Stampa questa pagina
Martedì, 05 Marzo 2013 16:11

Scopelliti macho man. 90mila euro per la ristrutturazione del suo ufficio: c’è anche la palestra

Scritto da Salvatore Albanese
Letto 5604 volte

mini Giuseppe-Scopelliti-ospite-a-Porta-a-PortaNon c’è niente da fare. Nonostante il periodo di magra vissuto da tanti calabresi, gli sfizi la casta della politica regionale vuole proprio continuare a toglierseli tutti. Dopo lo scandalo emerso in seguito alla pubblicazione dei capitoli del bilancio regionale riportanti varie spese “generose”, continua lo spreco di fondi pubblici introitati dall’ente direttamente dalle tasche dei cittadini. Nel settembre scorso a riempire le colonne dei giornali furono le spese di rappresentanza del Consiglio regionale, riconosciute per un importo superiore ai 700mila euro

(l’Emilia Romagna, ad esempio, ne spende un sesto, ma i suoi abitanti sono il doppio ed il Pil il quadruplo), a cui va sommata la spesa totale annua per il “mantenimento” dell’Astronave a Reggio Calabria, ossia il palazzone in cui risiede lo stesso Consiglio regionale che tra affitto dell’immobile, stipendi di consiglieri ed assessori e spese varie ci costa ogni anno 77,9 milioni (38,7 euro ad ogni calabrese); 140mila euro per la stampa de “Il senso delle scelte compiute” (un libricino di 125 pagine voluto dal presidente della Giunta Talarico); un gonfalone per la sala consiliare da 3.500 euro; 500mila euro di “copertura assicurativa allargata”; 10 bandiere tricolore per la cifra di 12.148 euro (1.248 euro ciascuna); un rimborso per le spese telefoniche e postali di 2milioni di euro; rimborsi delle consulenze per 8milioni di euro;  7milioni di euro per gli immobili presi in locazione fra Bruxelles, Roma, Milano e mezza Calabria; 270mila euro per viaggi, trasferte e missioni; 9,2 milioni per il personale delle segreterie e, dulcis in fundo, 92mila euro all’anno per la manutenzione di una delle tre auto blu a disposizione di Scopelliti: un’Audi A6/FL 3.000 cc, motore 6 cilindri, blindatura ‘B4’ capace di sopportare anche i colpi di una 44 Magnum.

Adesso, come se non bastasse, lo stesso governatore Scopelliti, ha deciso di ristrutturare, riqualificare e arredare le stanze del suo ufficio di Presidenza per la modica cifra di 90mila euro. L’incarico è stato assegnato “in economia” ad un noto architetto reggino che proprio su richiesta di Scopelliti ha provveduto ad inserire nel progetto la costruzione di un’area relax con palestra predisposta di tapis roulant, panca per il sollevamento pesi ed altri attrezzi ginnici. Cifre da “capogiro” per la sempre più misera Calabria.

Articoli correlati (da tag)