Martedì, 12 Marzo 2013 13:20

Fabrizia terra di confine: sulla strada e con l'acqua sporca fino alla gola

Scritto da Maria Cirillo
Letto 2184 volte

mini fabrizia_centro_storico1FABRIZIA - Le occasioni di parlare delle disfunzioni perenni sul territorio del vibonese, con particolare affondo su quello serrese, non mancano di certo. L’eterno dramma dell’acqua, la cui potabilità è irrimediabilmente messa in discussione da fatti precisi e puntuali, resi evidenti non solo tramite le numerose ed annose proteste popolari, ma anche da puntuali e precisi rilievi specialistici e non solo. La perenne protesta senza successo per il degrado delle strade provinciali e comunali. La recente rimostranza che Fabrizia ha espresso con la lettera del movimento "Crescere Insieme"  al commissario prefettizio Ciclosi ed al Prefetto della provincia di Vibo, rappresenta un’altra presa d’atto dell’abbandono del territorio, così evidente che per definirlo non bastano le espressioni civili ed ortodosse. È diventata quasi una mania, per di più utopica, stare a meditare e discettare in merito allo storico disinteresse per questa estremità di provincia

, poco considerata già dal tempo in cui era confine di quella di Catanzaro, ma ignorata del tutto da quando, purtroppo, catapultata nella più modesta provincia di Vibo Valentia. Qualsivoglia amministratore, che fosse del territorio o meno, soprattutto per quel che concerne la zona di Fabrizia, ha superato il limite di quello che eravamo abituati a chiamare “abbandono”, per passare all’ultima fase della scala d’interesse. Senza alcun malinteso, si può affermare che il confine fabriziese, nella sua importante funzione di finale punto di snodo per le altre provincie, è stato, negli ultimi 20 anni di amministrazione vibonese, letteralmente “ignorato”. Lo scarso potere rappresentativo e la limitata credibilità negoziale hanno fortemente compresso l’interesse per la zona, che non è stata mai considerata  simbolo per i  centri di potere, elettivi o di nomina politica, generalmente scalati non per meritorie capacità funzionali, ma per la storica e populistica propaganda delle menzogne. L’attenzione egoista ai propri anziché agli altrui interessi ha portato al risultato dell’assenza di attenzione anche quando il territorio fu in grado di esprimere più di un proprio rappresentante. Il territorio di confine, espulso dal circuito del reddito e della cultura sin dall’unità d’Italia, ha sofferto il disagio delle ordinarie difficoltà dei territori montani, ma, per di più, accentuato dal disinteresse. Montagna, infatti, non deve solo rievocare l’immagine romantica e piacevole, ma anche il senso di responsabilità nei confronti dei disagi: neve ed intemperie non sono solo colore e folclore, ma comprendono una serie di difficoltà. Ogni inverno che passa le strade diventano impraticabili.

Adesso che la Provincia è retta da un Commissario prefettizio, “terzo” rispetto alle inefficienze passate, dovrebbe essere meglio organizzata ed in grado di risollevare le sorti della popolazione ormai divenuta insofferente alle “prese in giro”. Il malumore si osserva non soltanto nelle discussioni di piazza e nei luoghi associativi, ma anche attraverso il web, dove si sta facendo forte la pretesa di ascolto. Si spera che il Commissario si attivi nell’ambito delle sue competenze, facendosi anche prodigo interprete presso il Prefetto per le questioni complesse, come quella del sistema idrico Alaco, della cui gestione la gente è divenuta insofferente, non sentendosi affatto rassicurata. I cittadini, anche attraverso le loro rappresentanze – Comitato civico pro-serre in primis – hanno coralmente chiesto quelle indagini effettive che possano accertare senza ombra di dubbio, qualità e rischiosità dei componenti biochimici presenti nell’invaso. L’intervento richiesto è un esame approfondito e non un’estemporanea interpretazione, più o meno tecnica, su  parametri di potabilità che potevano andare bene quando l’acqua transitava nell’unico corpo che era composto dalle sorgenti che direttamente immettevano nei serbatoi a “chilometro zero”. Adesso, invece, la salubrità dell’acqua, bene primario della vita, viene affidata con pericolosa faciloneria, ad un lago artificiale malamente custodito.

A prendere atto delle notizie diramate nei mesi scorsi dal Commissario Ciclosi, la manutenzione ordinaria delle strade, da decenni trascurata e negli ultimi anni ignorata completamente, pare che sia stata presa in considerazione con una programmazione dai modesti costi economici. Con una nuova rivalutazione del sistema passato dei cantonieri, dovrebbe essere in cantiere la riqualificazione e riconversione di 100 lavoratori di categoria B1 dell’ente, da affidare al dirigente alla viabilità Giacomo Consoli. Si spera che il provvedimento non si fermi ad una riorganizzazione di carta, inefficace e sostanzialmente non eseguita. I cosiddetti “nuovi cantonieri provinciali” si dovrebbero occupare realmente di manutenzione ordinaria e controllo delle strade, con l’intento di risolvere i problemi. Potrebbe questo essere davvero un primo passo. Risponde al vero l’affermazione contenuta nel documento di settore che “la riparazione immediata di buche evita l’estendersi del danno a superfici più consistenti del manto stradale”.

La straordinarietà dell’abbandono, ripetutamente denunciata, necessita, tuttavia, di interventi anche straordinari urgentissimi, i cui finanziamenti sarebbero già previsti, come dichiarato da più parti. Mongianella, Limina, Mongiana, Croceferrata, Pietra Spada eccetera, sono attualmente il monumento vivente della situazione disastrosa del vasto lembo est della Provincia, la cui popolazione inizia fortemente a protestare, ma anche a concepire un’idea di disamore e forse anche di un possibile distacco amministrativo da Vibo Valentia.

Non è più tollerabile considerare semplicemente come un fastidio di cui liberarsi le parole di cittadini stanchi che si fanno avanti attraverso comitati, associazioni, categorie e liberi pensatori. Si avverte vigoroso infatti, il senso di sfiducia nella democrazia mutilata dal mal governo.

Articoli correlati (da tag)

  • Provincia di Vibo, inizia l’era Solano: «Cominceremo a lavorare su manutenzione e viabilità» Provincia di Vibo, inizia l’era Solano: «Cominceremo a lavorare su manutenzione e viabilità»

    «Spero che questo percorso appena avviato possa dare quei contributi utili alla risoluzione delle tante problematiche che, purtroppo, attanagliano la nostra provincia».

    Lo ha detto il neo presidente della Provincia di Vibo Valentia, Salvatore Solano, a margine del primo Consiglio svoltosi stamattina, al termine del quale si è proceduto anche alla nomina del vicepresidente. Scelta, questa, ricaduta sul consigliere Giuseppe Policaro della lista “Rinascita vibonese”.

    «È necessario – ha aggiunto Solano – partire dai sindaci e dagli amministratori, i primi che si impegnano quotidianamente per cercare di risolvere questi disagi. Sono sicuro che, assieme, riusciremo ad arrivare a quella sinergia utile per raggiungere questo obiettivo. Intendo lavorare con tutti nell’interesse del territorio e, di conseguenza, sia con i consiglieri di maggioranza che con quelli di opposizione. Abbiamo già avviato una sinergia con gli uffici preposti affinché si possa ridare decoro a questo territorio. Quindi, inizieremo a lavorare su manutenzione e viabilità. Il dissesto? Nel giro di un anno e mezzo, anche prima, speriamo di venirne fuori».

  • Provincia di Vibo, Solano convoca il primo Consiglio e incontra i dipendenti Provincia di Vibo, Solano convoca il primo Consiglio e incontra i dipendenti

    Si terrà domani, 15 novembre, alle ore 11, nella sala consiliare dell’ente, il primo Consiglio provinciale della nuova fase politica e amministrativa della Provincia di Vibo Valentia, guidata dal neo presidente, Salvatore Solano.

    Tra gli adempimenti preposti dagli organi istituzionali dell’ente intermedio vibonese, coordinati dal segretario generale, Mario Ientile, ci sono l’esame inerente le condizioni di candidabilità, eleggibilità e compatibilità alla carica di presidente e di consigliere provinciale, degli eletti alle recenti elezioni; la convalida; il giuramento e le comunicazioni del presidente. Assieme a Solano, eserciteranno la loro funzione istituzionale in seno al Consiglio provinciale i neo eletti: Giuseppe Policaro, Giuseppe Roberto Muratore, Domenico Anello e Maria Rosaria La Grotta (esponenti della lista “Rinascita Vibonese”); Antonio Zinnà (componente della lista “Forza Civica”), Antonio Carchedi, Maria Francesca Pascale, e Gregorio Profiti (espressione politica del Partito democratico); Maria Fiorillo e Carmine Mangiardi, membri della compagine “Civilmente Impegnati”.

    Stamattina, il neo presidente della Provincia di Vibo, ha voluto incontrare nella sala consiliare i lavoratori dell’ente. Ad affiancarlo il segretario generale Mario Ientile e il neo consigliere provinciale, Domenico Anello. Nel corso dell’iniziativa, Solano ha delineato quelli che saranno i suoi obiettivi cardine in termine di azione amministrativa. «Questa Provincia – ha evidenziato - ha in sé la forza per rialzarsi, sta a noi darle un impulso nuovo. Ho avuto modo di constatare che siete persone capaci e disponibili. Io sarò al vostro fianco, uno di voi. Dobbiamo, quindi, nonostante le note difficoltà economiche e finanziarie, agire insieme in maniera propositiva e guardare al futuro con ottimismo».

    Nei giorni scorsi, Solano - coadiuvato dal segretario Ientile - aveva incontrato anche i responsabili dei settori nevralgici dell’Ente. «Ci dovrà essere, da parte nostra, un impegno assoluto, al fine di dare risposte al territorio, soprattutto in settori importanti quali la Viabilità stradale, l’Ambiente e l’Edilizia scolastica, - ha asserito Solano, nel corso delle riunioni con i funzionari -. Molto dipenderà dai finanziamenti che il Governo nazionale ci metterà a disposizione, questo è risaputo da noi e dalla gente. Ma comunque, per quel che di nostra competenza - ha sottolineato il neo presidente - dovremo, con spirito di abnegazione e assicurando la massima trasparenza amministrativa, dare il meglio di noi stessi. Quest’ente possiede molte professionalità ed è, pertanto, mia intenzione farle emergere e valorizzarle nell’esclusivo interesse collettivo per potenziare, in termini di efficacia ed efficienza, i servizi da erogare ai cittadini del Vibonese».

  • Fabrizia, Minniti contro 'Crescere insieme: «Sul Gal fanno solo confusione» Fabrizia, Minniti contro 'Crescere insieme: «Sul Gal fanno solo confusione»

    Riceviamo e pubblichiamo

    La disinformazione della setta “crescere insieme Fabrizia”, quale arma di distrazione di massa, continua a macinare notizie di stampa false e prive di qualunque fondamento di verità, messe in circolazione al solo scopo di creare confusione e disorientamento. Se tali informazioni li verificasse prima della loro pubblicazione, probabilmente, eviterebbe figuracce da sprovveduti e da neofiti improvvisati.

  • “Io non rischio”, i volontari della Protezione Civile di Fabrizia scendono in piazza “Io non rischio”, i volontari della Protezione Civile di Fabrizia scendono in piazza

    FABRIZIA “Io non rischio”. I volontari della Protezione Civile di Frabrizia si associano ai circa 7mila colleghi che nel week-end (15 e 16 ottobre) scenderanno in piazza per sensibilizzare la gente rispetto ai rischi naturali che riguardano l’intero Paese. Una manifestazione necessaria dopo il disastro causato dal recente sisma che ha colpito il Centro Italia. Per il sesto anno consecutivo dunque il volontariato di Protezione Civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica si impegnano insieme in una campagna di comunicazione nazionale.

  • Provincia di Vibo, Mangialavori scrive al governo: 'Necessari interventi per il rilancio dell'ente' Provincia di Vibo, Mangialavori scrive al governo: 'Necessari interventi per il rilancio dell'ente'

    Riceviamo e pubblichiamo

    Per focalizzare l’attenzione sulle gravi criticità dell’ente Provincia è stata inoltrata missiva al presidente del Consiglio Mattero Renzi, al ministro dell’Interno Angelino Alfano e al ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno