Venerdì, 10 Gennaio 2014 13:25

Scorie radioattive nella Galleria della Limina. Lo rivelò 9 anni fa un tecnico che aveva preso parte ai lavori

Scritto da Salvatore Albanese
Letto 3437 volte

galleria liminaIl passo della Limina rappresenta il confine naturale tra il massiccio dell’Aspromonte e la catena delle Serre Calabre. Un lieve crinale – che raggiunge nel punto massimo di altezza poco più degli 800 metri sul livello del mare - e che funge anche da collegamento tra il versante Jonico e quello Tirrenico nella parte più meridionale della nostra regione. Il toponimo “Limina” indica quindi proprio il punto geografico in cui finisce l’Aspromonte ed iniziano le Serre.

Un territorio di riferimento anche per migliaia di turisti, appassionati dell’escursionismo e della montagna, oltreché un nodo strategico per la viabilità regionale dove si incrociano la Strada Statale “Jonio-Tirreno” (SS 682) e – tra le altre – la Strada Provinciale Giffone – Serre in direzione di Fabrizia, Mongiana e Serra San Bruno (SP 45). Ma – secondo La Stampa – gli incantevoli sentieri di montagna, i prati ed i boschi di faggi, pini ed abeti avrebbero subito uno scempio immane che adesso rischia – se accertato – di ripercuotesi anche sulla salute degli abitanti della zona. L’incubo dei rifiuti tossici aleggia, quindi, anche su questo pezzo di Calabria. Infatti, secondo quanto riportato dal quotidiano di taglio nazionale, un geometra - di cui rimangono segrete le generalità - che nel 1992 aveva preso parte ai lavori per la realizzazione della “Galleria della montagna della Limina”, in provincia di Reggio Calabria, avrebbe raccontato agli investigatori della Direzione Nazionale Antimafia – già nel 2005 - di rifiuti radioattivi impastati e tumulati nel cemento utilizzato per l’edificazione della stessa galleria. Un tunnel che misura tre chilometri e 700metri circa, situato proprio sulla SS 682 che collega i due mari da Rosarno a Gioiosa Jonica.

L’inchiesta giornalistica, nel settembre 2011, riporta come nei documenti riservati numero 488/1 e 488/3 – consegnati dal direttore dell’Aisi, Giorgio Piccirillo, direttamente alla Commissione parlamentare d’inchiesta sui rifiuti – fosse dettagliatamente indicato che «fin dal 1992 il servizio avrebbe acquisito notizie fiduciarie relative all’interesse del clan Mammoliti, in particolare i fratelli Cordì, per lo smaltimento illegale di rifiuti radioattivi, che sarebbero pervenuti sia dal centro, sia dal nord Italia, ma anche da fonti straniere. Informatori del settore, non in contatto tra loro – quindi fonti diverse che riportano la stessa informazione – hanno riferito che Morabito Giuseppe, detto “Tiradritto”, previo accordo raggiunto nel corso di una riunione tenutasi recentemente con altri boss mafiosi, avrebbe concesso, in cambio di una partita di armi, l’autorizzazione a far scaricare un quantitativo di scorie tossiche presumibilmente radiottive».

La Stampa raccontò come proprio in quel tratto della SS 682 – con l’ausilio di un piccolo contatore geiger – si sia arrivato a registrare, in entrata ed in uscita dalla galleria, una radioattività superiore alla norma: rispettivamente di 0,41 microsievert e di 0,31 (i valori massimi del fondo ambientale in Calabria indicano un limite di 0,20). Di per se il dato non indicherebbe un livello eccessivo di pericolosità, ma è inquietante il fatto che i rifiuti risulterebbero sepolti dietro uno strato di cemento spesso un metro che ne scherma in massima parte le radiazioni. È altresì preoccupante il fatto che simili oscillazioni non si registrano in altre gallerie dello stesso versante. A distanza di quasi un decennio, pare non siano state avviate sul fatto indagini ufficiali da parte della magistratura e né tanto meno sembra vi siano in merito studi effettuati dalle autorità sanitarie.

Di seguito il link dell’articolo pubblicato da La Stampa.it il 10 settembre 2011

http://www.lastampa.it/2011/09/10/italia/cronache/la-galleria-radioattivaecco-le-prove-dell-orrore-FUX1B35pHzXmSI3IESRsSP/pagina.html

Articoli correlati (da tag)

  • Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet» Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet»

    «Effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia tramite internet, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili, evitando al tempo stesso lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici».

    Sono queste, in sintesi, le proposte avanzate dal consigliere regionale vibonese Vincenzo Pasqua e contenute in una mozione rivolta al presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio.

    «Si tratta di un’iniziativa – afferma Pasqua – per snellire le procedure di prenotazione e pagamento delle visite specialistiche ed ambulatoriali nelle strutture sanitarie della Calabria. È una proposta tanto semplice quanto rivoluzionaria. L’idea – prosegue il consigliere regionale – è di permettere agli utenti della sanità calabrese di potere effettuare le prenotazioni e i relativi pagamenti utilizzando Internet, attraverso i portali istituzionali delle diverse Aziende ospedaliere e sanitarie o comunque nel modo che verrà ritenuto più opportuno. Uno strumento da affiancare a quelli già esistenti – ovvero gli uffici ticket e il Centro unico di prenotazione – che sia al passo con la tecnologia e permetta un notevole risparmio di tempo a chiunque disponga di una semplice connessione internet, da smartphone, tablet o pc, magari realizzando una apposita App. Ad ognuno, con la prescrizione del medico curante che contiene tutte le informazioni necessarie – continua Pasqua – sarà quindi consentito di effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili ed evitando lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici, che a volte richiedono addirittura, per chi non può farne a meno, un giorno di permesso dal proprio posto di lavoro. È assolutamente doveroso andare incontro alle legittime istanze della popolazione calabrese, ed è nostro compito, fare in modo che la qualità della vita di ogni singolo cittadino, dal primo all’ultimo, migliori in ogni campo. E come tutti sappiamo quello della sanità è un settore che tocca le vite di ognuno di noi. Nel 2018 la politica deve attivarsi ancora più di prima per sfruttare appieno le immense opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche. In questo caso, con la mia mozione intendo proprio massimizzare i vantaggi per l’utenza calabrese: fare risparmiare tempo ai cittadini, riducendo di conseguenza le file agli sportelli, ed offrire un servizio che costerà un’inezia all’amministrazione regionale ed è pensato per tutti».

    E ancora: «La mozione nasce da una serie di considerazioni preliminari: non di rado, infatti, abbiamo assistito al blocco del sistema delle prenotazioni delle visite mediche, dovuto a cause diverse. Dobbiamo tenere presente che simili ritardi ingenerano sfiducia e disagi nell’intera popolazione, con notevoli ricadute anche sul piano dell’efficienza del sistema sanitario regionale. Purtroppo c’è da considerare anche che alcuni strumenti adottati, come il numero verde o la possibilità di effettuare prenotazioni nelle parafarmacie, non è riuscita a colmare del tutto il gap esistente tra la domanda di servizi e le possibilità offerte. È inconcepibile assistere a file interminabili con persone sofferenti. Ecco perché, nell’era del digitale, bisogna sfruttare queste occasioni e migliorare quanto più possibile i servizi, specie nel campo della sanità e della tutela del bene-vita. Il fine della mozione – conclude Pasqua – è dunque quello di impegnare la Giunta regionale a volere verificare l’opportunità di attivarsi nella direzione e con le modalità che riterrà più opportune al fine di risolvere la delicata problematica».

  • Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria" Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria"

    Anche il Polo museale di Soriano Calabro aderisce alla “Giornata regionale dei Musei di Calabria “, organizzata dalla Giunta regionale e in programma per sabato, 24 novembre.

    L’iniziativa prevede l’apertura delle più importanti strutture museali sparse su tutto il territorio regionale e, tra queste, c’è anche il polo di Soriano il cui ingresso per quella giornata sarà gratuito. Inoltre, per come affermato in una nota dal sindaco Francesco Bartone, sono state «programmate iniziative volte a coinvolgere l’interesse del pubblico. La nostra cittadina spalancherà le porte del MuMar, della Pinacoteca, del Museo archeologico territoriale della ceramica medievale e del Gabinetto regionale dei disegni e delle stampe antiche della Calabria dove, tra l’altro, è conservato un corpus di carte geografiche originali dal ‘500 all’800».

    Le visite saranno guidate da storici dell’arte e archeologi, mentre in un laboratorio di ceramica ci sarà la dimostrazione della lavorazione artistica del maestro napitino Antonio Montesanti.

  • Meteo Serre, inversione di tendenza: temperature in calo. Previsti temporali nel fine settimana Meteo Serre, inversione di tendenza: temperature in calo. Previsti temporali nel fine settimana

    Sarà un mese d’agosto “ballerino” quello che, dal punto di vista meteorologico, interesserà la zona dell’entroterra vibonese. La cosa certa è che almeno nelle prossime ore e fino al fine settimana, si registrerà una variazione di tendenza che porterà temperature più miti e un brusco stop all’ondata di caldo che ha caratterizzato gli ultimi giorni.

  • Rifiuti, attivato a Soriano il servizio di raccolta degli ingombranti a domicilio Rifiuti, attivato a Soriano il servizio di raccolta degli ingombranti a domicilio

    SORIANO CALABRO - È stato attivato da parte dell’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Francesco Bartone, il servizio di raccolta degli ingombranti a domicilio.

  • Serra, parte la nuova raccolta differenziata: sorveglianza affidata a guardie ecozoofile Serra, parte la nuova raccolta differenziata: sorveglianza affidata a guardie ecozoofile

    Nel corso di una conferenza stampa tenuta nel locale Municipio, alcuni dei rappresentanti dell’amministrazione comunale di Serra San Bruno, tra i quali il sindaco Luigi Tassone, avevano presentato ufficialmente nei giorni scorsi il nuovo sistema di raccolta differenziata, pronto, già dalla mattinata di domani a fare il suo esordio sul territorio cittadino.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno