Lunedì, 11 Febbraio 2019 17:18

Operazione “Nemea”, rinviati a giudizio 15 presunti esponenti del clan Soriano

Scritto da Redazione
Letto 236 volte
  • Le accuse mosse agli imputati sono associazione per delinquere finalizzata al narcotraffico, estorsioni e danneggiamenti a colpi di pistola e mediante ordigni esplosivi tutti reati aggravati dalle modalità mafiose

Arrivano i rinvii a giudizio per alcuni presunti esponenti del clan Soriano coinvolti nell’operazione “Nemea”. Secondo quanto riportato dall’Agi, il Gup distrettuale di Catanzaro, Claudio Paris, ha infatti rinviato a giudizio 15 persone coinvolte nell’operazione contro il clan Soriano di Filandari, nel Vibonese. Il processo si aprirà il 25 marzo prossimo dinanzi al Tribunale collegiale di Vibo Valentia. Le accuse mosse agli imputati sono associazione per delinquere finalizzata al narcotraffico, estorsioni e danneggiamenti a colpi di pistola e mediante ordigni esplosivi, tutti reati aggravati dalle modalità mafiose. Fra i rinviati a giudizio, Leone Soriano, accusato di essere a capo dell’omonimo clan, il fratello Domenico Soriano, il nipote Giuseppe Soriano, la moglie Rosetta Lopreiato e la cognata Graziella Silipigni. Emanuele Mancuso, rampollo dell’omonimo clan di Limbadi e che dal giugno scorso collabora con la giustizia, è stato ammesso al rito abbreviato.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno