Venerdì, 29 Marzo 2013 15:16

Sergio Di Giorgio: la zampogna come mamma

Scritto da Sergio Gambino
Letto 3343 volte

mini una cosa a treRacconta Peppe Ranieri detto “Lu Pulici”, allievo di Bruno Tassone maestro costruttore di zampogne da Serra San Bruno, e a sua volta maestro, o meglio uno dei maestri di zampogna di Sergio Di Giorgio, che il giorno in cui impalmò la sua Clara, con un occhio guardava il prete che celebrava il sacro uffizio e con un altro guardava fuori verso i suoi amici “zampognari” che intanto proprio fuori dalla Chiesa di Briatico accordavano gli strumenti preparandosi alla festa. “La zampogna è la Mamma”, risponde alla mia “giornalistica” domanda “Cos’è la zampogna?”. Di Giorgio comincia il suo percorso artistico e scientifico nella musica, nella ricerca e nello studio della tradizione musicale popolare fondando assieme a Francesco Forgione, Goffredo Plastino, Ettore Castagna il gruppo musicale “Re Niliu”, gruppo al quale  si aggiunsero da subito Danilo Gatto e Salvatore Megna (“The Voice” della canzone calabrese) e altri nel corso dei vent’anni circa di storia. Mimmo Vazzana, Diego Pizzimenti, Mimmo Mellace, Claudio Messineo.

La vicinanza a questo movimento culturale dell’antropologo Gigi De Franco, diede vita ad una serie di eventi  che a distanza di anni, anche se profondamente mutate da come erano state concepite, (Paleariza o Cataforio) continuano ad essere tra le manifestazioni più importanti dedicate alla musica tradizionale. All’attivo del Re Niliu tre indimenticabili lavori: Caravi, Non Suli e nò Luna e Pucambù. Importantissimo è il ruolo che negli anni ottanta e novanta, anni di distruzione e di perdita di identità, anni in cui si è permesso alla malavita di appropriarsi di quel tessuto culturale contadino e operaio, anni in cui ci si vergognava del proprio accento calabrese considerando giusto quello settentrionale, anni in cui gli ultimi suonatori e costruttori della tradizione musicale stavano invecchiando e morendo lasciando all’oblio la loro eredità di saperi tramandati per decine di secoli in modo orale da padre in figlio, da mastro a discepolo, proprio  i quegli anni, a questi ragazzi, andava il merito di aver “salvato il salvabile”.  

La Cooperativa “Satriani” e MedMedia furono in quegli anni produzione di cultura e di documentazione che lasciano un patrimonio di conoscenza inestimabile. Prendiamo ad esempio il caso di Fragomeni, il suonatore e costruttore di lira di Mirto, o Megale, o Don Leo Romeo (Barbitta). Se ora con tutte le critiche che si possano fare ai modi e ai metodi, la lira o la zampogna compare di nuovo tra le mani dei ragazzi calabresi, molto del merito va dato ai “Beatles” di Calabria.  Sergio ora, sta mettendo a frutto la sua mente creativa, e il grande bagaglio di esperienze raccolte in anni di attività e di ricerca fatta di amicizie e di rapporti umani con le persone che studia e osserva, adoperandosi nella liuteria tradiionale. Il lavoro costante di un osservatore che diventa a sua volta parte di quel mondo fatto di amicizie, di saperi, di capre e di formaggi. Pasquale Raffa da Cernatali, il “grande vecchio” della zampogna calabrese e genero di Monteleone, grande suonatore e abilissimo costruttore di zampogna. La ricerca nella costruzione prima della lira, poi della zampogna, che rende in questo momento Sergio il miglior costruttore dello strumento, lo porta a Cernatali, dove punta il suo sguardo attento sul lavoro del costruttore dello Zomaro. Sergio stagiona le sue essenze e riesce ad unire con un equilibrio perfetto la tradizione e la tecnologia, il gusto di suoi maestri riprodotto e migliorato e conservato in modo certosino. La tradizione orale. Punto di riferimento per decine di giovani e meno giovani, che lo cercano chi per imparare lo strumento, chi per chiedere qualche consiglio, o per parlargli. E Sergio da buon maestro dedica un po’ del suo prezioso tempo a tutti. Sornione come quel gatto di casa che non capisci mai se ronfi o faccia le fusa o se stia dormendo o se solo da buon catanzarese verace ti stia prendendo in giro col suo sorriso “musicale”. Sergio in questo momento conserva, mantenendo fede al metodo di trasmissione dei saperi fatto in modo orale, nella sua mente un patrimonio di saperi inestimabile. Questo vuole essere per me un pubblico appello nei suoi confronti per una pubblicazione sul nobile strumento che solo lui è in grado di fare.  La sua licitazione a maestro è popolare e corale, ma purtroppo, come accade sempre in Calabria, come succede per artisti del calibro di Peppe Correale, Nik Spatari, intellettuali del calibro di Nicola Zitara, menti illuminate che le Istituzioni invece di valorizzare, di sfruttare quasi, per trarne vantaggi e di cultura e di economia, lascia in disparte, mettendo ala ribalta o investendo su cose assurde e lontane.  Ma forse è giusto cosi, è giusto che Sergio continui a fare il suo lavoro lontano da quelle luci del successo che ha sempre odiato ed evitato. E’ giusto che continui a mantenere quella rete di valori fatte di cartoline nell’era delle mail, è giusto che continui a carpire quei segreti del legno e a trasformarli in  quei suoni che hanno fatto la storia della musica popolare calabrese e della rivisitazione di questo inestimabile patrimonio culturale. E’ giusto che continui a trasformare il bosso, l’erica, il sambuco, in strumenti che possono competere con le migliori liuterie in tutto il mondo. La tradizione che si nasconde dal progresso per difendersi e allo stesso tempo si mostra in tutta la sua bellezza unendo la scienza al metodo empirico tradizionale. Il laboratorio Di Giorgio è composto da due piccole stanzine stracolme di essenze in stagionatura, canne, utensili, attrezzi piccolissimi, coltelli e coltellini, spaghi, torni, martelli, cassette di patate e calibri di altissima precisione, un avamposto in un rione di Reggio che nella mia ultima visita a Reggio ho visto sepolto dalla spazzatura, che Sergio emigrato in Reggio da Catanzaro guarda dalle finestre del suo laboratorio con tristezza e rassegnazione. Il suo è un centro pulsante di suono e di parole, una realtà che dovrebbe essere considerata patrimonio della Regione Calabria e che, in attesa di una classe politica attenta a queste realtà, rimane patrimonio comune di tutti coloro che hanno sete e voglia di conoscere il meraviglioso ed affascinante mondo della mamma degli strumenti della Calabria.  Mastru Sergio, lu ceramedharu.

(articolo pubblicato su Il Corriere della Calabria n. 89)

Articoli correlati (da tag)

  • Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet» Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet»

    «Effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia tramite internet, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili, evitando al tempo stesso lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici».

    Sono queste, in sintesi, le proposte avanzate dal consigliere regionale vibonese Vincenzo Pasqua e contenute in una mozione rivolta al presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio.

    «Si tratta di un’iniziativa – afferma Pasqua – per snellire le procedure di prenotazione e pagamento delle visite specialistiche ed ambulatoriali nelle strutture sanitarie della Calabria. È una proposta tanto semplice quanto rivoluzionaria. L’idea – prosegue il consigliere regionale – è di permettere agli utenti della sanità calabrese di potere effettuare le prenotazioni e i relativi pagamenti utilizzando Internet, attraverso i portali istituzionali delle diverse Aziende ospedaliere e sanitarie o comunque nel modo che verrà ritenuto più opportuno. Uno strumento da affiancare a quelli già esistenti – ovvero gli uffici ticket e il Centro unico di prenotazione – che sia al passo con la tecnologia e permetta un notevole risparmio di tempo a chiunque disponga di una semplice connessione internet, da smartphone, tablet o pc, magari realizzando una apposita App. Ad ognuno, con la prescrizione del medico curante che contiene tutte le informazioni necessarie – continua Pasqua – sarà quindi consentito di effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili ed evitando lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici, che a volte richiedono addirittura, per chi non può farne a meno, un giorno di permesso dal proprio posto di lavoro. È assolutamente doveroso andare incontro alle legittime istanze della popolazione calabrese, ed è nostro compito, fare in modo che la qualità della vita di ogni singolo cittadino, dal primo all’ultimo, migliori in ogni campo. E come tutti sappiamo quello della sanità è un settore che tocca le vite di ognuno di noi. Nel 2018 la politica deve attivarsi ancora più di prima per sfruttare appieno le immense opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche. In questo caso, con la mia mozione intendo proprio massimizzare i vantaggi per l’utenza calabrese: fare risparmiare tempo ai cittadini, riducendo di conseguenza le file agli sportelli, ed offrire un servizio che costerà un’inezia all’amministrazione regionale ed è pensato per tutti».

    E ancora: «La mozione nasce da una serie di considerazioni preliminari: non di rado, infatti, abbiamo assistito al blocco del sistema delle prenotazioni delle visite mediche, dovuto a cause diverse. Dobbiamo tenere presente che simili ritardi ingenerano sfiducia e disagi nell’intera popolazione, con notevoli ricadute anche sul piano dell’efficienza del sistema sanitario regionale. Purtroppo c’è da considerare anche che alcuni strumenti adottati, come il numero verde o la possibilità di effettuare prenotazioni nelle parafarmacie, non è riuscita a colmare del tutto il gap esistente tra la domanda di servizi e le possibilità offerte. È inconcepibile assistere a file interminabili con persone sofferenti. Ecco perché, nell’era del digitale, bisogna sfruttare queste occasioni e migliorare quanto più possibile i servizi, specie nel campo della sanità e della tutela del bene-vita. Il fine della mozione – conclude Pasqua – è dunque quello di impegnare la Giunta regionale a volere verificare l’opportunità di attivarsi nella direzione e con le modalità che riterrà più opportune al fine di risolvere la delicata problematica».

  • Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria" Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria"

    Anche il Polo museale di Soriano Calabro aderisce alla “Giornata regionale dei Musei di Calabria “, organizzata dalla Giunta regionale e in programma per sabato, 24 novembre.

    L’iniziativa prevede l’apertura delle più importanti strutture museali sparse su tutto il territorio regionale e, tra queste, c’è anche il polo di Soriano il cui ingresso per quella giornata sarà gratuito. Inoltre, per come affermato in una nota dal sindaco Francesco Bartone, sono state «programmate iniziative volte a coinvolgere l’interesse del pubblico. La nostra cittadina spalancherà le porte del MuMar, della Pinacoteca, del Museo archeologico territoriale della ceramica medievale e del Gabinetto regionale dei disegni e delle stampe antiche della Calabria dove, tra l’altro, è conservato un corpus di carte geografiche originali dal ‘500 all’800».

    Le visite saranno guidate da storici dell’arte e archeologi, mentre in un laboratorio di ceramica ci sarà la dimostrazione della lavorazione artistica del maestro napitino Antonio Montesanti.

  • Operazione antidroga tra la Sicilia e la Calabria: perquisizioni anche a Vibo Operazione antidroga tra la Sicilia e la Calabria: perquisizioni anche a Vibo

    Operazione antidroga dei carabinieri di Siracusa che, a seguito di una vasta operazione, sono riusciti a smantellare un'organizzazione dedita al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti.

  • Sanità, livelli essenziali di assistenza: maglia nera per la Calabria. La classifica Sanità, livelli essenziali di assistenza: maglia nera per la Calabria. La classifica

    Sedici sono state, in tutto, le regioni monitorate e soltanto 8 risultato in regola con la verifica adempimenti 2013. A guidare la classifica è la Toscana; stabile, invece, l'Emilia Romagna al secondo posto; perdono posizioni Piemonte, Umbria e Lazio, mentre a chiudere la griglia è la Calabria. 

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno