Lunedì, 18 Marzo 2013 17:33

Lsu/Lpu, il Consiglio approva una norma transitoria, ma i soldi bastano solo fino a luglio

Scritto da
Letto 1721 volte

mini 20130318_007Una protesta che andrà avanti “ad oltranza”, fin quando ai precari calabresi non saranno riconosciuti i diritti che rivendicano da anni. La bomba sociale, come anticipato dal Vizzarro.it, è puntualmente scoppiata dopo che la legge regionale che rinviava il termine della stabilizzazione al dicembre 2014 è stata bocciata dalla Corte Costituzionale. In conseguenza di ciò gli “enti utilizzatori” hanno sostanzialmente perso il presupposto giuridico per mantenere in servizio i precari

, e inoltre la Regione ha messo nero su bianco la indisponibilità a versare le somme spettanti per i primi mesi del 2013. Poco prima dell’inizio della seduta di Consiglio regionale di oggi una delegazione di precari - erano un migliaio a manifestare, fin da stamattina, davanti a Palazzo Campanella - è stata ricevuta dal presidente della giunta Scopelliti e dal presidente del consiglio Talarico.

In sostanza Scopelliti ha annunciato l'approvazione, poi avvenuta, di una norma transitoria che consentirà la continuazione del rapporto di lavoro tra i precari e la Regione Calabria. Il problema vero però, più che le censure della Corte Costituzionale, è, come sempre, la mancanza di soldi. Le risorse per il pagamento degli Lsu/Lpu, infatti, anche con la nuova norma transitoria, basterebbero solo fino al mese di luglio. La “soluzione” della politica al problema del precariato, dunque, è ancora una volta solo un palliativo. I lavoratori lo sanno bene, per questo hanno già annunciato che continueranno la loro lotta fin quando non avranno garanzie sul loro futuro. 

Articoli correlati (da tag)

  • L’amministrazione comunale di Serra San Bruno in piazza con gli lsu-lpu L’amministrazione comunale di Serra San Bruno in piazza con gli lsu-lpu

    È prevista per domani, venerdì 16 novembre, presso la Prefettura di Catanzaro la manifestazione organizzata dai sindacati insieme agli lsu ed lpu calabresi.

    Al sit-in sarà presente anche il sindaco di Serra San Bruno, Luigi Tassone, accompagnato da diversi componenti dell’amministrazione comunale. «I lavoratori socialmente utili e di pubblica utilità – afferma Tassone in un comunicato – garantiscono il mantenimento dei servizi essenziali in diversi centri calabresi e, per questo motivo, riteniamo ci sia bisogno di un impegno comune da parte di tutti, superando ogni tipo di barriera, perché di fronte al futuro di questi lavoratori, padri e madri di famiglia, non c’è schieramento politico che tenga».

    Il primo cittadino serrese entra, poi, nel merito della manifestazione: «Chiediamo al governo di stanziare i 29 milioni di euro mancanti e di procedere alla deroga dei vincoli che impediscono ai Comuni di avviare la stabilizzazione. Dopo oltre 20 anni, è inaccettabile che ancora oggi si parli di precarietà. Il governo nazionale, la Regione Calabria e i parlamentari calabresi prendano seriamente in mano questa situazione, nel rispetto della dignità di questi lavoratori, altrimenti si rischia di dare seguito a una bomba sociale dalle proporzioni gigantesche».

  • Lsu-lpu ancora nel limbo. L'Usb chiama alla mobilitazione Lsu-lpu ancora nel limbo. L'Usb chiama alla mobilitazione

    Non sono per nulla confortanti le notizie che arrivano da Roma per gli Lsu ed Lpu calabresi che, da anni ormai, attendono di avere risposte concrete in merito al proprio futuro occupazionale. 

  • L'anticonsiglio comunale/35 - Il nuovo record dell'amministrazione Rosi: 5 minuti e tutti a casa L'anticonsiglio comunale/35 - Il nuovo record dell'amministrazione Rosi: 5 minuti e tutti a casa

    SERRA SAN BRUNO - Se quella di stamane non è stata la seduta del consiglio comunale più corta in termini di durata dell'amministrazione Rosi, davvero poco ci manca. La riunione del civico consesso si è tenuta alle 9 presso i locali di palazzo Chimirri ed, in pochissimi minuti, si è proceduto all'approvazione dei punti all'ordine del giorno. 

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

  • Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva

    mini carabieniri_notteI carabinieri della Stazione di Soriano Calabro, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione, nella serata di ieri, all'ordine di carcerazione per l'espiazione di una pena detentiva, emessa dalla Procura generale di Catanzaro, nei confronti di tre soggetti: si tratta di Giuseppe Capomolla, 34enne residente a Soriano, già noto alle forze dell'ordine, e Pietro Nardo, di 45 anni, residente a Sorianello ma domiciliato a Gerocarne, entrambi responsabili del reato di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Capomolla è stato condannato a 4 anni e 10 mesi di reclusione, mentre di 4 anni e 5 mesi è la pena inflitta a Nardo. L'altro arrestato è, invece, Bruno Sabatino, residente a Gerocarne, anche lui pregiudicato, che dovrà espiare una pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione, in quanto responsabile dei reati di porto abusivo di armi e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le condanne si riferiscono alle indagini scaturite dall'operazione Ghost, conclusa nel 2009 dalla Polizia di Stato, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne. Capomolla e Nardo sono stati tradotti presso il carcere di Vibo, mentre Sabatino è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. 

     

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno