Lunedì, 24 Giugno 2013 13:57

Lsu/Lpu, tensione davanti a Palazzo Campanella: dirigente sindacale colto da malore

Scritto da Alessandro De Padova
Letto 1777 volte

 

mini scontriusb1Volevano fare irruzione nella sede del Consiglio regionale quando, ad un certo punto, avrebbero subito la violenta reazione da parte delle forze dell’ordine. Brutta avventura stamani per i lavoratori Lsu ed Lpu, impegnati in una manifestazione di protesta proprio davanti a palazzo Campanella. Un dirigente sindacale Usb è stato, addirittura colto da malore. 

‘Doveva essere una giornata di protesta - si legge in una nota dell’ Unione sindacale di base - da parte dei tanti lavoratori che da 17 anni sono stati presi in giro dalle false promesse fatte dalle classi dirigenti che via via si sono succedute alla guida della nostra Regione, come se fossero stati dai bambini ai quali dare il contentino per farli stare tranquilli’. E, invece, secondo quanto riferito dall’organizzazione si è ‘sfiorata la tragedia’ quando i dirigenti sindacali che unitamente ai lavoratori ‘stavano protestando davanti al Consiglio Regionale, sono stati caricati dalle Forze di polizia senza alcuna valida motivazione, forse solo perché si stava protestando con troppa voce e questo infastidiva i signori della politica. Un nostro dirigente - prosegue la missiva - a causa di ciò è stato colto da malore ed è dovuto intervenire il 118 per soccorrerlo e trasportarlo in ospedale. Siamo dunque arrivati alla lotta corpo a corpo è una Vergogna. Si rischia di morire lottando per mantenere in vita un posto di lavoro. Certo la colpa non va addossata alle forze dell’ordine poiché loro rispondono alle disposizioni che vengono date da coloro i quali vogliono in ogni modo svicolare dalle loro responsabilità, come hanno fatto per tutti questi anni’. I lavoratori, però, si dicono ‘stanchi’ di subire tale situazione e, all’occorrenza, sono pronti a continuare la loro protesta anche ‘rischiando le cariche se da parte dei politici non verranno date delle risposte erte alle questioni che sono tutt’ora aperte’.

Articoli correlati (da tag)

  • Nicotera, l'appello: “I turisti non puniscano le popolazioni che alzano la testa” Nicotera, l'appello: “I turisti non puniscano le popolazioni che alzano la testa”

    Riceviamo e pubblichiamo

    Meno di un mese che ci siamo sollevati. Quasi un mese di agitazione, coraggio, speranza… lotta.

    Giorni di proteste, occupazioni, chiusura di esercizi commerciali, lidi, bar nel pieno della stagione e persino di domenica…

    Giorni senza più paura. Giorni di passione e dignità.

  • I dipendenti della Provincia di Vibo incontrano Delrio e Lotti I dipendenti della Provincia di Vibo incontrano Delrio e Lotti

    Avrebbero voluto incontrare di persona il premier, Matteo Renzi, i dipendenti in servizio presso la Provincia di Vibo Valentia che, da diversi mesi ormai, hanno avviato una serie di proteste per far sentire la propria voce contro il mancato pagamento delle spettanze arretrate e, soprattutto, per chiedere certezze sul futuro occupazionale.

  • I dipendenti della Provincia di Vibo si recano da Renzi ma la polizia li ferma in autostrada I dipendenti della Provincia di Vibo si recano da Renzi ma la polizia li ferma in autostrada

    È proprio il caso di dirlo: oltre al danno, adesso è arrivata anche la beffa.

  • L'anticonsiglio comunale/35 - Il nuovo record dell'amministrazione Rosi: 5 minuti e tutti a casa L'anticonsiglio comunale/35 - Il nuovo record dell'amministrazione Rosi: 5 minuti e tutti a casa

    SERRA SAN BRUNO - Se quella di stamane non è stata la seduta del consiglio comunale più corta in termini di durata dell'amministrazione Rosi, davvero poco ci manca. La riunione del civico consesso si è tenuta alle 9 presso i locali di palazzo Chimirri ed, in pochissimi minuti, si è proceduto all'approvazione dei punti all'ordine del giorno. 

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno