Venerdì, 04 Gennaio 2013 14:31

Usavano l'auto di servizio ma chiedevano i rimborsi: indagati per truffa e falso 17 tra veterinari e impiegati dell'Asp di Vibo

Scritto da Redazione
Letto 2259 volte

mini asp-viboSono accusate a vario titolo di truffa e falso ideologico le 17 persone, tra medici veterinari ed impiegati in servizio all'Asp di Vibo Valentia, raggiunte dall'avviso di conclusione indagini vergato dal pm Santi Cutroneo. Secondo l'accusa, gli indagati, con artifizi e raggiri, avrebbero presentato agli uffici amministrativi dell'Asp richieste di rimborsi chilometrici per aver utilizzato il proprio mezzo, mentre invece in realtà usavano l'auto di servizio. Altre contestazioni riguardano false prestazioni e allontanamenti dal luogo di lavoro per finalità private. Gli indagati sono: Isabella Campisi, 55 anni, di Soriano; Domenico Cocciolo, 47 anni di Vibo; Domenico Piraino, 61 anni, di San Costantino Calabro; Stefania Mazzeo, 48 anni, di Vibo;

Enzo Carnovale, 56 anni, di Piscopio; Chiarina Cristelli, 49 anni, di Sant’Onofrio; Giuseppe Loiacono, 63 anni, di Montalto; Mario Mazzeo, 63 anni, di Vibo (capogruppo Pdl in Consiglio comunale); Domenico Mazzitelli, 56 anni, di Briatico; Saverio Paglianiti, 64 anni, di San Calogero; Giuseppe Parisi, 58 anni, di Polia; Maria Parisi, 56 anni, di Vibo; Domenico Pisani, 60 anni, di Vibo; Giuseppe Pugliese, 57 anni, di Vibo; Damiano Romano, 53 anni, di Simbario; Antonio Teti, 55 anni, nativo di Filogaso, residente a Vena di Ionadi; Salvatore Fiorillo, 58 anni, di Vibo.

Articoli correlati (da tag)

  • Soriano, scoperta truffa da 500mila euro: deferite 5 persone Soriano, scoperta truffa da 500mila euro: deferite 5 persone

    Nella mattinata odierna, i carabinieri della Stazione di Soriano Calabro, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Mattia Ivano Losciale, a seguito di una mirata perquisizione presso alcuni locali industriali adibiti ad uso deposito, hanno deferito in stato di libertà per associazione a delinquere finalizzata alla truffa cinque soggetti: si tratta di G.T., classe '79, pregiudicato; A.C., classe '77, imprenditore boschivo, pregiudicato; T.C., classe '94; A.D.C., classe '64, commerciante pregiudicato e A.D.C, classe '70, moglie di quest'ultimo.

  • Truffa online, denunciato un 46enne di Vibo Truffa online, denunciato un 46enne di Vibo

    Nella serata di ieri, gli agenti della polizia di Stato di Avellino hanno deferito in stato di libertà un 46enne di Vibo Valentia, residente a Lucca, in quanto ritenuto responsabile del reato di truffa online ai danni di un 36enne irpino. 

  • Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco

    mini Carabinieri-sorianelloVIBO VALENTIA - Sarebbe uno degli autori di una rapina ai danni di un distributore di carburanti che avrebbe fruttato nel complesso 15mila euro. Con questa accusa, i carabinieri hanno fermato nella giornata di ieri Giuseppe Lo Bianco, classe '72, pluripregiudicato appartenente all'ominimo clan operante nella città capoluogo. Il fatto risale intorno alle 18 di ieri, quando due persone con il volto coperto e armate di pistola, hanno fatto irruzione in un distributore situato nella centralissima viale Affaccio, intimando il titolare facendosi consegnare la somma in contanti che ammontava a 15mila euro. Subito dopo i malviventi si sarebbero dati alla fuga a bordo di un'autovettura, guidata da un altro complice. Scattato l'allarme, i carabinieri nel giro di pochi minuti sono riusciti a rintracciare la macchina in località Ottocanalli. Alla guida c'era lo stesso Lo Bianco che è stato immediatamente bloccato. Dalla perquisizione eseguita all'interno dell'autovettura, inoltre, i militari hanno rinvenuto un passamontagna nascosto sotto i sedili che sarebbe lo stesso utilizzato dai malviventi per compiere la rapina. Il 42enne, posto in stato di fermo e tradotto in carcere, è già noto alle forze in quanto rimasto coinvolto nell'operazione “Cash”, scattata nel luglio del 2011. Nei suoi confronti, infine, viene contestata anche un'altra rapina, messa a segno ad ottobre in un supermercato di Vibo.


     

  • Promozione, Rizziconi mai in partita e la Serrese cala il poker: risultati e classifica Promozione, Rizziconi mai in partita e la Serrese cala il poker: risultati e classifica

    mini michelezaffinoSe lo aggiudica la Serrese il match salvezza dell'undicesima giornata del campionato di Promozione, girone "B". La squadra di mister Amoroso ha, infatti, superato con un perentorio 4-0 il Rizziconi e si allontana, dunque, dalla zona playout. Successo meritatissimo per Zaffino e compagni contro una squadra che, praticamente, non è mai stata in partita. La Serrese, però, impiega quaranta minuti per andare in vantaggio e, a firmare il gol del momentaneo 1-0, ci pensa il solito Zaffino che, dopo aver preso palla nella trequarti avversaria, fa fuori tutta la difesa e insacca. Il primo tempo si conclude con la Serrese meritatamente in vantaggio per 1-0. Nella ripresa è sempre la squadra di casa ad avere il pallino del gioco e, dopo appena cinque minuti dall'inizio del secondo tempo, arriva il raddoppio grazie ad un autogol di Ielo. Il terzo gol lo sigla, invece, Nicolovici, con un gran tiro da fuori e, al 20', il giovane Andreacchi realizza la rete del poker. La Serrese non si accontenta e, dopo un po', è Carchidi a sfiorare la cinquina a conclusione di un'azione personale. 

    Negli altri incontri, pareggio importantissimo quello conquistato dal Soriano in trasferta contro la Deliese seconda in classifica. La capolista Cittanovese si rivela ancora un autentico rullo compressore, rifilando sei gol al malcapitato Bianco. Le reti dell'incontro sono state siglate da Siclari, Giovinazzo e Papaleo, con una doppietta per parte che consente ai giallorossi di allungare sulla diretta concorrente, la Deliese, fermata come già anticipato da un buon Soriano. Il zona playoff, il Locri non riesce ad andare oltre lo 0-0 contro la Bagnarese. Vince, invece, la Villese, così come il San Giuseppe, che espugna Polistena.

    Di seguito riportiamo i risultati completi dell'undicesima giornata e la classifica

     

    Serrese-Rizziconi 4-0
    Deliese-Soriano 0-0
    Cittanovese-Bianco 6-0
    Locri-Bagnarese 0-0
    Caulonia-ReggioMed 0-0
    Polistena-San Giuseppe 2-3
    Villese-Marina di Gioiosa 2-0
    Aurora Reggio-Gioiosa Jonica 1-1


    Classifica

    Cittanovese 30
    Deliese 22
    San Giuseppe 21
    Locri 20
    Villese 20
    Soriano 20
    ReggioMediterranea 19
    Bagnarese 17
    Aurora Reggio 16
    Serrese 15
    Marina di Gioiosa 13
    Caulonia 13
    Polistena 7
    Rizziconi 5
    Gioiosa Jonica 4
    Bianco -2


  • Bancarotta fraudolenta della Proserpina Spa, richiesta di rinvio a giudizio per 11 indagati Bancarotta fraudolenta della Proserpina Spa, richiesta di rinvio a giudizio per 11 indagati

    mirabelloÈ stata fissata per il prossimo 22 gennaio l’udienza preliminare per il processo scaturito dall’inchiesta sulla bancarotta fraudolenta della “Proserpina spa”, società che si occupava della raccolta dei rifiuti a Vibo Valentia. La Procura ha chiesto il rinvio a giudizio per gli 11 indagati, tra i quali compare anche Michele Mirabello, ex componente del consiglio d’amministrazione della stessa “Proserpina”, attuale segretario provinciale del Partito democratico, nonché candidato, per il collegio Catanzaro-Vibo-Crotone, alle elezioni di domenica 23 novembre per il rinnovo del Consiglio regionale della Calabria.

    Gli altri imputati che a gennaio dovranno comparire davanti al gup - così come riportato dall'Agi - sono: i revisori dei conti della “Proserpina”, Domenico Naso, Giuseppe Betrò, Giandomenico Pata; gli ex membri del consiglio d’amministrazione, Giuseppe Ceravolo, Michelangelo Petrolo, Domenico Scuglia, Gino Citton e Marcella De Vita; gli ex amministratori delegati Ciro Orsi e Francesco Pantano.

    Gli indagati dovranno rispondere del reato di bancarotta fraudolente, determinato dalla falsificazione del bilancio della società - dal quale è emerso un passivo di poco inferiore ai 10milioni - con lo scopo di evitare la liquidazione del spa, ottenendo finanziamenti pubblici dal commissario per l'emergenza rifiuti in Calabria. Sempre secondo quanto riportato dai carteggi dell’inchiesta, parte dei finanziamenti sarebbe finita ad altre società costituite da soci privati della “Proserpina”.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno