Giovedì, 08 Marzo 2012 14:48

Crimine, la sentenza: 93 condanne e 34 assoluzioni, 568 anni di carcere a fronte dei 1600 richiesti dalla procura

Scritto da Redazione
Letto 4346 volte

mini Domenico-OppedisanoE' arrivato il giorno della sentenza del maxiprocesso "Crimine", un procedimento destinato a passare alla storia come la prima grande operazione contro la 'ndrangheta come organizzazione criminale unitaria, ramificata in tutto il mondo ma con base in Calabria. Per gli imputati che hanno scelto il rito abbreviato, il Gup Giuseppe Minutoli ha disposto 93 condanne e 34 assoluzioni. Le condanne inflitte sono più basse di quelle che aveva richiesto la Procura di Reggio Calabria: 568 anni di reclusione a fronte dei 1600 richiesti.

A don Mico Oppedisano (foto), 82enne "capocrimine" di Polsi, sono stati inflitti 10 anni di reclusione a fronte dei 20 richiesti. La condanna più alta (14 anni e 8 mesi) è quella inflitta a Giuseppe Commisso - detto "u mastru" - boss di Siderno e titolare della lavanderia in cui furono captate molte conversazioni decisive per il processo. L'impianto accusatorio costruito dai magistrati Nicola Gratteri e Michele Prestipino ha sostanzialmente retto, ma è stato ridimensionato dalla sentenza. Ad ogni modo anche l'ex procuratore capo di Reggio, Giuseppe Pignatone, ha rilaveto come sia stato "confermato" il lavoro dei magistrati.

Di seguito l'elenco completo dei condannati e degli assolti: Giovanni Agnelli 4 anni e 8 mesi, Mario Gaetano Agostino assolto, Giovanni Alampi 8 anni, Giuseppe Albanese 8 anni 10 mesi e 10 giorni, Antonio Altamura assolto, Emilio Andrianò 5 anni e 4 mesi, Domenico Aquino 3 anni,  Gianfranco Aquino assolto, Giuseppe Aquino 3 anni e 4 mesi, Nicola Rocco Aquino posizione stralciata, Rocco Aquino 11 anni e 2 mesi, Michele Archinà assolto, Vincenzo Archinà assolto, Domenico Belcastro 8 anni, Giuseppe Belcastro assolto, Domenico Bellocco assolto, Saverio Boschetto assolto, Carlo Bruzzese 6 anni, Bruno Ciancio 4 anni e 8 mesi, Isidoro Cosimo Callà 10 anni e 8 mesi, Domenico Chilà 4 anni e 8 mesi, Stefano Chilà assolto, Claudio Cianciaruso 4 anni e 8 mesi, Francesco Commisso 4 anni e 8 mesi, Giuseppe Commisso 14 anni e 8 mesi, Vincenzo Commisso assolto, Michele Correale 8 anni e 4 mesi, Carmelo Costa 6 anni, Domenico D’Agostino assolto, Raffaele D’Agostino 5 anni 6 mesi e 20 giorni, Filippo Dattola assolto, Cosimo De Leo assolto, Giorgio Demasi 10 anni e 8 mesi, Salvatore Femia 5 anni e 4 mesi, Massimo Fida 8 anni, Giuseppe Figliomeni assolto, Rosario Filippone 4 anni e 8 mesi, Domenico Focà 5 anni e 4 mesi, Salvatore Fragomeni assolto, Domenico Franzè 4 anni e 8 mesi, Domenico Frascà 2 anni e 4 mesi, Donato Fratto 6 anni, Giuseppe Gagliuso assolto, Salvatore Giuseppe Galati 4 anni e 8 mesi, Antonio Galea (1954) assolto, Antonio Galea (1962) 8 anni,  Antonio Gattellari 10 anni e 8 mesi, Antonino Gattuso assolto, Carmelo Gattuso assolto, Domenico Gattuso 5 anni e 4 mesi, Nicola Gattuso 10 anni e 8 mesi, Vincenzo Gattuso 8 anni, Osvaldo Gioberti assolto, Bruno Gioffrè 5 anni e 4 mesi,  Remingo Iamonte 9 anni,  Giuseppe Iannone 1 anno e 8 mesi, Giuseppe Romeo Iaria 2 anni e 2 mesi, Domenico Iaropoli assolto,  Francesco Ietto 8 anni 2 mesi e 20 giorni,  Rocco Lamari 8 anni 2 mesi e 20 giorni, Sotirio Santo Larizza 8 anni, Cosimo Giuseppe Leuzzi 8 anni, Vincenzo Longo 10 anni e 8 mesi, Antonino Macheda assolto, Salvatore Macrì assolto, Antonio Maesano assolto, Giovanni Maesano assolto, Claudio Umberto Maisano 9 anni, Filiberto Maisano 10 anni e 8 mesi, Francesco Maisano assolto, Saverio Manglaviti 4 anni e 8 mesi, Michele Marasco 8 anni, Rocco Marasco assolto, Giuseppe Martello assolto, Giuseppe Marvelli 8 anni, Francesco Marzano 4 anni e 8 mesi, Rocco Mazzaferro 4 anni e 8 mesi, Paolo Meduri 2 anni, Francesco Meleca assolto, Demetrio Meniti 4 anni  8 mesi, Giovanni Minniti assolto, Leone Modaffari assolto, Saverio Mollica 8 anni, Carmelo Muià 5 anni e 4 mesi, Domenico Antonio Napoli 5 anni 6 mesi e 20 giorni, Salvatore Napoli 4 anni e 8 mesi, Bruno Nesci 6 anni e 4 mesi, Domenico Oppedisano 10 anni, Michele Oppedisano 10 anni, Pasquale Oppedisano 8 anni, Pietro Oppedisano 8 anni, Raffaele Oppedisano 8 anni, Luigi Palmanova 4 anni e 8 mesi, Antonio Nicola Papaluca 4 anni e 8 mesi, Bruno Paviglianiti 4 anni e 8 mesi, Carmelo Paviglianiti 4 anni e 8 mesi, Paolo Paviglianiti 4 anni e 8 mesi, Antonino Pesce 6 anni, Savino Pesce 4 anni e 8 mesi, Bruno Pisano assolto, Sebastiano Praticò 5 anni e 8 mesi, Giuseppe Prestopino 8 anni, Domenico Prochilo 4 anni e 8 mesi, Giovanni Pronestì assolto, Giuseppe Raso 5 anni e 4 mesi, Salvatore Romeo 4 anni, Antonino Sapone 4 anni e 8 mesi, Rodolfo Scali 5 anni e 4 mesi, Damiano Sgambelluri assolto, Sebastiano Stelitano 2 anni, Luca Surace 5 anni e 4 mesi, Damiano Ilario Tassone 5 anni 6 mesi e 20 giorni, Vincenzo Tavernese 8 anni e 8 mesi, Biagio Tramonte 4 anni e 8 mesi, Giuseppe Trapani 8 anni, Giuseppe Trichilo 2 anni e 4 mesi, Giovanni Tripodi 9 anni, Giuseppe Vecchio 4 anni, Rocco Violi 9 anni, Vincenzo Zappia 4 anni e 8 mesi, Carlo Domenico Zavaglia 1 anno e 4 mesi (pena sospesa), Annunziato Zavettieri 6 anni e 8 mesi, Rocco Zoccali 8 anni, Kewin Zurzolo 4 anni e 8 mesi.

Articoli correlati (da tag)

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

  • Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco

    mini Carabinieri-sorianelloVIBO VALENTIA - Sarebbe uno degli autori di una rapina ai danni di un distributore di carburanti che avrebbe fruttato nel complesso 15mila euro. Con questa accusa, i carabinieri hanno fermato nella giornata di ieri Giuseppe Lo Bianco, classe '72, pluripregiudicato appartenente all'ominimo clan operante nella città capoluogo. Il fatto risale intorno alle 18 di ieri, quando due persone con il volto coperto e armate di pistola, hanno fatto irruzione in un distributore situato nella centralissima viale Affaccio, intimando il titolare facendosi consegnare la somma in contanti che ammontava a 15mila euro. Subito dopo i malviventi si sarebbero dati alla fuga a bordo di un'autovettura, guidata da un altro complice. Scattato l'allarme, i carabinieri nel giro di pochi minuti sono riusciti a rintracciare la macchina in località Ottocanalli. Alla guida c'era lo stesso Lo Bianco che è stato immediatamente bloccato. Dalla perquisizione eseguita all'interno dell'autovettura, inoltre, i militari hanno rinvenuto un passamontagna nascosto sotto i sedili che sarebbe lo stesso utilizzato dai malviventi per compiere la rapina. Il 42enne, posto in stato di fermo e tradotto in carcere, è già noto alle forze in quanto rimasto coinvolto nell'operazione “Cash”, scattata nel luglio del 2011. Nei suoi confronti, infine, viene contestata anche un'altra rapina, messa a segno ad ottobre in un supermercato di Vibo.


     

  • Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva

    mini carabieniri_notteI carabinieri della Stazione di Soriano Calabro, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione, nella serata di ieri, all'ordine di carcerazione per l'espiazione di una pena detentiva, emessa dalla Procura generale di Catanzaro, nei confronti di tre soggetti: si tratta di Giuseppe Capomolla, 34enne residente a Soriano, già noto alle forze dell'ordine, e Pietro Nardo, di 45 anni, residente a Sorianello ma domiciliato a Gerocarne, entrambi responsabili del reato di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Capomolla è stato condannato a 4 anni e 10 mesi di reclusione, mentre di 4 anni e 5 mesi è la pena inflitta a Nardo. L'altro arrestato è, invece, Bruno Sabatino, residente a Gerocarne, anche lui pregiudicato, che dovrà espiare una pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione, in quanto responsabile dei reati di porto abusivo di armi e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le condanne si riferiscono alle indagini scaturite dall'operazione Ghost, conclusa nel 2009 dalla Polizia di Stato, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne. Capomolla e Nardo sono stati tradotti presso il carcere di Vibo, mentre Sabatino è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. 

     

  • Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera

    mini polizia_cantonaleLa Polizia cantonale ha arrestato nei giorni scorsi in Svizzera Antonio Montagnese, 35 anni di Fabrizia, ritenuto al vertice dell'omonimo clan Montagnese-Nesci, e già condannato in Cassazione ad una pena di 9 anni di reclusione con l'accusa di associazione mafiosa. Il 35enne era rimasto coinvolto nell'operazione “Domino”, scattata nel 2007. Montagnese è il genero di Bruno Nesci, anche lui al vertice della consorteria mafiosa. Subito dopo la sentenza della Cassazione, arrivata nel maggio di quest'anno che ha certificato l'esistenza di un locale di 'ndrangheta a Fabrizia, Montagnese si era dato latitante in Svizzera, ma la Polizia Cantonale dopo mesi di ricerche è riuscita a rintracciarlo. 

     

  • Mafia Capitale, collegamenti con il clan Mancuso di Limbadi: due arresti Mafia Capitale, collegamenti con il clan Mancuso di Limbadi: due arresti

    mini mafia-capitaleSi allarga ulteriormente l'inchiesta sul giro di corruzione a Roma denominato “Mafia Capitale”. Nella mattinata di oggi, infatti, i carabinieri dei Ros hanno arrestato due soggetti che avrebbero assicurato il legame tra alcune società gestite da Salvatore Buzzi, sotto il controllo di Massimo Carminati, e la cosca Mancuso di Limbadi: si tratta di Rocco Rotolo e Salvatore Ruggiero, entrambi finiti in manette con l'accusa di associazione di tipo mafioso. Una terza persona, invece, indagata a piede libero, è stata perquisita.

    Dalle indagini è emerso che lo stesso Buzzi, dal luglio di quest'anno, avrebbe affidato la gestione dell'appalto per la pulizia del mercato Esquilino a Roma a Giovanni Campennì, imprenditore e punto di riferimento della consorteria mafiosa, attraverso la creazione di una Onlus denominata Cooperativa Santo Spirito. Nel 2009, inoltre, gli stessi Ruggiero e Rotolo si sarebbero recati in Calabria, su richiesta del ras delle coop, per accreditarsi con cosca Mancuso, tramite esponenti della cosca Piromalli di Gioia Tauro, allo scopo di ricollocare gli immigrati in esubero presso il C. P. T. di Crotone.

    Gli inquirenti hanno quindi documentato come Ruggiero e Rotolo abbiano contribuito stabilmente alle attività di Mafia Capitale. I due, sulla base dei rapporti privilegiati instaurati con esponenti della 'ndrangheta calabrese, avrebbero dunque reso possibile una salda collaborazione tra le due organizzazioni criminali. Infatti, a fronte della protezione offerta in Calabria alle cooperative controllate dalla mafia capitolina, la cosca Mancuso di Limbadi, consorteria di matrice 'ndranghetista egemone nel Vibonese, si è dunque inserita nella gestione dell'appalto pubblico in Roma proprio attraverso la presenza di Giovanni Campennì.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno