Mercoledì, 07 Agosto 2013 13:23

Scalo criminale: le armi della faida e i nuovi scenari

Scritto da Sergio Pelaia
Letto 4576 volte
mini armi_s.angeloVIBO VALENTIA - Non c'è niente da fare: il sangue, da queste parti, si lava solo con altro sangue. Benché già oggi sia possibile individuare vincitori e vinti, la faida che negli ultimi due anni ha insanguinato il Vibonese non è certo un affare chiuso. Gli arresti, le retate, i tanti morti ammazzati, hanno generato una tregua forzosa, ma è fin troppo facile prevedere che, anche se dovessero passare anni, si tornerà a sparare. I conti tra “famiglie” continueranno a essere regolati a suon di pallottole, e di conti aperti, nella periferia della Calabria, ce ne sono ancora tanti. Troppi. Ne sono convinti gli inquirenti che lavorano senza sosta per decifrare le dinamiche interne ed esterne alle cosche che controllano il territorio.
 
La feroce guerra di 'ndrangheta scoppiata con l'omicidio del 61enne Fortunato Patania, boss di Stefanaconi – piccolo centro alle porte di Vibo – ucciso l'11 settembre 2011, molto legato ai Mancuso, sembra essersi fermata dopo l'omicidio più eclatante, quello di Davide Fortuna, presunto affiliato alla “società” emergente di Piscopio che, dicono le indagini, voleva sottrarsi al dominio del potente clan di Limbadi e gestire autonomamente gli affari illeciti nella zona. Fortuna, 31 anni, fu assassinato in spiaggia, a Vibo Marina, in pieno giorno, il 6 luglio 2012, mentre era con moglie e figli. Molti dei presunti responsabili, tra mandanti ed esecutori materiali, sono stati arrestati, e ora c'è anche uno dei killer – il 31enne Vasvi Beluli, detto “Jimmy il macedone” – che ha confessato e sta collaborando con la giustizia. Dall'operazione “Gringia” è inioltre emerso come i Mancuso abbiano garantito appoggio ai Patania con l'obiettivo di vedere annichiliti i “piscopisani”. Sarebbero stati i boss di Limbadi e Nicotera a fornire il supporto logistico per gli omicidi, spesso commessi utilizzando killer venuti da fuori regione e con l'ausilio di tecnologie all'avanguardia. 
 
I “FERRI” ARRIVANO DA NORD
Il lavoro della magistratura e delle forze dell'ordine ha prodotto decine di arresti, tra cui alcuni eccellenti, come quello di Pantaleone Mancuso, detto “Luni Scarpuni”, ritenuto il vero regista occulto della faida. Dall'altra parte, alcuni dei “sopravvissuti” del gruppo di Piscopio sono finiti in carcere – è il caso di Raffaele Moscato, 31 anni, e di Rosario Battaglia, 28 –, ma una grossa crepa nel muro di calma apparente che queste operazioni avevano generato si è aperta lo scorso 15 luglio, giorno dell'arresto dei fratelli Angelo e Nazzareno Stambè, 36 e 43 anni, braccianti agricoli di Sant'Angelo di Gerocarne. I due viaggiavano a bordo di un Fiat Ducato sull'autostrada Torino-Piacenza quando, nei pressi dello svincolo di Asti est, sono stati fermati dai carabinieri del Norm che, dopo un'accurata perquisizione, hanno scoperto un doppio fondo ricavato sotto i sedili posteriori del furgone. Contenuto: 20 fucili (doppiette, armi da caccia e carabine di precisione) e 13 pistole (revolver di grosso calibro e semiautomatiche), più 400 proiettili. Entrambi i fratelli arrestati hanno precedenti penali alle spalle e Angelo, in particolare, era già stato accusato per reati analoghi – assieme a un altro fratello, Giuseppe, 54 anni – nel marzo 2011 quando, in una zona di campagna di Gerocarne attigua a un terreno di loro proprietà, i carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno trovarono 12 fucili interrati all'interno di tubi di plastica. I due furono però ben presto scarcerati dal Tribunale della libertà.
I vertici dell'Arma di Asti, in merito all'arresto dei fratelli Stambè, hanno parlato di «storico risultato operativo» poiché «di fatto non si erano mai verificati sequestri così ingenti di armi in questa provincia ed in quelle vicine», e hanno anche aggiunto che quell'arsenale, composto da “ferri” rubati nelle zone di Piacenza e Pavia, con ogni probabilità era diretto al mercato criminale calabrese. 
 
GLI ARMIERI DEI PATANIA
Il 21 settembre 2012 i carabinieri del Comando provinciale di Vibo eseguono sette ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di altrettante persone, accusate di essere gli armieri della cosca Patania. Tra loro c'è una famiglia quasi al completo: Antonio (55 anni), Cosimo Francesco (24) e Damiano Caglioti (23), di Gerocarne. Ci sono anche due donne, che vanno subito ai domiciliari: Caterina Caglioti (30), moglie di Nazzareno Patania – un altro degli arrestati, figlio di Fortunato –, e Alessia Cirillo (20) di Acquaro, fidanzata di Damiano. Antonio (il padre) e Cosimo Francesco erano già finiti in manette nel gennaio 2012, Damiano a maggio. Diverse perquisizioni avevano svelato che la famiglia custodiva, oltre alle armi, anche materiale – contrassegni, distintivi, lampeggianti – in uso alle forze di polizia. Quelle armi servivano per compiere delitti di 'ndrangheta – gli investigatori ne sono certi –, erano destinate alla guerra contro i “piscopisani” che i Patania stavano conducendo per vendicare l'omicidio del capofamiglia.
 
LO “SCALO” DI SANT'ANGELO
La Provincia di Vibo conta circa 166mila abitanti. Gerocarne in totale ne fa poco più di 2000, ma Sant'Angelo è sempre stato un villaggio a sé. Zone all'apparenza tranquille, piccoli agglomerati di case immersi nelle verdeggianti colline attraversate dai torrenti Mesima e Marepotamo, ampi spazi destinati all'agricoltura e alla pastorizia, in un territorio che si trova esattamente a metà strada tra la città capoluogo e l'entroterra montano. A Sant'Angelo, però, il paesaggio agreste non sempre custodisce, come sembrerebbe, suggestioni bucoliche.
In contrada Rombolà, per esempio, nell'abitazione della nonna paterna, i Caglioti nascondevano alcune delle armi che per gli inquirenti erano destinate alla faida. E nella stessa località ci sono le proprietà degli Stambè, vicino alle quali i carabinieri di Soriano e Serra scoprirono i fucili nascosti nei tubi di plastica, per i quali due dei fratelli vennero arrestati e poi scarcerati. 
Tra gli Stambè e i Caglioti, tra l'altro, non corre buon sangue. I dissapori tra le due famiglie emergono chiaramente dall'ordinanza che ha portato all'arresto degli “armieri dei Patania”. Dalle conversazioni intercettate, i magistrati deducono che gli indagati fossero convinti «dell'esistenza di possibili delatori». Cosimo Caglioti era stato arrestato da pochi giorni, e il fratello, nel colloquio ascoltato dagli inquirenti, dice: «Eh! Il nome tuo chi l'ha fatto? Pure lui, loro, i Rizzi...». E i “Rizzi”, secondo quanto riportato nell'ordinanza vergata dal gip di Vibo, sarebbero proprio gli Stambè. 
Ora, se da una parte le indagini hanno rivelato che i Caglioti erano strettamente legati ai Patania, resta il rebus dell'arsenale su cui erano seduti – letteralmente – Angelo e Nazzareno Stambè. Le ipotesi che gli inquirenti stanno vagliando sono diverse e puntano in più direzioni, anche perché pare che i “Rizzi” negli anni si siano specializzati nel commercio di armi. La cautela è dunque d'obbligo, ma una pista, al momento, sembra più credibile rispetto alle altre: l'arsenale poteva essere diretto a Piscopio, dove abita uno dei fratelli, e potrebbe essere stato destinato a una progressiva – certamente non facile – riorganizzazione della “società” emergente, che con il tacito appoggio di alcuni boss di spessore del “mandamento jonico” stava minando il potere dei Mancuso, uno dei clan più potenti della “linea tirrenica”. 
Come detto si tratta, per il momento, solo di ipotesi investigative, ma resta il fatto che le armi della faida che ha insanguinato il Vibonese passavano dallo “scalo” cruciale di Sant'Angelo, un fazzoletto di terra che, a dispetto delle apparenze, costituisce un vero e proprio crocevia per l'approvvigionamento della “materia prima” di cui le 'ndrine in guerra, purtroppo, fanno largo uso.
 
(articolo pubblicato sul numero 110 del 'Corriere della Calabria')

Articoli correlati (da tag)

  • Arresti a Gerocarne, un terreno conteso alla base delle minacce all’avvocato vibonese Arresti a Gerocarne, un terreno conteso alla base delle minacce all’avvocato vibonese

    Le minacce di morte nei confronti di un avvocato vibonese si protraevano da anni, precisamente dal 2015, alla base delle quali ci sarebbe stato un terreno conteso. A distanza di tempo, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Serra San Bruno – supportati nella fase esecutiva dai militari delle Stazioni di Soriano e Vazzano – sono riusciti a individuare i presunti responsabili: si tratta di Giuseppe Donato, di 49 anni, e dei figli Salvatore (24) e Peppino (20), ritenuti responsabili a vario titolo dei reati di estorsione aggravata continuata, danneggiamento seguito da incendio, detenzione e porto abusivo di pistola.

    Il padre e i due figli sono adesso ai domiciliari.

    Le indagini sono iniziate il 15 ottobre 2017 quando nella frazione Sant’Angelo di Gerocarne, durante la nottata, è stato appiccato un incendio a un capannone di una persona del luogo.  Da lì sono subito scattate le indagini, che hanno consentito di raccogliere utili risultanze investigative in capo ai due giovani con precedenti di polizia. In quella circostanza fu incendiato l’intero immobile dove erano custoditi, oltre ad alcuni capi di bestiame, un trattore che era stato utilizzato il giorno stesso per lavorare all’interno di un fondo agricolo situato in contrada Cerasara a Gerocarne. Ed è stato proprio questo l’elemento che ha indirizzato le indagini: gli inquirenti, infatti, sono riusciti a ricostruire una vicenda che andava avanti già da tempo in relazione alla proprietà del fondo agricolo.

    Il fondo in questione, di proprietà di un avvocato vibonese, era da tempo oggetto di attenzioni da parte della famiglia Donato, che – secondo i carabinieri - cercava di impossessarsene con minacce e pressioni indirizzate al proprietario del fondo e a tutte le persone che si recavano all’interno per lavorarlo.

    I militari, quindi, hanno ricostruito le intimidazioni verso l’avvocato vibonese più volte minacciato di morte anche con l’utilizzo di una pistola indebitamente detenuta. Minacce, queste, che sono iniziate nel 2015 e si sono protratte sino ad oggi, indirizzate sia al legale che a tutte le persone che di volta in volta venivano individuate dal legittimo possessore del fondo per recarsi nel terreno conteso. L’atteggiamento intimidatorio adottato dai due figli e dal padre (quest’ultimo pregiudicato) era volto a far desistere, oltre al proprietario del fondo stesso, tutti i potenziali acquirenti del terreno e non in ultimo, il proprietario del capannone incendiato. Non è un caso, infatti, secondo gli inquirenti, che oggetto del danneggiamento seguito da incendio del 15 ottobre 2017 sia stato proprio il trattore utilizzato il giorno precedente per completare i lavori nel fondo agricolo dell’avvocato.

    Da qui l’accusa per i tre che si sarebbero procurati un ingiusto profitto consistente nel possesso ed utilizzo del fondo ai fini del pascolo con conseguente danno per il legittimo proprietario che non avrebbe potuto esercitare liberamente il suo diritto di proprietà.

    La vicenda trae origine, storicamente, già dai primi anni 2000 quando il terreno era già oggetto di contesa tra il legittimo proprietario e la famiglia Donato. La diatriba è culminata il 23 giugno 2010 in un tentativo di omicidio che sarebbe stato posto in essere da Giuseppe Donato (reato per il quale è stato condannato con pena definitiva) nei confronti dell’avvocato vibonese, legittimo proprietario del terreno agricolo in argomento.

    «La collaborazione delle vittime – ha affermato il capitano della Compagnia di Serra, Marco Di Caprio – è stata fondamentale, in quanto ci hanno fornito da subito le informazioni che hanno poi indirizzato le indagini. Il nostro lavoro è stato quello di riscontrare le informazioni raccolte, per arrivare alle fonti di prova utili a sostenere l’accusa in giudizio. In ogni caso, non emergono contatti con ambienti mafiosi».

     

  • Evade dai domiciliari, arrestato 56enne nel Vibonese Evade dai domiciliari, arrestato 56enne nel Vibonese

    I carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Tropea hanno arrestato ieri per il reato di evasione Raffaele Mileto, 56enne di Nicotera, già sottoposto al regime della detenzione domiciliare per furto aggravato.

    Durante un servizio di controllo del territorio di Joppolo, i militari – transitando per le vie del paese – hanno notato lo strano comportamento dell’uomo che, alla vista dell’auto dei carabinieri, ha cercato di sfuggire all’attenzione dei militari, allontanandosi dalla strada principale. Atteggiamento, questo, che però non è sfuggito ai carabinieri, che hanno riconosciuto il 56enne, il quale si trovava al di fuori della propria abitazione senza alcuna autorizzazione.

    Per questo motivo, Mileto è stato arrestato dai carabinieri per il reato di evasione e posto ai domiciliari su disposizione dell’autorità giudiziaria, in attesa del rito direttissimo.

  • Estorsione a un avvocato, arrestati padre e figli a Gerocarne Estorsione a un avvocato, arrestati padre e figli a Gerocarne

    È in corso, dalle prime luci dell’alba, a Sant’Angelo di Gerocarne, un’operazione dei carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno che stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di tre persone, rispettivamente padre e figli, ritenuti responsabili di estorsione aggravata continuata in danno di un avvocato vibonese, del danneggiamento seguito da incendio di un capannone avvenuto nell’ottobre 2017 e detenzione e porto di pistola.

    Le indagini sono state condotte dai carabinieri del Nucleo Operativo di Serra San Bruno e coordinate dalla Procura di Vibo Valentia.

    I dettagli dell’operazione saranno forniti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 10 presso il Comando provinciale dei carabinieri di Vibo Valentia.

  • Nascondeva mezzo chilo di marijuana in un fustino di detersivo, arrestato 37enne a Pizzo Nascondeva mezzo chilo di marijuana in un fustino di detersivo, arrestato 37enne a Pizzo

    È stato arrestato e successivamente posto ai domiciliari D.V., 37enne di Pizzo con precedenti in materia di stupefacenti.

    Durante un controllo alla circolazione stradale, i carabinieri della locale Stazione hanno intercettato l’uomo, il quale appariva da subito particolarmente agitato. Insospettiti da questo comportamento i militari hanno deciso di perquisire l’abitazione del giovane napitino scovando un involucro di cellophane trasparente contenente mezzo chilogrammo di marijuana.

    La vicenda è resa ancor più singolare dal fatto che il giovane, allo scopo di eludere i controlli dei militari, aveva occultato la sostanza all’interno di un fustino di detersivo.

    Il 37enne, dopo essere stato tratto in arresto, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

  • Sparatoria a San Gregorio, ai domiciliari Luigi e Giuseppe Mancuso Sparatoria a San Gregorio, ai domiciliari Luigi e Giuseppe Mancuso

    VIBO VALENTIA Si è tradotta nei domiciliari la detenzione di Luigi e Giuseppe Mancuso di 24 e 21 anni, rispettivamente figlio e nipote del boss dell'omonima cosca Giuseppe Mancuso alias "mbrogghia". A deciderlo è stato il gip di Vibo Valentia concedendo a entrambi la misura dei domiciliari al termine dell'udienza di convalida.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno