Martedì, 06 Novembre 2012 12:01

In attesa di una casa dall' Aterp: gli Andreacchi sollecitano l'intervento delle istituzioni

Scritto da Alessandro De Padova
Letto 1694 volte
 

mini pasquale_con_la_madre_maria_rosa

SERRA SAN BRUNO - È morto senza un perché. Ed i genitori, ancora oggi, chiedono verità e giustizia. Vogliono che sia fatta luce sulla morte di Pasquale. Non accettano che dopo appena un anno dal delitto, la Procura della Repubblica abbia deciso di archiviare il caso. Per Pasquale, così come per molte altre vittime innocenti, non ci sono colpevoli. I morti ammazzati, però - soprattutto in Calabria - ormai non si contano più. Giovani nel pieno della maturità trucidati barbaramente. Filippo Ceravolo, Pasquale Andreacchi e tanti altri. Vittime innocenti. Figli di una terra dimenticata da tutto e da tutti. Soprattutto dai media nazionali. Gli assassini di Pasquale, dunque, rimangono impuniti. E a Serra è come se nulla fosse successo. Il silenzio della gente comune è assordante. In questi casi, chi sa qualcosa, preferisce non parlare.
Nessuno ha visto. E chi ha visto, non parla per paura, rischiando magari di subire qualche ritorsione. In un modo o nell'altro. La famiglia Andreacchi, dunque, sta portando avanti la propria battaglia in solitudine. La politica è assente. E lo è sempre stata. Ma non sono state da meno neppure le associazioni, la Chiesa e le istituzioni. Ad eccezione di 'Libera' che, al contrario, le è sempre stata vicina. Salvatore e Maria Rosa, dunque, sono stati lasciati soli. Qualche timida vicinanza nei giorni successivi al ritrovamento dei resti. Da allora in poi tutto è caduto nel più totale dimenticatoio. Loro, però, non intendono mollare. Vogliono giustizia. Non tanto per sè stessi. Quanto per ridare un minimo di dignità a Pasquale che non meritava di morire così. In questi giorni, però, gli Andreacchi stanno conducendo un' altra battaglia. Questa volta con la burocrazia. Nel luglio del 2011, infatti, l' Aterp ha pubblicato una graduatoria definitiva per l'assegnazione di alcuni alloggi, nella quale sono stati resi noti i nuclei familiari con maggiori difficoltà economiche che, dunque, necessitano di una casa dove vivere in tranquillità. Al momento, sarebbero libere otto abitazioni, di cui quattro già in fase di ultimazione. «Per quale motivo l' Aterp non provvede all' assegnazione immediata degli alloggi in questione?», si chiedono Salvatore e Maria Rosa. «In questi mesi ci sono stati rimpalli di responsabilità tra Comune e Aterp ma nessuno fino a questo punto è stato in grado di risolvere il problema. Continuare a vivere sotto questo tetto non ci consente di essere al sicuro. Non chiediamo altro. Chiediamo soltanto che ci venga assegnato un alloggio, così come stabilito dalla graduatoria dell' Aterp. Anche perchè non abbiamo alcuna intenzione di trascorrere un altro inverno con le pareti che, a momenti, rischiano di cadere. Il freddo si fa sentire. Quando piove, l'acqua entra addirittura in casa. È assurdo costringere una famiglia a vivere in queste condizioni. Al sindaco Rosi e ai dirigenti dell' Aterp - concludono - chiediamo che prendano seriamente per mano il problema, cercando di trovare una soluzione nel più breve tempo possibile». Che qualcuno si faccia avanti.
 
 
 
(articolo pubblicato su Calabria Ora)

Articoli correlati (da tag)

  • Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet» Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet»

    «Effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia tramite internet, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili, evitando al tempo stesso lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici».

    Sono queste, in sintesi, le proposte avanzate dal consigliere regionale vibonese Vincenzo Pasqua e contenute in una mozione rivolta al presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio.

    «Si tratta di un’iniziativa – afferma Pasqua – per snellire le procedure di prenotazione e pagamento delle visite specialistiche ed ambulatoriali nelle strutture sanitarie della Calabria. È una proposta tanto semplice quanto rivoluzionaria. L’idea – prosegue il consigliere regionale – è di permettere agli utenti della sanità calabrese di potere effettuare le prenotazioni e i relativi pagamenti utilizzando Internet, attraverso i portali istituzionali delle diverse Aziende ospedaliere e sanitarie o comunque nel modo che verrà ritenuto più opportuno. Uno strumento da affiancare a quelli già esistenti – ovvero gli uffici ticket e il Centro unico di prenotazione – che sia al passo con la tecnologia e permetta un notevole risparmio di tempo a chiunque disponga di una semplice connessione internet, da smartphone, tablet o pc, magari realizzando una apposita App. Ad ognuno, con la prescrizione del medico curante che contiene tutte le informazioni necessarie – continua Pasqua – sarà quindi consentito di effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili ed evitando lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici, che a volte richiedono addirittura, per chi non può farne a meno, un giorno di permesso dal proprio posto di lavoro. È assolutamente doveroso andare incontro alle legittime istanze della popolazione calabrese, ed è nostro compito, fare in modo che la qualità della vita di ogni singolo cittadino, dal primo all’ultimo, migliori in ogni campo. E come tutti sappiamo quello della sanità è un settore che tocca le vite di ognuno di noi. Nel 2018 la politica deve attivarsi ancora più di prima per sfruttare appieno le immense opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche. In questo caso, con la mia mozione intendo proprio massimizzare i vantaggi per l’utenza calabrese: fare risparmiare tempo ai cittadini, riducendo di conseguenza le file agli sportelli, ed offrire un servizio che costerà un’inezia all’amministrazione regionale ed è pensato per tutti».

    E ancora: «La mozione nasce da una serie di considerazioni preliminari: non di rado, infatti, abbiamo assistito al blocco del sistema delle prenotazioni delle visite mediche, dovuto a cause diverse. Dobbiamo tenere presente che simili ritardi ingenerano sfiducia e disagi nell’intera popolazione, con notevoli ricadute anche sul piano dell’efficienza del sistema sanitario regionale. Purtroppo c’è da considerare anche che alcuni strumenti adottati, come il numero verde o la possibilità di effettuare prenotazioni nelle parafarmacie, non è riuscita a colmare del tutto il gap esistente tra la domanda di servizi e le possibilità offerte. È inconcepibile assistere a file interminabili con persone sofferenti. Ecco perché, nell’era del digitale, bisogna sfruttare queste occasioni e migliorare quanto più possibile i servizi, specie nel campo della sanità e della tutela del bene-vita. Il fine della mozione – conclude Pasqua – è dunque quello di impegnare la Giunta regionale a volere verificare l’opportunità di attivarsi nella direzione e con le modalità che riterrà più opportune al fine di risolvere la delicata problematica».

  • Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria" Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria"

    Anche il Polo museale di Soriano Calabro aderisce alla “Giornata regionale dei Musei di Calabria “, organizzata dalla Giunta regionale e in programma per sabato, 24 novembre.

    L’iniziativa prevede l’apertura delle più importanti strutture museali sparse su tutto il territorio regionale e, tra queste, c’è anche il polo di Soriano il cui ingresso per quella giornata sarà gratuito. Inoltre, per come affermato in una nota dal sindaco Francesco Bartone, sono state «programmate iniziative volte a coinvolgere l’interesse del pubblico. La nostra cittadina spalancherà le porte del MuMar, della Pinacoteca, del Museo archeologico territoriale della ceramica medievale e del Gabinetto regionale dei disegni e delle stampe antiche della Calabria dove, tra l’altro, è conservato un corpus di carte geografiche originali dal ‘500 all’800».

    Le visite saranno guidate da storici dell’arte e archeologi, mentre in un laboratorio di ceramica ci sarà la dimostrazione della lavorazione artistica del maestro napitino Antonio Montesanti.

  • Sette anni fa la scomparsa di Pasquale Andreacchi. I familiari: 'Chi sa parli' Sette anni fa la scomparsa di Pasquale Andreacchi. I familiari: 'Chi sa parli'

    SERRA SAN BRUNO – Il tempo passa, ma i ricordi no. Quelli restano per sempre. Perché nonostante di anni ne siano trascorsi parecchi, dimenticare una giovane vita spezzata brutalmente da mano ancora ignota come quella di Pasquale Andreacchi, è pressochè impossibile. E lo è per diverse ragioni: non solo perchè si trattava di un ragazzo ben voluto da tutti, ma anche perchè Pasquale amava la vita, la stessa che qualcuno, forse, ha pensato bene di stroncare nel pieno della giovinezza.

  • Mongiana, alloggi Aterp: a breve l’avvio dei lavori di manutenzione. La soddisfazione di Iorfida Mongiana, alloggi Aterp: a breve l’avvio dei lavori di manutenzione. La soddisfazione di Iorfida

    Solo il 14 marzo scorso, il primo cittadino di Mongiana, Bruno Iorfida, aveva indirizzato all'Aterp, l’Azienda territoriale per l'edilizia residenziale pubblica, una missiva attraverso la quale si sollecitava una celere risoluzione rispetto alla condizione di alcuni alloggi di via Conty interessati da gravi problemi strutturali.

  • Mongiana, il sindaco Iorfida: 'Alloggi Aterp in pessimo stato, si intervenga al più presto' Mongiana, il sindaco Iorfida: 'Alloggi Aterp in pessimo stato, si intervenga al più presto'

    Il primo cittadino di Mongiana, Bruno Iorfida, ha scritto una lettera indirizzata all'Aterp e, per conoscenza, anche alla Prefettura di Vibo Valentia, «al fine di poter risolvere un grave problema», relativo agli alloggi Aterp del comune delle Reali Ferriere.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno