Martedì, 16 Agosto 2016 14:56

Terramargia 2016, i fagioli del 'Brigante' coltivati dentro le mura della Certosa

Scritto da Redazione
Letto 2970 volte

«Qui il riposo è unito al lavoro, l’attività è senza agitazione e senza turbamento». (San Bruno)

Il legame tra la Certosa di San Bruno e i serresi è storicamente custodito anche dalla “madre terra” e dai suoi frutti. Si tratta di un rapporto tanto antico quanto solido, che oggi si rinnova e si rafforza attraverso il progetto che il monastero bruniano ha avviato assieme all’associazione culturale “Il Brigante”. La collaborazione tra il sodalizio, che già da tre anni si occupa di agricoltura solidale e di sviluppo sostenibile nel territorio delle Serre, e la Certosa ha fatto sì che quest’anno si concretizzasse la coltivazione del fagiolo bianco “a pisello” – già al centro del progetto “Terramargia” – all’interno delle mura che proteggono il silenzio dei monaci certosini.

La coltivazione dell’ecotipo – un tempo molto diffuso nella zona – è diventata realtà grazie all’unità d’intenti tra il priore della Certosa, dom Basilio Trivellato, e gli attivisti dell’associazione: l’idea che si va materializzando è infatti quella di mettere in atto pratiche di agricoltura solidale e sostenibile, ovvero “a misura d’uomo”, evitando qualsiasi trattamento chimico dei terreni e delle piante, così come ogni forma di sfruttamento intensivo sia delle colture che del lavoratore.

Le sementi del progetto “Terramargia” sono quindi state piantate e stanno crescendo rigogliose su un terreno che per centinaia di anni è stato coltivato solo dai monaci certosini. Dopo il raccolto, i fagioli bianchi delle Serre coltivati in Certosa saranno selezionati singolarmente e manualmente, per poi essere immessi nel circuito dei Gruppi di acquisto solidale in cui “Il Brigante” è stabilmente inserito. Entrambe le realtà coinvolte hanno dato vita a un progetto che, in tempi in cui la “globalizzazione” selvaggia e il mercato della grande distribuzione hanno sacrificato la qualità dei prodotti agricoli in nome della quantità e del profitto ad ogni costo, non sembra esagerato definire rivoluzionario. L’obiettivo, infatti, resta quello di diffondere le pratiche dell’agricoltura sostenibile soprattutto nel territorio e di dimostrare come un altro modo di lavorare la terra, mirato alla creazione di circuiti di microeconomia solidale, sia possibile e praticabile.

«Siamo grati – ha commentato il presidente dell’associazione “Il Brigante”, Stefano Catroppa – al priore dom Basilio Trivellato e a quanti fungono da tramite tra la Certosa e il mondo esterno, in primis Antonio Zaffino, per l’opportunità concessaci e soprattutto per la sensibilità dimostrata su tematiche che ormai rappresentano un nostro obiettivo primario. Più, infatti, la società contemporanea si allontana dall’uomo e dai suoi bisogni, più sentiamo forte la necessità di rallentare, di tornare alla genuinità della terra e di utilizzare e accudire i suoi frutti nel modo meno invasivo possibile. Aver portato il nostro progetto all’interno delle mura della Certosa è quindi per noi motivo di grande soddisfazione, ma speriamo si tratti solo del primo capitolo di una storia che vorremmo continuasse a lungo».

Il progetto di agricoltura solidale arricchito dalla collaborazione con la Certosa sarà uno degli argomenti di cui si parlerà nell’incontro dal titolo “Terra è Libertà – Dallo spopolamento delle aree interne alle nuove forme di resistenza sociale e culturale” che si terrà mercoledì 17 agosto dalle ore 18 nella piazzetta antistante la sede dell’associazione, nel centro storico di Serra San Bruno.

Associazione culturale “Il Brigante”

Articoli correlati (da tag)

  • Serra, al Brigante la presentazione del romanzo 'Pedro Felipe' ed il corso di scrittura creativa Serra, al Brigante la presentazione del romanzo 'Pedro Felipe' ed il corso di scrittura creativa

    SERRA SAN BRUNO - Domenica prossima, 7 agosto, presso la nostra sede, situata in via Chiesa Addolorata numero 9, alle ore 19, avremo il piacere di ospitare la presentazione del romanzo "Pedro Felipe" di Emanuele Tirelli.

  • 'Tra lumi e scuru', una collettiva d’arte nella piazzetta del Brigante 'Tra lumi e scuru', una collettiva d’arte nella piazzetta del Brigante
    mini lumiescuruContinua l’attività dell’associazione “Il Brigante”, che percorrerà ancora il proprio sentiero culturale, nel contesto specifico quello di artisti e artigiani, domenica 5 ottobre, all’interno dell’evento organizzato dalla Pro Loco: “Artigianando lungo le vie dell'arte”. Il centro storico di Serra San Bruno sarà lo scenario della mostra all’aperto. La piazzetta del Brigante verrà adibita a temporanea pinacoteca dagli attivisti dell’associazione, che in occasione dell’evento culturale inviteranno vari artisti del territorio, chiamati ad esporre le loro singolari opere. Alla collettiva d’arte dal caravaggesco nome “Tra lumi e scuru” (tra luce e buio) parteciperanno gli artisti serresi Mimmo Lo Iacono, Antonella Pisani, Giuseppe Jellamo e Vitantonio Tassone; Nicola De Luca e Maria Grazia Iozzo di Torre di Ruggiero e Beniamino Giannini di Vibo Valentia. Gli appassionati d’arte avranno la possibilità di conoscere le peculiarità di ciascun autore, che vanno – per fare un esempio – dal minuzioso iperrealismo di Vitantonio Tassone fino al gusto antiaccademico e quasi impressionista di Giuseppe Jellamo.
     
     
     
  • Al Brigante la ‘Festa della Capra’, con il ballo dei Giganti e lo spettacolo del cantastorie Nino Racco Al Brigante la ‘Festa della Capra’, con il ballo dei Giganti e lo spettacolo del cantastorie Nino Racco

    giganti raccoNella serata di domani sfileranno lungo Corso Umberto I, a Serra San Bruno, i celebri “Giganti” ad annunciare l’inizio della consueta “Festa della Capra”, la serata di chiusura della stagione estiva “Cu resta la cunta 2014”, realizzata dall’Associazione Culturale Il Brigante.

    La “Festa della Capra”, come ogni anno, arriva dunque a conclusione di un fitto calendario di eventi allestito dal sodalizio serrese per tutto il corso dell’estate. Per l’occasione, oltre al gioioso ballo di Mata e Grifone, seguiti dal frastuono della “Banda Pilusa”, la festa sarà allietata soprattutto dallo spettacolo teatrale inscenato del cantastorie Nino Racco. L’autore, che da oltre quindici anni, si occupa del recupero e della riproposizione della classica figura cantastoriale, si esibirà in un'evoluzione di carattere teatrale e, parallelamente, “storiografica” ripartendo, appunto, da dove i vecchi cantastorie della celebre scuola siciliana l'avevano lasciata.

    Lo spettacolo è un montaggio improvviso, deciso volta per volta, a seconda del contesto e dell’occasione, nel quale Nino Racco mette assieme stralci brevi o lunghi del suo tradizionale repertorio (la storia di Salvatore Giuliano; La Baronessa di Carini; Cola Pesce; la Canzone del Pesce Spada di Modugno, ecc.) per passare poi a “cantastoriate” più attuali che toccano temi quali i sequestri di persona in Calabria (Bubalina) e finanche il suicidio del poeta e cantante Luigi Tenco.

    A conclusione della serata l’imprescindibile riffa, con l’estrazione in piazza.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno