Lunedì, 01 Aprile 2013 09:38

Gambino, Pasolini e lo stretto legame con la Calabria

Scritto da Sergio Gambino
Letto 3164 volte
mini gambino_e_pasoliniE’ una storia come tante questa. Una storia d’acqua e di contadini. La storia di intellettuali di sinistra che stavano tra la gente. La storia di un ruscello, che separa due frazioni sperdute delle pre-serre vibonesi. Il grande archivio librario, di documentazione e di memorie, lasciato da Sharo Gambino, mi “costringe”a delle riflessioni, anzitutto sul destino di questo grande patrimonio che appartiene alla Calabria prima ancora di essere proprietà della mia famiglia. Quelle che erano le riflessioni e le attività giornaliere di quegli intellettuali socialisti e comunisti che allora lavoravano e studiavano attivamente sul territorio, rendendosi parte integrante, uomini del PCI, anche se spesso ne stavano fuori. Repaci, Zitara, Mancini, Don Massimo Alvaro, Berto, Pasolini. 
Proprio di quest’ultimo personaggio, del regista e poeta romano morto tragicamente su una spiaggetta di Ostia vorrei scrivere, alla luce di un breve scambio di lettere tra Gambino e Pasolini, avvenuto dopo l’incontro tra i due durante una visita del territorio vibonese (ne scrive il giornalista Bruno Vellone) ospite di Andrea Frezza,  noto regista vibonese, del quale ricordiamo il suo esordio dietro la macchina da presa avvenuto nel 1969 con il film “Il gatto selvaggio, storia di un giovane nichilista (C. Cecchi)”,ed in compagnia di Aldo Rosselli, figlio di Nello Rosselli, ucciso con il fratello Carlo in Francia dai fascisti. Pasolini, era andato nelle campagne tra Cutro e Le Castella, dove poi si gireranno alcune scene de “Il Vangelo secondo Matteo”. Il gruppo di amici arriva in Gerocarne. L’anno dopo il 22 e 23 febbraio le popolazioni di Ciano e dei Piani di Ariola nel Comune di Gerocarne, peraltro non nuove a contestazioni nei confronti dell’Amministrazione Comunale, assediano il Municipio. Le condizioni di vita in queste zone sono pessime. Paolo Sebregondi, sul numero quattro del “Fronte Unito” del primo marzo riporta: «…il popolo vive senza luce, senza acqua, e senza strade; la mancanza di servizi più elementari,il dilagare della tubercolosi, specie tra i bambini di Ciano. La farmacia non funzionante, l’ostetrica che non si trova nei momenti di necessità, il problema della gestione dei soldi dell’ECA, delle case popolari.».
Le popolazioni dei Piani dell’Ariola  come riporta Sharo Gambino nel n. 4 , giugno-luglio-agosto del 1968, in un articolo “I MARCUSIANI DELL’ARIOLA”: «dal 1957 l’esattore non ci mette più piede, qui all’Ariola di Gerocarne e non “visita” più le altre frazioni, Ariolella, Ingegnieri, Timponello, Sant’Antonio, Paparello, Petricella, San Ruggiero, San Fili. Forse unici in tutta Italia, questi uomini non versano nelle casse dello Stato il loro contributo e così né Mastrella, né Ippolito, né tutti gli altri ladri che all’ombra dello Stato si son fatti gonfio il portafogli, possono vantarsi di averli “fregati”. Il 19 e il 20  maggio di quest’anno, ancora questa gente ha mostrato coi fatti una compattezza davvero invidiabile e tutti hanno contribuito alle spese postali perché fosse inviato al Ministro dei Lavori Pubblici all’uomo nuovo della Calabria, a Giacomo Mancini, un pacchetto contenente tutti i certificati elettorali. Qua l’unica somma che è arrivata ( per le strade ndr) sono state le cinquantamila lire che ci mandò quello scrittore, Pasolini, dopo che venne e vide in che modo viviamo e con quei soldi abbiamo costruito un ponticello tra Arena e Gerocarne per superare un fossato». Una storia d’acqua dicevamo, di un fiume che divide, che ostacola, che emargina. Una popolazione vessata, che oggi, per drammi sempre peggiori (quello del mostro Alaco), pensa di restituire le schede elettorali o vede in un comico una possibile via di salvezza. Oggi come allora dimenticati da quei partiti di sinistra che dovrebbero tutelare le classi popolari e invece tutelano il capitale. Mancini, sordo alle richieste degli “Ariolesi”, ma attento alla penna di Gambino, chiedendogli ripetutamente di lasciare le Serre e di andare a lavorare a Roma. Proposta puntualmente rifiutata dal giovane cronista calabrese, il quale preferisce “rimanere in trincea”.
Un diverso atteggiamento e modo di porsi  verso quelle popolazioni che oggi come allora vivono l’entroterra calabrese in uno stato di “banditismo”, avrebbe detto il poeta romano. Scrive a Gambino (dimenticando l’h):"Saro, il nostro incontro è stato breve ma colmo di pensieri, sarò ancora in Calabria, terra  che amo e dalle mille contraddizioni, di uomini e banditi, per girare delle scene di un mio nuovo lavoro. Ho avuto modo di visitare la zona di Cutro e Crotone, terre che mi ispirano e mi ricordano la Palestina. […] e son certo che la tua collaborazione con Paese Sera darà sicuramente linfa alla tua attività di giornalista “[…]  Usa spesso questa espressione l’intellettuale romano quando parla dei calabresi:”banditi”. Nel suo articolo “La lunga strada di sabbia”, un reportage su un viaggio compiuto da Pasolini a bordo di una Fiat 1100 lungo la costa calabrese  e pubblicato nel settembre del 1957 sul mensile “Successo” scrive: "A un distendersi di dune gialle, in una specie d'altopiano, è il luogo che più mi impressiona di tutto il viaggio. E' veramente il paese dei banditi, come si vede in certi western. Ecco le donne dei banditi, ecco i figli dei banditi. Si sente che siamo fuori dalla legge, o, se non dalla legge, dalla cultura del nostro mondo, a un altro livello. Nel sorriso dei giovani che tornano al loro atroce lavoro, c'è un guizzo di troppa libertà, quasi di pazzia…”. Due mesi dopo il comune di Cutro lo querela per “diffamazione a mezzo stampa”. Pasolini, risponde in tal proposito all’ufficiale sanitario di Cosenza, Pasquale Nicolini, il quale gli chiede del perché di tale giudizio: “I banditi mi sono molto simpatici. Quindi da parte mia non c'era la minima intenzione di offendere i calabresi e Cutro. Comunque, non so tirare pietosi veli sulla realtà: e anche se i banditi li avessi odiati non avrei potuto fare a meno di dire che Cutro è una zona pericolosa, ancora in parte fuori legge: tanto è vero che i calabresi stessi, della zona, consigliano di non passare per quelle famose 'dune giallastre durante la notte. Quanto alla miseria, non vedo perché ci sia da vergognarsene. Non è colpa vostra se siete poveri ma dei governi che si sono succeduti da secoli, fino a questo compreso. E quanto ai ladri, infine: non mi riferivo particolarmente alla Calabria, ma a tutto il sud. Sono stato derubato tre volte: a Catania, Taranto e Brindisi».   «Questi – scrisse, tra l’altro Pasolini – sono dati della vostra realtà: se poi volete fare come gli struzzi, affar vostro. Ma io ve ne sconsiglio. Mi dispiace dell’equivoco: non si tiene mai abbastanza conto del vostro 'complesso di inferiorità», della vostra psicologia patologica, della vostra angesi o mania di persecuzione. Tutto ciò è storicamente e socialmente giustificato. E io non vi consiglierei di cercare consolazioni in un passato idealizzato e definitivamente remoto: l'unico modo per consolarsi è lottare, e per lottare bisogna guardare in faccia la realtà. Lei è persona degna di ogni rispetto e anche affetto e, come tale, cordialmente la saluto».  Una terra abbandonata la Calabria senza prospettive e con un graduale abbandono dell’entroterra e della produzione agricola, cosa che ha mandato a picco quel minimo di economia locale che poteva e doveva essere trasformata e migliorata per dare quantomeno sovranità alimentare. Contadini e famiglie abbandonati che esausti scrivono all’uomo nuovo di Calabria, Giacomo Mancini e che non ricevono alcuna risposta, alcun aiuto se non da “volontari”. Gambino che denunciava in Cassari la mancanza del cimitero e organizzava il finto funerale per poter avere la foto che spiegasse in quali condizioni erano costretti a dare l’ultimo addio ai propri defunti. Pasolini che paga di tasca sua la costruzione di un ponte. Abbandono delle aree interne che continua a perpetrarsi in una logica di mercato assurda e inconcepibile. Il cattivo progresso, proposto alle genti dalla morale capitalistica. Popolazioni liberate dalla “zavorra” della tradizione, del mestiere di famiglia, della terra dei padri. Una impostazione di vita diversa, che ti costringe a lavorare per produrre ricchezza e non per trarne benefici in qualità della vita con la propria famiglia o per la comunità alla quale si appartiene. Produrre una ricchezza della quale prima o poi finirai per goderne anche tu. Falso. Non appena le regole della globalizzazione e del capitalismo conquistano la “terra” la povertà si trasforma in miseria. Prima di queste nuove regole, la povertà della campagna non era miseria, era un modo di vivere in comunità basato sui principi della semplicità, della solidarietà, della condivisione. Regole che si trasformano nel momento in cui la conversione della terra alla logica della produttività, la dignitosa povertà delle nostre campagne si è trasformata in miseria diffusa, che non si limitava a colpire i braccianti, ma anche i piccoli proprietari. Un graduale e  costante abbandono della realtà dell’entroterra da parte di politici e sindacati, di intellettuale e delle forze di sinistra che dovrebbero tutelare gli interessi del popolo. Ancora oggi nelle Serre in particolare, ma in tutto l’entroterra calabrese una situazione di graduale abbandono e degrado di questi luoghi dove è stato distrutto il tessuto economico, fatto di microproduzioni, dove sono stati completamente smantellati i servizi specialmente quelli sanitari, paesi avvelenati da acque sporche. Si avrebbe bisogno di una classe politica che governi il territorio dal basso, di gente che conosca le “cose” e le persone e non di politici calati dall’alto e portati in giro con l’elicottero. L’esempio del “ponte” di Ciano pagato da Pasolini che si immedesima in quella gente, che aiuta e “offende”, ma che non lascia al proprio destino, anche con un diverso modo di porsi, vero e popolare. Ma probabilmente il destino  della Calabria e dei calabresi  segnato cosi, quello di essere sedotti e abbandonati.
 
(pubblicato su Il Corriere della Calabria n. 91)
 
 

Articoli correlati (da tag)

  • Arresti a Gerocarne, un terreno conteso alla base delle minacce all’avvocato vibonese Arresti a Gerocarne, un terreno conteso alla base delle minacce all’avvocato vibonese

    Le minacce di morte nei confronti di un avvocato vibonese si protraevano da anni, precisamente dal 2015, alla base delle quali ci sarebbe stato un terreno conteso. A distanza di tempo, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Serra San Bruno – supportati nella fase esecutiva dai militari delle Stazioni di Soriano e Vazzano – sono riusciti a individuare i presunti responsabili: si tratta di Giuseppe Donato, di 49 anni, e dei figli Salvatore (24) e Peppino (20), ritenuti responsabili a vario titolo dei reati di estorsione aggravata continuata, danneggiamento seguito da incendio, detenzione e porto abusivo di pistola.

    Il padre e i due figli sono adesso ai domiciliari.

    Le indagini sono iniziate il 15 ottobre 2017 quando nella frazione Sant’Angelo di Gerocarne, durante la nottata, è stato appiccato un incendio a un capannone di una persona del luogo.  Da lì sono subito scattate le indagini, che hanno consentito di raccogliere utili risultanze investigative in capo ai due giovani con precedenti di polizia. In quella circostanza fu incendiato l’intero immobile dove erano custoditi, oltre ad alcuni capi di bestiame, un trattore che era stato utilizzato il giorno stesso per lavorare all’interno di un fondo agricolo situato in contrada Cerasara a Gerocarne. Ed è stato proprio questo l’elemento che ha indirizzato le indagini: gli inquirenti, infatti, sono riusciti a ricostruire una vicenda che andava avanti già da tempo in relazione alla proprietà del fondo agricolo.

    Il fondo in questione, di proprietà di un avvocato vibonese, era da tempo oggetto di attenzioni da parte della famiglia Donato, che – secondo i carabinieri - cercava di impossessarsene con minacce e pressioni indirizzate al proprietario del fondo e a tutte le persone che si recavano all’interno per lavorarlo.

    I militari, quindi, hanno ricostruito le intimidazioni verso l’avvocato vibonese più volte minacciato di morte anche con l’utilizzo di una pistola indebitamente detenuta. Minacce, queste, che sono iniziate nel 2015 e si sono protratte sino ad oggi, indirizzate sia al legale che a tutte le persone che di volta in volta venivano individuate dal legittimo possessore del fondo per recarsi nel terreno conteso. L’atteggiamento intimidatorio adottato dai due figli e dal padre (quest’ultimo pregiudicato) era volto a far desistere, oltre al proprietario del fondo stesso, tutti i potenziali acquirenti del terreno e non in ultimo, il proprietario del capannone incendiato. Non è un caso, infatti, secondo gli inquirenti, che oggetto del danneggiamento seguito da incendio del 15 ottobre 2017 sia stato proprio il trattore utilizzato il giorno precedente per completare i lavori nel fondo agricolo dell’avvocato.

    Da qui l’accusa per i tre che si sarebbero procurati un ingiusto profitto consistente nel possesso ed utilizzo del fondo ai fini del pascolo con conseguente danno per il legittimo proprietario che non avrebbe potuto esercitare liberamente il suo diritto di proprietà.

    La vicenda trae origine, storicamente, già dai primi anni 2000 quando il terreno era già oggetto di contesa tra il legittimo proprietario e la famiglia Donato. La diatriba è culminata il 23 giugno 2010 in un tentativo di omicidio che sarebbe stato posto in essere da Giuseppe Donato (reato per il quale è stato condannato con pena definitiva) nei confronti dell’avvocato vibonese, legittimo proprietario del terreno agricolo in argomento.

    «La collaborazione delle vittime – ha affermato il capitano della Compagnia di Serra, Marco Di Caprio – è stata fondamentale, in quanto ci hanno fornito da subito le informazioni che hanno poi indirizzato le indagini. Il nostro lavoro è stato quello di riscontrare le informazioni raccolte, per arrivare alle fonti di prova utili a sostenere l’accusa in giudizio. In ogni caso, non emergono contatti con ambienti mafiosi».

     

  • Estorsione a un avvocato, arrestati padre e figli a Gerocarne Estorsione a un avvocato, arrestati padre e figli a Gerocarne

    È in corso, dalle prime luci dell’alba, a Sant’Angelo di Gerocarne, un’operazione dei carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno che stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di tre persone, rispettivamente padre e figli, ritenuti responsabili di estorsione aggravata continuata in danno di un avvocato vibonese, del danneggiamento seguito da incendio di un capannone avvenuto nell’ottobre 2017 e detenzione e porto di pistola.

    Le indagini sono state condotte dai carabinieri del Nucleo Operativo di Serra San Bruno e coordinate dalla Procura di Vibo Valentia.

    I dettagli dell’operazione saranno forniti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 10 presso il Comando provinciale dei carabinieri di Vibo Valentia.

  • Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet» Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet»

    «Effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia tramite internet, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili, evitando al tempo stesso lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici».

    Sono queste, in sintesi, le proposte avanzate dal consigliere regionale vibonese Vincenzo Pasqua e contenute in una mozione rivolta al presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio.

    «Si tratta di un’iniziativa – afferma Pasqua – per snellire le procedure di prenotazione e pagamento delle visite specialistiche ed ambulatoriali nelle strutture sanitarie della Calabria. È una proposta tanto semplice quanto rivoluzionaria. L’idea – prosegue il consigliere regionale – è di permettere agli utenti della sanità calabrese di potere effettuare le prenotazioni e i relativi pagamenti utilizzando Internet, attraverso i portali istituzionali delle diverse Aziende ospedaliere e sanitarie o comunque nel modo che verrà ritenuto più opportuno. Uno strumento da affiancare a quelli già esistenti – ovvero gli uffici ticket e il Centro unico di prenotazione – che sia al passo con la tecnologia e permetta un notevole risparmio di tempo a chiunque disponga di una semplice connessione internet, da smartphone, tablet o pc, magari realizzando una apposita App. Ad ognuno, con la prescrizione del medico curante che contiene tutte le informazioni necessarie – continua Pasqua – sarà quindi consentito di effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili ed evitando lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici, che a volte richiedono addirittura, per chi non può farne a meno, un giorno di permesso dal proprio posto di lavoro. È assolutamente doveroso andare incontro alle legittime istanze della popolazione calabrese, ed è nostro compito, fare in modo che la qualità della vita di ogni singolo cittadino, dal primo all’ultimo, migliori in ogni campo. E come tutti sappiamo quello della sanità è un settore che tocca le vite di ognuno di noi. Nel 2018 la politica deve attivarsi ancora più di prima per sfruttare appieno le immense opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche. In questo caso, con la mia mozione intendo proprio massimizzare i vantaggi per l’utenza calabrese: fare risparmiare tempo ai cittadini, riducendo di conseguenza le file agli sportelli, ed offrire un servizio che costerà un’inezia all’amministrazione regionale ed è pensato per tutti».

    E ancora: «La mozione nasce da una serie di considerazioni preliminari: non di rado, infatti, abbiamo assistito al blocco del sistema delle prenotazioni delle visite mediche, dovuto a cause diverse. Dobbiamo tenere presente che simili ritardi ingenerano sfiducia e disagi nell’intera popolazione, con notevoli ricadute anche sul piano dell’efficienza del sistema sanitario regionale. Purtroppo c’è da considerare anche che alcuni strumenti adottati, come il numero verde o la possibilità di effettuare prenotazioni nelle parafarmacie, non è riuscita a colmare del tutto il gap esistente tra la domanda di servizi e le possibilità offerte. È inconcepibile assistere a file interminabili con persone sofferenti. Ecco perché, nell’era del digitale, bisogna sfruttare queste occasioni e migliorare quanto più possibile i servizi, specie nel campo della sanità e della tutela del bene-vita. Il fine della mozione – conclude Pasqua – è dunque quello di impegnare la Giunta regionale a volere verificare l’opportunità di attivarsi nella direzione e con le modalità che riterrà più opportune al fine di risolvere la delicata problematica».

  • Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria" Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria"

    Anche il Polo museale di Soriano Calabro aderisce alla “Giornata regionale dei Musei di Calabria “, organizzata dalla Giunta regionale e in programma per sabato, 24 novembre.

    L’iniziativa prevede l’apertura delle più importanti strutture museali sparse su tutto il territorio regionale e, tra queste, c’è anche il polo di Soriano il cui ingresso per quella giornata sarà gratuito. Inoltre, per come affermato in una nota dal sindaco Francesco Bartone, sono state «programmate iniziative volte a coinvolgere l’interesse del pubblico. La nostra cittadina spalancherà le porte del MuMar, della Pinacoteca, del Museo archeologico territoriale della ceramica medievale e del Gabinetto regionale dei disegni e delle stampe antiche della Calabria dove, tra l’altro, è conservato un corpus di carte geografiche originali dal ‘500 all’800».

    Le visite saranno guidate da storici dell’arte e archeologi, mentre in un laboratorio di ceramica ci sarà la dimostrazione della lavorazione artistica del maestro napitino Antonio Montesanti.

  • La street art contagia Gerocarne con il 'Nostoi fest' La street art contagia Gerocarne con il 'Nostoi fest'

    Riceviamo e pubblichiamo

    Ha ufficialmente preso il via nella giornata di ieri, 1 agosto, a Gerocarne il "Nostoi fest" ("Festival del ritorno), un'esclusiva kermesse artistica con cui l’amministrazione comunale, offrendo un degno bentornati ai tanti emigranti rientrati per le feste, ha inteso altresì puntare alla promozione ed alla valorizzazione del borgo antico, trasformato in una pinacoteca a cielo aperto con la realizzazione di alcuni murales, eseguiti su determinate pareti nei punti di maggior frequentazione del paese da sei artisti provenienti da ogni parte d’Italia.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno