Stampa questa pagina
Venerdì, 16 Ottobre 2015 18:15

Maierato, carenze igienico-sanitarie: sequestrato capannone. Ospitava 31 migranti

Scritto da Redazione
Letto 1610 volte

Gli agenti della Polizia giudiziaria della Procura della Repubblica di Vibo, assieme ai militari del Nas, hanno sequestrato, nella mattinata di ieri, un capannone di 900 mq, ubicato nell'area industriale di Maierato e utilizzato da un'associazione che si è occupata dell'accoglienza dei minori stranieri non accompagnati arrivati a Vibo nel corso degli ultimi sbarchi.

I controlli effettuati dalle forze dell'ordine - disposti dal procuratore capo di Vibo, Mario Spagnuolo - avrebbero messo in evidenza come la struttura fosse priva dei requisiti minimi di sicurezza e igienico-sanitari. 

Nello specifico, i militari che sono intervenuti sul posto hanno riscontrato carenze nei servizi sanitari - con un numero di bagni e docce decisamente inferiore rispetto a quello delle presenze – e diverse violazioni amministrative e penali, fra cui anche quella relativa alla normativa antincendio. 

La struttura posta sotto sequestro, inoltre, ospitava 31 minori non accompagnati, i quali sono già stati trasferiti presso altra sede. 

Proseguono, ovviamente, le indagini della Procura per verificare la regolarità delle procedure utilizzate nell'affidamento da parte degli enti locali ai vari sodalizi e, soprattutto, per capire se dietro la gestione dei migranti che sbarcano nel porto di Vibo Marina ci possa essere l'interesse da parte della criminalità organizzata.

Articoli correlati (da tag)