Venerdì, 24 Ottobre 2014 13:10

Sicurezza, 80% delle scuole non a norma. A Serra manca il gas per cucine e riscaldamento

Scritto da Redazione
Letto 1993 volte

scuola1È una vera e propria ecatombe quella che è emersa mercoledì scorso nell’incontro tenuto nella sala del consiglio provinciale sullo stato di agibilità degli edifici scolastici del Vibonese. Su 32 strutture di competenza della Provincia – di cui 26 di proprietà e 6 in affitto – solo 4 risultano completamente a norma antincendio, mentre, a parere dei Vigili del fuoco, se l’analisi si estende a tutte le 200 scuole del Vibonese, solo 7 risultano essere perfettamente in regola con le vigenti disposizioni. Una situazione catastrofica sancita dal fatto che per l’adeguamento degli edifici sono stati presentati progetti per un importo complessivo di 9milioni di euro. Progetti che, però, non hanno al momento avuto alcuna copertura finanziaria. La situazione si fa ancora più catastrofica se si considera che, invece, per l’adeguamento alle normative antisismiche di milioni ne occorrerebbero addirittura 30.

Questi i dati emersi nell’incontro tenuto dalle massime cariche istituzionali e dai tecnici provinciali, alla presenza dei vari rappresentanti degli istituti superiori e dei Comuni della Provincia, dell’Asp, dei Vigili del fuoco e dell’Ufficio scolastico. La riunione operativa è stata convocata dal Prefetto, Giovanni Bruno, con l’obiettivo di fare il punto sulle reali condizioni di sicurezza in cui versano gli edifici scolastici sparsi nel territorio provinciale, in modo da agevolare la comunicazioni istituzionale e stabilire una metodologia di intervento per affrontare l’annoso problema.

In rappresentanza dell’ente di Palazzo Ex-Enel presenti il presidente Andrea Niglia ed il responsabile tecnico Giacomo Consoli, solerti nel evidenziare i dati inerenti ai risparmi ottenuti dal taglio delle spese, ma più che consapevoli dei malanni vissuti dal comparto scolastico in merito alla qualità strutturale degli edifici. Una situazione destinata, però, ad aggravarsi ulteriormente, vista l’impossibilità di sbloccare i 5milioni di euro, già stanziati per viabilità ed edilizia scolastica, ma inutilizzabili a causa della recente sanzione a danno della Provincia, di oltre 800mila euro, per aver sforato il patto di stabilità nel 2013. Ora, il forte rischio, è che lo stesso possa accadere anche per l’anno in corso. Da qui l’appello che lo stesso Niglia presenterà nei prossimi giorni al governo, al fine di creare una scorciatoia burocratica, già ribattezzata “Salva-Vibo”, per concedere respiro, almeno per un anno, alle casse dell’ente.

Eloquente è stata anche la relazione dei referenti Asp, che hanno sottolineato «come ben l’80% degli edifici scolastici non sia a norma né dal punto di vista della sicurezza, né da quello igienico-sanitario». Ipotetiche soluzioni sono state avanzate da Giacomo Consoli, tecnico della Provincia, che ha evidenziato la necessità di diminuire il numero di laboratori a favore di quello degli ambienti destinati ad ospitare aule scolastiche, ciò per evitare il sovraffollamento.

Ma le reali condizioni vissute negli edifici scolastici del Vibonese sono state riportate con dovizia di particolari da chi, quotidianamente, ha concretamente modo di avere contatto con le numerose criticità. In tal senso eloquente è stato l’intervento del dirigente scolastico Pietro Gentile, che si è detto preoccupato per il destino della scuola che si trova a dirigere, l’Ipsia di Vibo, che «in mancanza dei requisiti minimi di sicurezza è ospitata da oltre un anno nei locali dell’ex Inapli, senza connessione internet, laboratori e telefono». Sulla stessa onda Annunziata Fogliano, dell’Itg di Vibo, edificio dove oltre a contarsi molti laboratori da chiudere quando piove a causa delle malandate condizioni della copertura dell’edifico, che fa arrivare l’acqua piovana direttamente sugli impianti, non sarebbe stata neanche rasa l’erba attorno alla scuola, tanto che i giardini del plesso si sarebbero trasformati ormai in «rifugio per topi e serpi». Ancora a Vibo, al Liceo classico Morelli, mancherebbe «il certificato di agibilità, il collaudo statico, le porte Rei, la conformità degli impianti». La situazione non è migliore in provincia, come a Briatico, dove l’edificio della scuola primaria sito nel centro cittadino è stato chiuso e gli alunni sono stati trasferiti nella struttura ubicata in una frazione, e a Serra San Bruno, dove – fa sapere il vicario Massimo Marzano - «manca il gas per le cucine dell’alberghiero ed i riscaldamenti. Abbiamo gli spazi per lavorare, ma una delle tre strutture è parzialmente chiusa per la mancanza di una scala antincendio». I primi cittadini tentano invece di guardare oltre: «necessaria una strategia comune per uscire dal problema» ha dichiarato il sindaco di Fabrizia, Antonio Minniti.

Articoli correlati (da tag)

  • Boom dello shopping online nel Vibonese: tra i prodotti più acquistati abbigliamento e libri Boom dello shopping online nel Vibonese: tra i prodotti più acquistati abbigliamento e libri

    Un’arma a doppio taglio quella della sempre più diffusa tendenza ad affidarsi all’e-Commerce per l’acquisto di prodotti di ogni genere. Una pratica che da una parte permette al cliente di avere il prodotto desiderato recapitato direttamente a casa propria in un breve lasso di tempo, ma che da un altro punto di vista sta concorrendo a affossare ulteriormente il mercato locale e le attività commerciali presenti sul territorio.

    Una questione aperta anche per i paesi della provincia di Vibo Valentia che sta via via scalando posizioni nella classifica dei territorio dove si ricorre con maggiore frequenza allo shopping online. A diffondere i dati del fenomeno è stato il gruppo Poste Italiane che ha proprio sottolineato come nella nostra provincia stia letteralmente volando l’e-Commerce nella fascia centrale della Calabria che comprende proprio le province di Vibo e Catanzaro, dove «nei primi nove mesi del 2018 Poste Italiane ha consegnato oltre 365mila pacchi. In pratica, quasi due pacchi a testa per ogni abitante, a dimostrazione dell’abitudine sempre più diffusa allo shopping online in ogni parte d’Italia, anche grazie alla capillarità e alla flessibilità del servizio di Poste Italiane che prevede consegne anche di sera e nel week end».

    Le principali categorie di acquisto riguardano l’abbigliamento (52%), libri e riviste (45%), ma anche cellulari, smartphone e tablet (37%), piccoli elettrodomestici (30%), prodotti per la cura del corpo (30%) o audio /video (30%). Il settore sarebbe dunque in crescita esponenziale, tanto che secondo le stime elaborate dal Politecnico di Milano in collaborazione con il consorzio Netcomm, il giro d’affari complessivo dell’e-commerce italiano raggiungerà a fine 2018 i 27 miliardi di euro, con un aumento del 15% rispetto all’anno precedente. Un trend di crescita che proseguirà nei prossimi anni, visto che il ritardo del nostro Paese nei confronti dei mercati più avanzati non è ancora colmato.

  • Provincia di Vibo, inizia l’era Solano: «Cominceremo a lavorare su manutenzione e viabilità» Provincia di Vibo, inizia l’era Solano: «Cominceremo a lavorare su manutenzione e viabilità»

    «Spero che questo percorso appena avviato possa dare quei contributi utili alla risoluzione delle tante problematiche che, purtroppo, attanagliano la nostra provincia».

    Lo ha detto il neo presidente della Provincia di Vibo Valentia, Salvatore Solano, a margine del primo Consiglio svoltosi stamattina, al termine del quale si è proceduto anche alla nomina del vicepresidente. Scelta, questa, ricaduta sul consigliere Giuseppe Policaro della lista “Rinascita vibonese”.

    «È necessario – ha aggiunto Solano – partire dai sindaci e dagli amministratori, i primi che si impegnano quotidianamente per cercare di risolvere questi disagi. Sono sicuro che, assieme, riusciremo ad arrivare a quella sinergia utile per raggiungere questo obiettivo. Intendo lavorare con tutti nell’interesse del territorio e, di conseguenza, sia con i consiglieri di maggioranza che con quelli di opposizione. Abbiamo già avviato una sinergia con gli uffici preposti affinché si possa ridare decoro a questo territorio. Quindi, inizieremo a lavorare su manutenzione e viabilità. Il dissesto? Nel giro di un anno e mezzo, anche prima, speriamo di venirne fuori».

  • Provincia di Vibo, Solano convoca il primo Consiglio e incontra i dipendenti Provincia di Vibo, Solano convoca il primo Consiglio e incontra i dipendenti

    Si terrà domani, 15 novembre, alle ore 11, nella sala consiliare dell’ente, il primo Consiglio provinciale della nuova fase politica e amministrativa della Provincia di Vibo Valentia, guidata dal neo presidente, Salvatore Solano.

    Tra gli adempimenti preposti dagli organi istituzionali dell’ente intermedio vibonese, coordinati dal segretario generale, Mario Ientile, ci sono l’esame inerente le condizioni di candidabilità, eleggibilità e compatibilità alla carica di presidente e di consigliere provinciale, degli eletti alle recenti elezioni; la convalida; il giuramento e le comunicazioni del presidente. Assieme a Solano, eserciteranno la loro funzione istituzionale in seno al Consiglio provinciale i neo eletti: Giuseppe Policaro, Giuseppe Roberto Muratore, Domenico Anello e Maria Rosaria La Grotta (esponenti della lista “Rinascita Vibonese”); Antonio Zinnà (componente della lista “Forza Civica”), Antonio Carchedi, Maria Francesca Pascale, e Gregorio Profiti (espressione politica del Partito democratico); Maria Fiorillo e Carmine Mangiardi, membri della compagine “Civilmente Impegnati”.

    Stamattina, il neo presidente della Provincia di Vibo, ha voluto incontrare nella sala consiliare i lavoratori dell’ente. Ad affiancarlo il segretario generale Mario Ientile e il neo consigliere provinciale, Domenico Anello. Nel corso dell’iniziativa, Solano ha delineato quelli che saranno i suoi obiettivi cardine in termine di azione amministrativa. «Questa Provincia – ha evidenziato - ha in sé la forza per rialzarsi, sta a noi darle un impulso nuovo. Ho avuto modo di constatare che siete persone capaci e disponibili. Io sarò al vostro fianco, uno di voi. Dobbiamo, quindi, nonostante le note difficoltà economiche e finanziarie, agire insieme in maniera propositiva e guardare al futuro con ottimismo».

    Nei giorni scorsi, Solano - coadiuvato dal segretario Ientile - aveva incontrato anche i responsabili dei settori nevralgici dell’Ente. «Ci dovrà essere, da parte nostra, un impegno assoluto, al fine di dare risposte al territorio, soprattutto in settori importanti quali la Viabilità stradale, l’Ambiente e l’Edilizia scolastica, - ha asserito Solano, nel corso delle riunioni con i funzionari -. Molto dipenderà dai finanziamenti che il Governo nazionale ci metterà a disposizione, questo è risaputo da noi e dalla gente. Ma comunque, per quel che di nostra competenza - ha sottolineato il neo presidente - dovremo, con spirito di abnegazione e assicurando la massima trasparenza amministrativa, dare il meglio di noi stessi. Quest’ente possiede molte professionalità ed è, pertanto, mia intenzione farle emergere e valorizzarle nell’esclusivo interesse collettivo per potenziare, in termini di efficacia ed efficienza, i servizi da erogare ai cittadini del Vibonese».

  • Playoff serie D | Rammarico Vibonese, rossoblu sconfitti in pieno recupero a Frattamaggiore Playoff serie D | Rammarico Vibonese, rossoblu sconfitti in pieno recupero a Frattamaggiore

    Si è conclusa in semifinale l'avventura della Vibonese negli spareggi promozione di serie D, girone “I”.

  • Serie D | Vibonese raggiunta al 90° dalla Cavese. Risultati e classifica Serie D | Vibonese raggiunta al 90° dalla Cavese. Risultati e classifica

    È un pareggio che sa di beffa quello rimediato dalla Vibonese nella sfida interna contro la Cavese, terza forza del campionato, valevole per la 37^ giornata del campionato nazionale di serie D, girone “I”.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno