Venerdì, 24 Agosto 2012 17:40

Ma l’Alaco, esiste?

Scritto da Sergio Pelaia
Letto 2086 volte

mini schiumaSERRA SAN BRUNO - Ma l'Alaco è ancora lì? Esiste ancora quel serbatoio di veleni e di affari torbidi e maleodoranti, proprio come l’acqua che arriva ai serresi e ai vibonesi? Ad assistere ai dibattiti del Pd serrese, penseresti che l’Alaco non esiste, o che forse non è un problema che ci tocca piu' di tanto. Poi ti viene da chiederti chi mai può aver fatto assumere quei tecnici che cercavano di seminare i Nas per andare a nascondere la famigerata schiuma marrone dai sedimentatori, e allora capisci che, per chi sosteneva la giunta Loiero, oggi è meglio parlare dei massimi sistemi, o inseguire alleanze con chi sostiene il “modello peggio”, oppure dissertare su quello che ha scritto l’Economist. Gli stessi dubbi ti assalgono osservando l’operato del Mpa: silenzio totale.

Qualcuno potrebbe ricordarsi che Serra si è allacciata all’Alaco nel 2006, quando era sindaco Lo Iacono (centrosinistra), oggi leader serrese del movimento di Loiero e di “Arraffaele” Lombardo, fresco alleato del Pdl e de La Destra in Sicilia. Niente. Nessuna presa posizione, com’è ovvio, neanche dall’Udc di Pino Raffele, amico e collega di Giulio Ricciuto – indagato per avvelenamento colposo di acque – e da sempre sostenitore della necessità che Serra rimanga legata all’Alaco. “E’ impossibile rendersi autonomi – ha sempre sostenuto Raffele – costerebbe troppi soldi”, e intanto il comune ha sborsato per anni, e lo fa tuttora, circa 300mila euro all’anno per acqua avvelenata pagata con tariffe illegittime. A questo punto, cosa ti aspetteresti dal Pdl dell’attuale sindaco Bruno Rosi, per il quale, ancora oggi, l’acqua dell’Alaco è potabile? Vabbè, si scherzava in campagna elettorale, e anche dopo, quando si affermava dai palchi e sui giornali che si stavano studiando soluzioni per il problema acqua. Ma perché poi, se l’acqua è buona, tanto che c’è pure chi, avendo responsabilità istituzionali, invita a berla dal rubinetto? L’importante è non spaventare i turisti; se poi viene fuori che il comune dichiarava potabile acqua che non lo era, e che sarà mai? Se poi le analisi previste dal D.lgs. 31/2001 per le acque dell’Alaco, non le ha mai fatte nessuna amministrazione, che volete che sia? Dunque a chi dovrebbe importare se il Tar del Lazio sentenzia che l’acqua fornita ai cittadini deve essere salubre e la tariffa deve essere connessa proprio alla qualità del prodotto? Gli utenti dell’acqua di varie regioni (Lazio, Toscana, Trentino Alto Adige, Lombardia, Umbria) saranno risarciti con almeno 100 euro a cittadino, perché l’acqua che hanno pagato per buona era contaminata da arsenico. La sentenza è storica, ma a noi, in questo angolo di paradiso abitato da diavoli, che cosa importa? Tanto l’Alaco non esiste.

Articoli correlati (da tag)

  • Terza categoria | Serrese sconfitta in casa dal Pernocari Terza categoria | Serrese sconfitta in casa dal Pernocari

    Seconda sconfitta su altrettante partite per la Serrese nel girone “F” di Terza categoria.

    Dopo il ko rimediato alla prima giornata sul campo dell’Allarese, l’undici di mister Schinello ha dovuto cedere il passo al Pernocari che, ieri pomeriggio, ha espugnato lo stadio “La Quercia” con il risultato di 2 a 1. Eppure, era stata la Serrese a portarsi per prima in vantaggio con Raffaele Randò al 23’ della prima frazione con un tiro da lontano. Ad inizio ripresa, però, gli ospiti pareggiano i conti grazie a Tavella e, dieci minuti più tardi, il Pernocari sigla la rete decisiva con Mandaradoni.

    Dopo due giornate, la Serrese resta ferma a 0 punti, in compagnia di Real Capo Vaticano e Gerocarne.

    Domenica prossima è in programma la sfida esterna con l’Orsigliadi, squadra attualmente prima in classifica assieme a Filandari e Fulgor Zungri.  

  • Trasversale, Comitato ancora all'attacco dell'Anas: «Ci nega l'accesso agli atti» Trasversale, Comitato ancora all'attacco dell'Anas: «Ci nega l'accesso agli atti»

    «Per Anas, evidentemente, i cittadini non devono sapere». Queste le parole riportare in una nota dalla vicepresidente del “Comitato Trasversale delle Serre - 50 anni di sviluppo negato”, Silvia Vono.

  • Serra, successo per il primo giorno della “Festa del Fungo”. Ristoranti sold out Serra, successo per il primo giorno della “Festa del Fungo”. Ristoranti sold out

    SERRA SAN BRUNO - Un bilancio più che positivo per il primo giorno della “Festa del fungo” organizzata dalla Pro Loco di Serra San Bruno.

  • Acqua potabile, disagi anche a Brognaturo Acqua potabile, disagi anche a Brognaturo

    BROGNATURO - Come di consueto, durante la stagione estiva, il problema della mancanza di acqua nelle abitazioni non si è fatto attendere nemmeno nel comune di Brognaturo.

  • Prima categoria | Zaffino e Giuggioloni ad un passo dal Chiaravalle Prima categoria | Zaffino e Giuggioloni ad un passo dal Chiaravalle

    Con il comunicato ufficiale numero 11 pubblicato nella giornata odierna, il Cr Calabria della Lega nazionale dilettanti ha diramato la lista dei giocatori svincolati ai sensi degli articoli 32, 107, 108 e 109 delle Norme organizzative interne della Figc.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno