Lunedì, 07 Marzo 2016 12:39

Allarme sicurezza, domani consiglio comunale aperto ad Arena

Scritto da Redazione
Letto 2461 volte

ARENA - Resta elevato l'allarme sicurezza nel territorio comunale di Arena, soprattutto dopo quanto accaduto il 25 febbraio scorso quando, nei pressi di una fabbrica di divani situata nella zona Pip, ad andare in fiamme è stato il furgone di proprietà del consigliere comunale di maggioranza Alessandro Pagano.

A tal proposito, per la giornata di domani, 8 marzo, con inizio previsto alle ore 18, presso la sala consiliare, è stata convocata una riunione del consiglio comunale, in seduta straordinaria ed aperta al pubblico, nel corso della quale si discuterà dell'unico punto all'ordine del giorno con ad oggetto "Analisi e prospettive sicurezza sul territorio comunale".

Per l'occasione, inoltre, il sindaco di Arena, Antonino Schinella, ha scritto una lettera indirizzata ai consiglieri regionali Vincenzo Pasqua, Nazzareno Salerno, Giuseppe Mangialavori e Michele Mirabello; al deputato Bruno Censore; ai sindaci dei Comuni di Acquaro, Dasà, Dinami, Gerocarne, Pizzoni, Soriano Calabro, Sorianello e Vazzano; al prefetto di Vibo, Carmelo Casabona; al presidente della Provincia, Andrea Niglia; alle sigle sindacali Cgil, Cisl, Uil e Cisal; a Confindustria, al parroco don Rocco Zoccoli, alle associazioni "Libera", "Promo Arena", "Avis", "Cas" e "Amitemus". «Il grave atto intimidatorio perpetrato ai danni dell’imprenditore nonché consigliere comunale Alessandro Pagano, attacco violento alle istituzioni e al tessuto socio-economico della comunità - ha detto lo stesso Schinella - costituisce l'ennesima presa d'atto della presenza sul territorio, mortificato da atavica depressione economica, di forze  criminali  che ne ostacolano lo sviluppo. L'amministrazione comunale - consapevole del proprio ruolo di propulsione rispetto alle legittime istanze di tutela, sicurezza, legalità e pacifica convivenza che provengono dagli operatori economici in particolare e, più in generale, dalla società civile - ha inteso promuovere un'occasione di confronto con i soggetti istituzionali, le forze politiche e sociali, l'associazionismo e il volontariato presenti sul territorio, per stigmatizzare la turbativa che simili eventi producono nelle comunità che li subiscono e per affermare la necessità di adeguate  risposte  di contrasto al fenomeno criminale». 

 

Articoli correlati (da tag)

  • ‘Centrale dell’illegalità’ in un terreno di Cessaniti. A Dasà una lupara nascosta in cantina ‘Centrale dell’illegalità’ in un terreno di Cessaniti. A Dasà una lupara nascosta in cantina

    Stavano effettuando una perquisizione nel centro abitato di Dasà, i carabinieri della Stazione di Arena, quando, nel vano cantina di una casa popolare, hanno rinvenuto una lupara e quattro cartucce dello stesso calibro.

  • Ancora furti nel Vibonese. L’auto degli ‘incappucciati’ di Fabrizia avvistata anche a Vazzano Ancora furti nel Vibonese. L’auto degli ‘incappucciati’ di Fabrizia avvistata anche a Vazzano

    Il 2015, ormai giunto agli sgoccioli, non sarà di certo ricordato come uno dei migliori anni per quel che concerne la questione sicurezza, legata in particolar modo alla lista lunghissima di furti e rapine registratesi sia all’indirizzo di abitazioni private che di diverse attività commerciali e istituti di servizi. 

  • Sicurezza, 80% delle scuole non a norma. A Serra manca il gas per cucine e riscaldamento Sicurezza, 80% delle scuole non a norma. A Serra manca il gas per cucine e riscaldamento

    scuola1È una vera e propria ecatombe quella che è emersa mercoledì scorso nell’incontro tenuto nella sala del consiglio provinciale sullo stato di agibilità degli edifici scolastici del Vibonese. Su 32 strutture di competenza della Provincia – di cui 26 di proprietà e 6 in affitto – solo 4 risultano completamente a norma antincendio, mentre, a parere dei Vigili del fuoco, se l’analisi si estende a tutte le 200 scuole del Vibonese, solo 7 risultano essere perfettamente in regola con le vigenti disposizioni. Una situazione catastrofica sancita dal fatto che per l’adeguamento degli edifici sono stati presentati progetti per un importo complessivo di 9milioni di euro. Progetti che, però, non hanno al momento avuto alcuna copertura finanziaria. La situazione si fa ancora più catastrofica se si considera che, invece, per l’adeguamento alle normative antisismiche di milioni ne occorrerebbero addirittura 30.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno