Mercoledì, 14 Marzo 2012 14:08

Scopelliti e la ‘mossa Kansas City’ dell’Udc a Catanzaro

Scritto da
Letto 1614 volte

mini enzo_ciconteLa mossa Kansas City è quando guardano a destra e tu vai a sinistra. Sì, è vero: pensare a Bruce Willis e alla sua battuta da blockbuster guardando alla scesa in campo di Enzo Ciconte (foto) con il Terzo Polo catanzarese fa un certo effetto. In quanto al fisico del ruolo il consigliere regionale non sembrerebbe proprio adatto alla metafora trash che qui, umilmente, si propone, e infatti non è il candidato a sindaco che ha guastato i piani di Scopelliti il tessitore della tela politica palesatasi in questi giorni, che va ben al di là del capoluogo calabrese. Ciconte è stato candidato a Roma. Il suo nome è stato di fatto ufficializzato da Casini, anche se il candidato non è neanche dell’Udc, almeno fino al momento in cui scriviamo. Dunque, stabilire cosa ci sia dietro la mossa catanzarese dello scudocrociato potrebbe risultare anche più arduo che risalire all’appartenenza partitica di Ciconte, anche perché pare che quest’ultimo dettaglio sia solo tale, nella vicenda.

Una storia democristiana, un’irresistibile attrazione centripeta, o altro? Facile fare dietrologia, difficile prevedere gli esiti di una gara che sottotraccia è cominciata da qualche tempo, anche se i motori cominciano a rombare solo adesso. Scopelliti si diceva certo, fino a non più di un mese fa, che la coalizione che aveva portato Traversa al trionfo avrebbe replicato la marcia sul capoluogo. Centro trattino destra, proprio come alla sua Regione, insieme all’Udc. E invece Casini, Tassone e Trematerra hanno deciso che da Catanzaro poteva partire la battuta nazionale di caccia al voto moderato per sgonfiare un Pdl in evidente affanno. Ma non è solo questo. Un democristiano che si rispetti, si sa, aspetta la congettura favorevole, non si fa trascinare dal facile entusiasmo. Tutto è stato ben ponderato, ed ora e solo ora è venuto il momento della mossa Kansas City. Il che non vuol dire che l’Udc vuole andare a sinistra. Tutt’altro. Questo probabilmente rimarrà solo un sogno dalemiano che, dalemianamente, sta distruggendo quel poco che era rimasto, nella gente di sinistra, di fiducia nei partiti, o meglio nel Partito. La mossa Kansas City, in sostanza, si materializza quando si fa capire all’avversario di essere altrove, mentre lo si colpisce da un lato inaspettato. Questo è: l’interpretazione è libera.

La partita catanzarese è cruciale per il futuro del centro trattino destra calabrese. Scopelliti è più che mai in difficoltà: le parole del colonnello Giardina e il caso Fallara, le grane giudiziarie sue e dei suoi fedelissimi, la commissione d’accesso a Reggio, le emergenze regionali che si moltiplicano quotidianamente, hanno allontanato in breve tempo l’immagine del condottiero innovatore nemico delle lobbies che lui si sforza ancora di propugnare. Una sconfitta del Pdl nel capoluogo sarebbe per lui un colpo politico pesantissimo, mentre una vittoria ridimensionerebbe di molto il Terzo Polo, per non dire del Pd in cui ormai c’è rimasto poco da ridimensionare. Dunque la posta in gioco è pesante, nessuno ha certezze in tasca e la partita è apertissima. Ma, questo è certo, il gotha calabrese e nazionale dell’Udc la sua mossa l’ha preparata scientificamente. A tavolino, a Roma. E non bisogna dimenticare che “non si può fare una mossa Kansas City senza un morto”. Lo dice Bruce Willis.

Articoli correlati (da tag)

  • Serra verso le Comunali | Ufficiale l’accordo con Salerno e Ciconte. Federico: ‘Qui scelte condivise’ Serra verso le Comunali | Ufficiale l’accordo con Salerno e Ciconte. Federico: ‘Qui scelte condivise’

    Così come anticipato nei giorni scorsi sul Vizzarro, i rappresentanti dei movimenti “Progetto Salute Pubblica”, “Laboratorio di idee” e “Scriviamo insieme una nuova pagina per Serra” hanno concretizzato in vista delle elezioni comunali che si terranno nel prossimo giugno a Serra San Bruno, «un dialogo teso a stabilire le linee programmatiche idonee al rilancio amministrativo, sociale ed economico di Serra San Bruno». 

  • Serra verso le Comunali | Ciconte: ‘Rosi sarebbe stato un ostacolo per il nostro progetto’ Serra verso le Comunali | Ciconte: ‘Rosi sarebbe stato un ostacolo per il nostro progetto’

    «Ci stiamo guardando in giro, stiamo notando lo stato di degrado della nostra cittadina. Abbiamo cercato di coinvolgere tanti ragazzi che hanno voglia di fare, per dare un segnale di svolta e di rinascita». Così ha debuttato ai microfoni di Rs98, Michele Ciconte, ospite questa mattina del programma “On the News”, sulle amministrative del giugno prossimo a Serra San Bruno.

  • RS98, On the news è ancora 'speciale Amministrative 2016': ospite in studio Michele Ciconte RS98, On the news è ancora 'speciale Amministrative 2016': ospite in studio Michele Ciconte

    On the news di domani, sulle frequenze di RS98, a partire dalle 10, è ancora "speciale Amministrative 2016".

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

  • Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco

    mini Carabinieri-sorianelloVIBO VALENTIA - Sarebbe uno degli autori di una rapina ai danni di un distributore di carburanti che avrebbe fruttato nel complesso 15mila euro. Con questa accusa, i carabinieri hanno fermato nella giornata di ieri Giuseppe Lo Bianco, classe '72, pluripregiudicato appartenente all'ominimo clan operante nella città capoluogo. Il fatto risale intorno alle 18 di ieri, quando due persone con il volto coperto e armate di pistola, hanno fatto irruzione in un distributore situato nella centralissima viale Affaccio, intimando il titolare facendosi consegnare la somma in contanti che ammontava a 15mila euro. Subito dopo i malviventi si sarebbero dati alla fuga a bordo di un'autovettura, guidata da un altro complice. Scattato l'allarme, i carabinieri nel giro di pochi minuti sono riusciti a rintracciare la macchina in località Ottocanalli. Alla guida c'era lo stesso Lo Bianco che è stato immediatamente bloccato. Dalla perquisizione eseguita all'interno dell'autovettura, inoltre, i militari hanno rinvenuto un passamontagna nascosto sotto i sedili che sarebbe lo stesso utilizzato dai malviventi per compiere la rapina. Il 42enne, posto in stato di fermo e tradotto in carcere, è già noto alle forze in quanto rimasto coinvolto nell'operazione “Cash”, scattata nel luglio del 2011. Nei suoi confronti, infine, viene contestata anche un'altra rapina, messa a segno ad ottobre in un supermercato di Vibo.


     

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno