Venerdì, 09 Agosto 2013 14:56

Viabilità, gli imprenditori del comprensorio si rivolgono al prefetto Bruno

Scritto da Bruno Vellone
Letto 1952 volte
mini fotoSERRA SAN BRUNO - Tutte le strade portano a Roma. Così recita un antico proverbio, ma altrettanto non possiamo dire per le vie di comunicazione che portano all'entroterra vibonese ed in particolare alla cittadina della Certosa. La rete viaria è ridotta ad un colabrodo e numerosi sono i punti che mettono in serio pericolo l'incolumità degli automobilisti che, pur cambiando tragitto, non mancano di esporsi al disagio di percorrere strade governate dall'incuria. Frane, buche e qualsivoglia pericolo la fanno da padrone e di fatto isolano l'entroterra vibonese, già dimenticato dalle fallimentari politiche amministrative di venti anni di provincia. S'inserisce in questa ottica la petizione - una vera e propria denuncia - che imprenditori, commercianti e proprietari di attività varie, hanno scritto al neo Prefetto di Vibo Valentia Giovanni Bruno e per conoscenza alla Procura della Repubblica vibonese, per denunciare quanto gli automobilisti che hanno come destinazione Serra San Bruno e i paesi del circondario, e chi da essi di sposta, sono costretti a subire.
Una situazione tale da rendere un viaggio una vera e propria angoscia, con la speranza di giungere incolumi alla propria metà. Gli imprenditori Pasquale Colonnese, Fiorindo Franco e Fernando Staltari, si sono resi promotori di una petizione, che nei prossimi giorni verrà recapitata alla Prefettura, che ha visto la partecipazione di quasi tutti i rappresentanti delle attività imprenditoriali e commerciali della zona. "Noi sottoscritti imprenditori, commercianti e operatori turistici del Comune di Serra San Bruno - si legge nella petizione - ci rivolgiamo a Sua Eccellenza il Prefetto della provincia di Vibo Valentia per segnalare la grave ed insostenibilesituazione di dissesto della rete viaria provinciale ed in particolare delle due vie di collegamento che uniscono Serra San Bruno ed i paesi limitrofi alla rete autostradale (Serra – Soriano – Vibo Valentia e Serra – San Nicola – Bivio Angitola).La cittadina di Serra San Bruno, geograficamente, si trova al centro della catena appenninica che attraversa la Calabria ed a pari distanza dalle coste ionica e tirrenica. "Le uniche via di collegamento - fanno sapere gli imprenditori - alla rete autostradale ed ai capoluoghi di provincia e regione sono le strade exs.s.182 s.s.110. Ormai da un qualche anno - proseguono - le strade citate hanno subito un depauperamento causato dall’usura e dagli agenti esogeni che non è stato seguito dai necessari, anzi indispensabili, interventi di manutenzione del manto stradale. Assai difficoltosa riesce, infatti, la canalizzazione delle acque, che contribuisce al ristagno di rigagnoli idrici la cui conseguenza è la formazione di buche che, in alcuni casi, hanno trasformato le strade in mulattiere, come potrà notare visionando la documentazione fotografica allegata alla presente".In numerosi tratti di entrambe le vie "sono presenti restringimenti di carreggiata (non segnalati) conseguenza di frane, la cui presenza costituisce pericolo per la circolazione, in special modo nelle situazioni in cui due veicoli percorrono la via incrociando le rispettive direzioni". Negli ultimi tempi sono ormai diventate di "ordinaria amministrazione le pratiche relative alle richieste di risarcimento presentate dai cittadini agli enti competenti che, di volta in volta, hanno subito un danno alla propria autovettura. Le garantiamo, sig. Prefetto, che la percorrenza dei due tratti di strada per un conducente dotato della normale diligenza ed attenzione alla guida, risulta assai difficoltosa e pericolosa, in special modo in alcuni punti particolarmente interessati dalla presenza di buche, voragini, restringimenti e dislivelli del manto stradale.richieste di risarcimento sono state presentate agli uffici competenti". La cosa più grave che "riscontriamo è l’inerzia del Commissario straordinario della provincia". Percorrendo le vie d’accesso a Serra San Bruno, "cittadina che Le consigliamo di visitare, Lei potrà notare l’assenza delle previste segnalazioni di pericolo, fatta eccezione per qualche segnale cementato sull’asfalto, messo lì tanto per far notare che qualche incaricato è passato sul luogo. E’ superfluo ricordare a S. E. che il c.d.s. recita che la segnaletica di pericolo va posta a metri 2.40 di altezza verticalmente e sul lato destro della carreggiata, ma noisiamo ormai rassegnati a veder fatte le cose “alla buona”. I primi a risentire dell’evidente disagio, come potrà immaginare, sono i cittadini dei Comuni dell’interlandserrese che, per raggiungere i principali centri urbani della Calabria (per ragioni personali, per motivi di salute o per ragioni commerciali) sono obbligati a percorrere circa quaranta chilometri di strada completamente dissestata, rischiando quotidianamente la propria incolumità ed il buono stato di conservazione degli autoveicoli". La mancanza di una via d’accesso sicura ed agevole da percorrere, inoltre, "rende assai difficoltoso, se non addirittura impossibile, ai potenziali turisti ed avventori, l’agevole accesso a tutto il comprensorio delle serre con un’inevitabile ripercussione sulle condizioni di vita sociali ed economiche di tutta la popolazione".
Serra San Bruno è il fiore all’occhiello della "nostra provincia, un luogo ricco di storia, cultura, arte e natura e non ultima spiritualità. Il nostro paese è stato visitato da Sua Santità Giovanni Paolo II, e da Sua Santità Benedetto XVI. Noi cittadini orgogliosamente serresi non permetteremo a nessuno di isolare il nostro territorio, già segnato pesantemente dalla crisi economica e dall’incapacità e inettitudine di chi dovrebbe salvaguardare i nostri interessi". Gli imprenditori si rivolgono quindi al Prefetto "affinché non deluda le nostre aspettative di tutela e ci dia un segnale di positività stimolando un’azione amministrativa volta al ripristino delle condizioni di viabilità e sicurezza che, in altri luoghi, costituiscono la normalità. Cogliamo l’occasione per invitarLa a visitare la nostra cittadina, per godere delle bellezze naturali ed architettoniche del luogo ed anche per verificare personalmente, percorrendo le vie di accesso ala zona, quanto fondata sia la nostra pretesa di assistenza". La comunicazione, sottoscritta da commercianti, artigiani, imprenditori e cittadini, "viene trasmessa per conoscenza alla Procura della Repubblica, affinchè possano essere valutate responsabilità di carattere penale. Qualora S.E. volesse riscontrare la presente comunicazione, potrà contattare uno dei promotori dell’iniziativa di comunicazione, nella persona deisignori:
 
Pasquale Colonnese 
Fiorindo Franco
Fernando Staltari
 
 
(articolo pubblicato su 'Il Quotidiano della Calabria')

Articoli correlati (da tag)

  • Provincia di Vibo, inizia l’era Solano: «Cominceremo a lavorare su manutenzione e viabilità» Provincia di Vibo, inizia l’era Solano: «Cominceremo a lavorare su manutenzione e viabilità»

    «Spero che questo percorso appena avviato possa dare quei contributi utili alla risoluzione delle tante problematiche che, purtroppo, attanagliano la nostra provincia».

    Lo ha detto il neo presidente della Provincia di Vibo Valentia, Salvatore Solano, a margine del primo Consiglio svoltosi stamattina, al termine del quale si è proceduto anche alla nomina del vicepresidente. Scelta, questa, ricaduta sul consigliere Giuseppe Policaro della lista “Rinascita vibonese”.

    «È necessario – ha aggiunto Solano – partire dai sindaci e dagli amministratori, i primi che si impegnano quotidianamente per cercare di risolvere questi disagi. Sono sicuro che, assieme, riusciremo ad arrivare a quella sinergia utile per raggiungere questo obiettivo. Intendo lavorare con tutti nell’interesse del territorio e, di conseguenza, sia con i consiglieri di maggioranza che con quelli di opposizione. Abbiamo già avviato una sinergia con gli uffici preposti affinché si possa ridare decoro a questo territorio. Quindi, inizieremo a lavorare su manutenzione e viabilità. Il dissesto? Nel giro di un anno e mezzo, anche prima, speriamo di venirne fuori».

  • Provincia di Vibo, Solano convoca il primo Consiglio e incontra i dipendenti Provincia di Vibo, Solano convoca il primo Consiglio e incontra i dipendenti

    Si terrà domani, 15 novembre, alle ore 11, nella sala consiliare dell’ente, il primo Consiglio provinciale della nuova fase politica e amministrativa della Provincia di Vibo Valentia, guidata dal neo presidente, Salvatore Solano.

    Tra gli adempimenti preposti dagli organi istituzionali dell’ente intermedio vibonese, coordinati dal segretario generale, Mario Ientile, ci sono l’esame inerente le condizioni di candidabilità, eleggibilità e compatibilità alla carica di presidente e di consigliere provinciale, degli eletti alle recenti elezioni; la convalida; il giuramento e le comunicazioni del presidente. Assieme a Solano, eserciteranno la loro funzione istituzionale in seno al Consiglio provinciale i neo eletti: Giuseppe Policaro, Giuseppe Roberto Muratore, Domenico Anello e Maria Rosaria La Grotta (esponenti della lista “Rinascita Vibonese”); Antonio Zinnà (componente della lista “Forza Civica”), Antonio Carchedi, Maria Francesca Pascale, e Gregorio Profiti (espressione politica del Partito democratico); Maria Fiorillo e Carmine Mangiardi, membri della compagine “Civilmente Impegnati”.

    Stamattina, il neo presidente della Provincia di Vibo, ha voluto incontrare nella sala consiliare i lavoratori dell’ente. Ad affiancarlo il segretario generale Mario Ientile e il neo consigliere provinciale, Domenico Anello. Nel corso dell’iniziativa, Solano ha delineato quelli che saranno i suoi obiettivi cardine in termine di azione amministrativa. «Questa Provincia – ha evidenziato - ha in sé la forza per rialzarsi, sta a noi darle un impulso nuovo. Ho avuto modo di constatare che siete persone capaci e disponibili. Io sarò al vostro fianco, uno di voi. Dobbiamo, quindi, nonostante le note difficoltà economiche e finanziarie, agire insieme in maniera propositiva e guardare al futuro con ottimismo».

    Nei giorni scorsi, Solano - coadiuvato dal segretario Ientile - aveva incontrato anche i responsabili dei settori nevralgici dell’Ente. «Ci dovrà essere, da parte nostra, un impegno assoluto, al fine di dare risposte al territorio, soprattutto in settori importanti quali la Viabilità stradale, l’Ambiente e l’Edilizia scolastica, - ha asserito Solano, nel corso delle riunioni con i funzionari -. Molto dipenderà dai finanziamenti che il Governo nazionale ci metterà a disposizione, questo è risaputo da noi e dalla gente. Ma comunque, per quel che di nostra competenza - ha sottolineato il neo presidente - dovremo, con spirito di abnegazione e assicurando la massima trasparenza amministrativa, dare il meglio di noi stessi. Quest’ente possiede molte professionalità ed è, pertanto, mia intenzione farle emergere e valorizzarle nell’esclusivo interesse collettivo per potenziare, in termini di efficacia ed efficienza, i servizi da erogare ai cittadini del Vibonese».

  • Trasversale, Comitato ancora all'attacco dell'Anas: «Ci nega l'accesso agli atti» Trasversale, Comitato ancora all'attacco dell'Anas: «Ci nega l'accesso agli atti»

    «Per Anas, evidentemente, i cittadini non devono sapere». Queste le parole riportare in una nota dalla vicepresidente del “Comitato Trasversale delle Serre - 50 anni di sviluppo negato”, Silvia Vono.

  • Serra, successo per il primo giorno della “Festa del Fungo”. Ristoranti sold out Serra, successo per il primo giorno della “Festa del Fungo”. Ristoranti sold out

    SERRA SAN BRUNO - Un bilancio più che positivo per il primo giorno della “Festa del fungo” organizzata dalla Pro Loco di Serra San Bruno.

  • Serra, parcheggi ed area pic-nic di Santa Maria in gestione ad una coop Serra, parcheggi ed area pic-nic di Santa Maria in gestione ad una coop

    Anche per l’estate 2016, così come era accaduto durante il mandato dell’ex sindaco di Serra San Bruno, Bruno Rosi, è stata espletata una procedura atta all’individuazione di un operatore economico a cui affidare l’appalto relativo al servizio di gestione dei parcheggi e dell’area pic-nic ubicati in località Santa Maria del Bosco.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno