Mercoledì, 13 Giugno 2012 18:03

La coda del Grillo

Scritto da Salvatore Albanese
Letto 1917 volte

grilloDai palchi dei teatri a quelli elettorali. Svestiti i panni del comico, Grillo prosegue imperterrito nel suo secondo tempo da padre-padrone di una creatura ancora amorfa, capace di attrarre i delusi della politica e di parlare alla pancia di un partito che non c’è. Il movimento 5 stelle dilaga. I sondaggi lo danno al 16%. A gennaio contava il 4. Un fenomeno alimentato dalla passione di studenti, disoccupati ed impiegati da 1000 € al mese che fanno politica per civismo, ma che cozza con le incoerenze del guru Grillo. Lo stereotipo perfetto del genovese commerciante furbetto, paladino dell’anticonsumismo che gira in Porsche, trascorre le domeniche da vip in Costa Smeralda ed i lunedì fra le barricate con i No Tav. Mette alla gogna i politici in attesa di giudizio, lui leader di un partito in cui per candidarsi non bisogna avere la fedina penale macchiata, ma si trascina sulle spalle una condanna per triplo omicidio colposo. 10 anni fa a teatro spaccava i computer a martellate, oggi si spaccia per vate del web. Tutto e il contrario di tutto.

Grillo cambiò idea sull’utilità della rete dopo l’incontro con l’Harry Potter della tecnologia: Gianroberto Casaleggio, oggi suo amico fraterno, ex-elettore della Lega Nord. Ideatore del GrilloBlog e di ogni logica di marketing, vendita di libri e dvd compresa. Casaleggio è l’uomo nell’ombra che ha inventato a tavolino il M5S e che sa meglio di ogni altro in Italia come si applica la politica ad Internet, e viceversa. L’unico consigliere che il comico-capopartito ascolta nelle riunioni a 2 nei lussuosi uffici ubicati nel palazzo della Camera della Moda, tra avvocati di grido, ereditiere e private banker nel cuore di Milano, a pochi passi dalla Scala.

Prima per ascoltare Grillo bisognava comprare il biglietto, ora basta possedere la scheda elettorale. Ad aprile si è fatto prestare un camper per un tour attraverso i 102 comuni in cui il suo movimento concorreva alle elezioni. Un tour sfiancante in cui si concede senza sosta al pubblico, o meglio agli elettori. Vede centinaia di facce, stringe chissà quante mani. Tutto Gratis. Per la prima volta. In ogni posto dice la parola giusta recitando parti differenti: nell’Emilia rossa squaderna idee progressiste, nell’enclave berlusconiane fa il liberista e si lamenta dell’oppressione fiscale, nella Varese del carroccio urla: “Bossi era un grande, ma il marcio della politica lo ha corrotto”. In Sicilia dice che Equitalia è peggio della mafia. Dove c’è un vuoto Grillo si infila come un geopolitico. Cambia idea a seconda delle latitudini.
Insomma ci sono 2 lati di Grillo. Quello condivisibile, delle battaglie per la rete libera, per l’ambientalismo locale, per l'ecologia della finanza, contro i privilegi della casta, per l'acqua pubblica, che rinuncia ai rimborsi elettorali, contro gli abusi edilizi ed in scontro con i media censori. E poi c’è il Grillo peggiore, quello nichilista che butta tutti indistintamente nello stesso calderone. Che sbraita come fosse spettatore di un combattimento fra galli. Quello qualunquista, dal linguaggio fascisteggiante che ironizza sui difetti fisici degli avversari, crudo e volgare. Dei vaffa gratuiti, stretti parenti del “ce l’abbiamo duro” di Bossi. Che si rifiuta di firmare per il libero Wi-Fi solo perché l'iniziativa non l'ha lanciata lui, o che si irrita se gli si chiede della sua condanna penale. Il Grillo monologhista che non da spazio a controbattute. Che insulta chiunque provi a metterlo in discussione e che adopera internet come luogo di guerriglia pubblicitaria, di manipolazione dell'opinione pubblica per plasmare i consumatori di un progetto politico.
Ma ora con il successo elettorale qualcosa è cambiato. I 5 stellati iniziano ad odiare l’autorità incontrastata di Grillo che impone espulsioni dal partito, severi diktat e divieti a partecipare a talk show per tutti, eccetto per se stesso: prima dell’ultimo comizio per il ballottaggio di Garbate Milanese rilasciò un’intervista di 2 ore alla Cnn. A questo si sommano le lacune di una struttura decisionale che manca di trasparenza e che lascia troppi punti interrogativi. Chi comanda nel M5S? Se si partecipasse alle politiche 2013, col Porcellum dei listini bloccati, chi deciderebbe i candidati? Il ristretto cerchio magico composto da 2 uomini, Grillo e Casaleggio, o quella miriade di cibernauti che frequentato il blog? Che posizione ha il M5S su temi come la politica economica, il lavoro, la laicità e l’immigrazione? Verso le elezioni del 2013, sulla via che conduce a Roma, tutto diventa più complicato. Non si può, ora che si è stati eletti, continuare ad esprimere opposizione e rivolta senza indicare un’alternativa politica. Il M5S ingarbugliato nella ragnatela della propria metamorfosi: una forza anti-sistema che diventa 3° partito del paese. Il tutto mentre i grillini crescono e reclamano spazi. Tira già aria di parricidio.

Articoli correlati (da tag)

  • Pellegrino contro i «sedicenti» consiglieri Pd di Vibo: «Hanno fatto da stampella a Costa» Pellegrino contro i «sedicenti» consiglieri Pd di Vibo: «Hanno fatto da stampella a Costa»

    Riceviamo e pubblichiamo:

    I consiglieri comunali sedicenti Pd della città di Vibo Valentia, dopo aver celebrato ieri mattina il Festival del pretesto e dell'ipocrisia, prima ancora di scendere dalle scale di via Argentaria hanno incassato l'ennesima figura barbina.

    Mentre in effetti Russo e compagni affastellavano argomenti e ricercavano giustificazioni per definire un inciucio politicamente inqualificabile, il consigliere Stefano Luciano li scavalcava a sinistra sul tema che di più mette a nudo le incoerenze e le timidezze del gruppo: la sfiducia a Costa.

    Dalle chiacchiere ai fatti, già oggi in sede di approvazione del DUP abbiamo verificato quanto regge il patto di potere sancito - officiante Vito Pitaro, con Mangialavori e il centrodestra - sulle elezioni provinciali di Vibo. Gli eroici tutori dell'ortodossia democratica in salsa vibonese hanno fatto ancora una volta da stampella a Costa e dimostrato, qualora ce ne fosse ancora bisogno, quali erano i contorni del baratto politico stipulato in sfregio al Pd di tutto il territorio vibonese.

    Repentinamente chi, per qualche giorno, quando il proprio voto valeva 8, ha fatto il leone, è tornato a farsi pecorella in consiglio comunale quando è tornato valere 1, esattamente come accade da 3 anni. Del resto, la clamorosa incoerenza del gruppo dei "lanciatori di segnali" e cacciatori di incarichi in astinenza, oltre che nella totale infondatezza dell'assunto secondo cui per rafforzare il partito a Vibo bisogna votare Forza Italia, sta nella faccia tosta di presentarsi in federazione sedendo allo stesso tavolo con un consigliere che appena sei mesi fa si è candidato alle politiche in altra coalizione e che è già automaticamente decaduto dell'anagrafe degli iscritti.

    Peraltro il segretario di Federazione, diversamente da quanto ritenuto dalla banda degli onesti, mi risulta abbia già avviato la procedura presso la commissione di garanzia per la violazione dell'art. 4 del codice etico per come conclamata e dagli stessi ieri pubblicamente certificata.

    Pino Pellegrino

    Dirigente del Partito democratico

    Commissario del Parco naturale regionale delle Serre

  • Serra verso le Comunali | "Siamo un laboratorio politico, non la terza lista" Serra verso le Comunali | "Siamo un laboratorio politico, non la terza lista"

    SERRA SAN BRUNO - Non l'hanno voluta battezzare come la "terza lista" o, in alternativa, la "terza via". Quanto, piuttosto, come un vero e proprio «laboratorio di idee, composto da persone indipendenti e libere di esprimere le proprie opinioni».

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

  • Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco

    mini Carabinieri-sorianelloVIBO VALENTIA - Sarebbe uno degli autori di una rapina ai danni di un distributore di carburanti che avrebbe fruttato nel complesso 15mila euro. Con questa accusa, i carabinieri hanno fermato nella giornata di ieri Giuseppe Lo Bianco, classe '72, pluripregiudicato appartenente all'ominimo clan operante nella città capoluogo. Il fatto risale intorno alle 18 di ieri, quando due persone con il volto coperto e armate di pistola, hanno fatto irruzione in un distributore situato nella centralissima viale Affaccio, intimando il titolare facendosi consegnare la somma in contanti che ammontava a 15mila euro. Subito dopo i malviventi si sarebbero dati alla fuga a bordo di un'autovettura, guidata da un altro complice. Scattato l'allarme, i carabinieri nel giro di pochi minuti sono riusciti a rintracciare la macchina in località Ottocanalli. Alla guida c'era lo stesso Lo Bianco che è stato immediatamente bloccato. Dalla perquisizione eseguita all'interno dell'autovettura, inoltre, i militari hanno rinvenuto un passamontagna nascosto sotto i sedili che sarebbe lo stesso utilizzato dai malviventi per compiere la rapina. Il 42enne, posto in stato di fermo e tradotto in carcere, è già noto alle forze in quanto rimasto coinvolto nell'operazione “Cash”, scattata nel luglio del 2011. Nei suoi confronti, infine, viene contestata anche un'altra rapina, messa a segno ad ottobre in un supermercato di Vibo.


     

  • Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva

    mini carabieniri_notteI carabinieri della Stazione di Soriano Calabro, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione, nella serata di ieri, all'ordine di carcerazione per l'espiazione di una pena detentiva, emessa dalla Procura generale di Catanzaro, nei confronti di tre soggetti: si tratta di Giuseppe Capomolla, 34enne residente a Soriano, già noto alle forze dell'ordine, e Pietro Nardo, di 45 anni, residente a Sorianello ma domiciliato a Gerocarne, entrambi responsabili del reato di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Capomolla è stato condannato a 4 anni e 10 mesi di reclusione, mentre di 4 anni e 5 mesi è la pena inflitta a Nardo. L'altro arrestato è, invece, Bruno Sabatino, residente a Gerocarne, anche lui pregiudicato, che dovrà espiare una pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione, in quanto responsabile dei reati di porto abusivo di armi e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le condanne si riferiscono alle indagini scaturite dall'operazione Ghost, conclusa nel 2009 dalla Polizia di Stato, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne. Capomolla e Nardo sono stati tradotti presso il carcere di Vibo, mentre Sabatino è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. 

     

Altro in questa categoria:

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno