Martedì, 10 Settembre 2019 16:37

San Sostene, fondi per disabili destinati a fini personali: i familiari difendono gli amministratori del Prisma

Scritto da Redazione
Letto 863 volte

«Gli amministratori del Centro Prima Onlus di San Sostene, coinvolto nell’indagine della Procura di Catanzaro, sono stati sempre disponibili con tutti noi e hanno lavorato sempre con grande professionalità e correttezza». Lo affermano in una nota i familiari degli ospiti della struttura. «I nostri figli - proseguono i genitori - stanno benissimo al Prisma. Crediamo nella onestà di chi la gestisce e per questo vogliamo dire che non crediamo assolutamente alle accuse mosse». 

A seguito delle indagini portate avanti dalla Tenenza della Guardia di finanza di Soverato, infatti, due coniugi - rappresentanti dell’associazione senza fini di lucro - sono stati denunciati a vario titolo e in concorso tra loro di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e malversazione ai danni dello Stato. Secondo i finanzieri, utilizzavano i contributi erogati dalla Regione Calabria - che sarebbero dovuti servire per fornire ospitalità e assistenza a 17 utenti diversamente abili - per fare acquisti di vario genere: elettrodomestici, smartphone, computer di ultima generazione, giocattoli, cosmetici, strumenti musicali e addirittura una cucina.

«Il centro - proseguono i familiari degli ospiti - lavora da molti anni sul territorio ed è portavoce di numerose istanze ed iniziative che servono a costruire un futuro migliore ai ragazzi diversamente abili.  La sua agenda è ricca di manifestazioni che tutelano il diritto alla felicità e ad una vita migliore. Quotidianamente verifichiamo quanto la vita dei giovani sia migliorata, grazie al lavoro costante e puntuale che viene svolto nel centro. Noi non possiamo fare altro che ringraziare chi si impegna tutti i giorni all'interno della struttura. Perché lo fanno con amore, dedizione e passione. Hanno a cuore il loro futuro. E sappiamo distinguere bene chi, in questo campo, svolge bene il suo lavoro, altro che truffa e malversazione a danno dello Stato. Tutto il contrario! Noi vediamo solo tanto sacrificio, quotidiano e fatto con il cuore. Noi vediamo con i nostri occhi la qualità dei servizi. E sono eccellenti, straordinari. Non si tratta esclusivamente del semplice rapporto tra operatore e utente, ma di un vero e proprio affetto che gli amministratori hanno nei confronti dei nostri ragazzi».


Leggi anche: 

Soldi destinati ai diversamente abili utilizzati per fini personali, denunciate due persone nel Soveratese

 

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno