Mercoledì, 24 Aprile 2013 20:35

Il Canzonato/6

Scritto da Bruno Greco
Letto 1988 volte

 mini Uomo_in_gognadi Francesco Tiron Petrarca

XI

Quando il Prefetto gli mové disonore

al depositar la relazione della discordia

Umil, scacciata la sua codardia,

provò a toccar di tutti il core

martirizzando, sì..., ma a parole

il suo già santo corpo da “malnutrito”

«Com'é vero Iddio mi taglio un dito!»

Esclamò volgendo lo sguardo al Sole

«Non mi si dica che la mia dottrina

si sia macchiata d'alcun errore...

ch'a praticarla fu gente onesta

giammai vi furon “omini d'onore!”

Non so che sia sta mala 'ndrina

che mi si dice il Comune appesta...»

XII

Glorioso amico a lui s'appoggia

nella protesta, un gran nome anglosassone

Watson, che dimostra di fregarsene...

Et genuino fare Scout da subito sfoggia:

«Questo Palazzo non è teatro di loggia

ma di amministratori che si mettono supino...

al Nazzareno, non al malandrino!»

Et così dicendo armeggia

levando di terra in ciel una tenda

per ospitar egli e l'Umil contento

digiuni di pane et di vergogna

a protestar contro il Commissariamento...

Sperando che questo, quando avvenga

gli risparmi il dito ma non la gogna.

Articoli correlati (da tag)

  • Nicotera, l'appello: “I turisti non puniscano le popolazioni che alzano la testa” Nicotera, l'appello: “I turisti non puniscano le popolazioni che alzano la testa”

    Riceviamo e pubblichiamo

    Meno di un mese che ci siamo sollevati. Quasi un mese di agitazione, coraggio, speranza… lotta.

    Giorni di proteste, occupazioni, chiusura di esercizi commerciali, lidi, bar nel pieno della stagione e persino di domenica…

    Giorni senza più paura. Giorni di passione e dignità.

  • I dipendenti della Provincia di Vibo incontrano Delrio e Lotti I dipendenti della Provincia di Vibo incontrano Delrio e Lotti

    Avrebbero voluto incontrare di persona il premier, Matteo Renzi, i dipendenti in servizio presso la Provincia di Vibo Valentia che, da diversi mesi ormai, hanno avviato una serie di proteste per far sentire la propria voce contro il mancato pagamento delle spettanze arretrate e, soprattutto, per chiedere certezze sul futuro occupazionale.

  • I dipendenti della Provincia di Vibo si recano da Renzi ma la polizia li ferma in autostrada I dipendenti della Provincia di Vibo si recano da Renzi ma la polizia li ferma in autostrada

    È proprio il caso di dirlo: oltre al danno, adesso è arrivata anche la beffa.

  • Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco

    mini Carabinieri-sorianelloVIBO VALENTIA - Sarebbe uno degli autori di una rapina ai danni di un distributore di carburanti che avrebbe fruttato nel complesso 15mila euro. Con questa accusa, i carabinieri hanno fermato nella giornata di ieri Giuseppe Lo Bianco, classe '72, pluripregiudicato appartenente all'ominimo clan operante nella città capoluogo. Il fatto risale intorno alle 18 di ieri, quando due persone con il volto coperto e armate di pistola, hanno fatto irruzione in un distributore situato nella centralissima viale Affaccio, intimando il titolare facendosi consegnare la somma in contanti che ammontava a 15mila euro. Subito dopo i malviventi si sarebbero dati alla fuga a bordo di un'autovettura, guidata da un altro complice. Scattato l'allarme, i carabinieri nel giro di pochi minuti sono riusciti a rintracciare la macchina in località Ottocanalli. Alla guida c'era lo stesso Lo Bianco che è stato immediatamente bloccato. Dalla perquisizione eseguita all'interno dell'autovettura, inoltre, i militari hanno rinvenuto un passamontagna nascosto sotto i sedili che sarebbe lo stesso utilizzato dai malviventi per compiere la rapina. Il 42enne, posto in stato di fermo e tradotto in carcere, è già noto alle forze in quanto rimasto coinvolto nell'operazione “Cash”, scattata nel luglio del 2011. Nei suoi confronti, infine, viene contestata anche un'altra rapina, messa a segno ad ottobre in un supermercato di Vibo.


     

  • Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera

    mini polizia_cantonaleLa Polizia cantonale ha arrestato nei giorni scorsi in Svizzera Antonio Montagnese, 35 anni di Fabrizia, ritenuto al vertice dell'omonimo clan Montagnese-Nesci, e già condannato in Cassazione ad una pena di 9 anni di reclusione con l'accusa di associazione mafiosa. Il 35enne era rimasto coinvolto nell'operazione “Domino”, scattata nel 2007. Montagnese è il genero di Bruno Nesci, anche lui al vertice della consorteria mafiosa. Subito dopo la sentenza della Cassazione, arrivata nel maggio di quest'anno che ha certificato l'esistenza di un locale di 'ndrangheta a Fabrizia, Montagnese si era dato latitante in Svizzera, ma la Polizia Cantonale dopo mesi di ricerche è riuscita a rintracciarlo. 

     

Altro in questa categoria:

Succ. >>

Il Canzonato/5

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno