Venerdì, 22 Luglio 2016 09:47

Serra, al via dal Museo della Certosa il tour di Coldiretti Calabria sul Psr

Scritto da Redazione
Letto 1395 volte

Il nuovo programma di sviluppo rurale è stato il tema principe dibattuto nella giornata di ieri all’interno della sala riunioni della Certosa di Serra San Bruno e trasmesso in diretta dall’emittente radiofonica RS98.

Al convegno, organizzato da Coldiretti Calabria, oltre ai rappresentanti dell’organizzazione degli imprenditori agricoli, hanno preso parte tanti cittadini e imprenditori locali curiosi di conoscere l’iter di presentazione della domanda per poter usufruire dei finanziamenti della nuova programmazione comunitaria, approvata dalla Regione Calabria nel novembre scorso.

Al tavolo dei relatori a prendere per primo la parola, in qualità di moderatore del dibattito, è stato il direttore della federazione interprovinciale Coldiretti, Pietro Bozzo. Dopo i ringraziamenti di routine, arrivati anche dal sindaco di Serra presente all’evento, Luigi Tassone, nella sala riunioni della Certosa è stato proiettato un video che dalle iniziative locali fino ad Expo ha mostrato un riassunto delle attività promosse da Coldiretti l’anno scorso. L’intervento introduttivo è stato affidato a Pietro Sirianni, responsabile regionale di Campagna Amica. Sirianni ha incentrato il proprio discorso sulla vendita di prodotti agricoli su base locale fino a toccare la grande distribuzione. «Con l’ausilio dei nuovi Psr – ha dichiarato Sirianni – si presenta la seria possibilità di fare impresa a livello calabrese. L’esperienza Campagna Amica insegna che partendo dalla filiera corta, con il cosiddetto “cibo di strada”, si può presto passare alla grande distribuzione grazie al marchio Fdai (Firmato dagli agricoltori italiani) che comunque continuerebbe a garantire l’identità agricola dei produttori locali chiamati a immettere i loro prodotti nella rete interregionale». Lo stesso ha rimarcato come sia grande in questo periodo l’interesse dei centri commerciali nel promuovere prodotti locali grazie ai mercati organizzati da Coldiretti. Giovanni Cipolla, responsabile economico Coldiretti, è entrato nel merito dei Psr sottolineando le novità rispetto alla precedente programmazione comunitaria (2007-13). «Oggi – ha relazionato Cipolla – l’attenzione si è spostata di più sulle aree montane e zone svantaggiate dove soprattutto i giovani possono usufruire di finanziamenti fino al 70% di fondo perduto. Anche i premi ora sono in crescita, infatti il limite è passato da 2 a 1 ettaro di terreno per potervi accedere». Infine, toccando proprio il territorio di Serra San Bruno, Cipolla ha sottolineato quanto importante sia uno dei criteri di selezione di accesso ai finanziamenti ossia la «localizzazione geografica» che premia i luoghi montani. Lo stesso di seguito ha ceduto il timone a Mario Rutella, il quale si è soffermato sulle tre misure dei finanziamenti ossia «la produzione, la trasformazione e l’efficienza energetica di un’azienda agricola». Rutella ha spiegato come oggi anche i tempi di ottenimento del finanziamento siano diminuiti. «Col nuovo Psr – ha dichiarato – si è tentato di snellire di molto anche la macchina burocratica, grazie alla presentazione delle domande tramite un sistema informatico. Domande che si possono presentare in forma singola per il finanziamento in scadenza a settembre e anche in forma collettiva in futuro, attraverso Associazioni temporanee di impresa o di scopo. Modalità in aggiornamento per i prossimi bandi».

La carrellata di chiusura è affidata ai ringraziamenti rispettivamente di Onofrio Casuscelli presidente di Coldiretti Vibo, Mimmo De Paola rappresentante dell’azienda Fondo dei Baroni (tra gli organizzatori dell’incontro serrese) e Pietro Molinaro presidente regionale Coldiretti. Quest’ultimo, sottolineando la leadership calabrese e italiana nel mondo in tema di prodotti dop e igp, ha rimarcato le potenzialità di crescita del settore agricolo in tutta la regione anche grazie al nuovo Psr.  

Articoli correlati (da tag)

  • Danni legati al maltempo in diversi territori della provincia Danni legati al maltempo in diversi territori della provincia

    fulmineBrusco principio d’autunno per il nostro territorio: si è registrato, solo in Sicilia e Calabria, oltre il 23% delle precipitazioni in più rispetto alla media del Sud Italia. A fornire le cifre dell’analisi inerente all’ondata di maltempo che si è abbattuta sulle due regioni nel weekend appena trascorso è stata questa mattina la Coldiretti, sulla base dei dati Ucea, che ha realizzato il monitoraggio dei danni provocati dai nubifragi.

    Se in Sicilia a pagare dazio sono state, in particolare, le zone care al commissario Montalbano, personaggio ideato dallo scrittore Andrea Camilleri, di certo non può sorridere in Calabria il territorio afferente alla provincia di Vibo Valentia, dove si sono registrati diversi casi di allagamenti e smottamenti di terreno.

    Proprio la Coldiretti si è attivata, fin dalle prime ore di oggi, contestualmente al consorzio di bonifica, per il ripristino dei territori colpiti e, soprattutto, per prevenire danni peggiori nel caso in cui le condizioni di maltempo dovessero persistere. Il grosso dell’ondata determinata dalle copiose precipatazioni, caratterizzata da lampi e qualche tromba d’aria, si è registrato nel pomeriggio di ieri, attorno alle ore 17. Alla fine il bilancio parla di danni ingenti per numerosi allagamenti, crolli di alberi spazzati via dal vento a dalla pioggia, tombini scoperchiati dai grossi flussi di acqua piovana, in particolare nella zona del capoluogo, ma anche nella frazione Piscopio, mentre a Vibo Marina un albero ha ostruito la circolazione del traffico della Statale 18.

    Altri danni si sono verificati nei comuni di Mileto, Ionadi e San Costantino. In particolare sulla fascia costiera numerosi sono stati gli interventi dei vigili del fuoco a fronte di decine di richieste di soccorso. Per fortuna, in definitiva, non pare si possano contare danni a persone, ma di certo i disagi idrogeologici presenti su tutto il territorio provinciale non fanno presagire nulla di buono per la stagione invernale alle porte.

  • Serra, la Coldiretti mette radici in città Serra, la Coldiretti mette radici in città
    mini logo_coldiretti_calabria
    Riceviamo e pubblichiamo
     
     
    La Coldiretti mette radici nel paese della certosa. Alle 16 e 30 di oggi, infatti, la principale organizzazione italiana degli imprenditori agricoli aprirà un proprio sportello in via Aldo Moro. Ad inaugurare il nuovo ufficio, destinato a diventare un punto di riferimento per quanti espletano la loro attività lavorativa nel mondo dell'agricoltura, ci sarà il presidente della sezione vibonese, Domenico De Paola ed i direttori interprovinciali di Catanzaro, Crotone, Vibo Valentia, Pietro Bozzo e Piero Sirianni. A fare gli onori di casa ci penserà, invece, la neo referente di zona Francesca Squillace. L'organizzazione, il cui acronimo significa Confederazione nazionale coltivatori diretti, è stata fondata nel 1944 da Paolo Bonomi con l'intento di offrire sostegno sindacale a piccoli imprenditori agricoli. Oggi, con un milione e seicentomila associati, l'organizzazione ha esteso il proprio raggio di azione che spazia dal settore agricolo a quello della pesca. In particolare, nel corso degli ultimi anni, al fine di supportare ulteriormente la rete dei piccoli produttori, Coldiretti ha lanciato "Campagna amica". L'iniziativa, nell'offrire agli agricoltori l'opportunità di sviluppare la prima catena di vendita diretta di prodotti ,ha avuto il merito di favorire il progetto di una filiera agricola tutta italiana. La presenza di Coldiretti nel territorio serrese rappresenta, quindi, una buona opportunità per quanti operano in un settore produttivo tanto difficile, quanto ricco di potenzialità in espresse.
  • Vibo, alluvione 2006: alle aziende agricole ancora nessun risarcimento Vibo, alluvione 2006: alle aziende agricole ancora nessun risarcimento

    mini alluvione_vibo1La Coldiretti Calabria richiama ancora una volta l'attenzione sui fondi destinati alle imprese agricole del vibonese che subirono ingenti danni dall'alluvione del 3 luglio 2006. Di seguito la nota di Coldiretti: "A distanza di cinque anni e mezzo, dall’evento alluvionale verificatosi nella provincia di Vibo Valentia che arrecò gravi danni al territorio, alle attività produttive ed alle persone, le 61 aziende agricole danneggiate, non hanno avuto alcun indennizzo. Questo il dato che emerge a fronte di tante istruttorie, di passaggi di competenze e trasferimento di fondi che ad oggi non hanno prodotto nulla se non lungaggini ed illusioni. La Coldiretti Calabria, ha scritto una lettera al Commissario delegato il presidente della Regione Scopelliti, al presidente della provincia di Vibo Valentia

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno