Giovedì, 14 Luglio 2016 10:14

Paolillo (Wwf): 'Il colore verdastro del mare dovuto ad inquinamento e cattiva depurazione'

Scritto da Redazione
Letto 2323 volte

Riceviamo e pubblichiamo

Ci risiamo! Arriva l’estate e ci ricordiamo che esiste il mare, con i suoi problemi di grandezza proporzionale, legati soprattutto alla situazione di quei 5-10 metri in cui stiamo in ammollo. Settembre poi, verrà, e tutto, c’è da scommetterci, ricadrà nel dimenticatoio. Fino al prossimo Luglio. Anche quest’anno, puntuale come il solleone, impazza la polemica sul mare, sull’origine delle strane colorazioni verdastre e sui possibili rimedi, con migliaia di fotoreporter “social” dal fronte di guerra balneare.

Ebbene, per vecchia esperienza posso assicuravi che, al di là dei proclami, delle proteste e dei buoni propositi, anche stavolta non cambierà nulla e che il prossimo anno saremo qui a discutere dello stesso problema. E’ triste, ma è così. Tutto il resto è aria fritta.

E vi spiego perché. Quello che da anni (decenni) si verifica sulle coste calabresi si chiama inquinamento organico, che è quello provocato dalle acque di fogna che non sono depurate affatto o che non sono depurate bene. A ciò si aggiunge l’ incognita rappresentata dalla destinazione finale dei fanghi residui dei depuratori (o dei liquami degli autospurgo): vengono smaltiti tutti secondo le norme di legge oppure in tutto o in parte vengono scaricati a mare in tempi non sospetti per risparmiare sui costi di smaltimento? Per non parlare dei fertilizzanti usati in agricoltura che arrivano a mare con le piogge invernali. Un capitolo a parte meriterebbe tutta la spazzatura, in prevalenza plastica, che sta trasformando il mare, e non solo il nostro, in una discarica galleggiante.

E a mare, si badi bene, non arrivano solo gli scarichi, depurati o meno, dei comuni della costa, ma di tutti i comuni, quindi anche di quelli della collina e della montagna. Comuni ai quali, delle proteste dei bagnanti e della crisi del turismo costiero probabilmente non gliene importa poi più di tanto; anzi, in fondo in fondo, un po’ contenti forse lo sono, se sperano che qualcuno, anziché di pinne ed occhiali, si doti di zaino e scarponi per una salutare vacanza ad altitudini più elevate (salvo poi scoprire pure i boschi calabresi invasi dalla monnezza e assediati dai caciaroni: e allora ditelo che per questa regione  non c’è speranza).

Or dunque, nell’ipotesi, tutta da verificare, che un comune costiero sia dotato di un depuratore e stazioni di sollevamento che funzionano alla perfezione per 365 giorni all’anno, e i comuni dell’interno no, l’inquinamento si verifica lo stesso.

La realtà è quella di una regione, eternamente e retoricamente “votata” al turismo, che ha comuni senza depuratori e molti altri, a giudicare dai numerosi sequestri, che funzionano male o non sono ben gestiti; dove ci sono operai addetti alla manutenzione che non vengono pagati dalle ditte, che a loro volta non vengono pagate dai comuni, e via “calabrisando”.

Quindi ogni anno, da decenni, per tutto l’anno, in mare arrivano soprattutto composti derivati dal fosforo (fosfati) e dall’azoto (nitrati). Finché l’acqua è fredda e ci sono le mareggiate, come in inverno, non succede niente, ma quando la temperatura si alza (come in questi giorni e come da anni nei primi di luglio) e il mare è calmo, allora delle alghe miscroscopiche fatte di una sola cellula, cominciano a riprodursi in maniera eccezionale, proprio perché trovano quelle acque arricchite da questi sali nutritizi (i fosfati e i nitrati) che favoriscono il loro sviluppo, fino a raggiungere densità di milioni di cellule per dm cubico. E sono proprio queste alghe microscopiche, presenti in quantità così elevate, a dare la caratteristica colorazione verdastra o marrone al mare grazie ai particolari pigmenti presenti nelle loro cellule. Gli inglesi chiamano il fenomeno “ bloom algale”, da noi si usa “fioritura”, “esplosione algale” ecc.. Il nostro mare dunque sta diventando “eutrofico”, cioè “ben nutrito” da tutti i nutrienti che scarichiamo continuamente. Per le catene alimentari marine questa abbondanza è persino benefica: tanto plancton vegetale (le alghe microscopiche) vuol dire tanti animaletti, lo zooplancton, che se ne nutrono e, con essi, tanti pesci piccoli che vengono mangiati da quelli più grossi e così via. Dubito però che i turisti vengano da noi solo per gustare una frittura mista o una grigliata di pesce fresco…

Metteteci pure le sagre di “pipi e patati”, la ‘nduja di Spilinga, la cipolla di Tropea e, dulcis in fundo, il tartufo di Pizzo, ma senza il mare pulito, la Calabria chiude.

E allora sarà inutile piangere sui liquami versati.

Pino Paolillo

Presidente Wwf Calabria

 

 

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno