Mercoledì, 12 Giugno 2013 14:56

Vibo, acqua delle fontane pubbliche 'maleodorante e imbevibile'

Scritto da Redazione
Letto 1788 volte

mini rubinettoRiceviamo e pubblichiamo:

Visto il tremendo odore e sapore dell'acqua pubblica riscontrato nelle fontane pubbliche vibonesi temiamo, come riportato dalla letteratura medico scientifica ufficiale, possibili danni alla pelle ed al sistema nervoso soprattutto dei bambini piccoli a causa dei cloriti, del cloroformio, e degli altri prodotti della disinfezione che si formano quando, come nel caso dell'acqua pubblica vibonese, quest’ultima venga disinfettata con un mix di ipoclorito di sodio e biossido di cloro.I prodotti tossici di disinfezione in oggetto possono venire respirati durante il bagnetto, per cui suggeriamo ai genitori, se non possono evitare di fare il bagnetto ai neonati con acqua di rubinetto, di lasciarla almeno decantare per mezz'ora o più prima di lavare con quell'acqua i piccolini.

Spesso i cloriti, sospettati di causare anemia e disordini al sistema nervoso dei bambini, nelle analisi effettuate risultano quasi sempre presenti in concentrazioni elevate, seppur sotto i limiti di legge che però recentemente sono stati AUMENTATI rispetto a quanto stabilito precedentemente dallo stesso d.lgs 31-2001.

Di seguito il testo con le richieste protocollato all’URP dell’ASP di Vibo Valentia il 10 giugno 2013                                                         

Avendo verificato in mattinata, insieme al tecnico del comune, che l’acqua della fontanella pubblica sita in via Giovanni XXIII nel quartiere Sacra Famiglia, risultava maleodorante ed imbevibile, chiedo che l’ASP si attivi nel più breve tempo possibile per risolvere il problema, e che verifichi la presenza di composti del cloro in quanto il cattivo odore ricordava il cloroformio e la varechina.
Faccio presente che molti residenti da me interpellati a riguardo confermano che l’acqua puzza terribilmente di cloro e che è imbevibile e che l’acqua della fontanella risultava di sapore ed odore vomitevole anche dopo averla lasciata scorrere per più di 5 minuti, come potrà facilmente verificare chiunque provi a berla.
Chiedo di sapere se è consigliabile preparare la pappa dei neonati con l’acqua che l’ASP attualmente certifica come potabile e se è esente da rischi dermatologici e se è certo che il sistema nervoso specie dei bambini non corra il rischio di essere danneggiato dall’acqua clorata attualmente distribuita dal comune di VV.
Chiedo di sapere se l’acqua della fontana pubblica in oggetto è abitualmente controllata specie riguardo ai prodotti di disinfezione con ipoclorito di sodio e biossido di cloro e con quale frequenza.

Luciano Gagliardi
Ass."Compresi gli Ultimi"

Articoli correlati (da tag)

  • Boom dello shopping online nel Vibonese: tra i prodotti più acquistati abbigliamento e libri Boom dello shopping online nel Vibonese: tra i prodotti più acquistati abbigliamento e libri

    Un’arma a doppio taglio quella della sempre più diffusa tendenza ad affidarsi all’e-Commerce per l’acquisto di prodotti di ogni genere. Una pratica che da una parte permette al cliente di avere il prodotto desiderato recapitato direttamente a casa propria in un breve lasso di tempo, ma che da un altro punto di vista sta concorrendo a affossare ulteriormente il mercato locale e le attività commerciali presenti sul territorio.

    Una questione aperta anche per i paesi della provincia di Vibo Valentia che sta via via scalando posizioni nella classifica dei territorio dove si ricorre con maggiore frequenza allo shopping online. A diffondere i dati del fenomeno è stato il gruppo Poste Italiane che ha proprio sottolineato come nella nostra provincia stia letteralmente volando l’e-Commerce nella fascia centrale della Calabria che comprende proprio le province di Vibo e Catanzaro, dove «nei primi nove mesi del 2018 Poste Italiane ha consegnato oltre 365mila pacchi. In pratica, quasi due pacchi a testa per ogni abitante, a dimostrazione dell’abitudine sempre più diffusa allo shopping online in ogni parte d’Italia, anche grazie alla capillarità e alla flessibilità del servizio di Poste Italiane che prevede consegne anche di sera e nel week end».

    Le principali categorie di acquisto riguardano l’abbigliamento (52%), libri e riviste (45%), ma anche cellulari, smartphone e tablet (37%), piccoli elettrodomestici (30%), prodotti per la cura del corpo (30%) o audio /video (30%). Il settore sarebbe dunque in crescita esponenziale, tanto che secondo le stime elaborate dal Politecnico di Milano in collaborazione con il consorzio Netcomm, il giro d’affari complessivo dell’e-commerce italiano raggiungerà a fine 2018 i 27 miliardi di euro, con un aumento del 15% rispetto all’anno precedente. Un trend di crescita che proseguirà nei prossimi anni, visto che il ritardo del nostro Paese nei confronti dei mercati più avanzati non è ancora colmato.

  • Acqua potabile, disagi anche a Brognaturo Acqua potabile, disagi anche a Brognaturo

    BROGNATURO - Come di consueto, durante la stagione estiva, il problema della mancanza di acqua nelle abitazioni non si è fatto attendere nemmeno nel comune di Brognaturo.

  • Simbario, ordinanza del sindaco: l'acqua torna potabile Simbario, ordinanza del sindaco: l'acqua torna potabile

    Il primo cittadino di Simbario, Ovidio Romano, con una ordinanza emessa nella giornata odierna, ha disposto la revoca di un'altra ordinanza, del 21 luglio scorso, tramite la quale il sindaco del piccolo centro del Vibonese aveva deciso il divieto dell'uso dell'acqua ai fini del consumo umano. 

  • Acqua sporca a Santa Domenica di Ricadi, parte la petizione popolare Acqua sporca a Santa Domenica di Ricadi, parte la petizione popolare

    Riceviamo e pubblichiamo

    “Un diritto umano essenziale al pieno godimento della vita e di tutti i diritti umani”: era la data del 28 luglio 2010 quando, con queste testuali parole, l’Organizzazione delle Nazioni Unite riconosceva la potabilità dell’acqua come un imprescindibile diritto umano (risoluzione 64/92).

  • ‘Acqua sporca’, slitta ancora l'udienza sul caso Alaco. Nuovo rinvio a giugno ‘Acqua sporca’, slitta ancora l'udienza sul caso Alaco. Nuovo rinvio a giugno

    Nuovo rinvio per l’udienza preliminare nei confronti delle 16 persone coinvolte nell’indagine “Acqua sporca” per cui il sostituto procuratore Michele Sirgiovanni ha chiesto il processo. A stabilirlo il gup di Vibo Anna Rombolà, che ha deciso per il rinvio a causa di un difetto di notifica ad alcuni degli indagati, così come d’altronde era già accaduto il 21 ottobre scorso nella prima data stabilita per l’udienza.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno