Giovedì, 07 Marzo 2013 14:24

Operazione contro i Mancuso: i nomi degli arrestati e le intercettazioni

Scritto da Redazione
Letto 3582 volte

 

mini pantaleone-mancuso-150x150Emergono nuovi particolari sull'operazione condotta congiuntamente da Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza, che ha portato all'arresto di 24 esponenti della cosca Mancuso di Limbadi. Tra coloro i quali sono finiti in manette, infatti, oltre ai vertici storici del clan, anche noti imprenditori vibonesi impegnati nei settori siderurgici e dei servizi turistici, nonchè un funzionario dell' Ufficio tecnico del Comune di Tropea. Questi i nomi degli arrestati, nei confronti dei quali è stata avanzata la pesante accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso: Pasquale Mancuso, 66 anni; Giovanni Mancuso, 72; Giuseppe Mancuso, 36; Antonio Maccarone, 34; Antonio Cuturello, 23; Giovanni D'Aloi, 47; Giuseppe Costantino, 47; Fabio Costantino, 36; Zbigniew Damian Fialek, 36; 

Antonio Pantano, 56; Francesco Tavella, 55; Orazio Cicerone, 40; Mario De Rito, 39; Antonino Castagna, 63; Giuseppe Raguseo, 35; Agostino Papaianni, 62; Leonardo Cuppari, 39; Bruno Marano, 32; Antonio Mamone, 45; Antonino Scrugli, 37; Gabriele Bombai, 43; Salvatore Accorinti, 39; Giovanni Antonio Paparatto, 40; Antonio Prestia, 45. Dall' indagine, inoltre, è emersa una lunga intercettazione, nella quale Pantaleone Mancuso, ritenuto il boss dell'omonima cosca, descrive per filo e per segno le evoluzioni della 'ndrangheta ed i rapporti con la massoneria. "Il mondo cambia e bisogna cambiare tutte cose!... Oggi la chiamiamo Massoneria? domani la chiamiamo P4, P6, P9?. "La 'ndrangheta non esiste più! - spiega Mancuso -? Una volta, a Limbadi, a Nicotera, a Rosarno, a? c'era la 'ndrangheta!... La 'ndrangheta fa parte della massoneria!... Diciamo? è sotto della massoneria, però hanno le stesse regole e le stesse cose? Ora cosa c'è più?... Ora è rimasta la massoneria e quei quattro storti che ancora credono alla 'ndrangheta!... Una volta era dei benestanti la 'ndrangheta!... Dopo gliel'hanno lasciata ai poveracci, agli zappatori? e hanno fatto la massoneria!... Le regole quelle sono!... Come ce l'ha la massoneria ce l'ha quella!... Perché la vera 'ndrangheta non è quella che dicono loro? perché lo 'ndranghetista non è che va a fare quello che dicono loro? Perché? una volta? adesso sono tutti giovanotti che vanno? vanno a ruota libera sono drogati! Delinquenza comune!... Lo 'ndranghetista non voleva fare droga? come non voleva? non faceva mai una lite? non faceva droga? adesso sono quattro drogati!... Pare che un? uno che faceva il magnaccio, pare che poteva stare nella 'Rota'?... O che picchiava la moglie? o che andava ad ubriacarsi? nelle? non doveva entrare nemmeno nelle cantine? lo 'ndranghetista? perché c'era il 'Mastro di giornata' che girava nel paese? e se ti vedeva che entravi nella cantina? o che bevevi vino? ‘nsaccagnate’ ?". "Ancora con la 'ndrangheta sono rimasti! - insiste ancora Mancuso -... È finita!..Bisogna fare come? per dire? c'era la 'democrazia'? è caduta la 'democrazia' e hanno fatto un altro partito? Forza Italia, ‘Forza cose’?Bisogna modernizzarsi!... Non stare con le vecchie regole!... Il mondo cambia e bisogna cambiare tutte cose!... Oggi la chiamiamo Massoneria? domani la chiamiamo P4, P6, P9?".

Articoli correlati (da tag)

  • 'Ndrangheta, sequestrati beni per 50 milioni a un imprenditore di Nicotera 'Ndrangheta, sequestrati beni per 50 milioni a un imprenditore di Nicotera

    Nuovo colpo alla ‘ndrangheta inflitto da parte della Polizia di Stato di Reggio Calabria. I militari hanno eseguito un provvedimento di sequestro di beni per un valore di 50 milioni di euro intestati a un imprenditore vibonese, ma riconducibili alla cosca di 'ndrangheta dei Piromalli, potente organizzazione della criminalità calabrese. I beni sono stati sequestrati a Nicola Comerci di Nicotera, di anni 69, attivo nella piana di Gioia Tauro e con rilevanti interessi economici nelle province di Vibo Valentia, Roma, Bologna e in tutto il nord Italia.

  • Sparatoria a San Gregorio, ai domiciliari Luigi e Giuseppe Mancuso Sparatoria a San Gregorio, ai domiciliari Luigi e Giuseppe Mancuso

    VIBO VALENTIA Si è tradotta nei domiciliari la detenzione di Luigi e Giuseppe Mancuso di 24 e 21 anni, rispettivamente figlio e nipote del boss dell'omonima cosca Giuseppe Mancuso alias "mbrogghia". A deciderlo è stato il gip di Vibo Valentia concedendo a entrambi la misura dei domiciliari al termine dell'udienza di convalida.

  • ‘Ndrine di Fabrizia operative in Svizzera da 40 anni: in arresto 12 persone – I NOMI ‘Ndrine di Fabrizia operative in Svizzera da 40 anni: in arresto 12 persone – I NOMI

    Un’attività investigativa internazionale, dispiegatasi tra i vertici del triangolo Fabrizia-Polsi-Frauenfeld, e che ha condotto oggi in manette 12 presunti membri della ‘ndrangheta, tutti cittadini italiani ma fermati in Svizzera, accusati di far parte di un'associazione di tipo mafioso.

  • Carbonizzato in auto a Torino, ipotesi suicidio. Era stato testimone in un processo sui Mancuso Carbonizzato in auto a Torino, ipotesi suicidio. Era stato testimone in un processo sui Mancuso

    È morto carbonizzato in un incendio che ha coinvolto la sua autovettura, avvolta dalle fiamme a Sant'Antonino di Susa, piccolo comune in provincia di Torino.

  • Jonadi, gip predispone ordine di arresto per l'armiere dei Mancuso Jonadi, gip predispone ordine di arresto per l'armiere dei Mancuso

    È stato predisposto nella giornata di oggi un nuovo ordine di arresto nei confronti di Domenico Signoretta, ritenuto l’armiere del clan Mancuso, legato in particolare al boss Pantaleone detto "l'Ingengnere".

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno