Domenica, 15 Settembre 2013 13:22

Costruire la bellezza. A Pizzo i muri parlano

Scritto da
Letto 2279 volte

mini 1003033_394120327355371_1029586863_n-1Se i muri di Pizzo potessero parlare, racconterebbero di come, dopo anni di abbandono, qualcuno ha cominciato a prendersi cura di loro. Potrebbero rivelare come hanno fatto a rinascere. Direbbero a tutti perché, all'improvviso, quella gente che prima passava indifferente, schiacciata dalla quotidianità e disinteressata alla realtà circostante, adesso ha cambiato sguardo. Spiegherebbero come mai quella massa di individui anestetizzati, apparentemente insensibili alle proprie radici, tutto a un tratto ha iniziato ad accorgersi di loro e a capire che, forse, è meglio provare a costruire la bellezza piuttosto che inseguire il nulla preconfezionato che la società postmoderna propaganda come futuro.

Se potessero, i muri di Pizzo parlerebbero di come un gruppo di ragazzi ha messo loro occhi e mani addosso, di come sono stati impiastricciati per giorni e giorni da artisti provenienti da tutto il mondo, richiamati da un'iniziativa di recupero degli spazi urbani che, è il caso di dirlo, ha lasciato un segno indelebile.

Sono i luoghi in cui i napitini nascono, crescono e vivono quelli riqualificati grazie al “Mura Mura Fest 2013”. E non si tratta solo di un'opera di recupero materiale del centro abitato, bensì di una vera e propria rivoluzione del modo di pensare gli spazi e dar loro un senso. Un sentimento, addirittura. «Le difficoltà sono state tantissime – spiegano gli attivisti dell'associazione culturale “Radici”, promotori dell'evento – e le fatiche ancor di più, ma i risultati sono di fronte ai vostri occhi se solo vorrete aprirli». Domenico Ceravolo, Jacopo Callipo, Marco Giannattasio, Giacomo Macrì e Gloria Pizzonia sono riusciti a costruire – grazie anche al supporto di molti commercianti della provincia – una sinergia con l'amministrazione comunale guidata da Gianluca Callipo, che ha prodotto un (doppio) risultato notevole: ha ridato dignità agli spazi urbani attraverso l'arte e ha rinforzato le fondamenta di un evento che, alla sua seconda edizione, è diventato motivo di orgoglio per gli “indigeni” e di attrazione per i forestieri. 

Il noto centro costiero ha così vissuto, tra fine luglio e Ferragosto, due settimane di fervore culturale – tra live painting, esposizioni, poster e stencil art – con performance d'arte e di musica che hanno regalato all'estate napitina tratti finora sconosciuti, strappando dall'oblio in cui erano relegati tanti luoghi che adesso, invece di rimanere nascosti, sono diventati parte integrante (e determinante) del contesto urbano e della realtà sociale a cui appartengono. Sono diventati identità, cultura, condivisione, appartenenza.

A questa rinascita hanno contribuito nomi illustri della scena nazionale ed europea, ma non è mancato l'apporto di molti talentuosi artisti locali. Tra questi c'è Loredana Remolo, che ha già ottenuto diversi riconoscimenti per i suoi live painting. Le sue opere non hanno avuto meno successo di quelle di Borondo, artista spagnolo conosciuto in tutta Europa che ha realizzato un murales alto più di sei metri raffigurante una stretta di mano. L'“albero di parole” di Opiemme, invece, ha trovato spazio nei pressi del municipio della città, oggetto di recente di un attentato incendiario. Accattivanti anche per le opere di Sbagliato, crew romana che ha lasciato un'impronta creativa su alcuni archi in cemento costruiti negli anni 90. Più nascoste le icone lasciate da Stencil Noir sui muri in zona “stazione”, mentre Uno, artista di origini calabresi, ha eseguito dei lavori di arredo urbano in località “Mazzotta”. Mozzafiato, infine, l'installazione realizzata da Edoardo Tresoldi, un “Collezionista di venti” alto circa due metri, posizionato in maniera permanente su un tetto che dà sulla piazza di Pizzo, con lo sguardo rivolto al mare.

È così che si combattono, da queste parti, il degrado sociale e il conformismo culturale: lo raccontano i muri di Pizzo, che adesso parlano davvero. 

(articolo pubblicato sul Corriere della Calabria n. 115)

Articoli correlati (da tag)

  • Nascondeva mezzo chilo di marijuana in un fustino di detersivo, arrestato 37enne a Pizzo Nascondeva mezzo chilo di marijuana in un fustino di detersivo, arrestato 37enne a Pizzo

    È stato arrestato e successivamente posto ai domiciliari D.V., 37enne di Pizzo con precedenti in materia di stupefacenti.

    Durante un controllo alla circolazione stradale, i carabinieri della locale Stazione hanno intercettato l’uomo, il quale appariva da subito particolarmente agitato. Insospettiti da questo comportamento i militari hanno deciso di perquisire l’abitazione del giovane napitino scovando un involucro di cellophane trasparente contenente mezzo chilogrammo di marijuana.

    La vicenda è resa ancor più singolare dal fatto che il giovane, allo scopo di eludere i controlli dei militari, aveva occultato la sostanza all’interno di un fustino di detersivo.

    Il 37enne, dopo essere stato tratto in arresto, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

  • Zibibbo, il presidio Slow food di Pizzo è realtà Zibibbo, il presidio Slow food di Pizzo è realtà

    PIZZO Un’altra eccellenza vibonese potrà godere del certificato di qualità grazie al prestigioso riconoscimento di Slow food. «In Sicilia sono arrabbiati, perché anche loro hanno lo Zibibbo e si sentono esclusi. E per lo stesso motivo sono arrabbiati anche a Bagnara, in provincia di Reggio Calabria. Ma l'uva Zibibbo di Pizzo ha caratteristiche peculiari, che ne fanno un prodotto unico che esiste soltanto qui».

  • Pizzo, al via la riqualificazione degli impianti sportivi Pizzo, al via la riqualificazione degli impianti sportivi

    Verranno riqualificati nelle prossime settimane gli impianti sportivi esistenti nel territorio comunale di Pizzo.

  • Volley, esordio a Trento per la Tonno Callipo nel campionato di Superlega Volley, esordio a Trento per la Tonno Callipo nel campionato di Superlega

    Ha preso ufficialmente il via ieri mattina la nuova stagione della grande pallavolo maschile italiana.

  • Volley, un altro ritorno in casa Tonno Callipo: dopo Barone, ecco Manuel Coscione Volley, un altro ritorno in casa Tonno Callipo: dopo Barone, ecco Manuel Coscione

    Dopo Rocco Barone, ecco un altro ritorno eccellente in casa della Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno