Lunedì, 04 Gennaio 2016 19:54

Jonadi, gip predispone ordine di arresto per l'armiere dei Mancuso

Scritto da Redazione
Letto 1662 volte

È stato predisposto nella giornata di oggi un nuovo ordine di arresto nei confronti di Domenico Signoretta, ritenuto l’armiere del clan Mancuso, legato in particolare al boss Pantaleone detto "l'Ingengnere".

Secondo quanto riportato dall’Agi, l’ordine di arresto è stato emesso dal gip distrettuale di Catanzaro a seguito della richiesta del pm della Dda del comune capoluogo, Camillo Falvo, il quale contesta a Signoretta l’aggravante mafiosa, per avere agevolato il clan di Limbadi nella detenzione di un vero e proprio arsenale di armi da guerra scoperto dai Carabinieri del Ros di Catanzaro a Jonadi, il 26 marzo scorso, in un fabbricato rurale e in un ovile. Aggravante venuta a galla con le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Arcangelo Furfaro di Gioia Tauro, vicino alla cosca Molè. Secondo Furfaro Signoretta sarebbe identificabile come «braccio-destro del boss Pantaleone Mancuso».

Tra quanto rinvenuto dai militari si conta un fucile a pompa calibro 12 con matricola abrasa, una mitragliatrice e cinque pistole di vario calibro e marca, più mille munizioni. Stamane dinanzi al gip di Vibo, Gabriella Lupoli, per l'interrogatorio di garanzia, Signoretta, difeso dall'avvocato Francesco Sabatino, sostituito in udienza dall'avvocato Antonio Pasqua, si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Articoli correlati (da tag)

  • Sparatoria a San Gregorio, ai domiciliari Luigi e Giuseppe Mancuso Sparatoria a San Gregorio, ai domiciliari Luigi e Giuseppe Mancuso

    VIBO VALENTIA Si è tradotta nei domiciliari la detenzione di Luigi e Giuseppe Mancuso di 24 e 21 anni, rispettivamente figlio e nipote del boss dell'omonima cosca Giuseppe Mancuso alias "mbrogghia". A deciderlo è stato il gip di Vibo Valentia concedendo a entrambi la misura dei domiciliari al termine dell'udienza di convalida.

  • Carbonizzato in auto a Torino, ipotesi suicidio. Era stato testimone in un processo sui Mancuso Carbonizzato in auto a Torino, ipotesi suicidio. Era stato testimone in un processo sui Mancuso

    È morto carbonizzato in un incendio che ha coinvolto la sua autovettura, avvolta dalle fiamme a Sant'Antonino di Susa, piccolo comune in provincia di Torino.

  • Evade dai domiciliari, arrestato il boss Giovanni Mancuso Evade dai domiciliari, arrestato il boss Giovanni Mancuso

    I carabinieri hanno tratto in arresto, con l'accusa di evasione dagli arresti domiciliari, il 74enne Giovanni Mancuso, ritenuto esponente di primo piano dell'omonimo clan di Limbadi. L'uomo, che si trovava agli arresti domiciliari essendo imputato per associazione mafiosa nel processo "Black Money", ha lasciato la sua abitazione per recarsi a Vibo Valentia.

  • Furto in un bene confiscato ai Mancuso, 'Libera': 'Dalle istituzioni serve maggiore attenzione' Furto in un bene confiscato ai Mancuso, 'Libera': 'Dalle istituzioni serve maggiore attenzione'

    Riceviamo e pubblichiamo

    Il Coordinamento di Libera Vibo esprime preoccupazione e sdegno per il furto avvenuto a Nicotera Marina nel laboratorio didattico musicale del Centro di aggregazione sociale sorto all’interno di un bene confiscato al clan dei Mancuso.

  • Mafia Capitale, collegamenti con il clan Mancuso di Limbadi: due arresti Mafia Capitale, collegamenti con il clan Mancuso di Limbadi: due arresti

    mini mafia-capitaleSi allarga ulteriormente l'inchiesta sul giro di corruzione a Roma denominato “Mafia Capitale”. Nella mattinata di oggi, infatti, i carabinieri dei Ros hanno arrestato due soggetti che avrebbero assicurato il legame tra alcune società gestite da Salvatore Buzzi, sotto il controllo di Massimo Carminati, e la cosca Mancuso di Limbadi: si tratta di Rocco Rotolo e Salvatore Ruggiero, entrambi finiti in manette con l'accusa di associazione di tipo mafioso. Una terza persona, invece, indagata a piede libero, è stata perquisita.

    Dalle indagini è emerso che lo stesso Buzzi, dal luglio di quest'anno, avrebbe affidato la gestione dell'appalto per la pulizia del mercato Esquilino a Roma a Giovanni Campennì, imprenditore e punto di riferimento della consorteria mafiosa, attraverso la creazione di una Onlus denominata Cooperativa Santo Spirito. Nel 2009, inoltre, gli stessi Ruggiero e Rotolo si sarebbero recati in Calabria, su richiesta del ras delle coop, per accreditarsi con cosca Mancuso, tramite esponenti della cosca Piromalli di Gioia Tauro, allo scopo di ricollocare gli immigrati in esubero presso il C. P. T. di Crotone.

    Gli inquirenti hanno quindi documentato come Ruggiero e Rotolo abbiano contribuito stabilmente alle attività di Mafia Capitale. I due, sulla base dei rapporti privilegiati instaurati con esponenti della 'ndrangheta calabrese, avrebbero dunque reso possibile una salda collaborazione tra le due organizzazioni criminali. Infatti, a fronte della protezione offerta in Calabria alle cooperative controllate dalla mafia capitolina, la cosca Mancuso di Limbadi, consorteria di matrice 'ndranghetista egemone nel Vibonese, si è dunque inserita nella gestione dell'appalto pubblico in Roma proprio attraverso la presenza di Giovanni Campennì.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno