Domenica, 01 Dicembre 2013 11:22

Caligiuri il mattatore

Scritto da
Letto 2558 volte

mini 1451325_10200306411582073_659142453_nL'hanno sentito parlare più volte di «libertà della cultura» e, subito dopo, correggere il tiro con lo sguardo di chi ha trovato la formula giusta, di sicuro impatto comunicativo, come piace a lui. E quindi a suo parere si dovrebbe, piuttosto, raggiungere «la libertà dalla cultura», dunque tenersi a distanza «da ogni forma di retorica», così da poter finalmente affrontare con serenità il dibattito mai risolto, specie al Sud, sul rapporto tra la cultura e le istituzioni. Appunto. Mario Caligiuri parla a braccio, ma segue sempre un canovaccio che, mettendo insieme il mosaico delle sue numerose dichiarazioni pubbliche, è facile ricostruire. Quindi, solo per fare un esempio: «La Regione intende concorrere alla creazione di una rete del sapere, volta ad approfondire tematiche legate al rinnovamento del comune sentire verso la promozione di un’armonia fra le genti».

Non sarà magari un'espressione marcatamente antiretorica, ma l'obiettivo «strategico», insomma, è chiaro, ed è l'asse portante su cui è stato costruito il successo del TropeaFestival “Leggere & Scrivere”: «Dalle parole, nascono le idee, le idee costruiscono la visione di un mondo, la visione del mondo è la condizione per saper costruire il futuro. Conoscere più parole, significa quindi avere più idee».

La rassegna tropeana è stata davvero un successo. Per il secondo anno consecutivo si è deciso di affiancare un festival al premio letterario nato sette anni fa. Come l'anno scorso, a organizzare tutto è stato il Sistema bibliotecario vibonese (ente capofila del progetto, inserito nell'ambito di “Calabria Terra di Festival”) e – come da tradizione, per quanto concerne il premio – dall'Accademia degli Affaticati. A patrocinare l'evento sono stati anche diversi Comuni del vibonese e alcuni privati, ma il grosso del finanziamento è arrivato dalla Regione, che ha destinato alla manifestazione, alla luce dei risultati di un bando pubblico, fondi provenienti dai Por Calabria Fesr 2007/2013. 

Una scelta politica, nel senso più alto del termine, lo ribadisce ancora l'assessore regionale alla Cultura: «La circostanza che una regione italiana abbia assunto la promozione della lettura come priorità politica è un segnale importante per il resto d’Italia». Insomma, al di là della sfrontatezza creativa di Caligiuri, i propositi sono comunque lodevoli e, in gran parte, lo sono stati anche i risultati. Peccato, però, che la presenza dell'assessore non sia stata proprio discreta. Nei giorni del festival, l'eccentrico ex sindaco di Soveria Mannelli non si è mosso esattamente in punta di piedi. Non se n'è stato, per così dire, in disparte. Non ha scelto il profilo basso. Dalla giornata inaugurale, iniziata con «un incontro piacevolmente seguito – informa una nota del TropeaFestival – fra l’assessore Mario Caligiuri, i vertici organizzativi della manifestazione e una quanto mai attenta platea composta da una fitta rappresentanza di studenti calabresi», fino alla serata conclusiva, quando ha voluto essere lui a consegnare – sprizzante gioia istituzionale e a favore di fotografi e telecamere – il premio Tropea a Vito Teti, docente di etnologia all’Università della Calabria e scrittore, che con il suo “Il Patriota e la maestra” (Quodlibet, 2012) ha sbancato la concorrenza di Edoardo Albinati (Vita e morte di un ingegnere, Mondadori, 2012) e Benedetta Palmieri (I funeracconti, Feltrinelli, 2011).

L'assessore regionale sembra avere il dono dell'ubiquità, non gli manca mai la frase a effetto da lanciare alle platee di studenti che hanno partecipato al festival e, particolare non di poco conto, ha praticamente perso l'uso della prima persona singolare a favore dell'espressione «il presidente Scopelliti e la sua giunta», che – se ne saranno già accorti tutti i calabresi – ha tra le sue priorità l'aumento del numero dei lettori in Calabria: «Per noi, una missione».

E di missione, in effetti, si è trattato. Vale la pena chiarire che qui non si vogliono gettare ombre su un evento che di certo è stato riuscitissimo e molto partecipato. Che ha portato in Calabria, e nel Vibonese, decine di giornalisti, scrittori, appassionati di letteratura e non solo. C'è stato un grande lavoro, rimasto, questo sì, davvero nell'ombra, di decine di ragazzi che si sono fatti in quattro per allestire incontri, convegni, concerti. Alcune serate sono state memorabili, come quella che ha visto protagonista Cristina Donà, o il racconto – ad adolescenti molto attenti – del dark a Milano negli anni 80, o gli incontri tra giornalisti – diversi quelli del leggendario “Mucchio selvaggio” – e artisti d'eccezione come Monica Demuru e David Riondino, o il “giorno da pecora” vibonese di Claudio Sabelli Fioretti, o il reading sull'epistolario La Cava-Sciascia, o Fabio Mollo che spiega il suo “Il Sud è niente” ai ragazzi delle scuole, o l'iniziativa in carcere, e quelle con i magistrati Mario Spagnuolo e Nicola Gratteri. Insomma, a voler fare un elenco si rischia di sottovalutare molti dei 60 appuntamenti che hanno riempito – anche troppo – i cinque giorni del festival e che hanno fatto registrare migliaia di presenze. È un fatto incontrovertibile che sia stato creato un precedente, un marchio di grande attrattività da spendere per consolidare una realtà culturale di livello nazionale.

Però c'è da mettere qualcos'altro, sul piatto della bilancia. Al di là dell'ironia sul presenzialismo di Caligiuri, delle polemiche sulle pressioni preventive che lui stesso – stando a quanto dichiarato dall'ex direttore artistico del festival, Maria Faragò – avrebbe fatto per “spostare” il taglio del festival più a destra rispetto agli anni passati, della defezione della presidente del comitato tecnico-scientifico, Isabella Bossi Fedrigotti, dovute a un problema familiare ma anche – lo ha confermato lei stessa al Corriere della Calabria – a un disagio maturato negli anni che la porterà probabilmente a rassegnare le dimissioni, c'è da riflettere proprio sul rapporto tra cultura e potere, a queste latitudini.

I confini tra evento culturale e propaganda politica, infatti, sono sempre labili, e il problema certamente non riguarda solo la parte politica che oggi governa la Regione. In tutti gli eventi di questo genere, in Calabria, non c'è mai stata piena autonomia degli “operatori” della cultura rispetto alla politica, è un fatto anche questo. Ma, per essere chiari, quando si diffondono le foto dell'assessore in mezzo ai ragazzi, accompagnate dalla didascalia «Caligiuri sprona gli studenti delle scuole superiori», si ha la netta sensazione di trovarsi di fronte a delle pose così inconsapevolmente caricaturali da sembrare la parodia della classe dirigente di una qualsiasi repubblica delle banane. In alcuni casi, con i dovuti distinguo ma in maniera irresistibilmente comica, sembra che si ricalchi il linguaggio e l'immaginario della propaganda culturale fascista, quella in cui si poteva vedere Mussolini – «anche lui un maestro», scrivevano i giornali dell'epoca – correggere i dettati dei bambini delle elementari e incoraggiarli a studiare. Tanto più che le lectiones magistrales, tenute di fronte a tantissimi studenti, sono state affidate a due intellettuali marcatamente di destra come Giordano Bruno Guerri e Marcello Veneziani.

Se è  vero che la storia, come notava Marx, si presenta la prima volta come tragedia e la seconda come farsa, l'accostamento alla propaganda fascista, ai suoi aspetti più ridicoli e demenziali, sarà forse esagerato, senza dubbio provocatorio, ma non del tutto campato in aria; e poi, chissà, magari potrebbe addirittura risultare gradito, oltre che ai due scrittori appena menzionati, anche all'intestatario principale dell'espressione prediletta da Caligiuri.

(pubblicato sul Corriere della Calabria n. 127)

Articoli correlati (da tag)

  • Boom dello shopping online nel Vibonese: tra i prodotti più acquistati abbigliamento e libri Boom dello shopping online nel Vibonese: tra i prodotti più acquistati abbigliamento e libri

    Un’arma a doppio taglio quella della sempre più diffusa tendenza ad affidarsi all’e-Commerce per l’acquisto di prodotti di ogni genere. Una pratica che da una parte permette al cliente di avere il prodotto desiderato recapitato direttamente a casa propria in un breve lasso di tempo, ma che da un altro punto di vista sta concorrendo a affossare ulteriormente il mercato locale e le attività commerciali presenti sul territorio.

    Una questione aperta anche per i paesi della provincia di Vibo Valentia che sta via via scalando posizioni nella classifica dei territorio dove si ricorre con maggiore frequenza allo shopping online. A diffondere i dati del fenomeno è stato il gruppo Poste Italiane che ha proprio sottolineato come nella nostra provincia stia letteralmente volando l’e-Commerce nella fascia centrale della Calabria che comprende proprio le province di Vibo e Catanzaro, dove «nei primi nove mesi del 2018 Poste Italiane ha consegnato oltre 365mila pacchi. In pratica, quasi due pacchi a testa per ogni abitante, a dimostrazione dell’abitudine sempre più diffusa allo shopping online in ogni parte d’Italia, anche grazie alla capillarità e alla flessibilità del servizio di Poste Italiane che prevede consegne anche di sera e nel week end».

    Le principali categorie di acquisto riguardano l’abbigliamento (52%), libri e riviste (45%), ma anche cellulari, smartphone e tablet (37%), piccoli elettrodomestici (30%), prodotti per la cura del corpo (30%) o audio /video (30%). Il settore sarebbe dunque in crescita esponenziale, tanto che secondo le stime elaborate dal Politecnico di Milano in collaborazione con il consorzio Netcomm, il giro d’affari complessivo dell’e-commerce italiano raggiungerà a fine 2018 i 27 miliardi di euro, con un aumento del 15% rispetto all’anno precedente. Un trend di crescita che proseguirà nei prossimi anni, visto che il ritardo del nostro Paese nei confronti dei mercati più avanzati non è ancora colmato.

  • Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet» Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet»

    «Effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia tramite internet, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili, evitando al tempo stesso lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici».

    Sono queste, in sintesi, le proposte avanzate dal consigliere regionale vibonese Vincenzo Pasqua e contenute in una mozione rivolta al presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio.

    «Si tratta di un’iniziativa – afferma Pasqua – per snellire le procedure di prenotazione e pagamento delle visite specialistiche ed ambulatoriali nelle strutture sanitarie della Calabria. È una proposta tanto semplice quanto rivoluzionaria. L’idea – prosegue il consigliere regionale – è di permettere agli utenti della sanità calabrese di potere effettuare le prenotazioni e i relativi pagamenti utilizzando Internet, attraverso i portali istituzionali delle diverse Aziende ospedaliere e sanitarie o comunque nel modo che verrà ritenuto più opportuno. Uno strumento da affiancare a quelli già esistenti – ovvero gli uffici ticket e il Centro unico di prenotazione – che sia al passo con la tecnologia e permetta un notevole risparmio di tempo a chiunque disponga di una semplice connessione internet, da smartphone, tablet o pc, magari realizzando una apposita App. Ad ognuno, con la prescrizione del medico curante che contiene tutte le informazioni necessarie – continua Pasqua – sarà quindi consentito di effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili ed evitando lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici, che a volte richiedono addirittura, per chi non può farne a meno, un giorno di permesso dal proprio posto di lavoro. È assolutamente doveroso andare incontro alle legittime istanze della popolazione calabrese, ed è nostro compito, fare in modo che la qualità della vita di ogni singolo cittadino, dal primo all’ultimo, migliori in ogni campo. E come tutti sappiamo quello della sanità è un settore che tocca le vite di ognuno di noi. Nel 2018 la politica deve attivarsi ancora più di prima per sfruttare appieno le immense opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche. In questo caso, con la mia mozione intendo proprio massimizzare i vantaggi per l’utenza calabrese: fare risparmiare tempo ai cittadini, riducendo di conseguenza le file agli sportelli, ed offrire un servizio che costerà un’inezia all’amministrazione regionale ed è pensato per tutti».

    E ancora: «La mozione nasce da una serie di considerazioni preliminari: non di rado, infatti, abbiamo assistito al blocco del sistema delle prenotazioni delle visite mediche, dovuto a cause diverse. Dobbiamo tenere presente che simili ritardi ingenerano sfiducia e disagi nell’intera popolazione, con notevoli ricadute anche sul piano dell’efficienza del sistema sanitario regionale. Purtroppo c’è da considerare anche che alcuni strumenti adottati, come il numero verde o la possibilità di effettuare prenotazioni nelle parafarmacie, non è riuscita a colmare del tutto il gap esistente tra la domanda di servizi e le possibilità offerte. È inconcepibile assistere a file interminabili con persone sofferenti. Ecco perché, nell’era del digitale, bisogna sfruttare queste occasioni e migliorare quanto più possibile i servizi, specie nel campo della sanità e della tutela del bene-vita. Il fine della mozione – conclude Pasqua – è dunque quello di impegnare la Giunta regionale a volere verificare l’opportunità di attivarsi nella direzione e con le modalità che riterrà più opportune al fine di risolvere la delicata problematica».

  • Pellegrino contro i «sedicenti» consiglieri Pd di Vibo: «Hanno fatto da stampella a Costa» Pellegrino contro i «sedicenti» consiglieri Pd di Vibo: «Hanno fatto da stampella a Costa»

    Riceviamo e pubblichiamo:

    I consiglieri comunali sedicenti Pd della città di Vibo Valentia, dopo aver celebrato ieri mattina il Festival del pretesto e dell'ipocrisia, prima ancora di scendere dalle scale di via Argentaria hanno incassato l'ennesima figura barbina.

    Mentre in effetti Russo e compagni affastellavano argomenti e ricercavano giustificazioni per definire un inciucio politicamente inqualificabile, il consigliere Stefano Luciano li scavalcava a sinistra sul tema che di più mette a nudo le incoerenze e le timidezze del gruppo: la sfiducia a Costa.

    Dalle chiacchiere ai fatti, già oggi in sede di approvazione del DUP abbiamo verificato quanto regge il patto di potere sancito - officiante Vito Pitaro, con Mangialavori e il centrodestra - sulle elezioni provinciali di Vibo. Gli eroici tutori dell'ortodossia democratica in salsa vibonese hanno fatto ancora una volta da stampella a Costa e dimostrato, qualora ce ne fosse ancora bisogno, quali erano i contorni del baratto politico stipulato in sfregio al Pd di tutto il territorio vibonese.

    Repentinamente chi, per qualche giorno, quando il proprio voto valeva 8, ha fatto il leone, è tornato a farsi pecorella in consiglio comunale quando è tornato valere 1, esattamente come accade da 3 anni. Del resto, la clamorosa incoerenza del gruppo dei "lanciatori di segnali" e cacciatori di incarichi in astinenza, oltre che nella totale infondatezza dell'assunto secondo cui per rafforzare il partito a Vibo bisogna votare Forza Italia, sta nella faccia tosta di presentarsi in federazione sedendo allo stesso tavolo con un consigliere che appena sei mesi fa si è candidato alle politiche in altra coalizione e che è già automaticamente decaduto dell'anagrafe degli iscritti.

    Peraltro il segretario di Federazione, diversamente da quanto ritenuto dalla banda degli onesti, mi risulta abbia già avviato la procedura presso la commissione di garanzia per la violazione dell'art. 4 del codice etico per come conclamata e dagli stessi ieri pubblicamente certificata.

    Pino Pellegrino

    Dirigente del Partito democratico

    Commissario del Parco naturale regionale delle Serre

  • Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria" Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria"

    Anche il Polo museale di Soriano Calabro aderisce alla “Giornata regionale dei Musei di Calabria “, organizzata dalla Giunta regionale e in programma per sabato, 24 novembre.

    L’iniziativa prevede l’apertura delle più importanti strutture museali sparse su tutto il territorio regionale e, tra queste, c’è anche il polo di Soriano il cui ingresso per quella giornata sarà gratuito. Inoltre, per come affermato in una nota dal sindaco Francesco Bartone, sono state «programmate iniziative volte a coinvolgere l’interesse del pubblico. La nostra cittadina spalancherà le porte del MuMar, della Pinacoteca, del Museo archeologico territoriale della ceramica medievale e del Gabinetto regionale dei disegni e delle stampe antiche della Calabria dove, tra l’altro, è conservato un corpus di carte geografiche originali dal ‘500 all’800».

    Le visite saranno guidate da storici dell’arte e archeologi, mentre in un laboratorio di ceramica ci sarà la dimostrazione della lavorazione artistica del maestro napitino Antonio Montesanti.

  • Playoff serie D | Rammarico Vibonese, rossoblu sconfitti in pieno recupero a Frattamaggiore Playoff serie D | Rammarico Vibonese, rossoblu sconfitti in pieno recupero a Frattamaggiore

    Si è conclusa in semifinale l'avventura della Vibonese negli spareggi promozione di serie D, girone “I”.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno