Domenica, 18 Marzo 2012 16:13

Verso il 21 marzo: gli scritti dei ragazzi. 'La cultura è l'unica arma di riscatto'

Scritto da Redazione
Letto 1690 volte

mini 418110_2825058509933_1363137067_32394325_2041403905_nIn vista della XVII Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, che l'associazione antimafia Libera celebrerà a Serra San Bruno il 29 marzo (http://www.ilvizzarro.it/a-serra-il-21-marzo-la-giornata-della-memoria-e-dellimpegno-in-ricordo-delle-vittime-innocenti-della-criminalita-organizzata.html), il Vizzarro.it pubblica alcuni scritti degli studenti dell'Istituto d'Istruzione Superiore "Luigi Einaudi".

Celebrare la XVII Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti della mafia, a Serra San Bruno, è davvero un evento straordinario, più unico che raro. Eh già! Perché queste cose non succedono spesso. Serra è un paese ricco di storia e di cultura, di bellezze artistiche e naturali, circondato del verde della natura… A questa terra, sembra proprio non manchi nulla. Ma, ormai, siamo in molti a sapere che non è del tutto così. Questo bellissimo paese riserva anche delle amare realtà e manifestare proprio qui, il primo giorno di primavera, dovrebbe aiutare a risvegliare un po’ tutte le coscienze

e il risveglio delle coscienze di conseguenze incrementa la libertà in questo territorio che, da moltissimi anni, vede sempre più in aumento delitti (a sfondo mafioso), guadagni, sangue e milioni. Con qualche differenza però: i delitti e il sangue che viene sparso segnano la vita di intere famiglie e straziano il loro cuore soffocato dal dolore; i guadagni e i miliardi, invece, rimangono nelle mani di quelle poche persone che, oltre tutto, infangano la propria terra e lasciano ad essa soltanto disprezzo e miseria, nonostante il mito dei codici d’onore, e tutto questo succede perché i “grandi uomini” sono abituati, da sempre, a sfruttare senza restituire.

Io però, molto spesso, mi chiedo: perché nessuno parla? Perché molti peccano d’omertà? E soprattutto, possibile che tutti i cittadini abbiano rinunciato alla libertà del proprio territorio, abbandonandolo al dominio del crimine?

A queste domande, però, nessuna risposta!

O forse l’unica risposta è che tutti, ormai, sono sottomessi a questo stato di cose e non osano ribellarsi pur dovendo rinunciare a tutto e forse anche alla propria libertà personale. Non dimentichiamo però che Serra è un territorio di uomini coraggiosi, uomini di giustizia che hanno saputo ribellarsi e che hanno saputo dire “no” alla ‘ndrangheta rinunciando a molte cose, come ad esempio continuare a vivere e crescere i propri figli lontano dalla terra in cui sono nati. I testimoni di giustizia.

Questo è un fatto che dovrebbe far riflettere soprattutto noi giovani, , conservandolo come sempio per la vita, manifestando ogni giorno, senza tregua contro questa forma di crimine e avvicinandoci di più al valore della legalità, anzi riscoprirla proprio come valore perché è questa l’unica strada per raggiungere la libertà e per far capire a questi “grandi uomini” che la misura è colma. E’ il momento di capire e di rendersi conto di cosa voglia dire tenere soggiogati paesi interi sotto la cappa della mafia che si è presa, ormai, anche il potere e l’autorità di controllare il respiro degli abitanti. Alla mafia non sfuggono più neanche le piccole cose visto che è proprio da quelle che iniziano a delimitare e a tracciare il confine del proprio dominio sul territorio, opprimendo così anche la parte sana della nostra terra. “La cultura è l’unica arma di riscatto, perché la malavita non è figlia della miseria ma dell’ignoranza. “Se questi mammasantissima pieni di soldi avessero avuto rispetto, loro che tanto farneticano di rispetto, della propria casa, come imparano a fare facilmente persino i cani che non sporcano la propria cuccia, la Calabria, almeno, oggi sarebbe meno povera e più sicura”. E’ il momento di fare, come ricorda spesso don Luigi Ciotti.

Giovanna Mammone (V B IGEA)

Articoli correlati (da tag)

  • Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria" Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria"

    Anche il Polo museale di Soriano Calabro aderisce alla “Giornata regionale dei Musei di Calabria “, organizzata dalla Giunta regionale e in programma per sabato, 24 novembre.

    L’iniziativa prevede l’apertura delle più importanti strutture museali sparse su tutto il territorio regionale e, tra queste, c’è anche il polo di Soriano il cui ingresso per quella giornata sarà gratuito. Inoltre, per come affermato in una nota dal sindaco Francesco Bartone, sono state «programmate iniziative volte a coinvolgere l’interesse del pubblico. La nostra cittadina spalancherà le porte del MuMar, della Pinacoteca, del Museo archeologico territoriale della ceramica medievale e del Gabinetto regionale dei disegni e delle stampe antiche della Calabria dove, tra l’altro, è conservato un corpus di carte geografiche originali dal ‘500 all’800».

    Le visite saranno guidate da storici dell’arte e archeologi, mentre in un laboratorio di ceramica ci sarà la dimostrazione della lavorazione artistica del maestro napitino Antonio Montesanti.

  • Trasversale, Comitato ancora all'attacco dell'Anas: «Ci nega l'accesso agli atti» Trasversale, Comitato ancora all'attacco dell'Anas: «Ci nega l'accesso agli atti»

    «Per Anas, evidentemente, i cittadini non devono sapere». Queste le parole riportare in una nota dalla vicepresidente del “Comitato Trasversale delle Serre - 50 anni di sviluppo negato”, Silvia Vono.

  • Serra, successo per il primo giorno della “Festa del Fungo”. Ristoranti sold out Serra, successo per il primo giorno della “Festa del Fungo”. Ristoranti sold out

    SERRA SAN BRUNO - Un bilancio più che positivo per il primo giorno della “Festa del fungo” organizzata dalla Pro Loco di Serra San Bruno.

  • Serra, parcheggi ed area pic-nic di Santa Maria in gestione ad una coop Serra, parcheggi ed area pic-nic di Santa Maria in gestione ad una coop

    Anche per l’estate 2016, così come era accaduto durante il mandato dell’ex sindaco di Serra San Bruno, Bruno Rosi, è stata espletata una procedura atta all’individuazione di un operatore economico a cui affidare l’appalto relativo al servizio di gestione dei parcheggi e dell’area pic-nic ubicati in località Santa Maria del Bosco.

  • Serra, parte la nuova raccolta differenziata: sorveglianza affidata a guardie ecozoofile Serra, parte la nuova raccolta differenziata: sorveglianza affidata a guardie ecozoofile

    Nel corso di una conferenza stampa tenuta nel locale Municipio, alcuni dei rappresentanti dell’amministrazione comunale di Serra San Bruno, tra i quali il sindaco Luigi Tassone, avevano presentato ufficialmente nei giorni scorsi il nuovo sistema di raccolta differenziata, pronto, già dalla mattinata di domani a fare il suo esordio sul territorio cittadino.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno