Lunedì, 04 Marzo 2013 15:10

Thyssenkrupp, graziati i dirigenti. Giuseppe Demasi, tra le vittime, nel cuore dei fabriziesi

Scritto da Maria Cirillo
Letto 2454 volte

mini Giuseppe_Demasi_morto_nel_rogo_della_ThyssenkruppIl nome di Giuseppe Demasi, di origine fabriziese, il 30 dicembre 2007 è stato definitivamente aggiunto alla lista delle vittime letali causate dal lavoro. La falce impietosa, in questo caso, è stata la fabbrica torinese Thyssenkrupp, dove Giuseppe svolgeva con impegno un lavoro che, a sua insaputa, presto lo avrebbe brutalmente strappato dalla vita e all'affetto dei suoi cari.  Solo per pochi giorni Giuseppe è riuscito a sopravvivere alla tragedia del 6 dicembre: da lì a poco era destinato a chiudere il cerchio della strage umana perpetrata da un errato modello di capitalismo egoista e noncurante, lasciando nella disperazione più nera le persone che lo amavano e spezzando il cuore di una madre che ancora non sa e non riesce a farsi una ragione per quell’ingiusta fine.

Nessuno dei 7 operai di turno quella maledetta notte si è salvato. La giustizia di primo grado ha asperso su quel dolore un piccolo barlume di sensatezza; grazie ad essa le famiglie avevano potuto, almeno in parte, lenire la giusta rabbia nei confronti dei responsabili.  Quella giustizia bistrattata e che spesso viene considerata goffa, quella giustizia lenta e a volte esageratamente garantista, in questo caso aveva coraggiosamente avviato un corso alquanto nuovo e deciso, un corso giusto ed umanamente attento al supremo valore del diritto alla vita. Con pienezza di cognizione è riuscita a legittimare, fin da subito, un processo per omicidio nei confronti dei dirigenti inadempienti, che non avevano rispettato i cogenti obblighi di legge nell’adozione delle misure di sicurezza nei luoghi di lavoro, rendendosi così responsabili della morte dei propri operai.

La sentenza di primo grado, considerata per certi versi innovativa, aveva consolidato nelle famiglie delle vittime e nei lavoratori in generale, la speranza che da questo precedente poteva nascere una nuova mentalità che, finalmente, tutelasse la vita e la dignità dell’uomo prima e più che l’utile d’impresa. In effetti, il primo grado del giudizio diede una spallata al sistema dell’indifferenza nei confronti della vita: i dirigenti vennero condannati per omicidio volontario.

Com’è norma, la giustizia italiana non si ferma al primo giudizio ma conferisce la possibilità di riesame nei gradi successivi. Nell’appena conclusa fase d’appello, i dirigenti condannati in primo grado per omicidio volontario, hanno beneficiato di una più clemente qualificazione del delitto che ha sminuito ampiamente i confini dell’intensità volitiva del reato. Entrando nel merito, nel primo grado vi è stato l’accertamento oggettivo del fatto che i responsabili hanno coscientemente deciso di accettare, con la loro condotta, il rischio del verificarsi dell'evento morte (non direttamente voluto ma comunque altamente probabile). La sentenza d’appello, invece, ha graziato i dirigenti dando la qualificazione di omicidio colposo, sia pur con “colpa cosciente”.

Pur rimanendo alta la gravità del delitto, la valutazione sulla pericolosità sociale del reato è stata posta ad un livello parecchio inferiore a quello individuato dalla prima sentenza (la quale, giustamente, aveva deciso di non accordare discolpe per l'assurdità di ciò che era successo).

In pratica, un delitto di omicidio scaturito dalla volontaria indifferenza nei confronti del grave rischio per la vita umana (che, come era prevedibile, alla fine si è verificato) non è stato perseguito dalla giustizia come in questo caso ci si aspettava.

Perché si, in questo caso siamo tanti dalla parte degli increduli: prima di tutto e, purtroppo, prima di tutti i parenti e gli amici che hanno dovuto subire personalmente gli effetti dell’insensibilità nei confronti della vita dei propri cari. In secondo luogo, tutte le persone che quotidianamente sentono il peso di quell'indifferenza e sperimentano la paura di quell' insensibilità che da un momento all'altro potrebbe costargli la vita. Infine, tutti coloro che ancora si ostinano a credere in una, ormai lontana, equità della giustizia terrena.

Il lavoro, pur essendo stato messo come fondamento principale delle costituzioni e delle società cosiddette democratiche, anziché essere uno strumento di elevazione e promozione dell’uomo, rischia in questo modo di diventare una tomba ingiusta e prematura; come fosse divenuto soltanto un altare su cui poter immolare vite umane per il bene di quel libero, selvaggio e crudele mercato che deve assicurare l’utile di pochi anche se a spese di, ormai, troppe vittime.

Hanno ragione le mamme, le mogli, le fidanzate, le sorelle e tutti coloro che hanno sentito forte la spinta della contestazione, a criticare gli effetti di un'applicazione normativa in questo caso troppo garantista, specie quando questa si attesta in favore di una classe dominante rimasta, ormai, con in mano solo un potere autoreferenziale ma che non ha più idee, non ha più rispetto del “pane quotidiano”, non ha più un briciolo di umanità.

L’accettazione delle condizioni lavorative è, in fin dei conti, la norma. La contestazione e la difesa della dignità umana, in questi tempi di crisi, rischia di diventare un pericolo sociale che la morente e miope classe dirigente vorrebbe debellare ad ogni costo.

La festa torinese di fine anno 2007, rimandata quando alle 13,30 di quel fatidico 30 dicembre terminarono le atroci sofferenze dello sfortunato operaio Giuseppe Demasi, è da ricordare per tenere viva la fiaccola della vita e per scongiurare la possibilità che si possa ancora morire per spregevoli e futili motivi. Non si può definire diversamente tutto ciò se non spregevole e futile: davvero uno stato democratico che mette al centro la sovranità e la dignità dell'uomo può tollerare il fatto che per incrementare l'eccessivo ed ingiusto profitto di pochi sia legittimo anche mettere a rischio e sacrificare la vita di molti?

Ieri sera, 28 febbraio 2013, si è un po’ affievolita la nascente illusione di una società eticamente ed umanamente giusta. Non è soltanto la giustizia scritta nelle leggi che le persone vorrebbero che fosse perseguita, ma anche la punizione dei colpevoli che riescono a compiere le crudeltà più disumane.

L’addio a Giuseppe Demasi, giovane dagli eterni 26 anni, radici divelte da Fabrizia, giunge forte ed affettuoso anche dal paese d’origine della sua cara mamma Rosina Platì. Il dolore si è sparso anche tra la gente che non lo conosceva di persona. Non solo il capoluogo piemontese che amorevolmente lo accolse insieme alla sfortunata madre: anche la terra delle sue origini non smetterà mai di piangere quella prematura sorte che rubò a Giuseppe la giovinezza e la vita durante quella maledetta notte alla Thyssenkrupp.

Articoli correlati (da tag)

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

  • Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco

    mini Carabinieri-sorianelloVIBO VALENTIA - Sarebbe uno degli autori di una rapina ai danni di un distributore di carburanti che avrebbe fruttato nel complesso 15mila euro. Con questa accusa, i carabinieri hanno fermato nella giornata di ieri Giuseppe Lo Bianco, classe '72, pluripregiudicato appartenente all'ominimo clan operante nella città capoluogo. Il fatto risale intorno alle 18 di ieri, quando due persone con il volto coperto e armate di pistola, hanno fatto irruzione in un distributore situato nella centralissima viale Affaccio, intimando il titolare facendosi consegnare la somma in contanti che ammontava a 15mila euro. Subito dopo i malviventi si sarebbero dati alla fuga a bordo di un'autovettura, guidata da un altro complice. Scattato l'allarme, i carabinieri nel giro di pochi minuti sono riusciti a rintracciare la macchina in località Ottocanalli. Alla guida c'era lo stesso Lo Bianco che è stato immediatamente bloccato. Dalla perquisizione eseguita all'interno dell'autovettura, inoltre, i militari hanno rinvenuto un passamontagna nascosto sotto i sedili che sarebbe lo stesso utilizzato dai malviventi per compiere la rapina. Il 42enne, posto in stato di fermo e tradotto in carcere, è già noto alle forze in quanto rimasto coinvolto nell'operazione “Cash”, scattata nel luglio del 2011. Nei suoi confronti, infine, viene contestata anche un'altra rapina, messa a segno ad ottobre in un supermercato di Vibo.


     

  • Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva

    mini carabieniri_notteI carabinieri della Stazione di Soriano Calabro, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione, nella serata di ieri, all'ordine di carcerazione per l'espiazione di una pena detentiva, emessa dalla Procura generale di Catanzaro, nei confronti di tre soggetti: si tratta di Giuseppe Capomolla, 34enne residente a Soriano, già noto alle forze dell'ordine, e Pietro Nardo, di 45 anni, residente a Sorianello ma domiciliato a Gerocarne, entrambi responsabili del reato di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Capomolla è stato condannato a 4 anni e 10 mesi di reclusione, mentre di 4 anni e 5 mesi è la pena inflitta a Nardo. L'altro arrestato è, invece, Bruno Sabatino, residente a Gerocarne, anche lui pregiudicato, che dovrà espiare una pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione, in quanto responsabile dei reati di porto abusivo di armi e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le condanne si riferiscono alle indagini scaturite dall'operazione Ghost, conclusa nel 2009 dalla Polizia di Stato, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne. Capomolla e Nardo sono stati tradotti presso il carcere di Vibo, mentre Sabatino è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. 

     

  • Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera

    mini polizia_cantonaleLa Polizia cantonale ha arrestato nei giorni scorsi in Svizzera Antonio Montagnese, 35 anni di Fabrizia, ritenuto al vertice dell'omonimo clan Montagnese-Nesci, e già condannato in Cassazione ad una pena di 9 anni di reclusione con l'accusa di associazione mafiosa. Il 35enne era rimasto coinvolto nell'operazione “Domino”, scattata nel 2007. Montagnese è il genero di Bruno Nesci, anche lui al vertice della consorteria mafiosa. Subito dopo la sentenza della Cassazione, arrivata nel maggio di quest'anno che ha certificato l'esistenza di un locale di 'ndrangheta a Fabrizia, Montagnese si era dato latitante in Svizzera, ma la Polizia Cantonale dopo mesi di ricerche è riuscita a rintracciarlo. 

     

  • Mongiana, il WWF organizza la giornata della biodiversità Mongiana, il WWF organizza la giornata della biodiversità

    mini giornata_biodiversitRiceviamo e pubblichiamo

    Dopo il successo dell’anno scorso, che ha visto i volontari del WWF impegnati nell’opera di sensibilizzazione alla conservazione del nostro patrimonio naturalistico nella suggestiva cornice del vivaio forestale “Rosarella” di Serra San Bruno, l’associazione ambientalista invita tutti ad un nuovo appuntamento con la biodiversità e il contrasto alle minacce che incombono su di essa. Attivisti, soci, simpatizzanti e cittadini, domenica prossima, dalle 10,30, saranno ospiti delle splendide strutture di Villa Vittoria a Mongiana, messe a disposizione dal Comando Provinciale del Corpo Forestale che ha risposto con entusiasmo alla proposta del WWF Calabria.

    La tradizionale manifestazione del WWF assume quest’anno un carattere particolare, essendo legata alla campagna del WWF Italia denominata “Stop ai crimini di Natura”, una iniziativa finalizzata a far conoscere all’opinione pubblica i pericoli gravissimi che minacciano la biodiversità in tutto il mondo, senza sottovalutare gli attacchi continui che subisce la Natura d’Italia e della nostra regione. Il programma prevede, oltre alla presentazione della campagna nella sala conferenze, l’allestimento di tavoli per raccogliere adesioni, percorsi di interesse botanico e faunistico (a cura del CFS) e una visita al museo delle Ferriere.

    Distruzione, alterazione e frammentazione degli habitat naturali, caccia eccessiva, bracconaggio, commercio illegale e introduzione di specie “aliene”, oltre alla minaccia globale rappresentata dal riscaldamento del pianeta determinato dall’effetto serra, sono le sfide quotidiane che il WWF è impegnato a contrastare , con la sola forza dei suoi volontari, degli scienziati e dei milioni di persone, che, in tutto il mondo, sostengono concretamente questa autentica guerra per salvare il pianeta e le irripetibili e meravigliose creature che lo popolano e lo rendono straordinario.

    Un impegno di civiltà e di amore che il WWF combatte dal 1961 in ogni regione della Terra per salvare dall’estinzione le ultime Tigri in Asia (ne sopravvivono in tutto 3200) o gli ultimi Rinoceronti sterminati per l’utilizzo del corno nei paesi orientali (della specie che vive a Giava, ne sono rimasti appena una cinquantina!); per non parlare delle poche centinaia di Gorilla di montagna rimasti, che vengono ancora braccati e massacrati per la carne o minacciati dalla distruzione delle loro foreste. Gli stessi elefanti africani, il simbolo stesso della savana, vengono crudelmente abbattuti dai bracconieri al ritmo impressionante di 22.000-25.000 all’anno . Ma l’elenco delle specie animali e vegetali che la terra rischia di perdere in breve tempo è sconvolgente e si allunga ogni giorno che passa, tanto da aver indotto gli scienziati a parlare di una “sesta estinzione di massa ”, dopo le cinque che hanno sconvolto la vita sul pianeta nelle passate ere geologiche. Con la differenza che stavolta, ad essere responsabile della fine di migliaia di specie, è un’altra specie: la nostra.

    Del resto gli Italiani e i Calabresi sanno benissimo che l’assalto alla natura e agli animali ha assunto anche da noi il livello di allarme rosso, considerato il continuo massacro del territorio e le minacce che gravano sulla nostra fauna. Un assalto contro cui agiscono, spesso a rischio della vita, i Ranger del WWF in tutto il mondo e, in Italia, 300 eroiche Guardie Venatorie Volontarie che , dalle Alpi alla Sicilia, sacrificano il loro tempo e i loro soldi per salvare orsi e lupi, uccelli migratori o per denunciare gli innumerevoli “Crimini di natura” che vengono commessi quotidianamente in ogni parte dell’ex “Bel Paese”, mettendo a repentaglio la salute dell’ambiente e, con essa, quella degli stessi abitanti. Un drappello di queste autentiche sentinelle dell’ambiente, sotto le insegne del Panda, opera da tempo in Calabria ed è anche al loro impegno quotidiano, così come all’insostituibile ruolo svolto tradizionalmente dal Corpo Forestale dello Stato, che l’appuntamento di Mongiana è dedicato.

    Per arrestare la folle corsa verso la distruzione del pianeta (l’unico che abbiamo!), il WWF chiede il sostegno di tutti: sul sito www.wwf/criminidinatura chiunque può informarsi maggiormente sul fenomeno e sostenere la campagna del WWF con una donazione, oltre a diffondere le informazioni e sottoscrivere la petizione per chiedere sanzioni più severe contro chi uccide specie selvatiche.


    WWF Calabria


Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno