Giovedì, 21 Novembre 2019 16:36

Furto ripreso dalle telecamere, assolto un pregiudicato di Fabrizia

Scritto da Redazione
Letto 1984 volte

Si è concluso con una sentenza di assoluzione il processo a carico di G. A., pregiudicato fabriziese difeso dall’avvocato Antonio Carè. Il giovane era accusato di essersi introdotto in un'abitazione di Fabrizia e, dopo aver messo a soqquadro tutte le stanze dell’immobile, di essersi impossessato di una banconota di 100 euro. All’imputato veniva contestata anche la violazione degli obblighi della misura della sorveglianza speciale.

In particolare, C.G. aveva chiesto l’intervento di una Volante della polizia dopo aver subito un furto presso la propria abitazione, riferendo inoltre di aver filmato quanto accaduto. Giunti sul posto, gli agenti erano stati informati del fatto che la richiedente, nel rientrare presso la propria abitazione, notava che le borse lasciate dietro al portone d’ingresso erano state rovistate e che la porta interna che dalla cucina-salotto porta al tinello situato al piano terra era aperta contrariamente a come la stessa l’aveva lasciata prima di uscire. Inoltre, le ante e i cassetti dei mobili posti nella camera da letto risultavano aperti.  La malcapitata ha riferito inoltre di aver filmato l’autore del reato con delle videocamere posizionate all’interno della sua abitazione e, dopo aver visionato le immagini video registrate, di aver riconosciuto la persona che si era introdotta in casa. Gli agenti, quindi, si sono recati presso l’abitazione di G.A., presunto autore del reato, dove però la perquisizione ha dato esito negativo. Allo stesso modo, è stato accertato che l’abbigliamento indossato da G.A. era molto simile a quello indossato dal giovane ripreso dalle videocamere all’interno dell’abitazione della signora.

Nel corso dell’udienza preliminare, l’avvocato Antonio Carè ha fatto emergere come l’immagine video registrata del suo assistito non fosse nitida e come i lineamenti del viso dell’uomo fossero sfuocati e anche nel confronto con una foto segnaletica dell’imputato G.A. non si potesse andare oltre un debole giudizio di affinità con l’immagine stessa dell’autore del furto. Il gup del Tribunale di Vibo Valentia ha accolto in toto le argomentazioni del legale, pronunciando sentenza di assoluzione nei confronti di G.A.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno