Martedì, 09 Ottobre 2012 21:36

Il Re è nudo. Scopelliti e la fine del ‘Modello Peggio’

Scritto da Salvatore Albanese
Letto 2046 volte

mini arena-scopellitiCome le cucine Scavolini è stato ‘il più amato dagli italiani’. Peppe Scopelliti per ben 8 anni dominò la classifica dei primi cittadini d’Italia con un indice di gradimento superiore al 70%. Ben 3 reggini su 4. Ma i giorni del giovane sindaco rampante, trascorsero in realtà all’insegna di una modernizzazione di facciata, palesatesi oggi in una gestione ‘disinvolta’ che ha condotto al dissesto il comune reggino. Oggi la sua carriera politica sembra aver imboccato mestamente il viale del tramonto. Un viale contorto, illuminato dalla luce fievole degli innumerevoli scandali che lo stanno travolgendo e che lo hanno portato ad accumulare nel tempo un curriculum giudiziario davvero invidiabile.

Ancora sindaco fu condannato a risarcire all'erario oltre 1milione di euro per il caso ‘Italcitrus’ e a 6 mesi di reclusione (pena mai scontata) per omissione di atti d'ufficio sullo smaltimento della discarica di Longhi Bovetto. Anni che Scopelliti trascorse coltivando stretti rapporti con l’imprenditore Pasquale Rappoccio, vicino alla cosca Libri di Cannavò, con il boss Paolo Martino organico alla cosca De Stefano (così come dichiarato dai collaboratori di giustizia Nino Fiume e Giovambattista Fracapane) e con i fratelli Barbieri, uno dei quali, Mimmo, finì in carcere nell’ambito dell’inchiesta ‘Meta’, mentre l’altro, imprenditore edile, realizzò opere pubbliche per il comune di Reggio all’epoca dei mandati Scopelliti.

Dal marzo 2011 Scopelliti viene indagato per abuso in atti d'ufficio e dall’ottobre dello stesso anno per falso ideologico in atto pubblico, riguardo agli incarichi e relativi compensi affidati alla dirigente Settore Bilancio del comune reggino, Orsola Fallara, accusata di essersi indebitamente auto-liquidata oltre 1milione di euro per consulenze fornite al comune. Attorno a lei ha ruotato il cosiddetto ‘modello Reggio’, cioè la gestione amministrativa portata avanti dalle 2 giunte Scopelliti. La Fallara si suicidò nel dicembre 2010 in circostanze anomale.

Il 17 febbraio, il Colonnello del Ros Valerio Giardina dichiarò al processo ‘Meta’: ‘Scopelliti appartiene ad una lobby affaristico-massonica. Intrattiene rapporti con le cosche di San Giovanni in Fiore e di Reggio". Sempre nel febbraio 2012, la Procura della Repubblica di Catanzaro lo inserì nel registro degli indagati per atti compiuti nell’esercizio del ruolo di commissario ad acta della sanità regionale. Il 18 aprile, dopo l’ispezione del Ministero delle Finanze che accertò un buco nelle casse del comune reggino di 170milioni di euro, la Procura di Reggio chiede il rinvio a giudizio di Scopelliti. 2 mesi dopo, il 29 giugno, nel corso dell’udienza preliminare del processo, il comune di Reggio si costituì parte civile contro l’ex sindaco. Dulcis in fundo, il 3 agosto scorso, lo stesso Scopelliti annuncia di essere indagato dalla DDA di Milano dal Procuratore aggiunto Ilda Boccasini per l’assunzione ‘sospetta’ al dipartimento Controlli, di Alessandra Sarlo, moglie del giudice Vincenzo Giglio indagato nell’inchiesta ‘Infinito’.

Al di là delle questioni giuridiche e dell’annoso caso Fallara, i mandati Scopelliti si distinsero per un continuo ed ingente spreco di fondi pubblici culminati con costose ed interminabili opere (tra cui un inutile tapis roulant in pieno centro storico) su cui si sono inevitabilmente allungati i tentacoli della ’ndrangheta (come dimostrato dalle inchieste ‘Alta tensione’, ‘Archi’ e ‘Astrea’); per le passeggiate retribuite dei vip sul lungo mare nelle lussuose “Notti bianche”; lo spropositato parco macchine comunale; il megashow di Capodanno 2004; il concerto flop di Elton John al Granillo; la mostra su Maria Callas e gli sprechi per ‘L’estate reggina’. Eventi salati, divenuti oggetto di 2 relazioni della Procura della Repubblica e della Ragioneria generale dello Stato, le cui conseguenze sono ricadute sull’attuale giunta Arena che ha difficoltà persino a pagare gli stipendi dei dipendenti comunali.  

7 mesi fa il ministro degli Interni, Annamaria Cancellieri, ha inviato in riva allo Stretto una Commissione d’accesso per indagare su sospette influenze ‘ndranghetiste nel Consiglio comunale reggino. Il 9 ottobre il Consiglio dei Ministri scioglie il Comune di Reggio per infiltrazione mafiosa. L’ultima stazione della parabola discendente dell’ex “sindaco più amato dagli italiani”.

Articoli correlati (da tag)

  • Vibo, segrega una minore e la constringe a prostituirsi: arrestato Vibo, segrega una minore e la constringe a prostituirsi: arrestato

    Avrebbe violentato e indotto alla prostituzione - riducendola di fatto in una condizione di schiavitù - una connazionale di 15 anni. 

  • Maierato, carenze igienico-sanitarie: sequestrato capannone. Ospitava 31 migranti Maierato, carenze igienico-sanitarie: sequestrato capannone. Ospitava 31 migranti

    Gli agenti della Polizia giudiziaria della Procura della Repubblica di Vibo, assieme ai militari del Nas, hanno sequestrato, nella mattinata di ieri, un capannone di 900 mq, ubicato nell'area industriale di Maierato e utilizzato da un'associazione che si è occupata dell'accoglienza dei minori stranieri non accompagnati arrivati a Vibo nel corso degli ultimi sbarchi.

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

  • Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco

    mini Carabinieri-sorianelloVIBO VALENTIA - Sarebbe uno degli autori di una rapina ai danni di un distributore di carburanti che avrebbe fruttato nel complesso 15mila euro. Con questa accusa, i carabinieri hanno fermato nella giornata di ieri Giuseppe Lo Bianco, classe '72, pluripregiudicato appartenente all'ominimo clan operante nella città capoluogo. Il fatto risale intorno alle 18 di ieri, quando due persone con il volto coperto e armate di pistola, hanno fatto irruzione in un distributore situato nella centralissima viale Affaccio, intimando il titolare facendosi consegnare la somma in contanti che ammontava a 15mila euro. Subito dopo i malviventi si sarebbero dati alla fuga a bordo di un'autovettura, guidata da un altro complice. Scattato l'allarme, i carabinieri nel giro di pochi minuti sono riusciti a rintracciare la macchina in località Ottocanalli. Alla guida c'era lo stesso Lo Bianco che è stato immediatamente bloccato. Dalla perquisizione eseguita all'interno dell'autovettura, inoltre, i militari hanno rinvenuto un passamontagna nascosto sotto i sedili che sarebbe lo stesso utilizzato dai malviventi per compiere la rapina. Il 42enne, posto in stato di fermo e tradotto in carcere, è già noto alle forze in quanto rimasto coinvolto nell'operazione “Cash”, scattata nel luglio del 2011. Nei suoi confronti, infine, viene contestata anche un'altra rapina, messa a segno ad ottobre in un supermercato di Vibo.


     

  • Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva

    mini carabieniri_notteI carabinieri della Stazione di Soriano Calabro, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione, nella serata di ieri, all'ordine di carcerazione per l'espiazione di una pena detentiva, emessa dalla Procura generale di Catanzaro, nei confronti di tre soggetti: si tratta di Giuseppe Capomolla, 34enne residente a Soriano, già noto alle forze dell'ordine, e Pietro Nardo, di 45 anni, residente a Sorianello ma domiciliato a Gerocarne, entrambi responsabili del reato di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Capomolla è stato condannato a 4 anni e 10 mesi di reclusione, mentre di 4 anni e 5 mesi è la pena inflitta a Nardo. L'altro arrestato è, invece, Bruno Sabatino, residente a Gerocarne, anche lui pregiudicato, che dovrà espiare una pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione, in quanto responsabile dei reati di porto abusivo di armi e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le condanne si riferiscono alle indagini scaturite dall'operazione Ghost, conclusa nel 2009 dalla Polizia di Stato, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne. Capomolla e Nardo sono stati tradotti presso il carcere di Vibo, mentre Sabatino è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. 

     

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno