Sabato, 12 Novembre 2016 17:40

Chiaravalle, l’opposizione attacca sulla nomina degli scrutatori: “La nostra proposta era il sorteggio tra i meno abbienti”

Scritto da Redazione
Letto 1041 volte

Riceviamo e pubblichiamo

Se ci fossero tre premi da assegnare a chi riesce a farlo meglio allora il primo andrebbe sicuramente al Sindaco Donato e alla sua maggioranza; il secondo a parte della stampa asservita alle assurde posizioni dell’amministrazione; il terzo ai “politicanti della Domenica” che, senza vergogna, sono sempre pronti a salire sul carro del vincitore.

Fa veramente sorridere che di fronte ai lavori di una commissione, i cui esiti sono certificati dai verbali ufficiali, la maggioranza provi a travisare i fatti, cercando di lavarsi la coscienza e di prendere in giro i cittadini non ammettendo di aver preso l’ennesima cantonata politica ed affidando ad un “utile idiota” una disperata difesa d’ufficio.

Per il Sindaco, nonché Presidente di diritto della commissione elettorale dove 3 membri su 4 sono espressioni della sua maggioranza, risulta davvero difficile spiegare il giorno dopo la figuraccia fatta:

· Nota diramata alla stampa paventando decisioni già prese giorni prima che l’organo titolato a decidere si riunisse;

· Convocazione della Commissione a ridosso del termine ultimo in modo da non permettere il tranquillo svolgimento dei lavori;

· Incapacità di arrivare fino in fondo con la scelta del sorteggio.

Tale metodo si che risulta strumentale; Animato da un finto populismo, spinto dalla incapacità di scelta di questa debole maggioranza. Tutto porta a pensare che la proposta non era dettata dalle finte motivazioni tanto proclamate ma, più che altro, era funzionale a superare una concreta difficoltà interna a gestire le nomine, visto il numero consistente di sostenitori che aspettava di essere nominato... Purtroppo i posti erano solo 25. Dubbio certificato con forza dalla inquietante ed ingiustificata assenza in seno alla commissione dei due componenti effettivi che, dopo essere stati nominati per occuparsi dei lavori della commissione nel primo consiglio comunale per come previsto dalla legge, si sono dati per dispersi abdicando in favore dei componenti supplenti.

Purtroppo per loro però il maldestro tentativo di buttare fumo negli occhi dei cittadini con finti proclami rappresenta solo l’ennesimo fallimento di questa maggioranza ed in particolare del Sindaco che si è trovato a soccombere alla determinazione, alla forza e alla caparbietà dell’unica componente della minoranza, Dott.ssa Neri che, con una proposta seria, concreta, motivata dalla responsabilità sociale che contraddistingue un vero amministratore che ha il dovere di tutelare le fasce più bisognose e deboli, costringe la maggioranza a ripiegare sul tanto vituperato metodo delle nomine dirette piuttosto che ammettere che la proposta della minoranza era la più giusta .

La nostra era una proposta che avrebbe dato senso alla scelta del sorteggio per altro non prevista dalla norma. Un sorteggio non applicato al solo fine di rimanere nel limbo del non decidere, ma un sorteggio fatto con senso di responsabilità. Estraendo gli scrutatori tra le persone meno abbienti, disoccupati, inoccupati, donne in difficoltà e giovani studenti si sarebbe riempito di contenuti il vuoto creato dai continui e stancanti proclami populistici del Sindaco Donato; Un buon amministratore non si preoccupa di rilasciare, un giorno si e l’altro pure, farneticanti dichiarazioni alla stampa ma dimostra con i fatti e con le scelte di non essere insensibile alle necessità delle classi meno agiate ed opera con atti di sostegno, aiuto e vicinanza a chi versa in condizioni di difficoltà economica. Purtroppo però un vecchio proverbio dice: “u gurdu on po capiscire u dijuno”.

E ci dispiace di chi, affetto da una grave forma di schizofrenia politica, non essendo riuscito a ritagliarsi un ruolo politico e sociale nella nostra Chiaravalle perché più volte bocciato dal voto popolare, oggi si eleva a difensore “leccapiedi” di chi gestisce il potere e si permette di mandare messaggi distorti ricordando i tempi di un’alleanza politica racchiusa nel nome “Progetto Chiaravalle” che allo stesso è servita per elemosinare un posto in lista, e dallo stesso, il giorno dopo dell’esito elettorale, dimenticata, visto che con una plateale “strisciata” davanti alle porte del nuovo Sindaco ha offerto il sostegno dell’amico deputato 5 stelle di turno.

I consiglieri di minoranza

Giuseppe Maida

Francesco Maltese

Emanuela Neri

Gregorio Tino 

Articoli correlati (da tag)

  • Chiaravalle si veste dei colori della pace per dire no a intimidazioni e violenza Chiaravalle si veste dei colori della pace per dire no a intimidazioni e violenza

    In barba al cattivo tempo che tende a uniformare luci e colori, la cittadina di Chiaravalle si è svegliata stamani in un paese decorato da palloncini e fiocchi grazie all’iniziativa di alcune giovani chiaravallesi, che hanno deciso di dire "no" agli atti intimidatori che da qualche giorno a questa parte hanno interessato il loro territorio comunale.

  • Chiaravalle, nasce l'associazione di donne 'Lascio un segno' Chiaravalle, nasce l'associazione di donne 'Lascio un segno'

    Nasce a Chiaravalle Centrale un'associazione di donne. Si chiama "Lascio un segno", costituita grazie alla voglia di un gruppo di amiche di intraprendere assieme un viaggio tutto al femminile. Attorno ad un aperitivo, in una sera qualunque, l’idea prende forma e diventa uno statuto che racchiude tutte quelle idee che saranno destinate a “lasciare un segno”. 

  • Chiaravalle, Neri (Pd): 'Concrete prospettive di sviluppo per le aree interne' Chiaravalle, Neri (Pd): 'Concrete prospettive di sviluppo per le aree interne'

    Riceviamo e pubblichiamo

    Le aree interne all’ attenzione della massima carica regionale. Dopo decenni in cui i territori dell’ entroterra sono stati dimenticati oltre che depauperati di tutti i servizi essenziali, si apre una prospettiva concreta di sviluppo. Il presidente Mario Oliverio nell’ultima seduta di giunta ha proposto e approvato insieme all’ esecutivo regionale la "Strategia regionale per le Aree Interne". 

  • Ombre sulla Trasversale. Il tratto Gagliato-Argusto ancora chiuso per problemi strutturali? Ombre sulla Trasversale. Il tratto Gagliato-Argusto ancora chiuso per problemi strutturali?

    Si fa ancora più intricata la trama, già abbastanza aggrovigliata, del tratto della Trasversale delle Serre afferente al tronco Argusto-Gagliato. Una “fetta” della strada a scorrimento veloce, che avrebbe dovuto collegare la costa tirrenica vibonese a quella ionica catanzarese, passando per le montagne delle Serre. 

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno