Sabato, 31 Maggio 2014 13:31

Rifiuti radioattivi disseminati nelle Serre. Morire per Segreto di Stato

Scritto da Salvatore Albanese
Letto 14876 volte

scorie-nucleariCi sono voluti oltre vent’anni per rendere ufficiale una verità in realtà già conosciuta da tempo. Nelle Serre calabre, sotto ai nostri piedi, negli scavi per i metanodotti, nelle caverne, nei terreni argillosi, la ‘ndrangheta o chi per lei, già dagli anni ’90, sversava centinaia e centinaia di fusti contenenti scorie radioattive, rifiuti tossici. Oggi, solo oggi, proprio mentre emerge la verità, si iniziano a pagare le conseguenze di quella che presto, per numero di decessi, si dimostrerà una vera e propria strage italiana.

Scorie disseminate ovunque. Nelle Serre e nell’Aspromonte. A Grotteria, Limina, Gambarie, Canolo, Locri, Montebello Jonico, Motta San Giovanni, Stilo, Gioiosa Jonica, Serra San Bruno e Fabrizia. «Le discariche presenti in Calabria sarebbero parecchie - si legge nei carteggi del Sismi e del Sisde desecretati di recente - site, oltre che in zone aspromontane, nella cosiddetta zona delle Serre (Serra San Bruno, Mongiana, ecc.) nonché nel vibonese. In quella zona la famiglia Mammoliti, competente per territorio, avrebbe occultato rifiuti tossici-radioattivi lungo gli scavi effettuati per la realizzazione del metanodotto». Lo stesso fecero i Tegano, i De Stefano, i Piromalli, abusando di una Calabria già schiava, nonostante ancora in molti luoghi, come ad esempio nei nostri luoghi, i clan preminenti non fossero ancora stati ufficialmente certificati.

Una strage per la quale, come per tutte le stragi, il principio di contraddizione non vale: non c’è niente da sapere diceva una parte di Stato che in realtà sapeva tutto. Sapeva il peggio del peggio di un territorio destinato a subire negli anni a venire una mattanza violenta.

Come i tasselli di un puzzle che ritrovi in ritardo, persi sotto un armadio, nascosti tra la polvere, punti fermi di un disegno inequivocabile di cui conosci tutto e tutto è disconosciuto, solo adesso fatti già saputi divengono ufficiali. E ci accorgiamo che sotto ai piedi abbiamo la morte, mentre sopra le nostre vite respira un sistema fatto di compromessi, di negazioni, di testimoni sottratti, di prove inquinate, di morti comprensibili e dimostrabili, di ragioni affossate per “Segreto di Stato”. Ecco perché non deve esistere, magari, un Registro Tumori, mai istituito soltanto in Calabria ed in poche altre regioni. Perché il dato non deve essere quantificato. Perché i morti per carcinoma, per malattie neoplastiche, linfomi non si possono e non si devono contare. Perché proprio i “Segreti di Stato” impongono che si debba continuare a morire senza neanche saperlo.

Le cose da conoscere sono in realtà ancora molte, moltissime. Su fatti di stragi, di eversioni e di violenze di massa. Fatti tenuti congelati per le esigenze di una “democrazia” di sottobanco. Perché mentre un territorio arranca già di suo, deve avere anche la sventura di guardarsi attorno e scrutare impotente un male nero che - adesso lo sappiamo - cresce dalla terra e divora tutti, indistintamente. Centinaia di madri, di padri, di figli, fratelli. In un angolo alla fine del mondo dove, gli oncologi spergiurarono, vi è una mortalità ed un’incidenza di cancro per almeno quattro volte la media europea.

Allora, finalmente, la grande desecretazione di Matteo Renzi e Marco Minniti è sbocciata. La più grande declassificazione di documenti della storia repubblicana. Anche se in realtà non è un regalo gioioso, né una concessione da paladini da nuovo corso. In realtà la desecretazione era già stata disposta nella Legge 124 del 3 agosto 2007 sul “Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica e nuova disciplina del segreto”. Una legge mai realizzata perché mai sono stati completati i decreti attuativi. Ma il vero problema è il seguito: basta rivelare le atrocità di un segreto non più segreto o è utile dopo tentare di prevenire il male? Merita anche la Calabria, l’Aspromonte, le Serre, i protocolli e i trattamenti come quelli riservati alla “Terra dei Fuochi” oppure no? Ci si deve adesso attivare per ottenere una mappatura dei luoghi e delle aree in cui i livelli di radioattività sono preoccupanti e nocivi? Ci si deve adesso attivare per bonificare le terre inquinate? O l’unica differenza rispetto a ieri è che un territorio muore, ma muore in piena coscienza?

 

Articoli correlati (da tag)

  • Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet» Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet»

    «Effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia tramite internet, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili, evitando al tempo stesso lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici».

    Sono queste, in sintesi, le proposte avanzate dal consigliere regionale vibonese Vincenzo Pasqua e contenute in una mozione rivolta al presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio.

    «Si tratta di un’iniziativa – afferma Pasqua – per snellire le procedure di prenotazione e pagamento delle visite specialistiche ed ambulatoriali nelle strutture sanitarie della Calabria. È una proposta tanto semplice quanto rivoluzionaria. L’idea – prosegue il consigliere regionale – è di permettere agli utenti della sanità calabrese di potere effettuare le prenotazioni e i relativi pagamenti utilizzando Internet, attraverso i portali istituzionali delle diverse Aziende ospedaliere e sanitarie o comunque nel modo che verrà ritenuto più opportuno. Uno strumento da affiancare a quelli già esistenti – ovvero gli uffici ticket e il Centro unico di prenotazione – che sia al passo con la tecnologia e permetta un notevole risparmio di tempo a chiunque disponga di una semplice connessione internet, da smartphone, tablet o pc, magari realizzando una apposita App. Ad ognuno, con la prescrizione del medico curante che contiene tutte le informazioni necessarie – continua Pasqua – sarà quindi consentito di effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili ed evitando lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici, che a volte richiedono addirittura, per chi non può farne a meno, un giorno di permesso dal proprio posto di lavoro. È assolutamente doveroso andare incontro alle legittime istanze della popolazione calabrese, ed è nostro compito, fare in modo che la qualità della vita di ogni singolo cittadino, dal primo all’ultimo, migliori in ogni campo. E come tutti sappiamo quello della sanità è un settore che tocca le vite di ognuno di noi. Nel 2018 la politica deve attivarsi ancora più di prima per sfruttare appieno le immense opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche. In questo caso, con la mia mozione intendo proprio massimizzare i vantaggi per l’utenza calabrese: fare risparmiare tempo ai cittadini, riducendo di conseguenza le file agli sportelli, ed offrire un servizio che costerà un’inezia all’amministrazione regionale ed è pensato per tutti».

    E ancora: «La mozione nasce da una serie di considerazioni preliminari: non di rado, infatti, abbiamo assistito al blocco del sistema delle prenotazioni delle visite mediche, dovuto a cause diverse. Dobbiamo tenere presente che simili ritardi ingenerano sfiducia e disagi nell’intera popolazione, con notevoli ricadute anche sul piano dell’efficienza del sistema sanitario regionale. Purtroppo c’è da considerare anche che alcuni strumenti adottati, come il numero verde o la possibilità di effettuare prenotazioni nelle parafarmacie, non è riuscita a colmare del tutto il gap esistente tra la domanda di servizi e le possibilità offerte. È inconcepibile assistere a file interminabili con persone sofferenti. Ecco perché, nell’era del digitale, bisogna sfruttare queste occasioni e migliorare quanto più possibile i servizi, specie nel campo della sanità e della tutela del bene-vita. Il fine della mozione – conclude Pasqua – è dunque quello di impegnare la Giunta regionale a volere verificare l’opportunità di attivarsi nella direzione e con le modalità che riterrà più opportune al fine di risolvere la delicata problematica».

  • Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria" Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria"

    Anche il Polo museale di Soriano Calabro aderisce alla “Giornata regionale dei Musei di Calabria “, organizzata dalla Giunta regionale e in programma per sabato, 24 novembre.

    L’iniziativa prevede l’apertura delle più importanti strutture museali sparse su tutto il territorio regionale e, tra queste, c’è anche il polo di Soriano il cui ingresso per quella giornata sarà gratuito. Inoltre, per come affermato in una nota dal sindaco Francesco Bartone, sono state «programmate iniziative volte a coinvolgere l’interesse del pubblico. La nostra cittadina spalancherà le porte del MuMar, della Pinacoteca, del Museo archeologico territoriale della ceramica medievale e del Gabinetto regionale dei disegni e delle stampe antiche della Calabria dove, tra l’altro, è conservato un corpus di carte geografiche originali dal ‘500 all’800».

    Le visite saranno guidate da storici dell’arte e archeologi, mentre in un laboratorio di ceramica ci sarà la dimostrazione della lavorazione artistica del maestro napitino Antonio Montesanti.

  • Trasversale, Comitato ancora all'attacco dell'Anas: «Ci nega l'accesso agli atti» Trasversale, Comitato ancora all'attacco dell'Anas: «Ci nega l'accesso agli atti»

    «Per Anas, evidentemente, i cittadini non devono sapere». Queste le parole riportare in una nota dalla vicepresidente del “Comitato Trasversale delle Serre - 50 anni di sviluppo negato”, Silvia Vono.

  • Serra, successo per il primo giorno della “Festa del Fungo”. Ristoranti sold out Serra, successo per il primo giorno della “Festa del Fungo”. Ristoranti sold out

    SERRA SAN BRUNO - Un bilancio più che positivo per il primo giorno della “Festa del fungo” organizzata dalla Pro Loco di Serra San Bruno.

  • Meteo Serre, inversione di tendenza: temperature in calo. Previsti temporali nel fine settimana Meteo Serre, inversione di tendenza: temperature in calo. Previsti temporali nel fine settimana

    Sarà un mese d’agosto “ballerino” quello che, dal punto di vista meteorologico, interesserà la zona dell’entroterra vibonese. La cosa certa è che almeno nelle prossime ore e fino al fine settimana, si registrerà una variazione di tendenza che porterà temperature più miti e un brusco stop all’ondata di caldo che ha caratterizzato gli ultimi giorni.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno