Mercoledì, 22 Maggio 2013 15:10

L’anticonsiglio comunale/16 – Piange il telefono

Scritto da Salvatore Albanese
Letto 2015 volte

mini fotoSERRA SAN BRUNO - Inizia male e si conclude peggio il sedicesimo Consiglio comunale della poco prosperosa era Rosi, con lo stesso Sindaco in evidente difficoltà, incollato al cellulare per chiedere “l’aiuto da casa” ed una maggioranza che alla fine sarà anche incapace di mantenere il numero legale determinando così il rinvio degli ultimi 2 punti all’ordine del giorno: una manovra voluta e pilotata che causerà le ire di qualcuno fra il pubblico.

Ma andiamo per gradi. Col primo punto all’ordine del giorno si approvano i verbali del Consiglio precedente. Si passa poi al vero nodo della seduta: il Rendiconto di Gestione dell’esercizio Finanziario 2012. Nello schema emergono diverse incongruenze fra quanto approvato dalla Giunta e quanto invece riportato nella relazione firmata dal Revisore dei Conti

, con quest’ultimo che indica la presenza di debiti fuori bilancio e zero euro alla voce delle entrate introitate dalla raccolta differenziata. Incassi che invece, secondo la Giunta, ci sarebbero. L’arcano rimane.

Non è un mistero invece il cospicuo disavanzo emerso dalla stesso Rendiconto: ben 137 mila euro imputabili, secondo la maggioranza, ai residui attivi ed al mancato affidamento dei lotti boschivi. In realtà erano stati avviati i bandi di gara ma non si era giunto alla stesura del contratto per l’assenza del certificato antimafia delle ditte aggiudicatrici. In più, secondo la minoranza, l’approvazione dello stesso Rendiconto sarebbe illegittima perché – come fa osservare Lo Iacono - contrariamente a quanto previsto dalla legge (artt. 227 e 239 Tuel 267/2000) gli atti erano stati trasmessi ai Consiglieri di minoranza solo poche ore prima dell’inizio del Consiglio e non, piuttosto, con almeno 20 giorni di anticipo. In particolar modo, dagli scranni dell’opposizione, Mirko Tassone accusa: “Ci troviamo ad approvare un Rendiconto viziato da grosse negatività. Prima di votare gli atti vorremmo avere la possibilità di consultarli. Alla minoranza la relazione è stata consegnata solo il giorno precedente al Consiglio. Propongo di rinviarne la discussione”. Addirittura gli atti sarebbero stati consegnati nelle abitazioni dei Consiglieri di minoranza solo alle 8 di sera del giorno precedente al Consiglio. Lo Iacono rincara la dose: “Esistono dei precedenti su casi analoghi: una sentenza del Consiglio di Stato ha accettato il ricorso di un Consigliere di minoranza nel marzo 2012 dichiarando, pertanto, illegittima una procedura analoga , in tal caso è come se il Rendiconto non fosse mai stato approvato”. Se la minoranza decidesse di fare ricorso mettendo in luce il mancato rispetto dei tempi di deposito dello schema di rendicontazione contabile – visto il precedente – il Comune di Serra San Bruno potrebbe rischiare il dissesto finanziario.

La maggioranza priva del capogruppo-guida spirituale Nazzareno Salerno (che nel Consiglio precedente annunciò di voler presentare le dimissioni) va in tilt e chiede 5 minuti di sospensione dei lavori. Il Sindaco si allontana dall’aula in cerca di lumi. Rientra poco dopo con l’espressione desolata ed il cellulare incollato all’orecchio. Dall’altra parte del telefono nessuna risposta. I minuti del time out stanno per scadere. La seduta riprende ed è lo stesso Rosi, con le spalle strette sul collo, a sentenziare: “Abbiamo già ricevuto una diffida da parte del Prefetto. Siamo ben oltre i tempi. Dobbiamo discuterlo ed approvarlo per forza”. Il punto passa, la minoranza si astiene e si riserva, probabilmente, di presentare ricorso agli enti competenti.

Col terzo punto si discute dell’entrata in vigore della Tares (che sostituirà la Tarsu) e si stabiliscono il numero e le date di scadenza delle tre rate (2 di acconto e l’ultima a saldo) che i cittadini dovranno versare per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani. In seguito si decide la costruzione di un padiglione in legno per ampliare gli spazi a disposizione dei bambini della Scuola dell’Infanzia Paritaria “Caterina Chimirri”, peccato che nessuno si esprima sul serio rischio che le suore dello stesso istituto possano essere presto trasferite in altra sede.

In chiusura si scatena la bagarre. Inspiegabilmente in maggioranza si registra uno strano esodo che porta nel giro di pochi minuti ben 3 consiglieri del Pdl ad abbandonare l’aula. Vincenzo De Caria, Adriano Tassone e Raffaele Callà si allontanano infatti inspiegabilmente dalla sala. Manca il numero legale. La discussione dei punti seguenti è rinviata, compresa quella inerente alla “riconversione in Hotel di un residence” una volta adibito a Commissariato di Polizia e di proprietà della ditta Carmelo Genco. La discussione del punto – che si rimanda ormai da 7 anni – salta per l’ennesima volta. Il Segretario comunale dichiara la mancanza del numero legale e scioglie la seduta. La signora Genco, presente in sala, va su tutte le furie e urla: “E’ una manovra pilotata. Se ne sono andati tutti piano piano! Ci vogliono boicottare e poi dai palchi parlano di incentivi all’occupazione giovanile e alle attività di impresa”.

A Serra San Bruno, per un motivo o per l’altro, è il caos.

Articoli correlati (da tag)

  • L'anticonsiglio comunale/35 - Il nuovo record dell'amministrazione Rosi: 5 minuti e tutti a casa L'anticonsiglio comunale/35 - Il nuovo record dell'amministrazione Rosi: 5 minuti e tutti a casa

    SERRA SAN BRUNO - Se quella di stamane non è stata la seduta del consiglio comunale più corta in termini di durata dell'amministrazione Rosi, davvero poco ci manca. La riunione del civico consesso si è tenuta alle 9 presso i locali di palazzo Chimirri ed, in pochissimi minuti, si è proceduto all'approvazione dei punti all'ordine del giorno. 

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

  • Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco

    mini Carabinieri-sorianelloVIBO VALENTIA - Sarebbe uno degli autori di una rapina ai danni di un distributore di carburanti che avrebbe fruttato nel complesso 15mila euro. Con questa accusa, i carabinieri hanno fermato nella giornata di ieri Giuseppe Lo Bianco, classe '72, pluripregiudicato appartenente all'ominimo clan operante nella città capoluogo. Il fatto risale intorno alle 18 di ieri, quando due persone con il volto coperto e armate di pistola, hanno fatto irruzione in un distributore situato nella centralissima viale Affaccio, intimando il titolare facendosi consegnare la somma in contanti che ammontava a 15mila euro. Subito dopo i malviventi si sarebbero dati alla fuga a bordo di un'autovettura, guidata da un altro complice. Scattato l'allarme, i carabinieri nel giro di pochi minuti sono riusciti a rintracciare la macchina in località Ottocanalli. Alla guida c'era lo stesso Lo Bianco che è stato immediatamente bloccato. Dalla perquisizione eseguita all'interno dell'autovettura, inoltre, i militari hanno rinvenuto un passamontagna nascosto sotto i sedili che sarebbe lo stesso utilizzato dai malviventi per compiere la rapina. Il 42enne, posto in stato di fermo e tradotto in carcere, è già noto alle forze in quanto rimasto coinvolto nell'operazione “Cash”, scattata nel luglio del 2011. Nei suoi confronti, infine, viene contestata anche un'altra rapina, messa a segno ad ottobre in un supermercato di Vibo.


     

  • Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva

    mini carabieniri_notteI carabinieri della Stazione di Soriano Calabro, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione, nella serata di ieri, all'ordine di carcerazione per l'espiazione di una pena detentiva, emessa dalla Procura generale di Catanzaro, nei confronti di tre soggetti: si tratta di Giuseppe Capomolla, 34enne residente a Soriano, già noto alle forze dell'ordine, e Pietro Nardo, di 45 anni, residente a Sorianello ma domiciliato a Gerocarne, entrambi responsabili del reato di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Capomolla è stato condannato a 4 anni e 10 mesi di reclusione, mentre di 4 anni e 5 mesi è la pena inflitta a Nardo. L'altro arrestato è, invece, Bruno Sabatino, residente a Gerocarne, anche lui pregiudicato, che dovrà espiare una pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione, in quanto responsabile dei reati di porto abusivo di armi e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le condanne si riferiscono alle indagini scaturite dall'operazione Ghost, conclusa nel 2009 dalla Polizia di Stato, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne. Capomolla e Nardo sono stati tradotti presso il carcere di Vibo, mentre Sabatino è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. 

     

  • Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera

    mini polizia_cantonaleLa Polizia cantonale ha arrestato nei giorni scorsi in Svizzera Antonio Montagnese, 35 anni di Fabrizia, ritenuto al vertice dell'omonimo clan Montagnese-Nesci, e già condannato in Cassazione ad una pena di 9 anni di reclusione con l'accusa di associazione mafiosa. Il 35enne era rimasto coinvolto nell'operazione “Domino”, scattata nel 2007. Montagnese è il genero di Bruno Nesci, anche lui al vertice della consorteria mafiosa. Subito dopo la sentenza della Cassazione, arrivata nel maggio di quest'anno che ha certificato l'esistenza di un locale di 'ndrangheta a Fabrizia, Montagnese si era dato latitante in Svizzera, ma la Polizia Cantonale dopo mesi di ricerche è riuscita a rintracciarlo. 

     

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno