Venerdì, 12 Settembre 2014 08:42

Spadola, discarica abusiva adiacente al cimitero: denunciato il sindaco Barbara

Scritto da Redazione
Letto 1941 volte

mini rifiuti_spadolaSPADOLA - E’ stato segnalato presso la competente autorità giudiziaria dagli Agenti del Comando Stazione Forestale di Serra San Bruno il sindaco di Spadola, Giuseppe Barbara, per la realizzazione di una discarica abusiva su un’area adiacente al locale cimitero, in località Ferrera. L’attività degli agenti è stata portata a termine grazie ad una segnalazione pervenuta presso il numero di emergenza ambientale 1515 del CFS. Giunti nel luogo indicato, gli operatori si sono sincerati dell’esistenza di due siti presso i quali erano stati depositati abusivamente rifiuti di vario genere.

Nel primo sito, retrostante il muro perimetrale del cimitero e contiguo anche al fiume Ancinale, dell’estensione di 500 mq circa, vi erano cumuli di rifiuti catalogati come speciali e speciali pericolosi, costituiti da elettrodomestici di vario tipo, pneumatici, calcinacci, lastre di eternit, lamiere, etc. Alcuni di essi si trovavano proprio lungo l’argine del fiume. L’accesso al sito in questione era consentito mediante una stradina sterrata chiusa, all’ingresso, con una catena.

Il secondo sito invece, sempre adiacente il cimitero, era costituito da un piazzale cementato di circa 200 mq recintato da muri in mattoni, ad eccezione del lato confinante con il corso d’acqua. L’accesso a questa area, posto sulla strada ex SS110, avveniva mediante un cancello metallico chiuso con un lucchetto. All’interno veniva appurata la presenza ingente di rifiuti solidi urbani, stimati in circa 3/400 mc, depositati senza precauzione alcuna al fine di salvaguardare dal percolato il vicino fiume.

Dalle indagini esperite nell’immediatezza, è emerso che i rifiuti venivano conferiti proprio dall’amministrazione comunale di Spadola. Per tale condotta, il primo cittadino non era in grado di fornire alcuna autorizzazione atta a giustificarne il conferimento. Stante quanto accertato ed al fine di evitare che l’attività illecita potesse perpetrarsi, gli agenti hanno provveduto a sottoporrei due siti a sequestro preventivo affidandolo in custodia a personale della Polizia Locale. Il sindaco, segnalato presso la competente autorità giudiziaria, dovrà pertanto rispondere per violazione alla normativa sulla gestione e il conferimento dei rifiuti nonché, considerata la vicinanza del fiume Ancinale, per violazione al vincolo paesaggistico-ambientale.

Si mette in risalto, in ultimo, come la criticità connessa all’abbandono incontrollato di rifiuti è monitorata con attenzione dal CFS in tutta la provincia vibonese. Difatti, lo stesso Comando stazione di Serra San Bruno giorni addietro ha deferito a piede libero quattro persone, due del luogo e due di origine polacca, per combustione illecita di rifiuti accertata in località Le Macce, zona sottoposta a vincolo paesaggistico-ambientale del medesimo comune. Questi, oltre a smaltire tramite il fuoco dei rifiuti di origine vegetale, stavano bruciando anche pneumatici e rifiuti non meglio identificati.

 

Articoli correlati (da tag)

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno