Giovedì, 15 Novembre 2012 13:16

Il Prefetto sospende Zaffino da consigliere. L'amministrazione Rosi appesa a un filo

Scritto da
Letto 2478 volte

mini sospensione_zaffinoSERRA SAN BRUNO - Il Prefetto di Vibo ha sospeso Bruno Zaffino dalla carica di consigliere comunale. Il provvedimento, previsto dall'art. 59 del Testo unico sugli enti locali, è arrivato puntuale, ieri pomeriggio, al comune di Serra. La causa è ovviamente il clamoroso arresto del consigliere comunale, eletto con il Pdl, nell'ambito dell'operazione "Saggezza", che ha portato all'esecuzione di 39 ordinanze di custodia cautelare per altrettanti presunti affiliati alla 'ndrangheta accusati, a vario titolo, di reati che vanno dall'associazione a delinquere di stampo mafioso all'estorsione, dall'usura al condizionamento di appalti pubblici. Nel prossimo consiglio comunale, dunque, ai sensi dell'art. 45 del D.lgs. 267/2000, si dovrà procedere alla sostituzione temporanea di Zaffino, affidando la supplenza per l'esercizio delle funzioni di consigliere al candidato della stessa lista che ha riportato, dopo gli eletti, il maggior numero di voti, ovvero Raffaele Callà.

"La supplenza - si legge ancora nel Tuel - ha termine con la cessazione della sospensione. Qualora sopravvenga la decadenza si fa luogo alla surrogazione".

L'arresto di un consigliere comunale in carica, con la grave accusa di violenza privata aggravata dal metodo mafioso (ai sensi dell'art. 416 bis del Codice penale), non fa che gettare una luce sinistra sull'amministrazione comunale guidata Bruno Rosi. Zaffino, tesserato Pdl, fu eletto a furor di popolo con 224 preferenze. Rosi lo nominò subito assessore della sua giunta, ma dopo alcuni mesi, a fine dicembre 2011, lo estromise dall'esecutivo in nome del "rilancio dell'attività amministrativa". Una motivazione, questa, contestata dall'ex assessore, che in un esposto consegnato in Procura ha sostenuto che il vero motivo fosse da individuare nella concreta possibilità che la sua presenza in giunta avrebbe portato all'invio di una commissione d'accesso, poichè egli era ritenuto contiguo ad ambienti criminali. Nell'esposto, Zaffino, aggiunge che il sindaco gli avrebbe detto che questa eventualità gli era stata paventata da un ufficiale dei carabinieri, e che quindi per evitare la commissione d'accesso avrebbe dovuto estrometterlo dalla giunta. Adesso quell'accusa di contiguità alla 'ndrangheta è stata messa nero su bianco dalla Dda di Reggio. Zaffino nel suo esposto ha ribadito più volte che sia il sindaco Rosi che il consigliere regionale Nazzareno Salerno conoscevano bene lui e la sua famiglia, così com'erano a conoscenza dell'unione sentimentale di suo figlio con una figlia di Salvatore Vallelunga, cugino del potente boss Damiano ucciso a Riace il 27 settembre 2009. L'ex assessore ha aggiunto anche di essere stato cercato prima delle elezioni da Salerno e Rosi, che gli avrebbero più volte chiesto di candidarsi. Per queste ragioni ora le risultanze della Dda reggina si stanno incrociando con l'indagine della Procura di Vibo aperta in seguito all'esposto di Zaffino. La Prefettura, che ha tempestivamente decretato la sospensione del consigliere arrestato, sta seguendo il tutto con grande attenzione, anche alla luce di altre risultanze investigative che al momento sono al vaglio della Procura vibonese. Dal Pdl locale nessun commento, nessuno ritiene di doversi esprimere sull'arresto di un consigliere comunale che era stato tesserato, candidato, eletto e nominato assessore, ma la sensazione diffusa tra Serra e Vibo è che il futuro dell'amministrazione Rosi sia davvero appeso a un filo.

Articoli correlati (da tag)

  • Evade dai domiciliari, arrestato 56enne nel Vibonese Evade dai domiciliari, arrestato 56enne nel Vibonese

    I carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Tropea hanno arrestato ieri per il reato di evasione Raffaele Mileto, 56enne di Nicotera, già sottoposto al regime della detenzione domiciliare per furto aggravato.

    Durante un servizio di controllo del territorio di Joppolo, i militari – transitando per le vie del paese – hanno notato lo strano comportamento dell’uomo che, alla vista dell’auto dei carabinieri, ha cercato di sfuggire all’attenzione dei militari, allontanandosi dalla strada principale. Atteggiamento, questo, che però non è sfuggito ai carabinieri, che hanno riconosciuto il 56enne, il quale si trovava al di fuori della propria abitazione senza alcuna autorizzazione.

    Per questo motivo, Mileto è stato arrestato dai carabinieri per il reato di evasione e posto ai domiciliari su disposizione dell’autorità giudiziaria, in attesa del rito direttissimo.

  • Nascondeva mezzo chilo di marijuana in un fustino di detersivo, arrestato 37enne a Pizzo Nascondeva mezzo chilo di marijuana in un fustino di detersivo, arrestato 37enne a Pizzo

    È stato arrestato e successivamente posto ai domiciliari D.V., 37enne di Pizzo con precedenti in materia di stupefacenti.

    Durante un controllo alla circolazione stradale, i carabinieri della locale Stazione hanno intercettato l’uomo, il quale appariva da subito particolarmente agitato. Insospettiti da questo comportamento i militari hanno deciso di perquisire l’abitazione del giovane napitino scovando un involucro di cellophane trasparente contenente mezzo chilogrammo di marijuana.

    La vicenda è resa ancor più singolare dal fatto che il giovane, allo scopo di eludere i controlli dei militari, aveva occultato la sostanza all’interno di un fustino di detersivo.

    Il 37enne, dopo essere stato tratto in arresto, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

  • Trasversale, Comitato ancora all'attacco dell'Anas: «Ci nega l'accesso agli atti» Trasversale, Comitato ancora all'attacco dell'Anas: «Ci nega l'accesso agli atti»

    «Per Anas, evidentemente, i cittadini non devono sapere». Queste le parole riportare in una nota dalla vicepresidente del “Comitato Trasversale delle Serre - 50 anni di sviluppo negato”, Silvia Vono.

  • Serra, successo per il primo giorno della “Festa del Fungo”. Ristoranti sold out Serra, successo per il primo giorno della “Festa del Fungo”. Ristoranti sold out

    SERRA SAN BRUNO - Un bilancio più che positivo per il primo giorno della “Festa del fungo” organizzata dalla Pro Loco di Serra San Bruno.

  • Serra, parcheggi ed area pic-nic di Santa Maria in gestione ad una coop Serra, parcheggi ed area pic-nic di Santa Maria in gestione ad una coop

    Anche per l’estate 2016, così come era accaduto durante il mandato dell’ex sindaco di Serra San Bruno, Bruno Rosi, è stata espletata una procedura atta all’individuazione di un operatore economico a cui affidare l’appalto relativo al servizio di gestione dei parcheggi e dell’area pic-nic ubicati in località Santa Maria del Bosco.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno