Lunedì, 14 Marzo 2016 08:59

Molinaro (Fp Cgil): 'Da Scura e Urbani il colpo finale alla sanità calabrese'

Scritto da Redazione
Letto 1411 volte

Riceviamo e pubblichiamo

Qualcuno, sin dal 2009, aveva posto la speranza che, attraverso il piano di rientro dal debito sanitario, la sanità calabrese poteva essere messa nelle condizioni di funzionare, nella legalità e nella trasparenza, razionalizzando, tagliando sprechi e inappropriatezza dei ricoveri, colpendo ladroni e speculatori di ogni risma.

Invece, hanno tagliato e falcidiato i servizi e il personale (oltre 3 mila posti persi con il blocco del turnover), chiuso 18 ospedali e riconvertito nulla in case della salute, abbiamo fatto pagare ai cittadini la più alta tassazione tra le regionali italiane.

Dopo Loiero, che almeno si era battuto per evitare il commissariamento per le previste conseguenti penalizzazioni, abbiamo avuto Scopelliti commissario, abbiamo pagato profumatamente (per consulenti e KPMG e ulteriori commissari e sub-commissari) fior di centinaia di migliaia di euro, per poi avere i risultati che oggi sono sotto gli occhi di tutti, anche del presidente della nostra Regione.

A questa situazione deludente mancava solo il colpo finale, messo in atto dal commissario ad acta Scura e dal sub-commissario Urbani in perfetta sintonia autoreferenziale, per umiliare ulteriormente il popolo calabrese attraverso il DCA n. 30/2016 .

Lo hanno anche subito rettificato, dopo le vibranti proteste, per avvalorare la "tesi propagandistica" di avere complessivamente aumentato (sulla carta) la dotazione di posti letto per acuzie e sub-acuzie, tra l’altro imposto dalla normativa nazionale che definisce gli standard posti letto/popolazione (3,7% di cui 0,7% di post acuzie per 1000 abitanti-decreto ministero della Salute n. 70 del 02 aprile 2015).

La verità è che si tagliano reparti e servizi ai cittadini, strutture semplici e complesse con i relativi livelli di responsabilità, con una redistribuzione iniqua dei posti letto della rete ospedaliera calata dall’alto che poco ha a che vedere con le esigenze vere di salute dei cittadini, mentre implementare "la centralità del territorio" appare come una chimera in questo momento.

Pura ragioneria con numeri che non tornano e risorse umane ed economiche che mancano.

La sanità è una coperta sempre più stretta che deve coprire tutti, ma non può essere penalizzante troppo nel rapporto tra i territori (ad esempio, l'Asp di Vbo Valentia), tra pubblico e privato accreditato (ad esempio, l'Asp di Crotone)

Una scelta scellerata che sta generando una ribellione generalizzata .

Lo scontro istituzionale in atto ad opera delle scelte del commissario accentua la sfiducia dei cittadini, svilisce il ruolo della politica, della Regione Calabria e della partecipazione democratica.

Il commissariamento della Sanità così gestito nuoce alla Calabria e alla democrazia.

Bisogna andare oltre il piano di rientro e il commissariamento, la sanità pubblica e universalistica tutelata dalla nostra carta costituzionale, non può essere solo un costo ragionieristico, ma va rilanciata attraverso la predisposizione degli atti aziendali e del fabbisogno di personale accompagnato da un Piano Operativo 2016-2018 che non rimanga sulla carta .

Va agevolato un patto tra cittadini, operatori e istituzioni, per una medicina di iniziativa che faccia funzionare gli ospedali e le attività sul territorio garantendo le risorse umane necessarie.

Questo non lo può fare un commissario!

Non si riforma profondamente l’organizzazione sanitaria senza le istituzioni regionali, senza considerare i territori e le aree disagiate, i direttori generali delle Asp, i sindaci, le associazioni, il sindacato, gli operatori sanitari e i cittadini.

Era necessario imporre questa ipoteca non condivisa sull’organizzazione della rete ospedaliera, senza aprire una fase di ascolto?

La ribellione nei territori è già partita, nel Vibonese si dimettono persino 16 primari contro l’attacco assurdo alla sanità dell’Azienda sanitaria provinciale, unanime è la richiesta di revoca del DCA 30/2015 .

Si dia corso ad un nuovo inizio, ad una programmazione di ampio respiro, per rilanciare un confronto serio sulla sanità calabrese recuperando la fiducia dei cittadini in tutti i territori considerando che ancora non si garantiscono i LEA (Livelli essenziali di assistenza), aumentano le liste di attesa, si emigra abbondantemente verso altre regioni  per alleviare le sofferenze dal bisogno di salute.

I dati dicono che il commissariamento non ha funzionato. La politica regionale sappia reagire e guidare questo processo. Siamo in un momento difficile della vita politica, economica e sociale della Calabria. Quello che sta avvenendo nel settore sanitario in Calabria pone un problema enorme di "Emergenza democratica". Il governo nazionale e il ministro Lorenzin ne prendano atto. Il presidente Oliverio lo ha già fatto.

Forse è ora di una grande, forte e democratica mobilitazione regionale.

Il "piano di rientro commissariato" non può essere un percorso senza fine.

Vincenzo Molinaro

Segretario Generale Funzione pubblica CGIL Vibo Valentia

Articoli correlati (da tag)

  • Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet» Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet»

    «Effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia tramite internet, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili, evitando al tempo stesso lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici».

    Sono queste, in sintesi, le proposte avanzate dal consigliere regionale vibonese Vincenzo Pasqua e contenute in una mozione rivolta al presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio.

    «Si tratta di un’iniziativa – afferma Pasqua – per snellire le procedure di prenotazione e pagamento delle visite specialistiche ed ambulatoriali nelle strutture sanitarie della Calabria. È una proposta tanto semplice quanto rivoluzionaria. L’idea – prosegue il consigliere regionale – è di permettere agli utenti della sanità calabrese di potere effettuare le prenotazioni e i relativi pagamenti utilizzando Internet, attraverso i portali istituzionali delle diverse Aziende ospedaliere e sanitarie o comunque nel modo che verrà ritenuto più opportuno. Uno strumento da affiancare a quelli già esistenti – ovvero gli uffici ticket e il Centro unico di prenotazione – che sia al passo con la tecnologia e permetta un notevole risparmio di tempo a chiunque disponga di una semplice connessione internet, da smartphone, tablet o pc, magari realizzando una apposita App. Ad ognuno, con la prescrizione del medico curante che contiene tutte le informazioni necessarie – continua Pasqua – sarà quindi consentito di effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili ed evitando lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici, che a volte richiedono addirittura, per chi non può farne a meno, un giorno di permesso dal proprio posto di lavoro. È assolutamente doveroso andare incontro alle legittime istanze della popolazione calabrese, ed è nostro compito, fare in modo che la qualità della vita di ogni singolo cittadino, dal primo all’ultimo, migliori in ogni campo. E come tutti sappiamo quello della sanità è un settore che tocca le vite di ognuno di noi. Nel 2018 la politica deve attivarsi ancora più di prima per sfruttare appieno le immense opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche. In questo caso, con la mia mozione intendo proprio massimizzare i vantaggi per l’utenza calabrese: fare risparmiare tempo ai cittadini, riducendo di conseguenza le file agli sportelli, ed offrire un servizio che costerà un’inezia all’amministrazione regionale ed è pensato per tutti».

    E ancora: «La mozione nasce da una serie di considerazioni preliminari: non di rado, infatti, abbiamo assistito al blocco del sistema delle prenotazioni delle visite mediche, dovuto a cause diverse. Dobbiamo tenere presente che simili ritardi ingenerano sfiducia e disagi nell’intera popolazione, con notevoli ricadute anche sul piano dell’efficienza del sistema sanitario regionale. Purtroppo c’è da considerare anche che alcuni strumenti adottati, come il numero verde o la possibilità di effettuare prenotazioni nelle parafarmacie, non è riuscita a colmare del tutto il gap esistente tra la domanda di servizi e le possibilità offerte. È inconcepibile assistere a file interminabili con persone sofferenti. Ecco perché, nell’era del digitale, bisogna sfruttare queste occasioni e migliorare quanto più possibile i servizi, specie nel campo della sanità e della tutela del bene-vita. Il fine della mozione – conclude Pasqua – è dunque quello di impegnare la Giunta regionale a volere verificare l’opportunità di attivarsi nella direzione e con le modalità che riterrà più opportune al fine di risolvere la delicata problematica».

  • Vibo, la Conferenza dei sindaci a Scura: 'Sospendere il decreto 30 o pronti a nuove proteste' Vibo, la Conferenza dei sindaci a Scura: 'Sospendere il decreto 30 o pronti a nuove proteste'

    Nella mattinata di ieri, alle ore 10, presso la sala consiliare del Comune di Vibo, si è tenuta una riunione della Conferenza dei sindaci sulla sanità vibonese, presieduta dal professore Carmelo Nobile, nel corso della quale è stata appunto affrontata la problematica relativa alla riorganizzazione della rete ospedaliera nell’Asp di Vibo, dopo l’emanazione del decreto numero 30 da parte del commissario Scura.

  • Asp di Vibo, Mirabello incontra i lavoratori part-time Asp di Vibo, Mirabello incontra i lavoratori part-time

    Facendo seguito ad un incontro tenutosi nelle scorse settimane, ieri pomeriggio il consigliere regionale del Partito democratico, Michele Mirabello, ha incontrato i 59 lavoratori ausiliari part-time in carico all’Asp di Vibo Valentia, che da molti anni prestano servizi nei presidi ospedalieri della provincia con contratti a 18 ore, nonostante la forte urgenza di personale necessario per i servizi.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno