Sabato, 06 Aprile 2013 10:33

Affinità ed emergenze tra l’invaso dell’Alaco e noi (del conseguimento della peggiore età)

Scritto da Francesco Villari
Letto 2674 volte

mini alaco_schiumaGuardavo le sue acque calme ma della calma c’era solo la parvenza. Bellissima e truffaldina la parvenza. Capace di ingannarti perché la tua buona fede non è la buona fede che in troppi dividono in due categorie: quella cattolica della quale non ho voglia di parlare e quella sociale in cui la buona fede messa a disposizione si tramuta in un boomerang che ti colpisce alla nuca se non stai attento ai venti contrari. Ostinato e convinto che la bellezza della natura resista agli uomini, anche ai peggiori della specie, mi ritrovo sereno a fumare del tabacco ai bordi del lago, che qui chiamerò di Lacina.

Pensavo ai fatti miei quando ad un tiro di sigaretta mi viene in mente la democrazia delle acque, che per natura sono un’occasione per tutti. Pensavo ai fatti miei quando ad un tiro di sigaretta immagino la democraticità dell’acqua che ho di fronte. Acqua, democrazia, Italia, politica, sogni, Calabria, passioni. Pensavo ai fatti miei quando ad un tiro di sigaretta immagino il lago di Lacina come fosse il Parlamento di uno Stato in cui i punti della Costituzione sono le correnti che ne determinano il percorso.

“Quale poesia / quale intuizione / quasi non sia / questa nazione”. Ma lo è. Ed ecco che pur volendomi bagnare le mani mi rendo conto che l’acqua non è quello che mi aspettavo. Uno strano parallelo mi si pone di fronte: l’acqua del lago figlio del bacino dell’Alaco è corrotto come la democrazia dello Stato che dovrebbe averne cura? E penso allora che sarebbe bene analizzare la questione: se l’H2O è da considerarsi alla pari dell’Istituzione, quali sono gli elementi inquinanti?

Di certo c’è del Ferro (Fe, in chimica) che ne arrossisce il colore e ne peggiora il sapore, come i partiti ed i loro simboli ruffiani pronti all’usa e getta di una qualunque tornata elettorale.

 Non manca il Diossido di Cloro (ClO2), tipico dei trattamenti per la disinfezione delle acque, che mi dà l’impressione di quei residui inquinanti, come fossero le bave a tracciare il percorso intrapreso dai mesterianti della politica ad ogni spostamento da banco a banco, da schieramento a schieramento, da bandiera a bandiera. Nulla a che fare con gli ideali, per quelli c’è lo sbiancamento ed i cloriti sono qui a dimostrarcelo.

Trovo parti di Manganese (Mn) e la sgradevole sensazione dei partiti minori che si giocano il loro poco percentuale mi assale, come l’olfatto è assalito da un odore acre e sgradevole tipico dell’alterazione delle caratteristiche organolettiche dell’agente Mn nelle acque.

Comincio a sentirmi male quando penso ai batteri patogeni di origine fecale che non possono certo mancare (la formula chimica cercatevela a piacimento). E non possono certo mancare perché tutta la cacca scaricata dagli sciacquoni, anche quelli delle migliori famiglie, arriveranno pure da qualche parte, che credi? È la stessa cacca mediatica che quotidianamente viene da “lor signori” affermata e poi smentita, confermata e travisata, contestata e poi sedata dall’intervento delle forze dell’ordine che rispondono ai comandi dall’alto per salvaguardare “il bene della comunità”. Ebbene si: anche le istituzioni hanno i bagni, magari saranno dorati e lucidati ogni quarto d’ora da domestici meticolosi offerti dalla casa, ma l’uso, stanne pur certo, rimane quello consueto.

Quando poi penso a quegli stronzi dei Trialometani (si può dire “stronzi” sulle rive di un lago, credo di si) frutto della reazione del Cloro (Cl) con i componenti organici dell’acqua nei trattamenti di disinfezione, non posso fare a meno di intenderli come le ingerenze dei partiti nella comunicazione di massa. Quella che dovrebbe informare ma che invece inforna i cervelli e li serve caldi e croccanti al buffet quotidiano di un Montecitorio qualunque. 

Attendo i risultati delle analisi ma sono convinto che ci sarà del Piombo (Pb) in queste acque calme e placide. Al passaggio di una mano magari potrebbe sfuggire perché quest’elemento capace di danneggiare il sistema nervoso di un essere umano si nasconde alla vista come d’altro canto il suo surrogato istituzionale: il Presidente. E resti inteso che le controindicazioni rimangono identiche a prescindere dalla natura della presidenza, fosse quella di una circoscrizione o di una segreteria politica, quella di una commissione Salute o quella della Repubblica. Il sistema nervoso è sotto attacco, non ci sono dubbi in merito. Piombo, che anni complessi quelli, anche se per dovere di cronaca e per amore della scienza aspetto le analisi per tornare sull’argomento.

“E che sarà mai!”, penso tra me e me mentre accarezzo con il palmo della mano l’acqua, quasi a chiederle scusa. Ma al tatto la viscosità del liquido mi fa pensare che non è solo acqua quella che ho davanti. C’è dell’altro. Sarà petrolio? Saranno derivati del benzene? Eppure l’agenzia di protezione ambientale EPA ha fissato il tasso limite di benzene nelle acque potabili a 5 ?g/l e per quanto è dato sapere, le istituzioni mi dicono di bere l’acqua dell’invaso dell’Alaco e di farlo senza sbarramenti di sorta, non siamo mica in campagna elettorale. Non stiamo certo giocando con la vita delle persone, nella fattispecie con la mia.

Ma a pensarci un attimo torno alla poesia, torno alla cultura, torno alla natura e torno allo spettacolo di una coscienza civile capace di mettermi nella condizione di godere appieno dei beni comuni per poi permettermi di lavorare al bene individuale.

E a pensarci ancora un attimo (non si pensa mai abbastanza ed un attimo possiamo concederlo al ragionamento): chi si fida delle autorità? Chi si fida di queste autorità che a parte aver usurpato la terminologia istituzionale, di autoritario ed istituzionale non hanno davvero niente se non la presunzione, a detta loro legittima, del posto che occupano?

La sigaretta è finita e la sensazione che almeno le informazioni sul pacchetto erano state chiarissime mi induce a pensare di volerci capire di più. La poesia mi aiuterà, questo è certo. Ma per dissetarsi, il mio corpo avrebbe bisogno di un buon bicchiere d’acqua.

Certo è che però adesso ho il voltastomaco. Ed il turbinio di frasi fatte, di sorrisi falsi come nei manifesti elettorali e di continue presunzioni, mi costringe a rinfrescarmi per superare il momento. Ho sete. Ho tanta sete.

E mi rendo conto che devo stare attento, molto… molto… attento, perchè ringraziando coloro i quali ringraziano Dio, adesso alla mia fonte anche un sorso d’acqua non ha più nulla a che vedere con la democrazia.

Francesco Villari

 

 

Articoli correlati (da tag)

  • Pellegrino contro i «sedicenti» consiglieri Pd di Vibo: «Hanno fatto da stampella a Costa» Pellegrino contro i «sedicenti» consiglieri Pd di Vibo: «Hanno fatto da stampella a Costa»

    Riceviamo e pubblichiamo:

    I consiglieri comunali sedicenti Pd della città di Vibo Valentia, dopo aver celebrato ieri mattina il Festival del pretesto e dell'ipocrisia, prima ancora di scendere dalle scale di via Argentaria hanno incassato l'ennesima figura barbina.

    Mentre in effetti Russo e compagni affastellavano argomenti e ricercavano giustificazioni per definire un inciucio politicamente inqualificabile, il consigliere Stefano Luciano li scavalcava a sinistra sul tema che di più mette a nudo le incoerenze e le timidezze del gruppo: la sfiducia a Costa.

    Dalle chiacchiere ai fatti, già oggi in sede di approvazione del DUP abbiamo verificato quanto regge il patto di potere sancito - officiante Vito Pitaro, con Mangialavori e il centrodestra - sulle elezioni provinciali di Vibo. Gli eroici tutori dell'ortodossia democratica in salsa vibonese hanno fatto ancora una volta da stampella a Costa e dimostrato, qualora ce ne fosse ancora bisogno, quali erano i contorni del baratto politico stipulato in sfregio al Pd di tutto il territorio vibonese.

    Repentinamente chi, per qualche giorno, quando il proprio voto valeva 8, ha fatto il leone, è tornato a farsi pecorella in consiglio comunale quando è tornato valere 1, esattamente come accade da 3 anni. Del resto, la clamorosa incoerenza del gruppo dei "lanciatori di segnali" e cacciatori di incarichi in astinenza, oltre che nella totale infondatezza dell'assunto secondo cui per rafforzare il partito a Vibo bisogna votare Forza Italia, sta nella faccia tosta di presentarsi in federazione sedendo allo stesso tavolo con un consigliere che appena sei mesi fa si è candidato alle politiche in altra coalizione e che è già automaticamente decaduto dell'anagrafe degli iscritti.

    Peraltro il segretario di Federazione, diversamente da quanto ritenuto dalla banda degli onesti, mi risulta abbia già avviato la procedura presso la commissione di garanzia per la violazione dell'art. 4 del codice etico per come conclamata e dagli stessi ieri pubblicamente certificata.

    Pino Pellegrino

    Dirigente del Partito democratico

    Commissario del Parco naturale regionale delle Serre

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

  • Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco

    mini Carabinieri-sorianelloVIBO VALENTIA - Sarebbe uno degli autori di una rapina ai danni di un distributore di carburanti che avrebbe fruttato nel complesso 15mila euro. Con questa accusa, i carabinieri hanno fermato nella giornata di ieri Giuseppe Lo Bianco, classe '72, pluripregiudicato appartenente all'ominimo clan operante nella città capoluogo. Il fatto risale intorno alle 18 di ieri, quando due persone con il volto coperto e armate di pistola, hanno fatto irruzione in un distributore situato nella centralissima viale Affaccio, intimando il titolare facendosi consegnare la somma in contanti che ammontava a 15mila euro. Subito dopo i malviventi si sarebbero dati alla fuga a bordo di un'autovettura, guidata da un altro complice. Scattato l'allarme, i carabinieri nel giro di pochi minuti sono riusciti a rintracciare la macchina in località Ottocanalli. Alla guida c'era lo stesso Lo Bianco che è stato immediatamente bloccato. Dalla perquisizione eseguita all'interno dell'autovettura, inoltre, i militari hanno rinvenuto un passamontagna nascosto sotto i sedili che sarebbe lo stesso utilizzato dai malviventi per compiere la rapina. Il 42enne, posto in stato di fermo e tradotto in carcere, è già noto alle forze in quanto rimasto coinvolto nell'operazione “Cash”, scattata nel luglio del 2011. Nei suoi confronti, infine, viene contestata anche un'altra rapina, messa a segno ad ottobre in un supermercato di Vibo.


     

  • Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva

    mini carabieniri_notteI carabinieri della Stazione di Soriano Calabro, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione, nella serata di ieri, all'ordine di carcerazione per l'espiazione di una pena detentiva, emessa dalla Procura generale di Catanzaro, nei confronti di tre soggetti: si tratta di Giuseppe Capomolla, 34enne residente a Soriano, già noto alle forze dell'ordine, e Pietro Nardo, di 45 anni, residente a Sorianello ma domiciliato a Gerocarne, entrambi responsabili del reato di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Capomolla è stato condannato a 4 anni e 10 mesi di reclusione, mentre di 4 anni e 5 mesi è la pena inflitta a Nardo. L'altro arrestato è, invece, Bruno Sabatino, residente a Gerocarne, anche lui pregiudicato, che dovrà espiare una pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione, in quanto responsabile dei reati di porto abusivo di armi e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le condanne si riferiscono alle indagini scaturite dall'operazione Ghost, conclusa nel 2009 dalla Polizia di Stato, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne. Capomolla e Nardo sono stati tradotti presso il carcere di Vibo, mentre Sabatino è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. 

     

  • Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera

    mini polizia_cantonaleLa Polizia cantonale ha arrestato nei giorni scorsi in Svizzera Antonio Montagnese, 35 anni di Fabrizia, ritenuto al vertice dell'omonimo clan Montagnese-Nesci, e già condannato in Cassazione ad una pena di 9 anni di reclusione con l'accusa di associazione mafiosa. Il 35enne era rimasto coinvolto nell'operazione “Domino”, scattata nel 2007. Montagnese è il genero di Bruno Nesci, anche lui al vertice della consorteria mafiosa. Subito dopo la sentenza della Cassazione, arrivata nel maggio di quest'anno che ha certificato l'esistenza di un locale di 'ndrangheta a Fabrizia, Montagnese si era dato latitante in Svizzera, ma la Polizia Cantonale dopo mesi di ricerche è riuscita a rintracciarlo. 

     

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno