Lunedì, 21 Gennaio 2013 20:47

Le Terre che ballano da sole

Scritto da Sergio Gambino - Sergio Pelaia
Letto 1871 volte

mini mormanno“Lu Siettu”. La seduta. In ogni paese, e nel meridione la cosa diventa quasi obbligatoria, c’è un angolo del centro storico eletto dagli anziani indigeni a punto di ritrovo quotidiano. Le facce e i personaggi, in una sorta di equazione che si ripete anche in luoghi molto diversi, sono quasi sempre uguali, e se anche non vi fossero somiglianze somatiche tra i vari personaggi, certamente le assonanze caratteriali, le similitudini antropologiche, aumentano in modo esponenziale. L’impiegato comunale in pensione, l’operaio che ha perso la giornata di lavoro causa maltempo, l’emigrato di ritorno che racconta delle sue avventure e del suo “Klondike”, chi ancora non ha mai lavorato e fa l’opinionista di paese come attività prediletta.

 

Insomma un paese, una micro comunità come tante in Calabria. Lu “siettu” di Mormanno ha una storia. Un muro che costeggia un lato di una chiesa dalla facciata barocca dove gli elementi e i fregi in pietra locale la fanno da padrone. Questo muro era stato preso “di mira” dai commercianti del vicino paese, Laino Borgo, che arrivavano due volte a settimana in quel di Mormanno ad offrire i loro prodotti in cambio di denaro, oppure ancora barattando le proprie mercanzie con altri prodotti dei mormannesi.

Un paese come tanti, si diceva. Quando le regole del mercato erano eque, erano rispettose della persona, delle comunità e dei territori, i due piccoli centri montani arrivarono ad un accordo. Il comune di Laino, per agevolare i propri produttori, comprò quel muretto alto sessanta centimetri, pagandolo con un bosco di sua proprietà, di modo che i Lainesi avessero libero accesso al proprio “spazio commerciale”. Col passare del tempo e con l’affievolirsi dell’economia territoriale e locale, i mercati e gli scambi andavano scemando, preparando in questo modo la strada all’estinzione, poi avvenuta, della quasi totalità di quel tessuto virtuoso di scambi e di produzione che mantenevano in vita sia la terra che la sua popolazione. Il colpo di grazia lo diede quel minuto “ospedale di montagna” che, da buona arma a doppio taglio, offrì un servizio necessario a quei territori impervi ma, dall’altro lato, trasformò ottimi artigiani, allevatori e quant’altro in portantini e uscieri. La storia della Calabria. Quanti non cedettero più al proprio lavoro, alla propria arte ricevuta da generazioni  di lavoro e di esperienze, quanti videro nel posto statale la possibilità di migliorarsi e di lavorare in condizioni di non precarietà, decisero, forti di qualche decina di voti familiari, di farsi assumere nella struttura ospedaliera, decretando la definitiva e quasi assoluta dipartita delle attività artigianali.

Torniamo al “siettu” però. Divenne il centro di un paesino. Uno come tanti altri dicevamo. Ieri era transennato, e il sole, che nella tarda mattinata fino al primo pomeriggio (ore tipiche dei mercati) riscaldava quelle pietre trasformate in una lunga panca, non trovava più i suoi compagni a godere del suo timido calore invernale. Una trincea di tavole e nastro rosso e bianco strappato dal vento che separavano inesorabilmente “lu siettu” dai suoi ospiti, che rimanevano lì in piedi, quasi a disagio, ad ascoltare la zampogna. Tante case sono state trincerate dalle tavole e dal nastro. Tanti luoghi, tante storie, sono stati cancellati e nascosti ai propri abitanti.

Una terra che balla sotto il sole di montagna. Terre che ballano da sole in una danza tragica che smuove, che rompe, che incrina, che uccide, che terrorizza. Un ballo assordante e lunghissimo, durato per qualche decina di secondi. “I più lunghi della mia vita”, dice Francesco, che con la divisa della protezione civile ci accompagna a prendere gli strumenti che di lì a poco riempiranno di suoni della tradizione i viottoli del centro storico. “Pensavamo che non smettesse più: gli scricchiolii delle travi di legno e i solai che ad un certo punto ballavano al ritmo di un danza alla quale non ti puoi permettere di rifiutarti di ballare…le grida di paura di quella gente che oramai se lo aspettava… Da mesi sentiamo decine di scosse al giorno – aggiunge – ci siamo quasi abituati”. Ma alla paura non ci si abitua. Non si può fare l’abitudine all’ansia, all’attesa di un evento che vorresti non accada mai, ma che sai bene che è in agguato, sotto terra, come un gigante sepolto vivo che cerca di uscire dalle viscere della terra nella quale è stato intrappolato, un precipitato dal cielo nelle viscere della terra, come Lucifero, che si trova incastrato tra la pietra calcarea “Pollinare” e si dimena per rivedere la luce.

IL TERREMOTO. 25 ottobre, poco dopo l’una di notte, magnitudo 5. Il Pollino già tremava da due anni, continuerà a tremare anche dopo. A Mormanno 250 abitazioni vengono dichiarate inagibili. Centinaia di persone vengono allontanate dalle loro vite, dalle loro storie. Devono arrangiarsi, chiedere aiuto a parenti e amici, trovarsi un posto dove vivere, da ospiti. Nessun luogo sarà mai più casa per loro, se non potranno tornare a Mormanno. Anche la chiesa, nella piazza del paese, dove c’è “lu siettu”, è inagibile. Niente più messa. Il supermercato di fronte, chiuso. Tutto il centro storico è piegato dal sisma. L’ospedale, purtroppo, non ha dovuto attendere di essere ridimensionato dal piano di rientro. Inagibile, chiuso. Il paese, ricadendo nel Parco nazionale del Pollino, si stava risvegliando. Un centro storico aggrappato alla montagna, a 800 metri di altezza, circondato da cime innevate che abbracciano vallate e paesi avvolti dalla nebbia. Un nugolo di vicoli lastricati in pietra che salgono in alto fino a dare il senso della sospensione. Ogni angolo curato, pulito. La gente di montagna si assomiglia tutta: ospitale e sanguigna, diffidente solo all’apparenza ma poi quasi grata al visitatore per la sua occasionale attenzione. Ogni muro però ha una ferita, un segno del passaggio della calamità. L’ostello della gioventù è vuoto, danneggiato. Dopo il sisma Mormanno si è fermata, e un altro spettro ha cominciato ad aleggiare come la nebbia bassa sulle montagne.

La gente ha cominciato ad andare via per il drammatico bisogno di trovare altrove una casa. Con l’ospedale chiuso, chi ci lavorava viene ovviamente trasferito altrove. Le strade, i bar, le piazze, si svuotano. Gli anziani non hanno più neanche un muro dove ritrovarsi. Lo spopolamento incombe, come su tanti altri meravigliosi paesi dell’entroterra calabrese resi unici ma talvolta anche sfregiati dalla natura. Non una sola persona, delle centinaia rimaste senza una casa, ha avuto finora l’aiuto delle istituzioni pubbliche. “Dicono che i soldi stanno per arrivare - ci spiegano - ma qui noi non abbiamo visto ancora nulla. E poi adesso ci sono le elezioni...”. Intanto, se mai questi finanziamenti arriveranno, la paura è che interessi loschi si incontrino con la malapolitica per spartirsi a tavolino una torta invece destinata a far rinascere un paese. Uno come tanti, ferito e lasciato lì a sanguinare.

Articoli correlati (da tag)

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

  • Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco

    mini Carabinieri-sorianelloVIBO VALENTIA - Sarebbe uno degli autori di una rapina ai danni di un distributore di carburanti che avrebbe fruttato nel complesso 15mila euro. Con questa accusa, i carabinieri hanno fermato nella giornata di ieri Giuseppe Lo Bianco, classe '72, pluripregiudicato appartenente all'ominimo clan operante nella città capoluogo. Il fatto risale intorno alle 18 di ieri, quando due persone con il volto coperto e armate di pistola, hanno fatto irruzione in un distributore situato nella centralissima viale Affaccio, intimando il titolare facendosi consegnare la somma in contanti che ammontava a 15mila euro. Subito dopo i malviventi si sarebbero dati alla fuga a bordo di un'autovettura, guidata da un altro complice. Scattato l'allarme, i carabinieri nel giro di pochi minuti sono riusciti a rintracciare la macchina in località Ottocanalli. Alla guida c'era lo stesso Lo Bianco che è stato immediatamente bloccato. Dalla perquisizione eseguita all'interno dell'autovettura, inoltre, i militari hanno rinvenuto un passamontagna nascosto sotto i sedili che sarebbe lo stesso utilizzato dai malviventi per compiere la rapina. Il 42enne, posto in stato di fermo e tradotto in carcere, è già noto alle forze in quanto rimasto coinvolto nell'operazione “Cash”, scattata nel luglio del 2011. Nei suoi confronti, infine, viene contestata anche un'altra rapina, messa a segno ad ottobre in un supermercato di Vibo.


     

  • Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva

    mini carabieniri_notteI carabinieri della Stazione di Soriano Calabro, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione, nella serata di ieri, all'ordine di carcerazione per l'espiazione di una pena detentiva, emessa dalla Procura generale di Catanzaro, nei confronti di tre soggetti: si tratta di Giuseppe Capomolla, 34enne residente a Soriano, già noto alle forze dell'ordine, e Pietro Nardo, di 45 anni, residente a Sorianello ma domiciliato a Gerocarne, entrambi responsabili del reato di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Capomolla è stato condannato a 4 anni e 10 mesi di reclusione, mentre di 4 anni e 5 mesi è la pena inflitta a Nardo. L'altro arrestato è, invece, Bruno Sabatino, residente a Gerocarne, anche lui pregiudicato, che dovrà espiare una pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione, in quanto responsabile dei reati di porto abusivo di armi e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le condanne si riferiscono alle indagini scaturite dall'operazione Ghost, conclusa nel 2009 dalla Polizia di Stato, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne. Capomolla e Nardo sono stati tradotti presso il carcere di Vibo, mentre Sabatino è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. 

     

  • Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera

    mini polizia_cantonaleLa Polizia cantonale ha arrestato nei giorni scorsi in Svizzera Antonio Montagnese, 35 anni di Fabrizia, ritenuto al vertice dell'omonimo clan Montagnese-Nesci, e già condannato in Cassazione ad una pena di 9 anni di reclusione con l'accusa di associazione mafiosa. Il 35enne era rimasto coinvolto nell'operazione “Domino”, scattata nel 2007. Montagnese è il genero di Bruno Nesci, anche lui al vertice della consorteria mafiosa. Subito dopo la sentenza della Cassazione, arrivata nel maggio di quest'anno che ha certificato l'esistenza di un locale di 'ndrangheta a Fabrizia, Montagnese si era dato latitante in Svizzera, ma la Polizia Cantonale dopo mesi di ricerche è riuscita a rintracciarlo. 

     

  • Mongiana, il WWF organizza la giornata della biodiversità Mongiana, il WWF organizza la giornata della biodiversità

    mini giornata_biodiversitRiceviamo e pubblichiamo

    Dopo il successo dell’anno scorso, che ha visto i volontari del WWF impegnati nell’opera di sensibilizzazione alla conservazione del nostro patrimonio naturalistico nella suggestiva cornice del vivaio forestale “Rosarella” di Serra San Bruno, l’associazione ambientalista invita tutti ad un nuovo appuntamento con la biodiversità e il contrasto alle minacce che incombono su di essa. Attivisti, soci, simpatizzanti e cittadini, domenica prossima, dalle 10,30, saranno ospiti delle splendide strutture di Villa Vittoria a Mongiana, messe a disposizione dal Comando Provinciale del Corpo Forestale che ha risposto con entusiasmo alla proposta del WWF Calabria.

    La tradizionale manifestazione del WWF assume quest’anno un carattere particolare, essendo legata alla campagna del WWF Italia denominata “Stop ai crimini di Natura”, una iniziativa finalizzata a far conoscere all’opinione pubblica i pericoli gravissimi che minacciano la biodiversità in tutto il mondo, senza sottovalutare gli attacchi continui che subisce la Natura d’Italia e della nostra regione. Il programma prevede, oltre alla presentazione della campagna nella sala conferenze, l’allestimento di tavoli per raccogliere adesioni, percorsi di interesse botanico e faunistico (a cura del CFS) e una visita al museo delle Ferriere.

    Distruzione, alterazione e frammentazione degli habitat naturali, caccia eccessiva, bracconaggio, commercio illegale e introduzione di specie “aliene”, oltre alla minaccia globale rappresentata dal riscaldamento del pianeta determinato dall’effetto serra, sono le sfide quotidiane che il WWF è impegnato a contrastare , con la sola forza dei suoi volontari, degli scienziati e dei milioni di persone, che, in tutto il mondo, sostengono concretamente questa autentica guerra per salvare il pianeta e le irripetibili e meravigliose creature che lo popolano e lo rendono straordinario.

    Un impegno di civiltà e di amore che il WWF combatte dal 1961 in ogni regione della Terra per salvare dall’estinzione le ultime Tigri in Asia (ne sopravvivono in tutto 3200) o gli ultimi Rinoceronti sterminati per l’utilizzo del corno nei paesi orientali (della specie che vive a Giava, ne sono rimasti appena una cinquantina!); per non parlare delle poche centinaia di Gorilla di montagna rimasti, che vengono ancora braccati e massacrati per la carne o minacciati dalla distruzione delle loro foreste. Gli stessi elefanti africani, il simbolo stesso della savana, vengono crudelmente abbattuti dai bracconieri al ritmo impressionante di 22.000-25.000 all’anno . Ma l’elenco delle specie animali e vegetali che la terra rischia di perdere in breve tempo è sconvolgente e si allunga ogni giorno che passa, tanto da aver indotto gli scienziati a parlare di una “sesta estinzione di massa ”, dopo le cinque che hanno sconvolto la vita sul pianeta nelle passate ere geologiche. Con la differenza che stavolta, ad essere responsabile della fine di migliaia di specie, è un’altra specie: la nostra.

    Del resto gli Italiani e i Calabresi sanno benissimo che l’assalto alla natura e agli animali ha assunto anche da noi il livello di allarme rosso, considerato il continuo massacro del territorio e le minacce che gravano sulla nostra fauna. Un assalto contro cui agiscono, spesso a rischio della vita, i Ranger del WWF in tutto il mondo e, in Italia, 300 eroiche Guardie Venatorie Volontarie che , dalle Alpi alla Sicilia, sacrificano il loro tempo e i loro soldi per salvare orsi e lupi, uccelli migratori o per denunciare gli innumerevoli “Crimini di natura” che vengono commessi quotidianamente in ogni parte dell’ex “Bel Paese”, mettendo a repentaglio la salute dell’ambiente e, con essa, quella degli stessi abitanti. Un drappello di queste autentiche sentinelle dell’ambiente, sotto le insegne del Panda, opera da tempo in Calabria ed è anche al loro impegno quotidiano, così come all’insostituibile ruolo svolto tradizionalmente dal Corpo Forestale dello Stato, che l’appuntamento di Mongiana è dedicato.

    Per arrestare la folle corsa verso la distruzione del pianeta (l’unico che abbiamo!), il WWF chiede il sostegno di tutti: sul sito www.wwf/criminidinatura chiunque può informarsi maggiormente sul fenomeno e sostenere la campagna del WWF con una donazione, oltre a diffondere le informazioni e sottoscrivere la petizione per chiedere sanzioni più severe contro chi uccide specie selvatiche.


    WWF Calabria


Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno