto Solano – partire dai sindaci e dagli amministratori, i primi che si impegnano quotidianamente per cercare di risolvere questi disagi. Sono sicuro che, assieme, riusciremo ad arrivare a quella sinergia utile per raggiungere questo obiettivo. Intendo lavorare con tutti nell’interesse del territorio e, di conseguenza, sia con i consiglieri di maggioranza che con quelli di opposizione. Abbiamo già avviato una sinergia con gli uffici preposti affinché si possa ridare decoro a questo territorio. Quindi, inizieremo a lavorare su manutenzione e viabilità. Il dissesto? Nel giro di un anno e mezzo, anche prima, speriamo di venirne fuori».

  • Provincia di Vibo, Solano convoca il primo Consiglio e incontra i dipendenti Provincia di Vibo, Solano convoca il primo Consiglio e incontra i dipendenti

    Si terrà domani, 15 novembre, alle ore 11, nella sala consiliare dell’ente, il primo Consiglio provinciale della nuova fase politica e amministrativa della Provincia di Vibo Valentia, guidata dal neo presidente, Salvatore Solano.

    Tra gli adempimenti preposti dagli organi istituzionali dell’ente intermedio vibonese, coordinati dal segretario generale, Mario Ientile, ci sono l’esame inerente le condizioni di candidabilità, eleggibilità e compatibilità alla carica di presidente e di consigliere provinciale, degli eletti alle recenti elezioni; la convalida; il giuramento e le comunicazioni del presidente. Assieme a Solano, eserciteranno la loro funzione istituzionale in seno al Consiglio provinciale i neo eletti: Giuseppe Policaro, Giuseppe Roberto Muratore, Domenico Anello e Maria Rosaria La Grotta (esponenti della lista “Rinascita Vibonese”); Antonio Zinnà (componente della lista “Forza Civica”), Antonio Carchedi, Maria Francesca Pascale, e Gregorio Profiti (espressione politica del Partito democratico); Maria Fiorillo e Carmine Mangiardi, membri della compagine “Civilmente Impegnati”.

    Stamattina, il neo presidente della Provincia di Vibo, ha voluto incontrare nella sala consiliare i lavoratori dell’ente. Ad affiancarlo il segretario generale Mario Ientile e il neo consigliere provinciale, Domenico Anello. Nel corso dell’iniziativa, Solano ha delineato quelli che saranno i suoi obiettivi cardine in termine di azione amministrativa. «Questa Provincia – ha evidenziato - ha in sé la forza per rialzarsi, sta a noi darle un impulso nuovo. Ho avuto modo di constatare che siete persone capaci e disponibili. Io sarò al vostro fianco, uno di voi. Dobbiamo, quindi, nonostante le note difficoltà economiche e finanziarie, agire insieme in maniera propositiva e guardare al futuro con ottimismo».

    Nei giorni scorsi, Solano - coadiuvato dal segretario Ientile - aveva incontrato anche i responsabili dei settori nevralgici dell’Ente. «Ci dovrà essere, da parte nostra, un impegno assoluto, al fine di dare risposte al territorio, soprattutto in settori importanti quali la Viabilità stradale, l’Ambiente e l’Edilizia scolastica, - ha asserito Solano, nel corso delle riunioni con i funzionari -. Molto dipenderà dai finanziamenti che il Governo nazionale ci metterà a disposizione, questo è risaputo da noi e dalla gente. Ma comunque, per quel che di nostra competenza - ha sottolineato il neo presidente - dovremo, con spirito di abnegazione e assicurando la massima trasparenza amministrativa, dare il meglio di noi stessi. Quest’ente possiede molte professionalità ed è, pertanto, mia intenzione farle emergere e valorizzarle nell’esclusivo interesse collettivo per potenziare, in termini di efficacia ed efficienza, i servizi da erogare ai cittadini del Vibonese».

  • Sparatoria a San Gregorio, ai domiciliari Luigi e Giuseppe Mancuso Sparatoria a San Gregorio, ai domiciliari Luigi e Giuseppe Mancuso

    VIBO VALENTIA Si è tradotta nei domiciliari la detenzione di Luigi e Giuseppe Mancuso di 24 e 21 anni, rispettivamente figlio e nipote del boss dell'omonima cosca Giuseppe Mancuso alias "mbrogghia". A deciderlo è stato il gip di Vibo Valentia concedendo a entrambi la misura dei domiciliari al termine dell'udienza di convalida.

  • Provincia di Vibo, Mangialavori scrive al governo: 'Necessari interventi per il rilancio dell'ente' Provincia di Vibo, Mangialavori scrive al governo: 'Necessari interventi per il rilancio dell'ente'

    Riceviamo e pubblichiamo

    Per focalizzare l’attenzione sulle gravi criticità dell’ente Provincia è stata inoltrata missiva al presidente del Consiglio Mattero Renzi, al ministro dell’Interno Angelino Alfano e al ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio.

  • Riesplode la protesta dei dipendenti della Provincia di Vibo, occupati gli uffici della Presidenza Riesplode la protesta dei dipendenti della Provincia di Vibo, occupati gli uffici della Presidenza

    Tornano a farsi sentire i lavoratori in servizio presso la Provincia di Vibo Valentia i quali, ancora una volta, chiedono a gran voce il pagamento delle spettanze arretrate.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno