Domenica, 11 Agosto 2013 11:15

Trasversale delle Serre: una strada sbagliata

Scritto da
Letto 4837 volte

mini SS182È una storia di sviluppo al contrario. Una storia che comprende mezzo secolo di sogni, di speranze tradite, di promesse sistematicamente disattese. Una storia di cerimonie, passerelle, tagli di nastro. Una storia criminale, di intimidazioni, estorsioni, omicidi. E alla fine, come al solito, stringi stringi, è una storia di soldi, tanti, che però sembrano non bastare mai. La strada statale 182, la famigerata Trasversale delle Serre, ha ormai un'iconografia tutta sua – che ovviamente non ha nulla di artistico – in cui un posto spetta di diritto a Pino Soriero, ex sottosegretario ai Trasporti (fino al 1998) del governo Prodi, tre volte deputato, che ben oltre un decennio fa in un indimenticabile manifesto elettorale annunciava, con sullo sfondo i piloni di cemento dell'eterna costruenda, che «lo sviluppo è avviato».

LA STORIA
Era il 1966 quando l'allora Comitato regionale per la programmazione economica licenziava un piano di interventi pubblici sulle infrastrutture del Mezzogiorno e suggeriva di progettare e realizzare una strada a scorrimento veloce in grado di collegare lo Jonio e il Tirreno, passando per le montagne delle Serre vibonesi e catanzaresi che così, finalmente, sarebbero state strappate a un isolamento che, nella pomposità della comunicazione politica, è sempre stato «atavico». L'anno successivo Cesare Mulè, allora assessore alla Programmazione economica della Provincia di Catanzaro, ideò e fece finanziare dalla Casmez la “Trasversale Tirreno-Serre-Jonio”. Ci vollero altri vent'anni, però, perché si arrivasse alla realizzazione del primo tratto, lungo 3 chilometri, tra Vazzano e Vallelonga. Ancora oggi questo tratto, che ovviamente è stato riammodernato, è completamente staccato dal tracciato principale, che rimane solo disegnato su carta. Proprio così: in quasi cinquant'anni, su una strada che, una volta terminata, dovrebbe misurare 56 chilometri, ne sono stati realizzati non più di una quindicina, e si sta lavorando – eufemismo – su altri dieci circa.

L'OPERA
I cantieri della Trasversale ricadono interamente nei territori delle province di Vibo Valentia e Catanzaro e sono stati suddivisi in cinque tronchi principali. L'idea è tanto semplice quanto, evidentemente, irrealizzabile: unire la costa tirrenica alla costa jonica, com'è stato fatto tra Lamezia Terme e Catanzaro e tra Rosarno e Gioiosa Jonica.
Il tracciato è suddiviso in cinque tronchi principali, ciascuno dei quali a sua volta suddiviso in lotti. Si va – si andrebbe – dallo svincolo Serre dell'A3 a Vazzano, da qui a Vallelonga e poi al bivio di Montecucco, collegato a Serra da una parte e a Chiaravalle e Soverato dall'altra. In questo percorso è prevista la realizzazione di tre gallerie naturali, della lunghezza complessiva di 1.242 metri, 7 gallerie artificiali, della lunghezza complessiva di 1.270 metri, e 20 viadotti, della lunghezza complessiva di 3.145 metri. «La realizzazione dell'opera – si legge sul sito stradeanas.it – garantirà un migliore collegamento con i territori interni, montani e pedemontani della Calabria agevolando la viabilità, sia in termini di funzionalità che di sicurezza, in una regione interessata da ingenti volumi di traffico». Belle parole, peccato che da nessuna parte venga indicata una data certa – che non sia già passata – per il completamento dell'opera, né tantomeno si possa desumere con chiarezza quanti cantieri finora siano stati progettati, finanziati o appaltati.

LUPI E AGNELLI
Il 22 luglio scorso il governo delle larghe intese ha inviato il titolare del dicastero alle Infrastrutture, Maurizio Lupi, in visita ufficiale in Calabria. Un'occasione buona per fare il punto sulle grandi incompiute della regione, dall'A3 alla Trasversale. In merito a quest'ultima, si è appreso che l'apertura al transito di quella decina di chilometri su cui si sta lavorando è prevista per fine anno. A onor del vero si era già parlato dell'estate in corso come termine ultimo, ma ormai a questa perpetua dilatazione temporale la popolazione delle Serre ci ha fatto il callo.
Gli annunci, le promesse, i tagli di nastro, non si contano più. I serresi – come agnelli sacrificali creduloni – per anni ci hanno sperato davvero, hanno pensato che sì, forse, a ogni inaugurazione, poteva essere la volta buona. Ma anche la speranza ha una scadenza, e adesso ad ogni taglio di nastro – l'ultimo lo ha battezzato l'allora ministro Altero Matteoli, venuto, in elicottero, a inaugurare 7 chilometri di bretella – la folla è costituita solo da politici che sgomitano per intestarsi almeno un metro di Trasversale, a favore di flash e a futura memoria. Luoghi come Serra San Bruno, Chiaravalle, Torre di Ruggiero, continuano a sguazzare nell'isolamento che ormai non è più solo un fattore meramente geografico, ma è diventato una condizione sociale immutabile. Eppure da queste parti la gente vota, elegge da sempre personaggi che puntualmente arrivano nelle stanze dei bottoni – regionali e nazionali – partecipano a ogni cerimonia di inaugurazione fosse anche di un guard-rail, e poi rivendicano, promettono, garantiscono, rassicurano, tuonano. Ma la Trasversale rimane sempre lì: a fronte degli oltre 150 milioni di euro già spesi, per completare l'opera ne occorrono altri 360, dei quali 220 dovrebbero arrivare dal Piano nazionale per il Sud.

SVILUPPO AL CONTRARIO
I soldi ci sono, la volontà politica anche. Almeno nelle parole, da Loiero a Scopelliti, sono tutti sulla stessa linea, tutti convinti che il «volàno per lo sviluppo» sarà avviato a breve. Peccato che finora, di questo sviluppo, si siano viste solo le conseguenze negative. Insomma, a fronte dei 15 chilometri oggi percorribili, la presenza dei cantieri sul territorio ha generato non pochi problemi.
La 'ndrangheta, innanzitutto. La storia della Trasversale è scandita da diverse intimidazioni subite dalle aziende appaltatrici. Nel settembre 2008 per esempio, a Simbario, fu dato alle fiamme un furgone che era parcheggiato poco distante da alcune bombole di ossiacetilene che, se fossero esplose, avrebbero provocato danni inimmaginabili, anche perché nel cantiere all'epoca lavoravano più di cento persone. Il 26 marzo dello stesso anno era stato ucciso Antonio Longo: era il titolare della Tecnovese, una delle aziende che all'epoca lavorava alla Trasversale, e che aveva appalti anche da Sorical. Quello di Longo è un omicidio tuttora avvolto dal mistero: un agguato spregiudicato, messo in atto probabilmente da sicari che viaggiavano su un furgone e che avrebbero affiancato l'auto dell'imprenditore mentre viaggiava sulla Lamezia-Catanzaro, freddandolo in corsa, in pieno giorno, senza che nessuno riuscisse a vedere niente.
C'è anche un vasto campionario di ostacoli incontrati nella realizzazione dell'opera: dalle vene d'acqua, intercettate nella costruzione di alcune gallerie, che non si riuscivano a deviare, fino ai vincoli di tipo archelogico. Bazzecole comunque, specie di fronte alle difficoltà che hanno dovuto affrontare molte delle aziende locali che hanno fornito beni e servizi prima alla “Torno Contracting Spa”, poi all'“Impresa Spa”. Le due aziende appaltatrici hanno seminato ingenti debiti nei confronti dei fornitori che, pur essendo arrivati ai decreti ingiuntivi e ai pignoramenti, ora vengono inchiodati – nel caso di “Impresa Spa” – dal concordato preventivo. Più complessa – e paradossale – la situazione della “Torno”. Si tratta di una delle più grosse società italiane di edilizia civile, che in alcuni casi “gira” i creditori delle Serre ad altre società verso cui a sua volta vanta crediti. Ma la vera anomalia è un'altra: mentre seminava debiti al Sud, la “Torno” era impegnata a Milano nella costruzione della linea 5 della metropolitana. Se si visita tuttora il sito dedicato all'opera dal Comune guidato da Giuliano Pisapia, è facile visionare la composizione societaria della “Metro 5 Spa” di cui, oltre alla “Torno” («solo per la tratta Bignami-Garibaldi»), fa parte anche l'azienda dei trasporti milanesi (Atm), la “Astaldi”, la “Alstom” e la “Ansaldo”. Il gruppo “Torno”, però, è stato dichiarato fallito nel novembre 2010, schiacciato da debiti per 140 milioni di euro, e ad aprile di quest'anno la guardia di finanza di Milano ha notificato 21 avvisi di conclusione indagini ai vertici dell'azienda – tra cui l'ex presidente, Giancarlo Elia Valori – a suggello di un'inchiesta per bancarotta fraudolenta condotta dalla Procura di Milano. Lo sviluppo, dunque, doveva arrivare grazie alla grande imprenditoria del Nord, ma probabilmente avrà sbagliato strada.

(pubblicato sul numero 111 del Corriere della Calabria

Articoli correlati (da tag)

  • Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet» Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet»

    «Effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia tramite internet, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili, evitando al tempo stesso lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici».

    Sono queste, in sintesi, le proposte avanzate dal consigliere regionale vibonese Vincenzo Pasqua e contenute in una mozione rivolta al presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio.

    «Si tratta di un’iniziativa – afferma Pasqua – per snellire le procedure di prenotazione e pagamento delle visite specialistiche ed ambulatoriali nelle strutture sanitarie della Calabria. È una proposta tanto semplice quanto rivoluzionaria. L’idea – prosegue il consigliere regionale – è di permettere agli utenti della sanità calabrese di potere effettuare le prenotazioni e i relativi pagamenti utilizzando Internet, attraverso i portali istituzionali delle diverse Aziende ospedaliere e sanitarie o comunque nel modo che verrà ritenuto più opportuno. Uno strumento da affiancare a quelli già esistenti – ovvero gli uffici ticket e il Centro unico di prenotazione – che sia al passo con la tecnologia e permetta un notevole risparmio di tempo a chiunque disponga di una semplice connessione internet, da smartphone, tablet o pc, magari realizzando una apposita App. Ad ognuno, con la prescrizione del medico curante che contiene tutte le informazioni necessarie – continua Pasqua – sarà quindi consentito di effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili ed evitando lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici, che a volte richiedono addirittura, per chi non può farne a meno, un giorno di permesso dal proprio posto di lavoro. È assolutamente doveroso andare incontro alle legittime istanze della popolazione calabrese, ed è nostro compito, fare in modo che la qualità della vita di ogni singolo cittadino, dal primo all’ultimo, migliori in ogni campo. E come tutti sappiamo quello della sanità è un settore che tocca le vite di ognuno di noi. Nel 2018 la politica deve attivarsi ancora più di prima per sfruttare appieno le immense opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche. In questo caso, con la mia mozione intendo proprio massimizzare i vantaggi per l’utenza calabrese: fare risparmiare tempo ai cittadini, riducendo di conseguenza le file agli sportelli, ed offrire un servizio che costerà un’inezia all’amministrazione regionale ed è pensato per tutti».

    E ancora: «La mozione nasce da una serie di considerazioni preliminari: non di rado, infatti, abbiamo assistito al blocco del sistema delle prenotazioni delle visite mediche, dovuto a cause diverse. Dobbiamo tenere presente che simili ritardi ingenerano sfiducia e disagi nell’intera popolazione, con notevoli ricadute anche sul piano dell’efficienza del sistema sanitario regionale. Purtroppo c’è da considerare anche che alcuni strumenti adottati, come il numero verde o la possibilità di effettuare prenotazioni nelle parafarmacie, non è riuscita a colmare del tutto il gap esistente tra la domanda di servizi e le possibilità offerte. È inconcepibile assistere a file interminabili con persone sofferenti. Ecco perché, nell’era del digitale, bisogna sfruttare queste occasioni e migliorare quanto più possibile i servizi, specie nel campo della sanità e della tutela del bene-vita. Il fine della mozione – conclude Pasqua – è dunque quello di impegnare la Giunta regionale a volere verificare l’opportunità di attivarsi nella direzione e con le modalità che riterrà più opportune al fine di risolvere la delicata problematica».

  • Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria" Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria"

    Anche il Polo museale di Soriano Calabro aderisce alla “Giornata regionale dei Musei di Calabria “, organizzata dalla Giunta regionale e in programma per sabato, 24 novembre.

    L’iniziativa prevede l’apertura delle più importanti strutture museali sparse su tutto il territorio regionale e, tra queste, c’è anche il polo di Soriano il cui ingresso per quella giornata sarà gratuito. Inoltre, per come affermato in una nota dal sindaco Francesco Bartone, sono state «programmate iniziative volte a coinvolgere l’interesse del pubblico. La nostra cittadina spalancherà le porte del MuMar, della Pinacoteca, del Museo archeologico territoriale della ceramica medievale e del Gabinetto regionale dei disegni e delle stampe antiche della Calabria dove, tra l’altro, è conservato un corpus di carte geografiche originali dal ‘500 all’800».

    Le visite saranno guidate da storici dell’arte e archeologi, mentre in un laboratorio di ceramica ci sarà la dimostrazione della lavorazione artistica del maestro napitino Antonio Montesanti.

  • Trasversale, Comitato ancora all'attacco dell'Anas: «Ci nega l'accesso agli atti» Trasversale, Comitato ancora all'attacco dell'Anas: «Ci nega l'accesso agli atti»

    «Per Anas, evidentemente, i cittadini non devono sapere». Queste le parole riportare in una nota dalla vicepresidente del “Comitato Trasversale delle Serre - 50 anni di sviluppo negato”, Silvia Vono.

  • Trasversale, la protesta del Comitato riparte da Serra San Bruno Trasversale, la protesta del Comitato riparte da Serra San Bruno

    Riceviamo e pubblichiamo

    Venerdì 28 ottobre i promotori e i tanti cittadini che hanno aderito al comitato spontaneo “Trasversale delle Serre - 50 anni di sviluppo negato” si ritroveranno a serra San Bruno per ravvivare le attività di protesta e proposta mirate a sollecitare il completamento della incompiuta superstrada Jonio-Tirreno. Una iniziativa che si inquadra in un contesto territoriale all'interno del quale le problematiche della viabilità e dei trasporti continuano a occupare le cronache quotidiane.

  • Monte Cucco, l’ex ss 110 sarà chiusa al traffico per i lavori sulla Trasversale delle Serre Monte Cucco, l’ex ss 110 sarà chiusa al traffico per i lavori sulla Trasversale delle Serre

    VIBO VALENTIA - Sarà chiusa al transito da lunedì prossimo la ex ss 110 nel tratto compreso dal km 30+600 al Km 32+100, nei pressi del bivio di Monte Cucco. A disporre la chiusura l’ordinanza 13/2016 emanata dall’amministrazione provinciale vibonese.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno