Lunedì, 28 Ottobre 2013 16:50

Soriano ricorda Filippo Ceravolo. Il padre Martino: "Perchè Scopelliti non è presente?"

Scritto da Alessandro De Padova
Letto 1945 volte

mini martinoceravoloUn anno. Tanto è trascorso da quel 25 ottobre 2012, quando per un errore, uno sbaglio fatale, Filippo Ceravolo ha perso la vita in un agguato nella strada che collega Pizzoni a Soriano Calabro. Da quel giorno, papà Martino e mamma Anna non riescono a darsi pace. Vogliono che sia fatta giustizia ma soprattutto pretendono che agli assassini di Filippo sia data la punizione che meritano. Non si può morire così. Soprattutto perchè stiamo parlando di giovani. Se, però, molti di essi hanno avuto qualche precedente o problemi con la giustizia, Filippo rispetto a loro rappresenta un'eccezione. Ha pagato soltanto il fatto di trovarsi nel posto sbagliato, con la persona sbagliata. In Calabria succede spesso. Così come capita frequentemente che i media nazionali non danno giusta rilevanza ad un problema che non riguarda solo la Calabria ed i calabresi. Perchè ha ragione un'amica di Filippo, intervenuta nel corso della giornata in sua memoria, organizzata dal Movimento Spontaneo Sorianese, in collaborazione con Libera: «La Calabria non è il ricco Nord, dove anche un semplice furto farebbe scalpore», ha affermato.

Venerdì scorso, intanto, proprio in occasione dell'anniversario della morte di Filippo, è stata organizzata una Santa Messa, celebrata nel Santuario di San Domenico. Erano presenti rappresentanti delle istituzioni, i sindaci del comprensorio, i rappresentanti delle forze dell'ordine, il vicepresidente nazionale di Libera, don Marcello Cozzi, ma soprattutto la gente comune, che ancora una volta ha voluto dimostrare tutta la propria vicinanza a Martino, Anna ed ai familiari di Filippo. Subito sopo la Messa, le persone presenti hanno partecipato ad una fiaccolata che ha interessato le vie cittadine, al termine della quale si è tenuto un momento di riflessione e confronto. Martino Ceravolo, durante il suo intervento, ha sottolineato l'assenza alla manifestazione del governatore della Calabria, Giuseppe Scopelliti: «Il governatore Scopelliti - ha affermato - non può fare la lotta alla 'ndrangheta stando dietro una poltrona». Il presidente della giunta regionale ha risposto dicendo di «non essere stato invitato..». La sorella, Maria Teresa, ha scritto una lettera ricordando il fratello: «Dire che la vita continua e che non serve a nulla piangere non basta, il vuoto c'è. È come una ferita profonda, che rimarrà sempre lì. Nulla può essere più come prima. Quando è arrivata quella telefonata, il mio cuore si è fermato, ho urlato e me la sono presa con Dio perchè non ti ha salvato. Poi, però, ho capito che la colpa è di quegli uomini senza coscienza, senza scrupoli. È per l'incapacità di tenere un'arma in mano che ti ho perso. Filippo era il fratello, l’amico, il figlio che tutti vorrebbero avere perchè era dolce, sensibile, onesto e generoso. Non è giusto. Non si può morire così a 19 anni. Per tanti Filippo resterà un ricordo. Per me e la mia famiglia è il presente»

Articoli correlati (da tag)

  • Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet» Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet»

    «Effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia tramite internet, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili, evitando al tempo stesso lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici».

    Sono queste, in sintesi, le proposte avanzate dal consigliere regionale vibonese Vincenzo Pasqua e contenute in una mozione rivolta al presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio.

    «Si tratta di un’iniziativa – afferma Pasqua – per snellire le procedure di prenotazione e pagamento delle visite specialistiche ed ambulatoriali nelle strutture sanitarie della Calabria. È una proposta tanto semplice quanto rivoluzionaria. L’idea – prosegue il consigliere regionale – è di permettere agli utenti della sanità calabrese di potere effettuare le prenotazioni e i relativi pagamenti utilizzando Internet, attraverso i portali istituzionali delle diverse Aziende ospedaliere e sanitarie o comunque nel modo che verrà ritenuto più opportuno. Uno strumento da affiancare a quelli già esistenti – ovvero gli uffici ticket e il Centro unico di prenotazione – che sia al passo con la tecnologia e permetta un notevole risparmio di tempo a chiunque disponga di una semplice connessione internet, da smartphone, tablet o pc, magari realizzando una apposita App. Ad ognuno, con la prescrizione del medico curante che contiene tutte le informazioni necessarie – continua Pasqua – sarà quindi consentito di effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili ed evitando lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici, che a volte richiedono addirittura, per chi non può farne a meno, un giorno di permesso dal proprio posto di lavoro. È assolutamente doveroso andare incontro alle legittime istanze della popolazione calabrese, ed è nostro compito, fare in modo che la qualità della vita di ogni singolo cittadino, dal primo all’ultimo, migliori in ogni campo. E come tutti sappiamo quello della sanità è un settore che tocca le vite di ognuno di noi. Nel 2018 la politica deve attivarsi ancora più di prima per sfruttare appieno le immense opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche. In questo caso, con la mia mozione intendo proprio massimizzare i vantaggi per l’utenza calabrese: fare risparmiare tempo ai cittadini, riducendo di conseguenza le file agli sportelli, ed offrire un servizio che costerà un’inezia all’amministrazione regionale ed è pensato per tutti».

    E ancora: «La mozione nasce da una serie di considerazioni preliminari: non di rado, infatti, abbiamo assistito al blocco del sistema delle prenotazioni delle visite mediche, dovuto a cause diverse. Dobbiamo tenere presente che simili ritardi ingenerano sfiducia e disagi nell’intera popolazione, con notevoli ricadute anche sul piano dell’efficienza del sistema sanitario regionale. Purtroppo c’è da considerare anche che alcuni strumenti adottati, come il numero verde o la possibilità di effettuare prenotazioni nelle parafarmacie, non è riuscita a colmare del tutto il gap esistente tra la domanda di servizi e le possibilità offerte. È inconcepibile assistere a file interminabili con persone sofferenti. Ecco perché, nell’era del digitale, bisogna sfruttare queste occasioni e migliorare quanto più possibile i servizi, specie nel campo della sanità e della tutela del bene-vita. Il fine della mozione – conclude Pasqua – è dunque quello di impegnare la Giunta regionale a volere verificare l’opportunità di attivarsi nella direzione e con le modalità che riterrà più opportune al fine di risolvere la delicata problematica».

  • Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria" Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria"

    Anche il Polo museale di Soriano Calabro aderisce alla “Giornata regionale dei Musei di Calabria “, organizzata dalla Giunta regionale e in programma per sabato, 24 novembre.

    L’iniziativa prevede l’apertura delle più importanti strutture museali sparse su tutto il territorio regionale e, tra queste, c’è anche il polo di Soriano il cui ingresso per quella giornata sarà gratuito. Inoltre, per come affermato in una nota dal sindaco Francesco Bartone, sono state «programmate iniziative volte a coinvolgere l’interesse del pubblico. La nostra cittadina spalancherà le porte del MuMar, della Pinacoteca, del Museo archeologico territoriale della ceramica medievale e del Gabinetto regionale dei disegni e delle stampe antiche della Calabria dove, tra l’altro, è conservato un corpus di carte geografiche originali dal ‘500 all’800».

    Le visite saranno guidate da storici dell’arte e archeologi, mentre in un laboratorio di ceramica ci sarà la dimostrazione della lavorazione artistica del maestro napitino Antonio Montesanti.

  • Il gip accoglie le richieste della Dda e archivia l'indagine sulla morte di Filippo Ceravolo Il gip accoglie le richieste della Dda e archivia l'indagine sulla morte di Filippo Ceravolo

    Il gip distrettuale di Catanzaro, Domenico Commodaro, ha accolto le richieste della Direzione distrettuale antimafia del capoluogo di regione, archiviando di fatto il caso relativo all'uccisione di Filippo Ceravolo, il giovane rimasto vittima di un agguato per errore la sera del 25 ottobre del 2012, sulla strada che collega Soriano a Pizzoni.

  • Caso Ceravolo, inchiesta archiviata. Soriano ricorda con due iniziative il giovane ucciso nel 2012 Caso Ceravolo, inchiesta archiviata. Soriano ricorda con due iniziative il giovane ucciso nel 2012

    Il 4 maggio prossimo, Filippo Ceravolo – giovane ucciso per errore in un agguato di mafia sulla strada che collega Pizzoni a Soriano Calabro la sera del 25 ottobre 2012 – avrebbe festeggiato il suo 23esimo compleanno.

  • Vibo, 'La siciliana ribelle' nell'ultimo appuntamento del cineforum di Libera Vibo, 'La siciliana ribelle' nell'ultimo appuntamento del cineforum di Libera

    Riceviamo e pubblichiamo

    Arriva al termine la bellissima esperienza del cineforum “Pellicole scomode. Storie e film contro le mafie” realizzato da LiberaVibo e Sistema Bibliotecario vibonese.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno