Sabato, 23 Giugno 2012 17:54

Il Prisma/16. Sleeping

Scritto da Filippo Rachiele
Letto 1285 volte


mini IMG_0136_800Il Prisma (rubrica fotografica settimanale a cura di Filippo Rachiele).

La copertina della rubrica si intitola "Pianoforte".

"C'è a chi piace suonare, a chi cantare e a chi scrivere libri a me piace scattare foto..." 



 Sleeping

Tu dormi e sogna così... dormi che sono sveglio... sogna quello che vuoi (Avion Travel)

Il Prisma_017_-_Filippo_Rachiele 


Il Prisma/15 ?          ?Il Prisma/17


 

Articoli correlati (da tag)

  • Caso Ceravolo, l'appello del papà di Filippo: 'Intervenga il ministro Alfano' Caso Ceravolo, l'appello del papà di Filippo: 'Intervenga il ministro Alfano'

    mini martinocerSORIANO CALABRO - “Spero tanto che questa storia possa avere al più presto possibile un epilogo, che sia fatta piena luce sull'omicidio di mio figlio ma, soprattutto, che siano individuati i responsabili”. A dirlo ai microfoni di "A Sangue freddo" - programma condotto da Nadia Donato e Loredana Colloca sull'emittente tv LaC - è Martino Ceravolo, papà di Filippo, il giovane ucciso per errore nell'ottobre di due anni fa sulla strada che collega Pizzoni a Soriano Calabro. “Mi rivolgo ancora una volta al ministro dell'Interno, Angelino Alfano, affinchè si faccia carico di questo caso, altrimenti è chiaro che se non ci dovessero essere risposte nel più breve tempo possibile, allora farò una protesta personalmente a Roma. Non vorrei vedere – ha aggiunto Martino – altri ragazzi di 19 anni in una bara bianca così come successo a mio figlio”.

    Il fatto, come si ricorderà, risale al 25 ottobre 2012. Era di giovedì. Quella sera Filippo aveva deciso di recarsi a Pizzoni per trovare la ragazza. Non ci sarebbe rimasto, poi, molto, perchè il giorno seguente il giovane di Soriano avrebbe dovuto alzarsi presto al mattino per andare al lavoro con il padre in giro per i mercati della zona. Fatta una certa ora, Filippo ha deciso di rincasare e, nel farlo, ha chiesto un passaggio a Domenico Tassone. Tanti sono state fino ad ora i giovani morti ammazzati. Filippo, però, a differenza di molti altri, era un innocente. Un ragazzo che non ha mai avuto problemi con la giustizia ma che, alla fine, ha pagato con il prezzo più caro la scelta di salire in macchina con la persona sbagliata. Obiettivo dei sicari, infatti, era proprio Tassone ma, per una pura fatalità, uno sbaglio, gli assassini hanno colpito, uccidendo Filippo, molto qualche ora dopo all'ospedale “Jazzolino” di Vibo Valentia.

    A distanza di oltre due anni, dunque, la famiglia Ceravolo attende di avere giustizia. Attende di conoscere chi, quella sera, ha avuto il coraggio di sparare senza accorgersi che in quella macchina c'era anche Filippo. Pretende che sul caso sia fatta piena luce. E lo Stato ha il dovere di dare giustizia, perchè un omicidio come quello di Filippo, a distanza di due anni, non può rimanere impunito.

     

  • Promozione, pareggio prezioso per la Serrese. Il Soriano supera la capolista: risultati e classifica Promozione, pareggio prezioso per la Serrese. Il Soriano supera la capolista: risultati e classifica

    mini lndUn 2-2 che vale come una vittoria per la Serrese di mister Amoroso che, in trasferta, ha disputato un'ottima gara, imponendo la propria superiorità sui dirimpettai in classifica del Marina di Gioiosa, a soli due punti di distanza. I biancoblu, dopo il poker di domenica scorsa rifilato al Rizziconi, si presentano in casa del Marina di Gioiosa a pancia in dentro e petto in fuori, dimostrando un'ulteriore prova di forza. Nonostante al 32' i padroni di casa siano andati in vantaggio grazie a un calcio di rigore, la squadra del presidente Albano si rimpossessa presto del pareggio un minuto più tardi con Ruga. Nella seconda frazione di gioco, il risultato di sblocca al 79' con il centrocampista Bottiglieri, che riporta in vantaggio i padroni di casa. A rimettere le cose a posto, all'83', ci pensa il giovane e sempre efficace Zaffino, ancora una volta trascinatore dei suoi. Un punto importante conquistato fuori casa, che permette alla Serrese di rimanere salda a metà classifica, lontano da posizioni scomode in odor di retrocessione.

    Il Soriano di mister Baroni si aggiudica la supersfida della dodicesima giornata, battendo in casa la capolista Cittanova, agguantando dunque Deliese e Villese al secondo posto in classifica. In un match ricco di emozioni sia da una parte che dall'altra, la squadra del presidente Enzo Mangiardi, priva dello squalificato Macrillò, batte meritatamente la corazzata reggina, con i gol di Greco ed il capolavoro su punizione di Franzè, con la palla che si infila all'incrocio dei pali, dove il portiere non può arrivarci. Un incontro, quindi, entusiasmante quello tra Soriano e Cittanovese che, anche questa volta, hanno dimostrato tutte le proprie potenzialità e, soprattutto, la possibilità di ambire a ben altre categorie. Settimana prossima, impegno delicato per i rossoblu contro la Villese.

    Nell'altra partita che si è disputata questo pomeriggio, quella tra Rizziconi e Aurora Reggio, ha visto i padroni di casa imporsi con un tennistico 4-3. Un risultato, questo, che sorride anche alla Serrese, visto che i biancoblu, pareggiando contro il Marina di Gioiosa, hanno agguantato appunto l'Aurora a 16 punti.

    Negli anticipi di ieri, infine, si sono registrati due pareggi (quello tra Bagnarese-Deliese e San Giuseppe-Locri) e tre vittorie, di cui due in trasferta (quella del Caulonia contro il Gioiosa e quello della Villese contro il Bianco, fanalino di coda del campionato). Successo anche per ReggioMediterranea in casa contro il Polistena.

    Questi i risultati completi della dodicesima giornata e la classifica

     

    Bianco-Villese  1-3 (giocata ieri)
    Bagnarese-Deliese 1-1 (giocata ieri)
    ReggioMed-Polistena 2-0 (giocata ieri)
    Gioiosa Jonica-Caulonia 0-1 (giocata ieri)
    San Giuseppe-Locri 0-0 (giocata ieri)
    Soriano-Cittanovese 2-1
    Marina di Gioiosa-Serrese 2-2
    Rizziconi-Aurora Reggio 4-3

     

    Classifica

     

    Cittanovese 30
    Villese 23
    Deliese 23
    Soriano 23
    ReggioMed 22
    San Giuseppe 22
    Locri 21
    Bagnarese 18
    Serrese 16
    Aurora Reggio 16
    Caulonia 16
    Marina di Gioiosa 14
    Rizziconi 8
    Polistena 7
    Gioiosa Jonica 4
    Bianco

    -2

     

  • Serra, gli studenti scendono in piazza: 'Ci stanno rubando il futuro' Serra, gli studenti scendono in piazza: 'Ci stanno rubando il futuro'

    mini manifestazione1Sono scesi in piazza contro quella che loro stessi definiscono una “situazione intollerabile” gli studenti delle scuole superiori di Serra San Bruno. Nella mattinata di oggi, infatti, un centinaio di ragazzi dell' Istituto tecnico commerciale, l'Istituto per Geometri e quello dell'Alberghiero, hanno organizzato una manifestazione durante la quale gli studenti hanno espresso tutto il proprio disappunto contro i “tagli che la Regione Calabria e la Provincia di Vibo” avrebbero attuato nei confronti della scuola. Il corteo – al quale non hanno aderito gli studenti del Liceo Scientifico - è partito intorno alle 8.30 dall'istituto “Einaudi” per poi dirigersi in piazza Municipio dove il rappresentante d'istituto e organizzatore della manifestazione, Emanuele Gallè, ha fatto il suo breve intervento: “Siamo nell'abbandono più totale. Le istituzioni, ormai, non si preoccupano più dei nostri istituti e fanno finta di nulla. Siamo stati in silenzio per molto tempo, ma adesso è giunto il momento di dire basta”.

    Gallè, poi, si è concentrato nello specifico sulle problematiche che riguarderebbero i singoli stabili: “Abbiamo un istituto alberghiero non degno di ospitare esseri umani, che si presenta addirittura con aule prive di porte e finestre. E' da, ormai, parecchio tempo che abbiamo rinunciato a svolgere qualunque forma di attività fisica (nostro grande diritto) e ogni qualvolta che ne facciamo richiesta ci viene data sempre la solita risposta, ossia che la colpa è sempre degli altri, vale a dire Comune, Provincia e Regione. Noi studenti che viviamo in un piccolo comune come quello di Serra non abbiamo mai portato avanti una forma di protesta seria contro le istituzioni, gli unici colpevoli di questo abbandono. Cosa che invece avviene in tanti altri istituti Italiani”.

    Questi i punti sui quali gli studenti hanno concentrato la protesta: tagli da parte della Regione e della Provincia nei confronti della scuola; la drammatica situazione in cui versa l'istituto Alberghiero; la totale assenza di manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici scolastici; il diritto a svolgere adeguatamente una degna attività fisica e le nuove riforme sulla scuola.

    “Questa – ha concluso Gallè – sarò soltanto una prima di una lunga serie di manifestazioni che faremo nel caso in cui la situazione non dovesse cambiare. Il nostro vuole essere un messaggio chiaro alle istituzioni e, soprattutto, al preside dell'istituto, affinchè convochi quanto prima un tavolo, dove vengano fuori le proposte utili per porre fine a questa situazione”.

     

  • Svimez 2014, la Calabria resta la regione più povera d’Italia Svimez 2014, la Calabria resta la regione più povera d’Italia

    povertLa Cenerentola d’Italia è ancora la Calabria. La nostra regione si conferma la più povera dell’intera nazione con un Pil pro capite che nel 2013 si è fermato a soli 15.989 euro, meno della metà delle regioni più ricche della penisola: Valle d’Aosta (34.442 euro), Trentino Alto Adige (34.170 euro) e Lombardia (33.055). E’ questo quanto emerso dal rapporto Svimez 2014 presentato ieri a Roma. I dati dipingono un trend in calo per tutto il Mezzogiorno, che nel 2013 è sceso al 56,6% rispetto al valore del Centro-Nord. Un passo indietro di ben dieci anni, capace di riportare il Sud Italia ai livelli del 2003, con un Pil pro capite di 16.888 euro, mentre quello del Centro-Nord si è mantenuto a quasi il doppio: 29.837 euro pro capite. Un Sud, quindi, poverissimo, discriminato e senza lavoro, con alti tassi di povertà, emigrazione e disoccupazione e soprattutto con un progressivo invecchiamento della popolazione residente.

    Dati che confermano la crisi amara in cui è caduto il Mezzogiorno, una delle zone d’Europa ormai a maggiore rischio desertificazione, dove i flussi di emigrazione sono ripartiti con la stessa intensità della metà del novecento, tanto che solo nel 2013 si sono contati ben 116mila abitanti che hanno fatto le valigie per spostarsi dal Meridione verso altre zone d'Italia e d'Europa. Anche il saldo tra natalità e decessi si è chiuso in largo passivo. Fenomeni determinati, anche e soprattutto, da un impoverimento continuo (il tasso delle famiglie meno abbienti è aumentato del 40% nell’ultimo anno) e dalla cronica mancanza di occasioni occupazionali (perso l’80% dei posti di lavoro nazionali tra il primo trimestre del 2013 e del 2014).

    Il settore che più di tutti sembra aver accusato il colpo è quello industriale, che ha fatto registrare un calo del 53% degli investimenti dal 2007 al 2013, con un conseguente -20% degli operatori impegnati nel settore. Crollano anche i consumi delle famiglie (-13% in cinque anni) e la soglia dei soggetti occupati ha raggiunto i 5,8milioni, eguagliando il valore minimo registratosi dal 1977 ad oggi. Non va meglio per il settore turistico in preda ad una condizione di piena decadenza economica: fino all’agosto 2014 le imprese turistiche fallite o comunque sparite dal settore commerciale, hanno determinato un saldo negativo di 2.417 occupati.

    Nell’ambito della presentazione del rapporto Svimez 2014, si è provato, in conclusione, anche a proporre soluzioni utili a determinare una giusta inversione di tendenza. Tra le idee di “policy” emerse, la fiscalità di compensazione, il rilancio degli investimenti, una politica industriale nazionale specifica per il Meridione. Strategie – afferma lo Svimez – che si pongono dentro una visione di sviluppo nazionale centrata sul riscatto del Mezzogiorno, basata su quattro direttive principali: rigenerazione urbana, rilancio delle aree interne, creazione di una rete logistica in un’ottica mediterranea, valorizzazione del patrimonio culturale.

  • Serie A2 Volley, primi tre punti per la Tonno Callipo Serie A2 Volley, primi tre punti per la Tonno Callipo
    mini vedovottoLa Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia conquista i primi tre punti in campionato regolando 3-0 la formazione del Tuscania allenata da Paolo Tofoli. Riscattato il ko di Ortona nella prima gara della stagione giocata davanti al pubblico del Pala Valentia con una buona prova corale e, soprattutto, con la stratosferica prestazione di uno scatenato Vedovotto (foto Scalamandrè). Il martello veneto stellare nel corso del secondo set con il 90% in attacco (17 punti realizzati nell’intero match, tutti in attacco con 17 vincenti su 22 e il 77% alla fine dell’incontro). Tuscania combattiva soprattutto nel corso del secondo set. Non è bastata la buona prova di Buzzelli (18 punti con il 55% in attacco)
     
     
    LA CRONACA DEL MATCH
     
    PRIMO SET –  Parte forte la Tonno Callipo, 4-1 con il muro vincente di Presta. 10-5 mani e fuori di Shavrak. Due muri consecutivi di Buzzelli e Alborghetti, rispettivamente su Zanuto e Gavotto, riportano Tuscania sotto 10-7. Al riposo tecnico giallorossi avanti 12-9. Allungano i giallorossi con Vedovotto che firma due attacchi consecutivi e porta i suoi sul 15-10. Due errori di Shavrak portano la Tonno Callipo sul 22-13. I giallorossi allungano con Gavotto e chiudono il set grazie a Filippo Vedovotto 25-14
     
    SECONDO SET -  Break Tuscania con Buzzelli 4-6. 5-8 Shavrak. Ace di Festi 6-10. 10-11 i giallorossi sfruttano la rotazione in battuta di Forni e con Presta recuperano lo svantaggio. Determinante il rendimento di Filippo Vedovotto in attacco e a muro. 14-12 sorpasso a muro di Presta e attacco delizioso di Vedovotto. 15-12 ancora il martello veneto, break di 4-0. 20-18 Buzzelli accorcia, Feroleto in campo al posto di Zanuto. I giallorossi riallungano con Gavotto e Vedovotto e si riportano sul +4, 22-18. Chiama tempo Paolo Tofoli, coach del Tuscania. Sul 23-18, la Tonno Callipo perde lucidità e Tuscania si rifà sotto portandosi sul 23-21 dopo l’invasione a rete dei giallorossi, coach De Giorgi chiama tempo. 24-21 Vedovotto da posto due. Silva annulla la prima palla set 24-22. 24-23 Buzzelli annulla anche la seconda palla set. Dentro Korzenevics a muro per Presta. La chiude Gavotto 25-23 al terzo tentativo.
     
    TERZO SET – Break in apertura di set per la Tonno Callipo con l’ace di capitan Forni. Vedovotto è un cecchino e porta i suoi sul 10-7. Sull’11-9 per i giallorossi, Tuscania ritrova l’abbrivio con Buzzelli al servizio: ace dell’opposto dei laziali e attacco vincente sempre del numero 1 del Tuscania per l’11-11. Al riposo tecnico i ragazzi di De Giorgi virano avanti 12-11 con il mani e fuori di Zanuto. 14-12 muro del martello italo-brasiliano su Buzzelli. Gavotto allunga 15-12 con l’ace vincente in posto 5 su Shavrak. 17-16 Buzzelli. 17-17 ancora l’opposto del Tuscania. Gavotto trova il break del 20-18 e riporta avanti i suoi. 23-21 dopo l’attacco di seconda di Sintini. 24-21 muro giallorosso. Tuscania annulla una palla match con Shavrak, ma sul successivo il martello ucraino attacca out e la Tonno Callipo conquista il set 25-22 e il match 3-0.
     
     
    TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA – MAURY’S ITALIANA ASSICURAZIONI TUSCANIA 3-0 (25-14, 25-23, 25-22)

    TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: Sintini 1, Cesarini (L), Korzenevics, Forni 8, Vedovotto 17, Zanuto 7, Gavotto 13, Feroleto, Presta 6. Non entrati: Medic, Korniienko, Marchiani, Sardanelli (L2). All: De Giorgi
    MAURY’S ITALIANA ASSICURAZIONI TUSCANIA: Buzzelli 18, Marchisio (L), Festi 8, Ottaviani 4, Di Felice, Shavrak 11, Silva 1, Alborghetti 10, Krumins. Non entrati: Leoni, Vitangeli, Rossi. All. Tofoli
    ARBITRI: Sessolo e Palumbo
    NOTE: spettatori 800. Durata set: 22’, 28’ 27’. Tot.: 77’. Mvp: Filippo Vedovotto

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno