Domenica, 30 Dicembre 2012 10:37

Pd, i risultati delle primarie nelle cinque province: ecco chi si candiderà alle politiche

Scritto da Redazione
Letto 2298 volte

 

mini pd_logoVIBO VALENTIA - Tutto come previsto. Almeno in provincia di Vibo, dove Censore ha avuto la meglio sul principale sfidante nella corsa per la candidatura in Parlamento, ovverosia l'ex presidente della giunta provinciale, Francesco De Nisi. Il consigliere regionale, dunque - forte delle 5460 preferenze contro le 4547 di De Nisi - dovrebbe dunque ottenere un posto utile per l'elezione in Parlamento. Ottima performance anche della dirigente nazionale dei Gd, Tania Ruffa (2270).

A Catanzaro, invece, boom di consensi per il commissario regionale del Pd, Alfredo D' Attore (6310 preferenze). Seconda posizione, invece, per la parlamentare uscente Doris Lo Moro (4446). Poi, a seguire, Chiara Macrì (2926), Arturo Bova (2743), Fernanda Gigliotti (1051) e Vittoria Butera (809).

 Sorpresa a Cosenza, dove Enza Bruno Bossio, dirigente nazionale del Pd, ha raccolto 10613 preferenze.  Renzi Ernesto Magorno, invece, primo cittadino di Diamante e sostenuto, tra gli altri, dal consigliere regionale Sandro Principe, si è aggiudicato 7285 voti. Terza Stefania Covello (6720). Bruno Villella, invece, si è attestato in quarta posizione (5161), superando dunque il parlamentare uscente Franco Laratta (4851), ormai fuori dai giochi. Scorrendo nella lista, ci sono Valeria Capalbo (3863)  Mario Maiolo (3220 voti), Luigi Guglielmelli (2265 voti), Daniela De Marco (2261), Giovanni Manoccio (2058) e Giuseppe Terranova (1485).

A Crotone, il deputato uscente Nicodemo Oliverio ha ottenuto 8257 preferenze. Seconda, invece, Serafina Demme (2645), mentre Marianna Caligiuri si è dovuta accontentare di 2076 voti.

A Reggio Calabria, passa senza grossi problemi Rosy Bindi assieme al consigliere regionale Demetrio Battaglia.

In lista ci sono dieci posizioni utili (4 a Cosenza, 2 a Catanzaro, 2 a Reggio, 1 a Crotone ed 1 a Vibo). I candidati, dunque, saranno a Cosenza Bossio, Magorno, Covello e Villella. Oliverio a Crotone. D' Attorre e Lo Moro a Catanzaro. Censore a Vibo. Bindi e Battaglia a Reggio

Articoli correlati (da tag)

  • Anas: pioggia di finanziamenti sulla viabilità calabrese, 349 milioni per la Trasversale delle Serre Anas: pioggia di finanziamenti sulla viabilità calabrese, 349 milioni per la Trasversale delle Serre

    L’Italia, almeno secondo il Piano pluriennale Anas 2015-2019, sembra destinata a diventare più piccola. Perché a beneficio della viabilità nazionale c’è in programma una massiccio impiego di risorse, distinto in interventi strutturali per oltre 20 miliardi di euro da ripartire su 3.643 chilometri complessivi di strade.

  • Vibo, segrega una minore e la constringe a prostituirsi: arrestato Vibo, segrega una minore e la constringe a prostituirsi: arrestato

    Avrebbe violentato e indotto alla prostituzione - riducendola di fatto in una condizione di schiavitù - una connazionale di 15 anni. 

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

  • Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva

    mini carabieniri_notteI carabinieri della Stazione di Soriano Calabro, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione, nella serata di ieri, all'ordine di carcerazione per l'espiazione di una pena detentiva, emessa dalla Procura generale di Catanzaro, nei confronti di tre soggetti: si tratta di Giuseppe Capomolla, 34enne residente a Soriano, già noto alle forze dell'ordine, e Pietro Nardo, di 45 anni, residente a Sorianello ma domiciliato a Gerocarne, entrambi responsabili del reato di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Capomolla è stato condannato a 4 anni e 10 mesi di reclusione, mentre di 4 anni e 5 mesi è la pena inflitta a Nardo. L'altro arrestato è, invece, Bruno Sabatino, residente a Gerocarne, anche lui pregiudicato, che dovrà espiare una pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione, in quanto responsabile dei reati di porto abusivo di armi e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le condanne si riferiscono alle indagini scaturite dall'operazione Ghost, conclusa nel 2009 dalla Polizia di Stato, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne. Capomolla e Nardo sono stati tradotti presso il carcere di Vibo, mentre Sabatino è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. 

     

  • Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera

    mini polizia_cantonaleLa Polizia cantonale ha arrestato nei giorni scorsi in Svizzera Antonio Montagnese, 35 anni di Fabrizia, ritenuto al vertice dell'omonimo clan Montagnese-Nesci, e già condannato in Cassazione ad una pena di 9 anni di reclusione con l'accusa di associazione mafiosa. Il 35enne era rimasto coinvolto nell'operazione “Domino”, scattata nel 2007. Montagnese è il genero di Bruno Nesci, anche lui al vertice della consorteria mafiosa. Subito dopo la sentenza della Cassazione, arrivata nel maggio di quest'anno che ha certificato l'esistenza di un locale di 'ndrangheta a Fabrizia, Montagnese si era dato latitante in Svizzera, ma la Polizia Cantonale dopo mesi di ricerche è riuscita a rintracciarlo. 

     

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno