Martedì, 30 Settembre 2014 12:26

Anime Nere, una storia universale. Trama del film e intervista a Gioacchino Criaco

Scritto da Bruno Greco
Letto 6694 volte

criacoDal nord Europa alla Milano metropolitana, fino al meraviglioso e selvaggio paesaggio della Calabria, quando passando per la Limina e i territori aspromontani sembra di entrare in un’altra dimensione, in uno scenario classico, intriso di misticismo e magia. “Anime Nere” di Francesco Munzi, tratto dall’omonimo romanzo di Gioacchino Criaco, è quasi interamente girato in Calabria, all’interno della naturale scenografia protourbana di Africo (Rc).

Leo è un ragazzo determinato, coraggioso e schivo del pericolo, virtù che purtroppo utilizza per coltivare la sua indole mafiosa. Lo stesso è figlio di Luciano, pastore di Africo, dedito al proprio lavoro e lungi dal menare un'esistenza malavitosa. Luigi e Rocco sono i fratelli di Luciano, entrambi andati a vivere a Milano: l’uno gestore del narcotraffico, l’altro imprenditore che non ha mancato di sfruttare l’ala protettrice di Luigi per fare carriera.

Tutto comincia con una bravata di Leo, supportato dall’amico Peppe, il quale, reduce da una normale lite, decide di sparare dei colpi di fucile alla saracinesca di un bar, di proprietà di colui che aveva “osato” offenderlo. Commesso il misfatto, il ragazzo lascia Africo per andare a trovare lo zio Luigi a Milano, ma la notizia di quanto aveva commesso arriva con lui.

È il boss Barreca di Africo che convoca in udienza Luciano per riferirgli di mettere in riga il proprio figlio, reo di avere commesso uno “sgarro” contro uno dei suoi protetti.

Da qui, il sentiero della vendetta è a soli due passi. L’ira di Barreca, scatenata dal giovane Leo, diventa un espediente da sfruttare per Luigi, che, durante il viaggio per portare le partite di cocaina da Milano in Calabria, decide di rientrare ad Africo con l’intenzione di recuperare una situazione di dominio che a livello locale era passata in mano altrui. La quantità di cocaina da spacciare in Calabria questa volta era stata divisa diversamente dal solito: per don Tallura, capo dell’omonima cosca, il quantitativo da smerciare è maggiore, una sorta di omaggio fattogli da Luigi, che con questo dono chiede alla famiglia di allearsi con lui per spodestare il boss Barreca, mandante risaputo proprio dell'omicidio del padre di Luigi.

Nel film i riti funebri diventano un meeting e un registro anagrafe per conoscere i partecipanti. Il sangue giovane di Leo, nonostante gli avvertimenti dei familiari, bolle e grida vendetta. La clip di un gregge non governato e in balia della pioggia traduce in una magistrale serie di fotogrammi la confusione mentale di Luciano, che, come il pensatore di Rodin, cerca il da farsi...

Per andare oltre la mera descrizione di una storia, abbiamo rivolto delle domande allo scrittore di “Anime Nere”, Gioacchino Criaco, il quale nel film di Munzi ha partecipato anche alla sceneggiatura.

Sono molte le differenze tra il film e il libro. Naturalmente Munzi ha voluto metterci anche la sua firma...

Sì, la mia storia si arricchisce naturalmente della firma del bravo regista. Innanzi tutto i miei personaggi, quelli di Luciano, Luigi e Rocco, nella metafora implicita di Munzi non rappresentano tre persone distinte, bensì una, con due suoi alter ego. Il personaggio cardine è rappresentato da Luciano, che con grande volontà combatte per sconfiggere le sue personalità malvagie. Lui deve sconfiggere il male che ha dentro, la sua parte cattiva. Qui Luciano è anche una sorta di metafora della società, che deve impegnarsi a sconfiggere il male. Una frase molto significativa di questa sfida è la frase della Bobulova, che interpreta la moglie di Rocco. La stessa, dopo la morte di Luigi, nel convincere il marito a lasciare Africo per fare ritorno a Milano sostiene: “Io non sono come voi!” al che Rocco risponde: “Perché, tu come sei?”. Qui ci sta un messaggio profondo. Il personaggio interpretato dalla Bobulova negli anni ha sempre goduto dei benefici arrivati dagli illeciti commessi dal marito, dichiarando, seppur tra le righe, una sua appartenenza alla malavita. Ora, non ignara dell’imminente pericolo, ipocritamente sostiene di essere diversa. Così si comporta a volte la società. Gode dei benefici – tra virgolette – attribuibili ad attività illecite e poi cerca di esimersi da qualsiasi responsabilità. Come Luciano, anche noi stessi siamo preda del male. E noi dobbiamo sconfiggerlo. Non ci deve essere commistione tra i due mondi, quello della società civile con quello della mafia.

Stando alle rigide gerarchie della 'ndrangheta, la storia di Luigi, Rocco, Luciano e suo figlio Leo, sembrerebbe più una storia di Camorra... esistono in Calabria famiglie poco "fedeli alla tradizione"? Stanno cambiando anche le vecchie convenzioni?

Secondo me le convenzioni oramai contano poco. Il fenomeno della criminalità adesso è soltanto una questione di affari che mutano anche l’assetto delle gerarchie. Sì, l’atteggiamento di Leo soprattutto potrebbe sembrare lontano dalle convenzioni verticistiche della ‘ndrangheta. Ma l’errore che si commette è quello di identificare “Anime Nere” come un film calabrese. Nonostante sia stato girato in Calabria, Munzi ha voluto fare un film universale. Ne conviene dunque che il regista qui non parla di ‘ndrangheta, bensì di un sistema malato che può riscontrarsi in qualsiasi luogo o società.

È strano ma è vero: alla fine del film, nonostante gli elogi per la storia raccontata magistralmente, il pubblico si aspettava, quasi voleva, che si consumasse la vendetta. Perché?

È naturale! La filmografia alla “Capo dei capi” in questi anni, ma non solo, ha sempre plasmato la figura del mafioso come quella di un eroe. Munzi invece ha voluto mostrare la faccia tragica della criminalità, creando la figura dell’antieroe, per dare soprattutto ai giovani un messaggio positivo. Il fascino del mito qui non esiste, bisogna liberarsene.

Pensi che possa mai succedere in Calabria un finale alla "Anime Nere"? Una sorta di vendetta al contrario?

Basta leggere le pagine di storia giudiziaria per capire che questi finali sono comuni anche in Calabria. Se non con le stesse modalità, il male che sconfigge il male è quasi sempre una costante. Un esempio sono i molti collaboratori di giustizia, fratelli o parenti, che con estremo coraggio denunciano l’attività illecita dei propri familiari.

 

Articoli correlati (da tag)

  • Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet» Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet»

    «Effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia tramite internet, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili, evitando al tempo stesso lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici».

    Sono queste, in sintesi, le proposte avanzate dal consigliere regionale vibonese Vincenzo Pasqua e contenute in una mozione rivolta al presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio.

    «Si tratta di un’iniziativa – afferma Pasqua – per snellire le procedure di prenotazione e pagamento delle visite specialistiche ed ambulatoriali nelle strutture sanitarie della Calabria. È una proposta tanto semplice quanto rivoluzionaria. L’idea – prosegue il consigliere regionale – è di permettere agli utenti della sanità calabrese di potere effettuare le prenotazioni e i relativi pagamenti utilizzando Internet, attraverso i portali istituzionali delle diverse Aziende ospedaliere e sanitarie o comunque nel modo che verrà ritenuto più opportuno. Uno strumento da affiancare a quelli già esistenti – ovvero gli uffici ticket e il Centro unico di prenotazione – che sia al passo con la tecnologia e permetta un notevole risparmio di tempo a chiunque disponga di una semplice connessione internet, da smartphone, tablet o pc, magari realizzando una apposita App. Ad ognuno, con la prescrizione del medico curante che contiene tutte le informazioni necessarie – continua Pasqua – sarà quindi consentito di effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili ed evitando lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici, che a volte richiedono addirittura, per chi non può farne a meno, un giorno di permesso dal proprio posto di lavoro. È assolutamente doveroso andare incontro alle legittime istanze della popolazione calabrese, ed è nostro compito, fare in modo che la qualità della vita di ogni singolo cittadino, dal primo all’ultimo, migliori in ogni campo. E come tutti sappiamo quello della sanità è un settore che tocca le vite di ognuno di noi. Nel 2018 la politica deve attivarsi ancora più di prima per sfruttare appieno le immense opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche. In questo caso, con la mia mozione intendo proprio massimizzare i vantaggi per l’utenza calabrese: fare risparmiare tempo ai cittadini, riducendo di conseguenza le file agli sportelli, ed offrire un servizio che costerà un’inezia all’amministrazione regionale ed è pensato per tutti».

    E ancora: «La mozione nasce da una serie di considerazioni preliminari: non di rado, infatti, abbiamo assistito al blocco del sistema delle prenotazioni delle visite mediche, dovuto a cause diverse. Dobbiamo tenere presente che simili ritardi ingenerano sfiducia e disagi nell’intera popolazione, con notevoli ricadute anche sul piano dell’efficienza del sistema sanitario regionale. Purtroppo c’è da considerare anche che alcuni strumenti adottati, come il numero verde o la possibilità di effettuare prenotazioni nelle parafarmacie, non è riuscita a colmare del tutto il gap esistente tra la domanda di servizi e le possibilità offerte. È inconcepibile assistere a file interminabili con persone sofferenti. Ecco perché, nell’era del digitale, bisogna sfruttare queste occasioni e migliorare quanto più possibile i servizi, specie nel campo della sanità e della tutela del bene-vita. Il fine della mozione – conclude Pasqua – è dunque quello di impegnare la Giunta regionale a volere verificare l’opportunità di attivarsi nella direzione e con le modalità che riterrà più opportune al fine di risolvere la delicata problematica».

  • Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria" Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria"

    Anche il Polo museale di Soriano Calabro aderisce alla “Giornata regionale dei Musei di Calabria “, organizzata dalla Giunta regionale e in programma per sabato, 24 novembre.

    L’iniziativa prevede l’apertura delle più importanti strutture museali sparse su tutto il territorio regionale e, tra queste, c’è anche il polo di Soriano il cui ingresso per quella giornata sarà gratuito. Inoltre, per come affermato in una nota dal sindaco Francesco Bartone, sono state «programmate iniziative volte a coinvolgere l’interesse del pubblico. La nostra cittadina spalancherà le porte del MuMar, della Pinacoteca, del Museo archeologico territoriale della ceramica medievale e del Gabinetto regionale dei disegni e delle stampe antiche della Calabria dove, tra l’altro, è conservato un corpus di carte geografiche originali dal ‘500 all’800».

    Le visite saranno guidate da storici dell’arte e archeologi, mentre in un laboratorio di ceramica ci sarà la dimostrazione della lavorazione artistica del maestro napitino Antonio Montesanti.

  • 'Estate a casa Berto', ospiti Tognazzi, Criaco, Gangemi e Izzo 'Estate a casa Berto', ospiti Tognazzi, Criaco, Gangemi e Izzo

    CAPO VATICANO - Si avvia alla sua conclusione la rassegna "Estate a casa Berto", con i due ultimi giorni in cui saranno protagonisti la “letteratura”, la “fiction” e la musica. Si partirà stasera con degli ospiti tanto attesi, Ricky Tognazzi, Maurizio De Giovanni, Gioacchino Criaco e Mimmo Gangemi, per proseguire domani sera con Simona Izzo e la conclusione poi con Faber Musicae.

  • “Il saltozoppo" di Criaco e la decostruzione del mito mafioso. Un altro futuro è possibile “Il saltozoppo" di Criaco e la decostruzione del mito mafioso. Un altro futuro è possibile

    Dopo la «trilogia cupa» cominciata con il romanzo di esordio “Anime Nere” e conclusa con “Zefira” e “American Taste”, nelle maglie noir della letteratura calabrese di Gioacchino Criaco sembra disvelarsi un mondo del possibile, custodito dalle donne nella loro innata capacità di offrire amore. Quella capacità che solo loro posseggono e che ne diviene dal grembo materno.

  • Operazione antidroga tra la Sicilia e la Calabria: perquisizioni anche a Vibo Operazione antidroga tra la Sicilia e la Calabria: perquisizioni anche a Vibo

    Operazione antidroga dei carabinieri di Siracusa che, a seguito di una vasta operazione, sono riusciti a smantellare un'organizzazione dedita al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno