Venerdì, 24 Maggio 2013 13:34

'Le matriosche del sindaco di Fabrizia'

Scritto da Redazione
Letto 2393 volte

mini fabriziaRiceviamo e pubblichiamo:

FABRIZIA - Se il Sindaco non può, per varie ragioni, assumersi le responsabilità gestionali di competenza dirigenziale, non è obbligato a farlo. Non è peraltro comprensibile una posizione ibrida e rischiosa che evidenzi sostanziali limiti per tempo a disposizione e per competenze specifiche. Per quale recondito motivo, invece di autonominarsi, non ha fatto ricorso ad altri, anche all’interno della struttura? In molti piccoli enti ci si avvale del Segretario comunale, il quale affida i procedimenti a personale di adeguata qualifica: il Comune di Fabrizia è fornito di queste possibilità. Probabilmente la scusante assunta a sostegno del mancato turn over in occasione del pensionamento del personale nel 2011 sarà stata la ristrettezza delle risorse, ma su questo ci sarebbe molto da ridire. Avrà intenzione di usare lo stesso sistema fra qualche mese, allorché si verificherà la fuoruscita di altri due dipendenti giunti al top dell’anzianità di servizio e d’età pensionabile? Evidentemente non c’è molto da giustificare. Infatti i contratti di lavoro dei dipendenti pubblici sono fermi al 2010 per disposizioni del Governo. La vacanza nella titolarità dell’Area Amministrativa, risalente al 2011, non ha conseguito gli eventuali risparmi matematici. In effetti, nonostante il numero ridotto di personale, la spesa da consuntivo recentemente approvato, tra il 2011 ed il 2012 si equivale.

Ma, facciamo il punto sull’anomalia dei compiti e responsabilità trattenute dal Sindaco iN capo a sé. L’atto è solo formale, soprattutto, strumentale. Esempio lampante ne è la recente occasione del bando per la formazione di una graduatoria di aspiranti alla frequenza di un corso di formazione per braccianti agricoli disoccupati, regolarmente retribuito e finanziato dalla Regione Calabria. In tale occasione, sapientemente, il Sindaco-Responsabile di Area, ha pensato bene di delegare la sua responsabilità ad una specie di Commissione. Il problema però, non è solo la commissione – assurda quanto assurdo è l’averla costituita – ma soprattutto il "commissariamento" dei suoi doveri. Avrebbe potuto e dovuto confrontarsi direttamente con la sua responsabilità ed avrebbe potuto farlo affidando il procedimento interno ad idoneo personale comunale a disposizione, che avrebbe steso matematicamente la graduatoria provvisoria, sulla base dei formali ed automatici criteri oggettivi cristallizzati nel bando. Invece ha ideato un inutile strumento, a mo’ di scatola cinese, o per meglio dire Matriosca, dentro e fuori della quale c’è la sua regia, il suo “seme”, ma anche, piaccia o no, la sua responsabilità. Ha assegnato ad un organismo strutturalmente fuori luogo, un’attribuzione sua, per poi tornarci come “approvatore”, come se si trattasse di un compito di altri e non di un suo precipuo dovere strutturale. Quand’anche si facesse una forzatura mentale per accettare, dal punto di vista squisitamente organizzativo, l’utilizzo di una bizzarra commissione per un compito elementare quale mettere in ordine di grandezza degli indicatori Isee, non si capisce perché abbia esagerato pretendendone anche l’avviamento! Al pari grave, se non di più, è stato l’aver bypassato addirittura la pubblicazione della graduatoria provvisoria, facendola dichiarare immediatamente definitiva e rubando agli interessati esclusi la possibilità di difendere il proprio diritto eventualmente negato. Mimetizzare le responsabilità amministrative, traslandole – in apparenza, perché ne è e ne rimane il solo responsabile - artificiosamente su dipendenti comunali indifesi, non può essere metodo per affrancarsi dalle le responsabilità politiche sgradevoli ed autoritarie.

Per questo tipo di eventi ci sarebbe forse da far intervenire il Prefetto, mostrandosi in tutta evidenza motivi ben più ragionevoli di quelli che hanno reconditi scopi da campagna elettorale, interna ed esterna dell’Amministrazione comunale. Ma questa campagna elettorale quasi certamente resterà inascoltata da chi aspira a legalità piuttosto che all’autoritarismo di vecchio stampo, riproposto fuori tempo massimo.

Maria Cirillo

Articoli correlati (da tag)

  • Fabrizia, Minniti contro 'Crescere insieme: «Sul Gal fanno solo confusione» Fabrizia, Minniti contro 'Crescere insieme: «Sul Gal fanno solo confusione»

    Riceviamo e pubblichiamo

    La disinformazione della setta “crescere insieme Fabrizia”, quale arma di distrazione di massa, continua a macinare notizie di stampa false e prive di qualunque fondamento di verità, messe in circolazione al solo scopo di creare confusione e disorientamento. Se tali informazioni li verificasse prima della loro pubblicazione, probabilmente, eviterebbe figuracce da sprovveduti e da neofiti improvvisati.

  • “Io non rischio”, i volontari della Protezione Civile di Fabrizia scendono in piazza “Io non rischio”, i volontari della Protezione Civile di Fabrizia scendono in piazza

    FABRIZIA “Io non rischio”. I volontari della Protezione Civile di Frabrizia si associano ai circa 7mila colleghi che nel week-end (15 e 16 ottobre) scenderanno in piazza per sensibilizzare la gente rispetto ai rischi naturali che riguardano l’intero Paese. Una manifestazione necessaria dopo il disastro causato dal recente sisma che ha colpito il Centro Italia. Per il sesto anno consecutivo dunque il volontariato di Protezione Civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica si impegnano insieme in una campagna di comunicazione nazionale.

  • Riesplode la protesta dei dipendenti della Provincia di Vibo, occupati gli uffici della Presidenza Riesplode la protesta dei dipendenti della Provincia di Vibo, occupati gli uffici della Presidenza

    Tornano a farsi sentire i lavoratori in servizio presso la Provincia di Vibo Valentia i quali, ancora una volta, chiedono a gran voce il pagamento delle spettanze arretrate.

  • Viabilità, sopralluogo della Prociv nell'entroterra vibonese. Prevista anche la visita di Oliverio Viabilità, sopralluogo della Prociv nell'entroterra vibonese. Prevista anche la visita di Oliverio

    È durato diverse ore il sopralluogo effettuato nella giornata odierna dai funzionari del dipartimento regionale della Protezione civile, i quali hanno voluto recarsi di persona nell'entroterra vibonese per constatare da vicino la situazione in cui versa la viabilità.

  • Discarica abusiva a Fabrizia, il gip conferma il sequestro Discarica abusiva a Fabrizia, il gip conferma il sequestro

    Lunedì scorso i carabinieri della Stazione di Fabrizia, diretti dal maresciallo Giuseppe Pelaia, e coordinati dal comandante della Compagnia di Serra San Bruno, Mattia Ivano Losciale, avevano posto sotto sequestro una vasta area ubicata nella periferia del comune di Fabrizia, in località “Cutura”.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno